User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
     Likes dati
    655
     Like avuti
    1,110
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito CONSERVATORISMI 3 / Niall Ferguson: «Sto con Cameron... ma mi fido di Obama»

    Il colloquio «I conservatori qui danno troppa importanza a morale e religione. E McCain mi ha deluso scegliendo la Palin»

    «La fine dell' America? Con Obama è più lontana»


    Lo storico Ferguson: «Ma a Londra sto con Cameron»


    NEW YORK - «Erano impauriti, li ho tirati un pò su». Bello come un attore, in un salone affrescato dell' hotel Pierre Niall Ferguson si rilassa mentre furtivi businessmen svicolano nel sole della Quinta Avenue. Buona scelta, un lussuoso albergo in ristrutturazione, per parlare dell' America da rimettere in sesto.

    Scozzese, 44 anni, storico acclamato e professore di Harvard, Ferguson ha appena raccontato a una platea di uomini d' affari «sei buoni motivi» per cui l' America non fallirà. Economia e geopolitica, il debito pubblico accettabile e il mondo che sta meglio di due anni fa (specie in Medio Oriente). Mentre in Italia sta per uscire lo splendido Ventesimo Secolo, l' età della violenza (Mondadori editore), Ferguson ha appena ultimato una storia della finanza il cui titolo suona beffardo: L' ascesa del denaro. Veramente a Wall Street parlano di tsunami...

    «Poche settimane fa parlavo anch' io del rischio di tempesta perfetta. Ora sono più ottimista. La reazione dei governi è stata efficace».

    Però le Borse scivolano...

    «La recessione è una brutta bestia, ma il pericolo di depressione in America è scongiurato».

    E altrove?

    «È amaro dirlo, perché la crisi è nata qui, ma saranno altri a patire di più. Il debito pubblico Usa non supererà il 75% del prodotto interno lordo. Alcuni Paesi europei, come la Gran Bretagna, quelli con un maggiore debito pubblico sono più esposti. Gli Usa potranno ancora farsi prestare denaro sul mercato internazionale».

    Ma come: l' America è drogata di debiti, ogni famiglia possiede in media 13 carte di credito al 40% in rosso e lei consiglia altri prestiti...

    «L' età dei debiti in cui tutti un pò abbiamo sguazzato non può continuare. Il gioco è finito, la stretta del credito reale. Ma sarebbe follia togliere al paziente le flebo tutte d' un colpo. I rubinetti del credito devono stare aperti».

    Lei quante carte ha?

    «Due. Ho peccato nel mattone. Tre case. Ma è mia moglie quella che s' indebita».

    Ancora poco tempo fa Alan Greenspan diceva che non c' era motivo di inibire le api impollinatrici di Wall Street...

    «Credo che l' errore fondamentale non sia stata la deregulation. Nel tracciare le politiche monetarie le autorità hanno sempre considerato solo l' inflazione al consumo, non quella degli assets, le azioni...».

    Francis Fukuyama ha scritto che i due prodotti chiave del brand America, libero mercato e democrazia, sono in disgrazia.

    «Il mondo è più democratico oggi di due anni fa. E la purezza del libero mercato è una favola da decenni: l' economia americana è mista, Stato e mercato, come quelle europee».

    Chi rischia di più?

    «I dittatori e gli esportatori di petrolio. Russia, Venezuela, Iran».

    Eppure c' è chi vede la fine del Colosso Usa...

    «È molto prematuro parlare di un mondo post-americano, Fareed Zakaria sbaglia. L' economia e la potenza degli Usa restano predominanti. Il sistema politico è solido. Pensi a queste elezioni: nessuna violenza, dibattito serrato ma civile. E l' alta probabilità che nel mezzo di una crisi del genere un giovane nero diventi presidente. Se questa non è stabilità politica...».

    Per chi tifa?

    «Ammiro McCain, sono stato suo consigliere nelle primarie. Ma ha sbagliato a scegliere Sarah Palin, e mi ha deluso la sua campagna. Voterei Obama. La sua elezione sarebbe un fantastico segnale di cambiamento di cui l' America ha bisogno».

    Vincerà?

    «Con una simile crisi economica, impossibile non avere un cambio politico».

    Ma lei voterà in Gran Bretagna:

    «Per Cameron e per le sue riforme economiche».

    Conservatore in patria, liberal sul lavoro.

    «I conservatori qui danno troppa importanza a valori morali e religiosi che non mi sono congeniali».

