User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I caduti di Cefalonia: fine di un mito

    E' la casa editrice Ibn che ha pubblicato il libro di Massimo Filippini “I caduti di Cefalonia: fine di un mito”. Questo libro, il terzo dello stesso autore su quel soggetto, tratta dei fatti occorsi nel settembre 1943 alla divisione Acqui in quella bella isola greca, entrata in tal modo a far parte della storia militare italiana. Sono fatti su cui da 60 anni si polemizza e discute, si indicono commemorazioni commosse; sui fatti chi vuole saperne di più trova puntigliosi riscontri sulle enciclopedie, di cui da tempo si tratta su molti mass media e che sono stati oggetto di due recenti film: uno straniero (Il mandolino del capitano Corelli) e l’altro italiano (Cefalonia, proiettato dalla nostra tv di Stato).
    Con tale dovizia di informazioni, con un attenzione incessante, inusuale per un Paese come il nostro dove ogni argomento cattura l’interesse per attimi, perché mai occuparsi dell’ennesimo libro su eventi che si avrebbe ragione di considerare accertati oltre ogni ragionevole dubbio? Ebbene, di motivi ve ne sono almeno due.
    In primo luogo, la ricostruzione ufficiale dei fatti su cui si fonda il mito Cefalonia è contestata con ricchezza di dati di alcuni - fra cui Filippini - e ciò da solo giustifica una legittima curiosità. Inoltre, la lettura del libro fa emergere il dubbio che l’edificazione del mito sia dovuta non solo al desiderio – apprezzabile - di valorizzare la figura del militare in un contesto tragico quale quello del 8 settembre 1943, ma anche al tentativo – opinabile - di avvalorare la tesi del sacrificio di massa in omaggio al cliché in voga in Italia del soldato buono, che alla resa dei conti si converte in eroe martire e remissivo in contrapposizione all’impopolare eroe combattente.
    Quei due motivi da soli più che giustificano la recensione del libro, impresa non facile per il suo alto contenuto polemico, per il suo tono spigoloso e per l’implicito invito dell’autore ad associarsi al suo scontro diretto con coloro che hanno contribuito a promuovere i fatti di Cefalonia a epopea nazionale. Non farsi coinvolgere non sarà facile, non solo perché si tratta di un tema tragico e assai controverso, ma anche perché il suo autore è profondamente coinvolto egli stesso. Ex ufficiale, orfano di un ufficiale di carriera caduto a Cefalonia, Massimo Filippini ha dedicato tutta una vita al tentativo di fare chiarezza su fatti che ritiene siano stati ad arte manipolati.
    In questa sua ultima opera che, come indica il titolo, dovrebbe contribuire alla fine dell’esaltazione eroica di Cefalonia, l’autore si rivolge a due aspetti che sono stati fra i pilastri portanti della costruzione del mito. Il primo è il numero che pare davvero eccessivo di soldati italiani passati per le armi dai tedeschi in un eccidio perpetrato da forze regolari contro altre forze regolari. Il numero sarebbe stato ingigantito “forse per accrescere in una opinione pubblica all’oscuro dei fatti non tanto la pietà per i poveri morti quanto il risentimento, in chiave soprattutto ideologica, verso il nemico nazista”.
    Quali che siano le cause della disinformazione, non si può non convenire che non si tratta di un esempio isolato e che in Italia permangono fitte zone d’ombra attorno a quel tragico 8 settembre, di cui Cefalonia è uno dei tanti tristi episodi, che ha esposto spietatamente le carenze delle nostre istituzioni e la fragilità della stessa nazione. La politica del dopoguerra, offrendo al Paese una sua versione dei fatti che attribuiva alla Resistenza ogni merito per il riscatto del Paese minimizzando il ruolo dei militari, ha fatto sì che qualsiasi evento di quegli ultimi anni di guerra fosse desideroso di celebrazione nazionale dovesse essere interpretato in chiave resistenziale.
    Tuttavia, se ciò ha contribuito all’iniziale edificazione del mito, la persistenza del fenomeno la si deve anche alla sua sintonia con la visione ormai consolidata delle cose militari. Gli ingredienti della cultura militare attuale ci sono tutti: lo scarso credito dato alle strutture militari; la pochezza dei comandanti; la dissidenza di pochi esaltata come eroica perchè in rima resistenziale; il plauso per un presunto referendum inteso a decidere se deporre le armi o resistere e offerto quale prova di democrazia; la resa senza colpo ferire e l’altrettanto rassegnata accettazione dell’eccidio.
    Per sottoporre la versione ufficiale-ufficiosa - ma comunque generalizzata - dei fatti a una diagnosi che si riveli attendibile, Filippini si avvale di documenti ufficiali e di testimonianze di alcuni superstiti e con pregevole ostinazione si prodiga nel tentativo di smontare l’ipotesi, ormai metabolizzata dalla retorica nazionale, dell’immane “sterminio” le cui cifre si sono attestate su 9-10mila morti per mano tedesca.
