User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Italietta prima! Sì, nell'indice di oppressione fiscale...

    Indice Oppressione Fiscale (giugno 2009)

    Realizzato dall'Istituto Constant de Rebecque a cura del prof. Pierre Bessard.



    2010:
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Italietta prima! Sì, nell'indice di oppressione fiscale...

    La metodologia della ricerca

    - indice di attrattività fiscale
    - indice di governance pubblica
    - indice della privacy finanziaria

    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Italietta prima! Sì, nell'indice di oppressione fiscale...

    Ecco il rapporto completo da poter scaricare in pdf.

    Tax burden and individual rights in the OECD: an international comparison

    http://www.institutconstant.ch/pdf/I...ndice-fisc.pdf

    Per l'appunto sul carico fiscale (e relativi diritti individuali dei taxpayers) nei paesi dell'OCSE... il non invidiabile primato spetta all'itaglia!

    Un ottimo e chiaro lavoro, si parla di competizione fiscale, del ruolo dei paradisi fiscali (oggi duramente attaccati dagli inferni fiscali) e poi infine dell'indice dell'oppressione fiscale. Guarda caso il dato migliore è fatto registrare dalla Confederazione Elvetica, che tra le sue caratteristiche annovera limiti (bassi) per le aliquote principali fissati direttamente in costituzione, concorrenza e competitività fiscali tra i Cantoni, facoltà (e in molti casi obbligo) di esprimersi direttamente tramite referendum per i cittadini sulle questioni fiscali: e la sacra costituzione nostrana invece?
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  4. #4
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Italietta prima! Sì, nell'indice di oppressione fiscale...

    ECO - Tasse, Italia prima nell'Indice dell'oppressione fiscale

    http://www.ilvelino.it/articolo.php?Id=890970

    Roma, 2 lug (Velino) - Secondo l'Eurostat, tra i Paesi dell'Unione europea l'Italia ha il più alto carico fiscale sul lavoro. Tasse e contributi sociali rappresentano il 44 per cento del costo del lavoro, a fronte del 41,3 in Francia, del 39 in Germania, del 31,6 in Spagna e del 26,1 nel Regno Unito. Il nostro Paese è tra i primi posti in classifica anche per quanto riguarda la pressione fiscale nel suo complesso, che nel 2007 ha raggiunto il 43,3 per cento del PIL, contro una media europea del 39,8 per cento e del 40,4 dei Paesi della zona euro.

    Ma l'Italia è "maglia nera" anche nell'Indice dell'oppressione fiscale dei 30 Paesi Ocse elaborato dall'Institut Constant de Rebecque di Losanna, diretto da Pierre Bressard, membro della Mont Pèlerin Society. L'indice prende in considerazione ben 18 indicatori, come rilevati dall'Ocse e dalla Banca mondiale, afferenti a tre aree diverse: aliquote marginali delle diverse forme di imposizione e livello di decentramento fiscale; qualità ed efficienza della pubblica amministrazione; trasparenza e semplicità dell'ordinamento fiscale e diritti del contribuente. La classifica è divisa in tre parti: oppressione fiscale tenue, se l'indice è inferiore al valore di 4,4; media, se non supera il 5,5; e oppressione forte, se l'indice è superiore a 5,5. Ebbene, anche in questa classifica l'Italia è al primo posto, con un indice di oppressione tributaria pari a 6. Non sono messe molto meglio Germania (5,9) e Francia (5,6). Tra i Paesi a "oppressione media" il Regno Unito e gli Usa, con 5,3, mentre tra i Paesi a bassa oppressione troviamo Canada (4,4), Austria (4,2), Lussemburgo (3,4) e Svizzera (2).
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Italietta prima! Sì, nell'indice di oppressione fiscale...

    Se riusciamo a portare la tassazione sul lavoro in italia sotto il 28% la Padania è fatta.

    Come colonia non rende più.

    Bisognerebbe spiegare perché la lega non ha mai fatto la proposta.