    Danno del socialista a Obama...

    «Per disperazione. È un liberal. Le sue politiche porterebbero a una lieve ridistribuzione del reddito, e vivaddio: troppe diseguaglianze».

    Obama vuole aumentare le truppe in Afghanistan.

    «Sarà supercauto. L' ultima cosa che vuole è accrescere la presenza militare. Quello che può fare è andare a Teheran a fare la pace. Gli iraniani sono pronti. È questa secondo me la priorità dell' America in politica estera».


    Farina Michele


    http://archiviostorico.corriere.it/2...81024032.shtml
    SADNESS IS REBELLION

  2. #2
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
     Likes dati
    67
     Like avuti
    187
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Riferimento: CONSERVATORISMI 3 / Niall Ferguson: «Sto con Cameron... ma mi fido di Ob

    No dai, mi rifiuto di leggere sul forum dei Conservatori un articolo che (penso, manco mi azzardo a leggerlo) elogi Hussein Obama...
    “Pray as thougheverything depended on God. Work as though everything depended on you.”

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
     Likes dati
    655
     Like avuti
    1,110
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: CONSERVATORISMI 3 / Niall Ferguson: «Sto con Cameron... ma mi fido di Ob

    Citazione Originariamente Scritto da UgoDePayens Visualizza Messaggio
    No dai, mi rifiuto di leggere sul forum dei Conservatori un articolo che (penso, manco mi azzardo a leggerlo) elogi Hussein Obama...
    Ugo non fare l'estremista che non lo sei...

    Niall Ferguson va letto, se non altro perchè è il massimo storico conservatore contemporaneo e uno dei più influenti commentatori politici d'Occidente.
    SADNESS IS REBELLION

  4. #4
    Stalinismo Berlusconiano
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    553
     Likes dati
    0
     Like avuti
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: CONSERVATORISMI 3 / Niall Ferguson: «Sto con Cameron... ma mi fido di Ob

    pure filo-Obama.....

    non ho parole
    Dimitri Oblomov per un PDL colbertista, socialista e fascista

  5. #5
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
     Likes dati
    159
     Like avuti
    508
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: CONSERVATORISMI 3 / Niall Ferguson: «Sto con Cameron... ma mi fido di Ob

    Di Ferguson ho letto Colossus, nel quale si sottolineano i 3 deficit che rendono "zoppa" l'iperpotenza statunitense, Impero liberale necessario per l'ordine mondiale. Si tratta di deficit che riguardano l'economia, le risorse umane, e l'attenzione. (l'America "consuma a credito, va in prima linea controvoglia, tende a perdere interesse se un impegno si protrae nel tempo"...sembra un "colosso sedentario") Gli Stati Uniti quando intervengono nel mondo, purtroppo, non arrivano a terminare il progetto iniziale: le perdite umane (ovviamente dolorose) causano l'immediato sfavore dell'opinione pubblica verso le missioni estere. Così è stato in Vietnam, in Somalia, in Iraq. E per lo stesso motivo, al di là delle dichiarazioni di circostanza, gli USA non sono intervenuti direttamente in Ruanda, e hanno evitato missioni di terra di combattimento in Kosovo, all'epoca della crisi del 1999. Ferguson considera gli USA, per l'appunto, un "Impero necessario", nonostante la continua negazione di gran parte degli americani ("noi un Impero? Mai!"). Un Impero che nega se stesso effettivamente rischia un corocircuito piuttosto grave: per Ferguson il rischio è quello di un mondo apolare, senza guida, con una diminuzione generale di potere, ed una Cina incapace di prendere il posto degli USA. L'analisi di Ferguson certamente ha un fondo di verità; ma rispetto alla sua dichiarazione favorevole di Obama mi permetto di dissentire. L'Iran non vuole la pace; e l'appeasement è stato storicamente un fallimento pericolosissimo.
    Per aspera ad astra

 

 

Discussioni Simili

  1. Finale Champions - Ferguson chiederà aiuto a Mourinho
    Di Ottobre Nero nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-05-11, 19:52
  2. Weltroni Bersani Ferrero, 3 conservatorismi
    Di nelpogo nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-08-10, 11:56
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-05-10, 20:46
  4. Ferguson: Stam alla Lazio per...VENDETTA!!!
    Di seruzzi70 nel forum SS Lazio
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-09-07, 09:20
  5. Manchester United: due soci mettono sotto accusa Ferguson
    Di Nirvana nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-01-04, 22:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •