User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 54
Like Tree17Likes

Discussione: I megaliti

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I megaliti

    Megaliti e miti dell'antica Inghilterra
    Templi del Dio Sole o antichi osservatori astronomici?


    Stonehenge - Immagine dal sito http://naturalpatriot.org/

    di Antonio Manera

    Il triangolo magico formato da Glanstonbury-Avebury-Stonehenge, sito nel sud dell'Inghilterra, è una delle zone più interessanti e misteriose del mondo. Le campagne e le colline delle contee di Hampshire, Wiltshire, Somerset e Dorset sono oggi il centro mondiale del fenomeno dei pittogrammi nel grano ma sono anche i luoghi dei miti e delle leggende celtiche: re Artù, i cavalieri della Tavola Rotonda, il Santo Graal. Testimoni e intermediari tra la storia e la leggenda sono i tanti megaliti ultramillenari che si trovano in questi luoghi. I megaliti sono composti di enormi pietre, a volte informi, a volte squadrate, che le antiche culture nord europee erigevano per scopi non ancora del tutto chiari. Questi popoli non hanno lasciato testimonianze scritte e solo l'archeologia moderna, pur fra notevoli difficoltà, consente, in parte, di dare una spiegazione sul motivo dell'edificazione di questi complessi.

    Quello di Stonehenge (letteralmente "la pietra sospesa") in piena campagna del Wiltshire, 12 km a nord di Salisbury, è senza dubbio il più famoso complesso megalitico del mondo. È formato da un cerchio di 30 monoliti e alcuni triliti. L'opera era, forse, destinata al culto solare. Sebbene alcuni ritengono che risalga al 3500 a. C., la maggior parte dei ricercatori ritiene che la parte più antica sia stata costruita attorno al 2800 a.C. I massi proverrebbero da una cava sita sulla costa occidentale del Galles, a 220 chilometri di distanza in linea d'aria, pari a 380 chilometri di strada carrabile, dal luogo in cui fu eretta Stonehenge. Appena fuori dall'entrata di questo complesso venne eretta anche la prima pietra verticale, la "Heelstone" (la pietra del sole, dal celtico heol = sole). Dalle Prescelly Mountains (nel nord del Galles) furono trasportati 80 massi di turchese, dapprima per via marittima, poi per via fluviale a bordo di enormi zattere. I blocchi furono quindi trascinati (probabilmente facendoli scorrere su rulli) per tutto il percorso che conduceva a Stonehenge, dove vennero eretti a formare due cerchi concentrici. Un'altra opera titanica fece seguito a breve distanza da questa. I massi di turchese furono rimossi per far posto ad altri enormi blocchi di pietra, pesanti circa 25 tonnellate, trasportati dal nord del Wiltshire. Questi ultimi, attualmente visibili nel complesso, vennero sistemati collocando una pietra orizzontale a guisa di architravi sopra due pietre verticali originando così i triliti (vale a dire composti da tre pietre). I triliti vennero sistemati a formare esternamente un cerchio e internamente un ferro di cavallo, disposizione ancora oggi riconoscibile. Circa 1500 anni dopo la prima costruzione, all'interno del cerchio di pietre, di fronte a uno dei triliti, venne posta quella che oggi è conosciuta come la "Pietra dell'Altare", un grosso masso di arenaria verde, anch'esso proveniente dal Galles. Gli studiosi sono concordi nel sostenere che Stonehenge venne abbandonata attorno al 1.000 a.C. Perso anche il ricordo della civiltà che lo aveva realizzato, il monumento cominciò a decadere inesorabilmente e lo scopo per cui era stato costruito divenne un vero e proprio enigma. L'opera venne riscoperta soltanto nel XVII secolo, da re Giacomo I, il quale, durante un soggiorno nell'attuale Wiltshire, fu incuriosito da quel gruppo di pietre che, si diceva, erano lì fin dalla notte dei tempi.

    Secondo una lettura geomantica del luogo (ovvero la divinazione del futuro mediante l'osservazione di segni particolri tracciati in terra) questo posto è "l'ombelico dell' Inghilterra", poiché effettivamente sorge all'incrocio di tre antichissime "vie reali" inglesi: la Harroway, la South Down Ridgeway e la Icknield Way, strade che attraversano il paese da Ovest a Est e da Nord a Sud da prima ancora dell'arrivo dei Romani. Alcuni archeologi suppongono che Stonehenge fosse un luogo centrale di culto simile a quelli greci di Delfi o Eleusi, verso i quali i fedeli affluivano in occasione delle feste, durante le quali ne venivano celebrati i misteri. Si pensa che a Stonehenge le solennità fossero presiedute da una dinastia di alti sacerdoti o di arcidruidi, di cui l'ultimo rappresentante sarebbe, secondo la leggenda, mago Merlino.

    Nel suo libro The Geomantic of Atlantis il filosofo John Mitchell sostiene che Stonehenge sia stata eretta secondo un sistema di "geometria sacra", come più tardi doveva avvenire per la cattedrale di Glastonbury. A suo giudizio non si tratta solo di un tempio del Sole e della Luna, ma di un "Modello dell'Universo"; sarebbe un tempio cosmico dedicato alle dodici divinità dello Zodiaco, rappresentando quindi la perfetta e completa immagine dell'Universo. Certo è che i costruttori di Stonehenge possedevano notevoli conoscenze e una grande abilità: il megalito è stato costruito in modo tale che nel giorno del solstizio d'estate, al centro del cerchio di pietre, il sole appare sopra lo "Heelstone" e avanza lungo l'asse del tempio, penetrando nel santuario interno, forse inteso a quei tempi come "orifizio femminile". In questo modo avvenivano le "nozze sacre" fra il Cielo e la Terra. Da questa unione nascevano energie che, irradiandosi lungo le "leylines", che sono le vie percorse dalle energie della Terra, giungevano in ogni parte del mondo, rinnovandone la fecondità.

    A nord di Stonehenge sorge Avebury, un santurio della preistoria ancora più antico, risalente forse a 2000 anni prima dell'osservatorio di Stonehenge. Si trova al centro del più gigantesco complesso di viali e cerchi costruiti con le pietre e, nell'insieme, sembra un serpente che attraversa il disco del Sole. Molti dei poderosi monoliti di Avebury arrivano a pesare 60 tonnellate e hanno dimensioni maggiori delle abitazioni costruitevi dentro e intorno, che formano il piccolo villaggio omonimo. Al cerchio centrale conducono dei viali pavimentati con enormi pietre, simili a volti umani. Al centro sorgeva Silbury Hill che, con i suoi 45 metri costituisce la più grande collina di culto eretta da mani umane in Europa. Silbury Hill è sorta attorno al 2600 a.C. e, in un primo tempo, aveva l'aspetto di una piramide conica a sette strati digradanti. Né di essa né del complesso megalitico si conoscono fino a oggi le funzioni e il significato. Di sicuro si sa soltanto che non può trattarsi di un tumulo funerario, perché sia gli scavi effettuati, sia i più moderni sondaggi elettronici non hanno rivelato la presenza di scheletri umani e di corredi mortuari. In compenso, già ai primi del secolo Moses Cotsworth, nel suo The Rational Almanac, affermava che analizzando le ombre che cadono sulla pianura a nord della collina, Silbury Hill poteva essere utilizzata in modo ottimale come osservatorio del Sole. In effetti il meridiano del monumento interseca la chiesa di Avebury che sorge sul lato opposto della vasta pianura, costruita a sua volta sul basamento di una cappella sassone del IX secolo. Al IX secolo pare risalga anche il fonte battesimale della chiesa, decorato con un particolare motivo ornamentale: vi è raffigurato un vescovo che scaccia due draghi alati con il suo bastone pastorale. Nel Medio Evo il drago rappresentava il paganesimo, in quanto i pagani lo adoravano come simbolo delle energie della Terra. I cristiani sugli antichi luoghi di culto pagani hanno eretto chiese e cappelle consacrate a San Michele, il mitico eroe che sconfisse e uccise il drago. Le leggende dei draghi quindi sono parte integrante del folclore del Wiltshire, alcune di esse narrano di semplici cittadini usciti vincitori dalla lotta con il drago e in molte chiesette di paese sono conservate da secoli le reliquie di tali uccisioni, per lo più lance e spade in pesante ferro. Ancora oggi le antichissime "linee dell'energia" che attraverserebbero la regione sono dette, nel gergo popolare, "vie del drago" e la fossa di Avebury, è chiamata "fossa del drago". Sulle armi si trova inciso di frequente il "drago sulla ruota", un simbolo che ricorda un po' l'aspetto originario del complesso in pietra di Avebury. Quest'ultimo, evidentemente, poteva essere anche un tempio dedicato al drago, il che spiegherebbe la sua struttura serpentiforme.

    Uno dei primi studiosi di Avebury è stato l'archeologo massone William Stukeley, notevole personalità del XVIII secolo. Egli era convinto che gli antichi Druidi avessero fondato Avebury al fine di farne un paesaggio sacro, e i templi e le statue non erano altro che la rappresentazione dei loro dèi. Tali opere sarebbero state ben più durature di altre meno antiche; in effetti opere come il tempio d'oro di Salomone, la torre di Babele di Babilonia, il tempio di Diana a Efeso, il Giove capitolino a Roma sono andati distrutti, mentre i resti giunti fino a noi di Avebury - pur essendo più antica di tutti questi colossi - sono più che sufficienti per dare all'uomo moderno la stessa impressione che faceva ai suoi antenati..

    Come Avebury, anche Glastonbury è situata su una delle antiche "linee di energia", e precisamente quella di St. Michael, che al tempo collegava i centri più importanti, da un capo all'altro dell'Inghilterra, dalla Cornovaglia a Occidente, all'Hopton l'Essex, ad Est. Glastonbury è la mitica Avalon della leggenda di re Artù, il re della Britannia celtica vissuto forse nel VI sec. Le sue vittorie contro i Sassoni ne fecero un personaggio leggendario intorno al quale s'imperniò il ciclo dei cavalieri della Tavola rotonda, alla cui rinascita in questo secolo ha contribuito in misura cospicua Marion Zimmer Bradley, con i suoi romanzi così ricchi di notizie.

    Nel Medio Evo Glastonbury era la più importante meta di pellegrinaggi di tutta la Gran Bretagna. L'abbazia sorgeva al centro della città ed era stata costruita, secondo la leggenda, sopra una chiesa fondata da Giuseppe da Arimatea nel 37 d.C. Sul luogo si venera ancora oggi un arbusto spinoso, che dovrebbe discendere da un germoglio del bastone di Giuseppe che il santo era solito conficcare nel terreno quando pregava. Sta di fatto che il "Rovo di Glastonbury", a detta dei botanici, appartiene a una specie originaria della Palestina ma sconosciuta in Europa. Avrebbe dunque la leggenda un fondamento di verità? Nel VII secolo San Patrizio andò in visita ai monaci di Glastonbury, discendenti di quelli cui Giuseppe di Arimatea aveva evangelizzato. Il santo ne trovò la tomba, ancor oggi venerata, e su questa fece costruire una chiesa più grande, tutta in legno e artisticamente decorata, che resistette fino al XII secolo, quando un catastrofico incendio la ridusse in cenere. Allora i monaci sopravvissuti decisero di ricostruirla in pietra e più sontuosa di prima, con annessa abbazia. Durante i lavori, fu riportata alla luce una croce tombale su cui era incisa una scritta in latino: "HIC IACET INCLITUS REX ARTURIUS IN INSULA AVALONIA" (Qui nell'isola di Avalonia è sepolto il famoso re Artù). Mentre della croce di piombo, dopo tanti secoli, non è rimasta traccia, la tomba esiste tuttora e si può ancor oggi visitare. È sopravvissuta perfino alla distruzione dell'abbazia, avvenuta nel 1539, per volere del re Enrico VIII, che non tollerava in seno alla sua riforma anglicana quel santuario cristiano, meta di tanti pellegrinaggi.

    Avalon (letteralmente "l'isola delle mele") nel VI secolo era veramente un'isola circondata da laghi e acquitrini che più tardi furono prosciugati. Tra le tante leggende che vivono in questi luoghi anche quella relativa alla cima del monte Tor, sul quale nel Medio Evo era stata eretta un cappella consacrata a San Michele, ritenuta la porta d'ingresso al Cielo, ovvero la via di passaggio verso il mondo dell'oltretomba o di un'altra dimensione. Il Tor, più un colle che un monte con i suoi 170 metri di altezza, è una specie di piramide di epoca anteriore alla venuta dei Celti, di forma allungata e in perfetto allineamento con la "linea di St. Michael" che punta diritta su Avebury. Non essendo mai stati effettuati scavi sul Tor, finora, non si sa se l'intero monte sia stato costruito artificialmente, ammucchiando terra scavata altrove o se il lavoro sia consistito semplicemente nello scolpire a terra un'altura preesistente. In ogni caso, se da lontano può sembrare una piramide a gradini, da vicino si accorge che a darle tale aspetto sono sentieri che si avvolgono a spirale verso l'alto, con brevi deviazioni tortuose, come un labirinto.


    Ricerche e ipotesi sui megaliti

    Agli inizi del Novecento l'astronomo inglese sir Joseph Norman Lockyer pubblicò un'opera intitolata Stonehenge e altri megaliti in Inghilterra. Nel libro egli sosteneva che molti cerchi megalitici inglesi erano curiosamente orientati nella direzione del Sole e di altre stelle. Lokyer si era già dedicato allo studio degli allineamenti astronomici dei monumenti antichi e aveva condotto ricerche sulle piramidi egizie, anch'esse orientate con il Sole. L'opera dello scienziato inglese conteneva molte imprecisioni ma spianò la strada ad altri ricercatori che si cimentarono nella disciplina, relativamente recente, chiamata astroarcheologia. Tra questi Gerald Hawkins, professore di astronomia presso l'università di Boston, il quale sviluppò negli anni Sessanta una teoria basata su rigorosi calcoli matematici. Secondo Hawkins, Stonehenge era un sofisticatissimo strumento per osservare il cielo. Una sorta di osservatorio utilizzato per eseguire calcoli astronomici, in pratica un computer di pietra. Con l'aiuto di un moderno calcolatore, l'astronomo decodificò la posizione della Luna, del Sole e delle stelle come dovevano essere nel 1500 a.C., mettendo in relazione la posizione di alcuni massi con il sorgere del Sole a metà inverno, o con i tramonti della Luna. Di conseguenza la struttura di Stonehenge poteva essere utilizzata anche per prevedere le eclissi lunari e solari. Ma non era tutto, attraverso questra struttura gli antichi abitanti della regione potevano sapere la posizione delle stelle nei vari periodi e quindi conoscere le date più importanti dell'anno.

    Il professor Richard Atkinson, dell'università di Cardiff, in un primo tempo sottovalutò le scoperte del collega di Boston, liquidandole come fantasie ma, in seguito, cambiò idea, pur continuando a sostenere che era difficile accettare l'idea che in pieno Neolitico una civiltà in Europa possedesse conoscenze astronomiche e matematiche così profonde. A quell'epoca infatti, solo in Medio Oriente sarebbero esistite civiltà abbastanza evolute. L'Europa avrebbe dovuto essere ancora in uno stadio molto vicino alla barbarie, ma evidentemente non era cosi. Nel 1976 il dottor Euan MacKie, dell'Hunterian Museum di Glasgow, scoprì presso Durrington Walls, un sito preistorico vicino a Stonehenge, tracce di un insediamento vecchio di 4500 anni, che attesterebbe la presenza di uomini organizzati in una società più evoluta di quelle del resto della regione. Una società di uomini che potrebbe essere l'autrice dei megaliti. Resta il mistero di come facessero i costruttori di megaliti a tramandare le loro conoscenze senza conoscere la scrittura. A questo proposito Richard Atkinson ipotizza che le nozioni astronomiche e matematiche venissero tramandate oralmente. E qui entrano in gioco i Druidi, i sacerdoti degli antichi popoli celtici della Gallia, della Britannia e dell'Irlanda, che, secondo quanto ci riferisce anche Giulio Cesare (giunto in Britannia 1500 anni dopo l'ultima costruzione di Stonehenge), avevano notevoli capacità mnemoniche che utilizzavano per trasferire oralmente ai propri discepoli il loro patrimonio di conoscenze. L'ipotesi che i Druidi potessero essere gli eredi degli antichi costruttori di megaliti potrebbe avere qualche fondamento. Purtroppo, della loro cultura si sono conservati solo dei frammenti.

    Osservatorio astronomico, tempio dei Druidi o luogo di mistero - qualunque cosa sia stata un tempo Stonehenge - "in un certo senso sono la stessa cosa", sostiene l'archeologo, professor Atkinson. "Stonehenge è principalmente un tempio, quindi una struttura in cui gli uomini di allora riuscivano a mettersi in contatto e a comunicare con esseri o forze extraterrestri." Indipendentemente dal modo in cui il professor Atkinson è giunto a questa convinzione, sorprende che, proprio nel cielo sovrastante il cerchio di pietre, vengano oggi spesso avvistate misteriose luci e dischi luminosi. Quale collegamento dunque esiste tra queste antiche civiltà e il fenomeno degli UFO? C'è chi ha voluto associare le conoscenze dei Druidi ad antichi contatti con extraterrestri, portando come prova il disegno inciso sul suolo del "Cavallo Bianco" di Uffington, nel Berkshire, in Inghilterra. Un'immagine visibile solo dall'alto, realizzata scavando il terreno sino in profondità. Analoghi disegni sono presenti in altre zone dell'Inghilterra, alcune rappresentanti figure umane. Il fatto che siano visibili solo dall'alto è forse un tentativo di comunicazione con il cielo, come per i disegni di Nazca in Perù? Ed è questa anche la funzione dei megaliti, essere un "mezzo di contatto" tra Cielo e Terra? Probabilmente un ipotesi priva di fondamento, ma anche nelle cultura e nelle leggende celtiche esistono tracce di presunti contatti con esseri provenienti da altri mondi.

    Nel Libro delle Conquiste, un antichissimo manoscritto irlandese, si narra che "in un giorno di maggio, dall'altra sponda dell'oceano arrivò la stirpe dei Tuatha dè Danan". I nuovi venuti fecero dono ai nativi di oggetti atti a favorirne lo sviluppo e di armi magiche, fra cui la spada Nuadu, la lancia di Lug e la conca di Dagda. Non è improbabile che si tratti di armi assimilabili a quelle narrate nel Mahabharata e in tutta la letteratura vedica. Il manoscritto afferma che alcuni Tuatha dè Danan fossero arrivati a bordo di apparecchi volanti, come Re Bran, sceso da "un velivolo che non sfiorava mai l'acqua", o come suo fratello Manannan che si spostava "su una barca senza remi e senza vela". A questo proposito altre tradizioni irlandesi accennano all'antigravità. Esse parlano dei tempi in cui "gli uomini percuotendo l'astre d'oro potevano volare leggeri nell'aria, trasportati dal suono". Le antiche cronache parlano anche della Roth Ramrach, un'enorme ruota con mille giacigli in ognuno dei quali stava un uomo, e che poteva trasportare mille uomini per terra e per mare. Forse in queste cronache non c'è niente di storico e si riferiscono unicamente alle credenze e alle aspettative degli antichi uomini della regione, ma la descrizione di questi veivoli non può non ricordarci i fenomeni avvistati oggi nei cieli di tutto il mondo.

    Ancora più esauriente è Ecateo di Abdera (300 a.C. circa): "Di fronte alla terra dei Celti , in mezzo all'attiguo Oceano del Nord, sorge un'isola più o meno grande come la Sicilia. Su quest'isola c'è un magnifico boschetto sacro, dedicato al dio Sole, con nel mezzo un singolare tempio a pianta circolare. Nei tempi antichi, ogni dodici anni, cioè quando in cielo Sole e Luna si trovavano nella stessa posizione, Apollo faceva la sua visita all'isola". Non riesce difficile identificare in quel circolare "Tempio al Sole" Stonehenge. E per finire nel suo Gli Dei dello Spazio Raymond Drake rifacendosi a una cronaca dello storico greco Diodoro Siculo, scrive: "Si diceva che il sacerdote Abaris l'iperboreo, proveniente da un'isola nell'oceano Atlantico, volasse per il cielo sulla freccia di Apollo e che non toccasse mai cibo terrestre". Questa descrizione sembra coincidere con quella di un extraterrestre su un'astronave. Ma l'accenno all'isola nell'oceano Atlantico e altri indizi concorrono a ipotizzare che la Britannia fosse invece una colonia della mitica Atlantide. Secondo alcuni ricercatori potrebbe essere stata proprio la civiltà atlantidea a lasciare le sue tracce nei templi megalitici della zona. Ma anche quest'ultima ipotesi non sembra avere molto seguito, soprattutto tra i ricercatori più ortodossi e contrari alle suggestive teorie dei sostenitori della "paleoastronautica".


    Il fenomeno moderno: i pittogrammi

    Attorno ai cerchi di pietre e ai tumuli dei britannici antenati dei Druidi, apparvero, a partite dagli anni Settanta, impressi sui campi di grano maturo o sull'erba alta dei prati più rigogliosi, segni e simboli misteriosi. Questi fenomeni ebbero inizio a Warminster, cittadina situata ai piedi della Cley Hill, al centro del triangolo Glastonbury-Avebury-Stonehenge. La città è circondata da sei colline, che portano nomi significativi, come "Heaven's Gate" (Cancello del Cielo), "Lord's Hill" (Collina del Signore"), "Jacob's Ladder" (Scala di Giacobbe"), "Star Hill" (Collina delle Stelle) o "Cradle Hill" (Collina della Culla). L'ondata di apparizioni UFO su Warminster sembrò quasi un preludio del fenomeno dei pittogrammi. Essa ebbe inizio la notte di Natale del 1964 quando Rachel Attwell, moglie di un pilota dell'aeronautica, destata da un forte rimbombo, si alzò dal letto e notò alla finestra, sospeso nel cielo notturno, un oggetto volante sigariforme "più luminoso di una stella". In quella stessa notte Roger Rump, capo del locale ufficio postale venne bruscamente strappato dal sonno. "Balzai a sedere sul letto allarmatissimo, con l'impressione che le tegole del tetto fossero divelte con violenza e trascinate giù lungo la Hillwood Lane", riferiva Rump più tardi ad Arthur Shuttllewood, redattore del Warminster Journal. Uno shock analogo lo subì anche una casalinga, mentre entrava in chiesa e, due settimane dopo, i vicini di Rump furono svegliati di soprassalto da un fracasso che faceva pensare a "sassi o pezzi di carbone che rotolassero giù per i muri della casa". In seguito cominciarono a manifestarsi strani fenomeni. Alcune persone del luogo riferirono di avere dei disturbi mentali, altri addirittura di aver avuto delle visioni mistiche. Chi osservava il cielo poteva assistere al passaggio di luci colorate che, a grande velocità, eseguivano manovre bizzarre.

    Nell'agosto 1965 Gordon Faulkner, allora operaio di una fabbrica, ebbe la fortuna di poter riprendere in volo un corpo metallico volante a forma di disco. Consegnò poi la foto al Warminster Journal che la passò al più noto quotidiano Daily Mirror per la pubblicazione. Un mese più tardi fu lo stesso Shuttlewood a scorgere con i propri occhi, dalla finestra della redazione, un enorme oggetto a forma di sigaro, splendente di luci bianche e gialle, che attraversava il cielo. Da quel giorno in poi raccolse tutte le notizie che riguardavano avvistamenti di UFO nella zona, pubblicandole sul suo giornale. Nel solo mese di settembre del 1965 Shuttlewood venne a sapere che oltre duecento suoi concittadini avevano avuto degli avvistamenti. Le notizie di avvistamenti di UFO a Warminster rese note dal giornale locale attirarono l'attenzione di turisti e ufologi che affluirono in massa nel Wiltshire. Un esperienza particolare fu vissuta dai londinesi Steve Evans e Roy Fisher; accanto ai numerosi avvistamenti di UFO, furono testimoni di un incontro ravvicinato molto particolare. Si verificò nel 1971 mentre stavano sulla cima della Cradle Hill, con gli occhi fissi al cielo. "Un campo di energia serpeggiò come un fulmine attraverso l'erba, con un forte crepitio simile a quello che emette l'elettricità statica", così descrisse poi Evans quell'esperienza. "Zigzagò tino ai piedi di Roy, lasciando dietro di sé traccia del percorso fatto, poi compì un brusco scarto a destra. Le pecore che pascolavano sul prato, girarono su se stesse al suo passaggio. Ai primi chiarori dell'alba, vedemmo che la parte d'erba schiacciata formava un disegno, come di traccia lasciata dall'atterraggio di un corpo pesante." Non era che l'inizio. L'anno successivo, nel 1972, fu scoperto il primo cerchio nel grano. Un fenomeno che doveva segnare l'inizio di una serie di apparizioni che negli anni successivi si sarebbero verificate con sempre maggiore frequenza in questa regione, divenendo il più sbalorditivo mistero dei nostri tempi.

    Dal sito http://digilander.iol.it/ovnidomus/
    Ultima modifica di Tomás de Torquemada; 15-01-17 alle 16:15
    "Tante aurore devono ancora splendere" (Ṛgveda)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    11,022
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tomás de Torquemada Visualizza Messaggio
    Certo è che i costruttori di Stonehenge possedevano notevoli conoscenze e una grande abilità: il megalito è stato costruito in modo tale che nel giorno del solstizio d'estate, al centro del cerchio di pietre, il sole appare sopra lo "Heelstone" e avanza lungo l'asse del tempio, penetrando nel santuario interno, forse inteso a quei tempi come "orifizio femminile". In questo modo avvenivano le "nozze sacre" fra il Cielo e la Terra. Da questa unione nascevano energie che, irradiandosi lungo le "leylines", che sono le vie percorse dalle energie della Terra, giungevano in ogni parte del mondo, rinnovandone la fecondità.
    Una mattina dell'anno 1920, un uomo d'affari inglese percorreva con la sua automobile le strade dell'Herefordshire quando, guardando una mappa, rimase folgorato da un'intuizione: un buon numero di siti preistorici, per lo più composti da imponenti megaliti, e molti altri antichi edifici di culto, sembravano allinearsi secondo precise linee diritte. Quest’uomo era Alfred Watkins, che teorizzò per primo le cosiddette ley lines.

    Le ley lines sono invisibili canali all'interno dei quali confluirebbe una potente forza mistica e, nei punti in cui si incrociano, sorgerebbero antichi templi e monumenti funebri pagani (Stonehenge, Silbury Hill, Avebury, Glastonbury sono tutti situati lungo questa traiettoria). Sotto questi "sentieri di energia", scorrerebbero spesso acque sotterranee o sarebbero presenti filoni di minerali metallici… I luoghi fatati, stregati o diabolici delle tradizioni popolari si troverebbero in molti casi lungo questo percorso.

    Le ley lines si sarebbero successivamente dilatate fino a ricoprire come un'invisibile griglia tutta la superficie del pianeta, congiungendo i luoghi misteriosi della terra e creando un sorta di geografia sacra, che faceva parte del sapere occulto custodito dagli iniziati. A questi luoghi, collegati tra loro da arterie di energia cosmotellurica, sono da sempre attribuiti poteri straordinari.



    Silbury Hill

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Località
    CA
    Messaggi
    646
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: I megaliti

    Questo risale al 4500 a.C. (1 o 2 millenni prima di Stonehenge) solo che ha la sfortuna di trovarsi in Sardegna quindi non gliene frega nulla a nessuno... :giagia:





    Ultima modifica di Tomás de Torquemada; 23-05-15 alle 10:52

  4. #4
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    11,022
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Genserico Visualizza Messaggio
    Questo risale al 4500 a.C. (1 o 2 millenni prima di Stonehenge) solo che ha la sfortuna di trovarsi in Sardegna quindi non gliene frega nulla a nessuno :giagia:
    Non posso darti torto. Eppure la Sardegna vanta un numero notevolissimo di megaliti e non ha nulla da invidiare alla Gran Bretagna.
    Benvenuto nel forum...






    Daniele Puddu

    STONEHENGE? NO, PARCO ARCHEOLOGICO DI PRANU MUTTEDDU




    A guardare la foto sopra verrebbe da pensare di trovarsi a Stonehenge o in uno dei monumenti megalitici presenti sul suolo Britannico, ovvero in Francia.. ed invece, a sorpresa siamo nel Sud Sardegna, a due passi da Cagliari, in località Pranu Mutteddu, vicino al piccolo paese di Goni.

    Oggi infatti scopriamo il Parco Archeologico Megalitico di Pranu Mutteddu , luogo ove è presente la più alta concentrazione di Menhir di tutta la Sardegna, si tratta di più di 60 megaliti, avvolti da una fitta querceta, che si dispongono talvolta in più cerchi concentrici, come attorno alla tomba principale, talvolta su lunghi filari, taluni menhir inoltre si presentano come mammellati. Tipici della cultura pre-Nuragica di Ozieri essi sono datati intorno al 3000 a.C. e assommati alle numerose Domus de Janas , cioè le case delle streghe, anch'esse tombe, ma scavate nella roccia, ne fanno una delle aree sacre e funerarie più importanti dell'sola e idealmente l'anello di congiunzione tra il megalitismo del Nord Europa e quello Mediterraneo.




    Il luogo risulta ancora sconosciuto ai più, inclusi molti Sardi, probabilmente per la sua posizione decentrata rispetto ai principali assi di comunicazione. Ciò rende possibile un particolare clima di calma e rilassatezza, i visitatori infatti non sono (ancora) tantissimi, in più pare di sentir scorrere la positività energetica tipica di tutti luoghi scelti dagli antichi per i loro insediamenti sacri.


    Ultima modifica di Tomás de Torquemada; 20-10-09 alle 01:28

  5. #5
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    11,022
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  6. #6
    prima regola: io mento
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    basicly, run!
    Messaggi
    2,270
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    11

    Predefinito Riferimento: I megaliti

    Citazione Originariamente Scritto da Genserico Visualizza Messaggio
    Questo risale al 4500 a.C. (1 o 2 millenni prima di Stonehenge) solo che ha la sfortuna di trovarsi in Sardegna quindi non gliene frega nulla a nessuno... :giagia:






    Questa struttura è unica nel mediterraneo occidentale. Tra l'altro lo ziggurat in questione conferma l'orientamento delle ricerche svolte da Leonardo Melis (http://www.shardana.org/).
    Ultima modifica di Tomás de Torquemada; 23-05-15 alle 10:54
    « Prego bensì che l'una e l'altra cosa,
    la vittoria e il ritorno, tu conceda,
    ma se una sola cosa, o Dio, darai,
    la vittoria concedi sola! »

  7. #7
    prima regola: io mento
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    basicly, run!
    Messaggi
    2,270
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    11

    Predefinito Riferimento: I megaliti

    Non sono propriamente dolmen:
    Strutture megalitiche in Sardegna, note da sempre come "Tombe dei Giganti".









    Ultima modifica di Tomás de Torquemada; 30-08-09 alle 22:14
    « Prego bensì che l'una e l'altra cosa,
    la vittoria e il ritorno, tu conceda,
    ma se una sola cosa, o Dio, darai,
    la vittoria concedi sola! »

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: I megaliti

    Citazione Originariamente Scritto da Genserico Visualizza Messaggio
    Questo risale al 4500 a.C. (1 o 2 millenni prima di Stonehenge) solo che ha la sfortuna di trovarsi in Sardegna quindi non gliene frega nulla a nessuno :giagia:


    Uno degli scopi di questo thread sarà raccogliere notizie sui megaliti meno... fortunati, appunto... :sofico: Quindi grazie a te e a Shardana per i contributi...
    Ultima modifica di Tomás de Torquemada; 20-10-09 alle 01:29
    "Tante aurore devono ancora splendere" (Ṛgveda)

  9. #9
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    11,022
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dan Fletcher

    TEORIE SU STONEHENGE




    Una serie di rocce scoscese in un campo inglese: Stonehenge, una straordinaria capacità di catturare l'immaginazione. Dell'antico monumento - composto di pietre disposte in massicci cerchi concentrici da ignoti costruttori - si parla e si scrive almeno dalla conquista normanna, quando uno storico inglese nel 1130 d.C. osservò che "non si può concepire come tali grandi pietre siano state sollevate, o perché siano state erette qui." Sembra che ognuno abbia una teoria che spiega perché i resti sono stati costruiti. Alcune sono più plausibili di altre. Il 20 marzo con l'avvicinarsi dell'Equinozio (uno dei due giorni durante l'anno in cui il giorno e la notte sono della stessa lunghezza), l'attenzione si rivolge nuovamente a una delle teorie più persistenti sull'origine di Stonehenge. In un libro del 1965, "Stonehenge Decoded", l'astronomo Gerald Hawkins offrì la più completa ipotesi sugli scopi di Stonehenge. Hawkins vede il gruppo di pietre, costruito in fasi dal 3100 a.C. ca. al 1600 a.C., come un antico calendario astronomico.

