User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
Like Tree6Likes
  • 2 Post By Troll
  • 3 Post By Rexal
  • 1 Post By Pieralvise

Discussione: Poesia lovecraftiana

  1. #1
    .
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    56,085
    Mentioned
    625 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Poesia lovecraftiana

    On the Creation of Niggers

    When, long ago, the gods created Earth
    In Jove's fair image Man was shaped at birth.
    The beasts for lesser parts were next designed;
    Yet were they too remote from humankind.
    To fill the gap, and join the rest to Man,
    Th'Olympian host conceiv'd a clever plan.
    A beast they wrought, in semi-human figure,
    Filled it with vice, and called the thing a Nigger.

    (1912)
    Steppenwolf and Sparviero like this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Life sucks...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    ...and then you die.
    Messaggi
    55,422
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    Non è un mistero che Lovecraft fosse un razzista convinto. Bisogna anche contestualizzare però.
    "Bad karma"

  3. #3
    .
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    56,085
    Mentioned
    625 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    Citazione Originariamente Scritto da Rexal Visualizza Messaggio
    Non è un mistero che Lovecraft fosse un razzista convinto. Bisogna anche contestualizzare però.
    Tanto sarebbe in ogni caso difficile processarlo

  4. #4
    Life sucks...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    ...and then you die.
    Messaggi
    55,422
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    Citazione Originariamente Scritto da Troll Visualizza Messaggio
    Tanto sarebbe in ogni caso difficile processarlo
    Ricordo un fumetto di circa 5-6 anni fa (non chiedermi l'autore), in cui il protagonista chiedeva asilo nella casa di Lovecraft. Parlando con lo scrittore, il protagonista si rende conto della strisciante follia e degli enormi pregiudizi che sconfinavano nella superstizione più cupa. Il tutto si sviluppa fino a che il Lovecraft del fumetto non invita il sempre più inquieto ospite a scendere in cantina e per mostrargli una cassa con delle grandi uova verdi. Lovecraft gliela presenta come una grande scoperta: uova di negro.
    Troll, Steppenwolf and Sparviero like this.
    "Bad karma"

  5. #5
    Bello e dannato
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Parma - Milano Due - Roma Nord
    Messaggi
    17,506
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    Citazione Originariamente Scritto da Rexal Visualizza Messaggio
    Non è un mistero che Lovecraft fosse un razzista convinto. Bisogna anche contestualizzare però.
    Anche 'contestualizzando', egli era razzista in maniera molto più radicale e profonda della maggior parte degli americani suoi contemporanei.
    Non si può ridurre il razzismo di Lovecraft ad un elemento superficiale, o ad un generico pregiudizio dovuto ai tempi in cui visse.
    Ultima modifica di Pieralvise; 07-07-12 alle 16:58
    L'arte di essere P.A.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Jan 2012
    Località
    lunge dalla pugna
    Messaggi
    72
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    sarebbe stato razzista anche se fosse vissuto nei nostri tempi,mica uno può scegliersi il carattere e le inclinazioni che preferisce.

  7. #7
    Bello e dannato
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Parma - Milano Due - Roma Nord
    Messaggi
    17,506
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    Citazione Originariamente Scritto da Gavaliero Visualizza Messaggio
    sarebbe stato razzista anche se fosse vissuto nei nostri tempi,mica uno può scegliersi il carattere e le inclinazioni che preferisce.
    Anche perché uno dei temi ricorrenti, nei racconti di Lovecraft, è quello della degenerazione della stirpe, senza contare quanto di frequente determinati personaggi (servitori, prevalentemente di basso rango, di entità malefiche), siano individui di colore o sanguemisto.

    Potrei fare innumerevoli esempi, ma sono certo che non ve ne sia bisogno.
    Sparviero likes this.
    L'arte di essere P.A.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Jan 2012
    Località
    lunge dalla pugna
    Messaggi
    72
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    Citazione Originariamente Scritto da Pieralvise Visualizza Messaggio
    Anche perché uno dei temi ricorrenti, nei racconti di Lovecraft, è quello della degenerazione della stirpe, senza contare quanto di frequente determinati personaggi (servitori, prevalentemente di basso rango, di entità malefiche), siano individui di colore o sanguemisto.

    Potrei fare innumerevoli esempi, ma sono certo che non ve ne sia bisogno.
    è una costante generale di tutta la letteratura fantastica specialmente di radice wasp.

  9. #9
    Ceronettiano
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Località
    PVV
    Messaggi
    46,360
    Mentioned
    753 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    si era razzista pur sostenendo Roosevelt contro il KKK
    Gli sbarchi in Sicilia hanno ormai un carattere preciso di invasione territoriale, premessa sicura di guerra sociale e religiosa. G Ceronetti
    Israel is one of us and fighting our war. So let us support Israel for Israel and for ourselves! G.Wilders

  10. #10
    Ceronettiano
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Località
    PVV
    Messaggi
    46,360
    Mentioned
    753 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Poesia lovecraftiana

    Poesia di L. sulla leggenda de Ragnarok nordico (dai germani detto "crepuscolo degli dei" o Götterdämmerung), la fine del ciclo cosmico


    The Teuton’s Battle-Song (1916)

    “Omnis erat vulnus unda
    Terra rubefacta calido
    Frendebat gladius in loricas
    Gladius fludebat clypeos–
    Non retrocedat vir a viro
    Hoc fuit viri fortis nobilitas diu–
    Laetus cerevisiam cum Asis
    In summa sede bibam
    Vitae clapsae sung horae
    Ridens moriar.”

    –Regner Lodbrog** (i.e., Ragnar Lothbrok, that guy from Vikings)

    Partial english translation of the incipit, by HPL himself:

    We hewed with the brand!
    My life is well-nigh o’er; sharp is the pang that the serpent gives.
    Goinn the Snake, nests deep in my heart. No more will my children rest;
    Great wrath will be theirs at the undoing of their sire.

    We hewed with the brand!
    Full gladly do I go! See the Valkyrjar fresh from Odin’s halls!
    High-seated among heroes shall I quaff the yellow-mead.
    The Aesir welcome me. Laughing gladly do I die!






    The mighty Woden laughs upon his throne,
    And once more claims his children for his own.
    The voice of Thor resounds again on high,
    While arm’d Valkyries ride from out the sky:
    The Gods of Asgard all their pow’rs release
    To rouse the dullard from his dream of peace.
    Awake! ye hypocrites, and deign to scan
    The actions of your “brotherhood of Man”.
    Could your shrill pipings in the race impair
    The warlike impulse put by Nature there?
    Where now the gentle maxims of the school,
    The cant of preachers, and the Golden Rule?
    What feeble word or doctrine now can stay?
    Too long restrain’d, the bloody tempest breaks,
    And Midgard ‘neath the tread of warriors shakes.
    On to thy death, Berserker bold! and try
    In acts of Godlike bravery to die!
    Who cares to find the heaven of the priest,
    When only warriors can with Woden feast?
    The flesh of Schrimnir, and the cup of mead,
    Are but for him who falls in martial deed:
    You luckless boor, that passive meets his end,
    May never in Valhalla’s court contend.
    Slay, brothers, slay! and bathe in crimson gore;
    Let Thor, triumphant, view the sport once more!
    All other thoughts are fading in the mist,
    But to attack, or if attack’d, resist.
    List, great Alfadur, to the clash of steel;
    How like a man does each brave swordsman feel!
    The cries of pain, the roars of rampant rage,
    In one vast symphony our ears engage.
    Strike! Strike him down! whoever bars the way;
    Let each kill many ere he die today!
    Ride o’er the weak; accomplish what ye can;
    The Gods are kindest to the strongest man!
    Why should we fear? What greater joy than this?
    Asgard alone could give us sweeter bliss!
    My strength is waning; dimly can I see
    The helmeted Valkyries close to me.
    Ten more I slay! How strange the thought of fear,
    With Woden’s mounted messengers so near!
    The darkness comes; I feel my spirit rise;
    A kind Valkyrie bears me to the skies.
    With conscience clear, I quit the earth below,
    The boundless joys of Woden’s halls to know.
    The grove of Glasir soon shall I behold,
    And on Valhalla’s tablets be enroll’d:
    There to remain, till Heindall’s horn shall sound,
    And Ragnarok enclose creation round;
    And Bifrost break beneath bold Surtur’s horde,
    And Gods and men fall dead beneath the sword;
    When sun shall die, and sea devour the land,
    And stars descend, and naught but Chaos stand.
    Then shall Alfadur make his realm anew,
    And Gods and men with purer life indue.
    In that blest country shall Abundance reign,
    Nor shall one vice or woe of earth remain.
    Then, not before, shall men their battles cease,
    And live at last in universal peace.
    Thro’ cloudless heavens shall the eagle soar,
    And happiness prevail for evermore.

    Howard Phillips Lovecraft
    Gli sbarchi in Sicilia hanno ormai un carattere preciso di invasione territoriale, premessa sicura di guerra sociale e religiosa. G Ceronetti
    Israel is one of us and fighting our war. So let us support Israel for Israel and for ourselves! G.Wilders

 

 

Discussioni Simili

  1. Senza confini- Poesia (direi micro-poesia)
    Di Templares nel forum Hdemia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 22-07-05, 10:18
  2. Poesia
    Di Harm Wulf nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29-03-05, 22:55
  3. Poesia
    Di Harm Wulf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-03-05, 01:36
  4. Poesia
    Di Nebbia nel forum Arte
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-08-02, 15:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226