    In una attenta disamina, egli cerca di stabilire quanti siano stati i caduti in combattimento e quelli passati per le armi dai tedeschi, i soli associabili ai drammatici fatti di Cefalonia, per distinguerli da coloro che, invece, si unirono alla resistenza greca (qualche centinaio), collaborarono con il nemico (oltre 1.200) , rientrarono in patria con odissee personali e di gruppo, furono internati in campi di concentramento in varie parti d’Europa, anche in Russia, e perirono in mare (1.300) per l’affondamento delle navi che li trasferivano altrove. Alla fine della rassegna, da cui si esce frastornati dalla ridda di numeri assai distanti fra loro esibiti da vari esperti a sostegno delle rispettive ipotesi sul massacro di Cefalonia e dopo che l’autore ha premesso che “un bilancio definitivo preciso all’unità è impossibile”, Filippini propone su un totale di 12.000 militari della divisione Acqui presenti sull’isola , un numero di 1.647 caduti per mano tedesca di cui 1.290 in combattimento e 355 per fucilazione, per la maggior parte ufficiali fra cui suo padre. Tale ultima cifra, seppure non sminuisca le orrende responsabilità dei tedeschi, è meno del cinque per cento rispetto ad alcune fra le ipotesi in circolazione.
    Un altro aspetto su cui Filippini si sofferma è la responsabilità delle autorità politiche e militari. A prescindere da quelle ovvie delle alte gerarchie nazionali e su territorio greco, merita attenzione la sua valutazione positiva dell’operato del comandante della divisione Acqui, generale Gandin, sottoposto invece dalla vulgata nazionale a gravissime critiche che Filippini, controcorrente, rovescia su alcuni gruppi di sediziosi che ne avrebbero minato l’autorità.
    La descrizione, sia pure succinta, di queste deviazioni è fra le parti più inquietanti del libro e resta fra le pagine bianche dei fatti su Cefalonia. Che poi i suoi protagonisti abbiano rivendicato e ottenuto medaglie al valore militare e siano stati reintegrati nella carriera per una bizzarra rivalutazione in chiave resistenziale del loro operato, sa di grottesco. A ciò si aggiunge che oltre mille militari, scampati al massacro e poi divenuti “collaborazionisti a pieno titolo dei tedeschi” furono celebrati come eroi partigiani al loro rientro in Patria e celebrati come tali anche in seguito. Come esempio di travestitismo e come conforme connivenza delle istituzioni, un episodio encomiabile. Si fa, naturalmente, per dire.
    A latere, vi è anche accenno a stravaganti valutazioni delle commissioni d’inchiesta e persino a iniziative giudiziarie tendenti a incriminare il capo e il sottocapo di stato maggiore dell’Esercito per avere dato l’ordine al generale Gandin di opporsi con le armi ai tedeschi. Ne si desume che, secondo loro, avrebbero dovuto ignorare gli ordini avuti e accettare l’invito alla resa come scelta giuridicamente ineccepibile. Chi si meraviglia oggi per l’avvio di inchieste da parte della magistratura sull’operato di comandanti durante uno scontro a fuoco vi trova un precedente inquietante.
    Giunto al termine di questa mia confusa recensione, in cui ho trovato non poche difficoltà a raccapezzarmi, consiglio la lettura del libro, che è indubbiamente interessante e si dimostra di preoccupante attualità quale esempio di insabbiamento del caso o di ricostruzione ad arte dei fatti. Tutti vittime, nessuno colpevole, in una fuga dalle proprie responsabilità che torna comoda a chi ha sbagliato ma che offende la memoria di chi per i suoi errori ha sofferto e magari anche perso la vita.
    Vi è chi auspica che la verità ‘ufficiale’ su Cefalonia trionfi e che storici come Filippini cessino di contestarla al solo fine di non rimettere tutto in discussione. Se così avessero ragionato gli Stati Uniti, non sarebbero mai emerse le colpe politiche e militari del conflitto in Vietnam. Se la ricerca della verità è indubbiamente traumatica, è anche vero che la persistenza del dubbio che sia stata manipolata induce a debilitante e demotivante sfiducia.
    Non resta quindi che tirare le somme della intera questione, liberandola dalla polemica, chiarendo il ruolo giocato dai protagonisti, facendo chiarezza sui fatti con auspicabile obiettività. Sono passati 60 anni da allora. E’ ora che la storia con la S maiuscola restituisca dignità al triste evento, sottraendolo alle speculazioni e ai conformismi di parte. Sostiene Shakespeare: “La gloria del Tempo è di calmare i contendenti, smascherare le falsità, portare alla luce la verità”. Come proposito non è affatto male.
    Gen. Luigi Caligaris
    Tutti i libri con argomento ‘Cefalonia’ sono per lo più recensiti da soggetti che dell’aspetto militare dei fatti non sanno e quindi non capiscono niente.
    Lo si deduce dalla sicumera con cui molti giornalisti scrivono di essi atteggiandosi ad ‘esperti’ della materia o, in altri casi, dalla “ideologizzazione” dell’evento storico da trasformare in epopea partigiana. Si tratta di ristabilire, una volta per tutte che tutto fu provocato dall’ “ordine di resistere” impartito alla Acqui comandata da gen. Gandin, dal governo Badoglio senza alcuna previa Dichiarazione di guerra alla Germania.
    Il contenuto del mio “I Caduti di Cefalonia, fine di un mito” (ed. Roma Ibn) è stato tuttavia ripreso e condiviso in recenti pubblicazioni, e oggetto della recensione di un autentico esperto della problematica militare in tutti i suoi aspetti: il gen. Luigi Caligaris cui va il mio sentito ringraziamento.
    Massimo Filippini