    Se la lega e i partiti dicono che è impossibile, rispondere:

    Mangiate meno, voi e tutte le vostre clientele, amici, conoscenti e sostenitori.

  6. #6
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Italietta prima! Sì, nell'indice di oppressione fiscale...

    Oppressione fiscale: l’Italia batte tutti

    http://www.chicago-blog.it/index.php...a-batte-tutti/

    Aggiornamenti sull’emergenza vera, della competitività italiana: quella fiscale. Quella cioè che prima di tutte si potrebbe risolvere, a patto di decisioni energiche, visto che per il ritardo infrastrutturale e il gap energetico i tempi sono necessariamente lunghi, quand’anche intervenisse un Licurgo. Un nuovo studio comparato fresco fresco di pubblicazione attribuisce all’Italia la poco onorabile palma di Paese in testa alla graduatoria dell’oppressione fiscale mondiale. Il governo farebbe meglio a leggerlo. Ma anche Confindustria. Perché credere che la caduta di gettito figlia della contrazione economica condanni all’inerzia delle aliquote - vista la fame di nuova spesa pubblica - significa solo contribuire aggiuntivamente alla caduta del PIL.

    L’autore è un benemerito liberista, Pierre Bressard, tra le altre cose direttore dell’Institut Constant de Rebecque a Losanna, membro della Mont Pèlerin Society e della von Hayek Gesellschaft. Lo studio è prefato dal nostro carissimo Pascal Salin, che s’intrattiene sulla natura intrinsecamente oppressiva del sacro fuoco che anima di questi tempi i Paesi ad alta pressione fiscale in ambito Ocse, alimentando negli ultimi 9 mesi reiterate iniziative volte alla lotta contro i famigerati “paradisi fiscali”: denominazione nella quale si accomunano Paesi a basse tasse come Andorra, altri a ordinamenti societari meno prescrittivi come Cayman e Virgin Islands, e altri ancora che nei loro impianti costituzionali e normativi fanno del segreto bancario un pilastro a tutela della libertà, come Austria e Svizzera.

    Gli stessi Paesi che a parole si battono per estendere la libertà politica nel mondo e la libera concorrenza nel mercato, formano di fatto tra loro cartelli volti a limitare e reprimere la libertà del contribuente di scegliere tra ordinamenti meno rapinosi e più efficienti, nella comparazione tra ciò che pretendono e ciò che in cambio offrono al taxpayer. “Gli Stati tornano a credere oggi di non poter tollerare alcuna libera volontà da parte dei loro ’schiavi fiscali’”, scrive Salin, “eppure il beneficio arrecato dai Paesi a minor pressione fiscale, documentato da un’ampia letteratura, non è solo rappresentato dalla maggior libertà nei movimenti di capitale, ma altresì dal maggior accumulo di capitale che così si determina”.

    Bressard smonta le pretese degli animatori della campagna in sede Ocse sulla base di quattro presupposti. Primo, la mancanza di una base legale. Secondo, il conflitto d’interesse degli “armonizzatori” fiscali. Terzo, lo squilibrio delle loro spese. Quarto, la patente contraddizione con quanto da sempre riconosciuto in decine e decine di documenti della stessa Ocse. nella Convenzione che ha dato vita all’Ocse nel 1960, non c’è traccia di competenza in materia fiscale, dunque il Forum on Harmful Tax Practices e il Commitee onm Fiscal Affairs ai quali il segretariato dell’Ocse guidato da Angel Gurria ha dato molto peso sono pura espressione della volontà di alcuni grandi Paesi europei ad alto prelievo, come Francia e Germania. Questi stessi Paesi sono del resto i maggiori finanziatori del bilancio Ocse (insieme al Regno Unito che con Gordon Brown è diventato anti paradisi fiscali anch’esso, coprono il 24,5% del bilancio, mentre la Svizzera pesa l’1,5% e il Lussemburgo lo 0,1). In più, sono Paesi che dichiarano la pretesa di una spesa pubblica pressoché incomprimibile, ma in realtà spendono in media tra il 27% e il 29% del Pil in inefficienti sistemi redistributivi, e solo tra il 5 e il 6% in scuola e formazione. Infine, da decenni le conclusioni di molti lavori promossi dall’Ocse hanno con regolare solerzia indicato che l’eccesso di imposizione fiscale scoraggia la crescita, abbatte l’accumulazione di capitale, incentiva l’evasione fiscale, accresce la dipendenza di fasce più ampie della popolazione dall’intermediazione pubblica, eleva la presa di vested e covered interests sull’allocazione di risorse pubbliche, espande prassi di arbitrarietà pubblica e illegalità privata.

