IL GOLPE INGLESE. DA MATTEOTTI A MORO: LE PROVE DELLA GUERRA SEGRETA PER IL CONTROLLO DEL PETROLIO E DELL’ITALIA, di Mario José Cereghino e Giovanni Fasanella, Chiarelettere, Settembre 2011, pp.355.


In questo saggio di oltre 350 pagine edito da Chiarelettere, M.J. Cereghino e G.Fasanella, sulla base di documenti conservati negli archivi di Stato britannici di Kew Gardens [Londra] e resi noti solo a partire dal 2007, esaminano le linee di quello che non esitano a definire “Il golpe inglese”, cioè la costante ingerenza dell’Inghilterra nella politica italiana, si può dire sin dai tempi del Risorgimento e dell’unità d’Italia, a quel tempo soprattutto in chiave anti-francese, allorché il capitale “inglese e massone” finanziò la spedizione dei Mille di Giuseppe Garibaldi.


I punti salienti dell’egemonia britannica nei confronti del nostro Paese, comprovati da lettere, cablogrammi, informative top secret, sarebbero via via rappresentati: 1) Dal sostegno dato al governo Mussolini, la cui tenuta fu messa in serio pericolo dal delitto Matteotti. 2) Dall’appoggio fornito durante la Resistenza ai gruppi moderati o addirittura filo-fascisti in funzione anticomunista.


3) Dalla lotta per il controllo del petrolio, senza esclusione di colpi nei confronti dell’Eni e di Enrico Mattei. 4) Dai tentativi, sia pure non del tutto convinti di creare le condizioni di un golpe per arrestare l’avanzata elettorale del Partito comunista italiano [Pci] e infine: 5) Dalle presunte e gravi responsabilità sul “caso Moro”.


In definitiva, più di un secolo di storia italiana [Dall’unità d’Italia al rapimento di Aldo Moro del 16 Marzo del 1978 e al ritrovamento del suo cadavere nella mattina del 9 Maggio] condizionata direttamente o indirettamente dagli inglesi per conservare l’egemonia sul nostro Paese, impedire il “Compromesso storico” tra comunisti e democristiani, sottrarre all’Italia il controllo delle risorse petrolifere disponibili sul pianeta, contrastarne l’aspirazione ad un’autentica autonomia e modernizzazione.


L’analisi delle fonti archivistiche citate a sostegno e riportate in appendice [p.343], non lascia dubbi sulla serietà degli autori e sulla determinazione con la quale hanno inteso “riscoprire” con metodo e rigore il filo rosso che legherebbe tutte le principali vicende italiane degli ultimi cento anni alla volontà di potenza degli inglesi, naturalmente degli inglesi che ebbero responsabilità di governo. La questione è semmai quella di analizzare tali fonti per comprenderne fino in fondo senso e interpretazioni. È ciò che mi propongo di fare nei prossimi giorni, non senza il timore che dal passato rispunti il fantasma della “perfida Albione”.

Sergio Magaldi


Lo zibaldone di Sergio Magaldi: IL GOLPE INGLESE. DA MATTEOTTI A MORO: LE PROVE DELLA GUERRA SEGRETA PER IL CONTROLLO DEL PETROLIO E DELL'ITALIA