La stampaccia e gli antifa sono occupati a ricordare
solo i morti dell'olocausto.
Noi invece ricordiamo le vittime di un olocausto quotidiano:
quello del capitalismo,che sta letteralmente distruggendo
il belpaese e il futuro dei giovani.
I più "fortunati" finiscono a vivere a 40 anni in casa dei genitori,
altri finiscono in strada,in prigione..e al camposanto.

29 anni,disperato e senza soldi non
sapeva come andare avanti.Aveva perso
da un paio di mesi il suo primo lavoro
che gli consentiva di aiutare la madre,
rimasta vedova e il fratello più picco-
lo. Per questo un giovane artigiano di
29 anni ha deciso di uccidersi,impic-
candosi.

E' accaduto a Scorrano, nel Salento.
Riferiscono la notizia alcuni giornali
locali. Il 29enne ha lasciato un bi-
glietto spiegando che non riusciva a
trovare un altro lavoro e che era
disperato e non sapeva come fare ad
andare avanti.

Fonte: Televideo.

Il capitalismo e la fetida repubblica delle banane
hanno questa morte sulla coscienza.