    Evidentemente, tanti lavori di prestigiosi economisti promossi dall’Ocse - anche di Alesina, per dirne una - sono finiti nel dimenticatoio. Per questo, Bressard elabora un nuovo indicatore comparato dell’oppressione fiscale, con tanto di rinvio ai testi delle Dichiarazioni dei diritti dell’uomo in cui il diritto alla resistenza all’oppressione è esplicitamente indicato tra i diritti naturali: e questo sia nella tradizione americana che in quella europea. È appena il caso di ricordare quanto la libertà di “votare con i piedi”, abbandonando Paesi oppressivi e scegliendo di incardinare le proprie attività in Stati meno invadenti, abbia dato impulso alla nascita prima di ordinamenti liberali, poi di democrazie rappresentative, infine di sistemi più proclivi al benessere e alla produttività.

    L’indice è costruito ponderando ben 18 indicatori diversi, come rilevati dallo stesso OCSE e dalla World Bank, afferenti a tre aree diverse: aliquote marginali delle diverse forme di imposizione e livello di decentramento fiscale; qualità ed efficienza della macchina pubblica; trasparenza, semplicità dell’ordinamento e diritti del contribuente nell’identificazione dell’imponibile e dell’imposta, come nel relativo contenzioso. Trasparenza. In conseguenza, i Paesi vengono a comporre una lista divisa in tre sottogruppi. Quelli a oppressione fiscale tenue se l’indice risulta inferiore a 4,4, media se giunge fino a 5,5, e forte se l’indice è superiore.

    L’Italia batte tutti, con un indice di oppressione tributaria pari a 6. Siamo a pari demerito con la Turchia, peggio di Germania, Messico e Polonia a 5,9. La Francia sta a 5,6. Tra i Paesi a “oppressione media” il Regno Unito e gli Usa, con 5,3; Australia, Svezia e Giappone, e non troppo sorprendentemente i Paesi scandinavi che stanno sotto il 5, poiché nel loro caso le alte aliquote di un tempo sono scese, e quanto a efficienza e diritti del contribuente battono tutti . I Paesi a bassa oppressione? Canada: 4,4. Austria: 4,2. Lussemburgo: 3,4. Svizzera: 2. Inutile dire che proprio gli ultimi tre sono il vero oggetto dell’offensiva scatenata dai Paesi ad alta spesa e alte tasse. Purtroppo, anche Tremonti si è unito loro.

    Conclusione: noi, se vogliamo avere più chanches di vivere un domani in un Paese meno oppressivo, i cosiddetti paradisi fiscali dobbiamo difenderli con le unghie e con i denti. È il loro esempio di successo, la condanna vivente della rapina fiscale perpetrata ai nostri danni.

    Oscar Giannino
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

 

 

Discussioni Simili

  1. Obama sotto al 50% nell'indice di gradimento
    Di famedoro nel forum Politica Estera
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 26-11-09, 12:24
  2. Risposte: 133
    Ultimo Messaggio: 09-04-08, 09:03
  3. Resistenza all'oppressione fiscale: consigli?
    Di UgoDePayens nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 05-12-06, 12:37
  4. Una sentenza salva-sistema nell'Italietta del compromesso
    Di benfy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-07-06, 18:40
  5. Berlusconi, Con Dl Bersani Oppressione Fiscale
    Di Repubblica nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 07-07-06, 15:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226