    I caduti di Cefalonia: fine di un mito | Libri | Rinascita.eu - Quotidiano di Sinistra Nazionale
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I caduti di Cefalonia: fine di un mito

    VUOI SAPERE COS'E' IL FASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto in nome del Non Sviluppo.

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I caduti di Cefalonia: fine di un mito

    Citazione Originariamente Scritto da Cattivo Visualizza Messaggio
    VUOI SAPERE COS'E' IL FASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto in nome del Non Sviluppo.
    Che significa?
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  4. #4
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,886
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: I caduti di Cefalonia: fine di un mito

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Che significa?
    Boh?
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I caduti di Cefalonia: fine di un mito

    Ho letto il bel libro di macello venturi, dedicato alla stesso argomento..

    mi è sembrato notevole... i film sono ovviamente più riduttivi....

    credo che marcello venturi, come altri della sua generazione abbia partecipato di persona agli avvenimenti...

    altra cosa è quella di spiegare i fatti dal figlio di un caduto, per capire in qual modo sia morto il padre... è chiaro che ha dovuto accontentarsi di dati custoditi negli archivi, ma tutti sappiamo che sui misfatti dei nazisti sono esistiti anche gli armadi della vergogna, ovvero che la verità è stata spesso minimizzata per non dare all'ideologia resistenziale altro materiale a lei favorevole...

    Domani è il 25 Aprile . qui a Genova saranno aperte al pubblico le cantine della casa dello Studente, dove i nazifascisti torturarono i resistenti.... ma non credo che i nimi degli aguzzini siano tutti conosciuti o meglio tutti resi noti...

    Dopo la fine della guerra molti dei personaggi più compromessi col nazifscismo fecero per così dire, un'opzione religiosa : si avvicinarono alla Chiesa di Roma, fecero far monache o monaci alcuni dei loro figli... e, stranamente il loro nome scomparve dai libri che parlavano di come fosse terminata la guerra...

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I caduti di Cefalonia: fine di un mito

    Citazione Originariamente Scritto da DanielGi. Visualizza Messaggio
    Ho letto il bel libro di macello venturi, dedicato alla stesso argomento..

    mi è sembrato notevole... i film sono ovviamente più riduttivi....

    credo che marcello venturi, come altri della sua generazione abbia partecipato di persona agli avvenimenti...

    altra cosa è quella di spiegare i fatti dal figlio di un caduto, per capire in qual modo sia morto il padre... è chiaro che ha dovuto accontentarsi di dati custoditi negli archivi, ma tutti sappiamo che sui misfatti dei nazisti sono esistiti anche gli armadi della vergogna, ovvero che la verità è stata spesso minimizzata per non dare all'ideologia resistenziale altro materiale a lei favorevole...

    Domani è il 25 Aprile . qui a Genova saranno aperte al pubblico le cantine della casa dello Studente, dove i nazifascisti torturarono i resistenti.... ma non credo che i nimi degli aguzzini siano tutti conosciuti o meglio tutti resi noti...

    Dopo la fine della guerra molti dei personaggi più compromessi col nazifscismo fecero per così dire, un'opzione religiosa : si avvicinarono alla Chiesa di Roma, fecero far monache o monaci alcuni dei loro figli... e, stranamente il loro nome scomparve dai libri che parlavano di come fosse terminata la guerra...


    Esiste un testo oramai quasi introvabile, QUELLI DELLE IONIE E DEL PINDO, scritto da Vincenzo Palmieri ed edito nei primi anni 80 da Opera Nazionale per i caduti senza croce, Firenze, Acqui e Pinerolo divisioni martiri nella bufera del 1943.
    Questo libro, spiega, contestualizza e circostanzia al di la di quasiasi dubbio cosa avvenne al momento delll'armistizio,per bocca di testimoni diretti, agli uomini della divisione Acqui.
    Ora, delle vostre commemorazioni a metà, non mi fotte nulla, ricordate solo metà della metà di quello che andrebbe ricordato, l'unica cosa che vi chiedo e di non cianciare di storia citando libri scritti da militanti della resistenza che non mi risulta siano stati a Cefalonia, il tuo Venturi è nato nel 1925, ergo nel 1943 aveva 18 anni, se il libro di Filippini è di parte, quello di Venturi lo è ancora di più, seguendo il tuo perverso ragionamento.
    Cefalonia e il destino della Acqui non furono la genesi della resistenza italiana contro i nazisti, ma semplicemente l'atto di tradimento di tre ufficiali subalterni i quali decisero le sorti di migliaia di commilitoni.
    Una delle tante bugie dei resistenti e dei loro sodali, i quali avevavano in testa di sostituire il fascismo con il più democratico comunismo.
    AMEN.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

 

 

Discussioni Simili

  1. Fine di un mito
    Di Sheera (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23-08-08, 08:24
  2. Irlanda: fine di un mito
    Di otto grunf (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 18-03-08, 16:36
  3. Salvador Allende: fine di un mito?
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 52
    Ultimo Messaggio: 23-12-07, 23:02
  4. La fine di un mito...
    Di Kobra nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 13-06-06, 01:07
  5. La Fine Di Un Mito
    Di italex nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 11-04-03, 00:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226