    Nella sua analisi, egli ha individuato 165 punti distinti sul monumento, legati a fenomeni astronomici come i solstizi, gli equinozi e le eclissi lunari e solari. E' difficile confutare completamente la teoria e alcune prove convincenti - all'alba del solstizio d'estate, per esempio, il centro dell'anello di Stonehenge, due sassi nelle vicinanze (la pietra Slaughter e la Heel) e il sole appaiono tutti allineati. Ancora, i critici della teoria di Hawkins dicono che egli dà troppo credito agli antichi costruttori, e pensano che non avrebbero avuto la sofisticazione o la precisione necessarie a prevedere tutti gli eventi astronomici che Hawkins attribuisce al suo calendario di Stonehenge. E, oltre a questo, è l'Inghilterra, dopo tutto - l'umida, nuvolosa Inghilterra. Il clima può avere impedito anche all'antico popolo di Stonehenge di vedere il cielo con regolarità.



    Heel stone e Slaughter stone


    Comunque, la teoria di Hawkins è uno dei tentativi più seri di spiegazione di Stonehenge. Nel XII secolo, la leggenda di Re Artù non era considerata come una completa finzione. Nel suo racconto di Stonehenge, lo storico Geoffrey di Monmouth ha scritto che le truppe cercavano di spostare le pietre dall'Irlanda in Inghilterra al fine di fornire un monumento di guerra per i loro morti. Quando essi non riuscirono, chiesero l'aiuto del mago Merlino per il trasporto delle enormi pietre - alcuni di peso fino a 50 tonnellate - di ritorno in Gran Bretagna, prima di organizzare la loro attuale configurazione.

    In una moderna versione del racconto di Geoffrey, alcuni sostengono che stranieri venuti dallo spazio abbiano costruito Stonehenge, piuttosto che Merlino. Queste teorie speculano sul fatto che nessuno sa esattamente come le rocce siano state messe nella loro posizione attuale. L'origine di alcune è stata rintracciata, sino alle montagne del Galles, in una catena a 137 miglia di distanza da Stonehenge.

    Alcune teorie sono ancora più inventive. Negli anni 1920, un britannico di nome Alfred Watkins tentò di connettere Stonehenge con altri siti dell'Inghilterra, sostenendo che nel loro insieme servissero come punti di riferimento per navigare nell'antica foresta, una volta densa, ora scomparsa, che ricopriva tutta l'isola. Egli chiamò questi tragitti "ley lines" e la teoria che sviluppò ebbe un notevole seguito, anche se gli archeologi sono dubbiosi. Un'altra ipotesi è che la configurazione fosse pensata per somigliare all'organo sessuale femminile, un omaggio a un'antica dea della fertilità. Altri sostengono che Stonehenge fosse un luogo di guarigione, e gli archeologi hanno scoperto nel sito scheletri pieni di ferite, forse indicazioni di chirurgia rudimentale.




    L'attuale consenso (se una cosa simile esiste ancora) è che Stonehenge sia stato utilizzato come un luogo di sepoltura. Gli archeologi hanno trovato sul sito resti scheletrici di un periodo di 500 anni che inizia nel 3000 a.C. Si può pensare che il sito fosse un "regno dei morti" e che probabilmente vi fosse sepolto un gruppo selezionato di antiche élite. E' l'ipotesi più solida, ma non esclude che Stonehenge avesse un secondo scopo come calendario zodiacale o come sito religioso. L'unica cosa certa è che, quando il sole sorge e tramonta a segnare un altro equinozio, un altro giorno passerà con la risposta completa delle origini del sito saldamente ancorate in passato. Forse così è destino che sia.

    Dan Fletcher – www.time.com (20 Marzo 2009)

    Link

  10. #10
    Final Yuga ◒ ◐ ◑ ◓
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    occidente putrescente
    Messaggi
    4,663
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: I megaliti

    credo ci starebbe bene un bel approfondimento sul coral castle
    «Puoi togliere il selvaggio dalla foresta, ma non puoi togliere la foresta dal selvaggio.»
    Paolo Sizzi

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Megaliti
    Di Tomás de Torquemada nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 04-11-08, 19:35
  2. Che sapete dei megaliti di Sassonia?
    Di teodoro nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 05-03-07, 05:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226