User Tag List

Pagina 76 di 77 PrimaPrima ... 2666757677 UltimaUltima
Risultati da 751 a 760 di 764
Like Tree46Likes

Discussione: Magistratura criminale

  1. #751
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,703
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    Richiedente asilo spezza mano a poliziotto: magistrato lo libera subito – FOTO
    Agosto 24, 2019



    https://voxnews.info/2019/08/24/rich...a-subito-foto/
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #752
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,320
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  3. #753
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,703
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    Nigeriano con licenza di uccidere: può sgozzare 2 persone in 3 giorni grazie ai giudici buonisti
    Settembre 23, 2019



    Due tentati omicidi nel giro di tre giorni. Arrestato per aver cercato di uccidere un uomo lo scorso 18 settembre in Stazione Centrale a Milano, un nigeriano di 33 anni venerdì sera ha tentato di sgozzare con un coccio di bottiglia una ragazza di 25 anni.

    La giovane, anche lei nigeriane e incinta, è stata colpita alla testa e alla pancia al culmine di una lite scoppiata per l’accusa di tradimento da parte dell’uomo. Le sue condizioni sono serie ma non è in pericolo di vita e la gravidanza non sarebbe a rischio. Non sempre c’è un lieto fine.

    Il nigeriano, accusato di tentato omicidio è stato arrestato di nuovo: era stato arrestato per lo stesso reato tre giorni prima per aver colpito con una bottigliata alla testa un 20enne, scarcerato venerdì pomeriggio, in serata è andato dalla ex e l’ha ferita.

    E il PD ne vuole importare altri. Noi ti rimandiamo al Viminale, Salvini: ma dal giorno dopo vogliamo vedere aerei carichi di clandestini verso l’Africa. O sono cazzi.

    https://voxnews.info/2019/09/23/nige...dici-buonisti/
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #754
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,703
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    Italiano di 96 anni non vuole vivere con immigrati: rinviato a giudizio
    Settembre 25, 2019

    https://voxnews.info/2019/09/25/ital...to-a-giudizio/
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #755
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,703
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    Toga rossa chiede a Consulta di stracciare decreto Salvini: ordina residenza a clandestini
    Settembre 27, 2019

    https://voxnews.info/2019/09/27/toga...a-clandestini/
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #756
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,320
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    https://news.google.com/articles/CBM...T&ceid=IT%3Ait

    LA LEGGE E'UGUALE PER TUTTI.
    LA GIUSTIZIA NO!
    UNA VERGOGNA.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  7. #757
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,320
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    Altra, ennesima, VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    AMIANTO OLIVETTI
    CASSAZIONE
    ASSOLTO DE BENEDETTIi.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #758
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,703
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    Altra, ennesima, VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    AMIANTO OLIVETTI
    CASSAZIONE
    ASSOLTO DE BENEDETTIi.
    Ennesima infamia.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  9. #759
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,703
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    PAMELA MORTA PER NULLA, PROCURA CHIEDE ARCHIVIAZIONE PER I ‘PROFUGHI’ NIGERIANI
    OTTOBRE 8, 2019

    La procura di Macerata, che in teoria dovrebbe rappresentare l’accusa, ha deciso di chiedere l’archiviazione per Lucky Desmond e di Awelima Lucky. Il gip si è riservato la decisione.
    Quello che però i parenti della ragazza uccisa e fatta a pezzi a Macerata sperano di non dover affrontare è una chiusura “rapida” di un omicidio “diabolico”. “Questo è il processo del secolo e va celebrato fino in fondo – dice al Giornale.it Marco Valerio Verni, legale della famiglia e zio di Pamela – Dalla procura mi sarei aspettato più coraggio. Non è possibile archiviare senza cercare di conoscere tutta la verità su quanto successo”.
    Secondo la procura, Oseghale avrebbe fatto tutto da solo. Lui l’unico responsabile della morte di Pamela. Decisione contestata dalla famiglia, che si è opposta: “Onestamente su Awelima non sono emersi elementi particolari, ma su Desmond abbiamo sospetti e vorremmo che venissero fugati”.
    Secondo l’accusa, invece, i due un tempo imputati sarebbero ‘solo’ i soliti ‘normali’ profughi spacciatori. Già per questo condannati. Spacciatori che, casualmente, almeno nel caso di uno dei due, condividevano la stanza di hotel con alcuni degli spacciatori colpiti da Luca Traini durante il suo raid.
    Secondo Verni, avvocato della famiglia e zio di Pamela: “Oseghale non può aver fatto tutto da solo. Mi chiedo perché Osegale si sia impegnato 6-8 ore per depezzare chirurgicamente il corpo di Pamela per poi abbandonarlo sul ciglio della strada dove avrebbero potuto trovarlo un secondo dopo. Non ha senso”. L’obiettivo dei parenti di Pamela non è quello di “mettere in mezzo a tutti i costi qualcun altro che magari non c’entra”, ma avere la certezza che effettivamente sia così. Evitare cioè “che ci sia una dissonanza tra verità storica e verità processuale”. Il rischio c’è. “Le indagini, secondo noi, sono state lacunose sotto diversi aspetti”, attacca Verni. Un esempio su tutti: “Le sembra normale che non abbiano messo una microspia nella cella di Oseghale?”.
    “Oseghale ha lo ha indicato come corresponsabile – spiega l’avvocato – e alcuni elementi sono stati raccontati anche da un collaboratore di giustizia e da un carcerato (ex poliziotto) che era in cella con il nigeriano”. Per la difesa di Desmond si tratta di “testimoni non attendibili”. Ma se le versioni dei teste non sono ritenute veritiere dalla procura, allora – si chiede Verni – “perché non sono stati indagati o denunciati per calunnia, Oseghale in primis?”.
    “La richiesta di archiviazione del pm è sbagliata – attacca il legale – si fonda, secondo noi, su presupposti che contraddicono alcuni atti di indagine e dibattimentali, emersi nel processo principale. E non solo”.
    “Al di là del coinvolgimento di Desmond, noi insistiamo affinché la procura di Macerata invi la documentazione alla Direzione Distrettuale Antimafia perché dalle indagini sono emersi, secondo noi, degli indizi che permettono di sospettare che i tre nigeriani facciano parte di una associazione mafiosa”. Perché è solo scoperchiando “la ferocia” della mafia nigeriana che, conclude Verni, “riusciremo a non rendere inutile il martirio di Pamela.”
    Ma è questa ferocia che non si deve conoscere. Perché l’ha fatta entrare in Italia il Pd, traghettando con le Ong oltre 80mila nigeriani negli anni di governo: e ora vogliono ricominciare.

    https://voxnews.info/2019/10/08/pame...ghi-nigeriani/
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #760
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,703
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Magistratura criminale

    INSABBIANO TUTTO, IL TRIBUNALE DEI MINORI SI AUTOASSOLVE: “A BIBBIANO ABBIAMO FATTO BENE”
    OTTOBRE 9, 2019

    Il giornale di Bibbiano ci informa che il ‘metodo Bibbiano’ non esiste. Perché lo ha appurato lo stesso Tribunale dei Minori che aveva avallato gli affidi: è come se Pacciani fosse stato il giudice di se stesso.

    Tutto regolare, provvedimenti legittimi. È la verità dei giudici del Tribunale dei minori di Bologna sul cosiddetto “ Caso Bibbiano”. Su cento fascicoli esaminati non è stata riscontrata nessuna anomalia. C’è voluta tutta l’estate per passare allo scanner le richieste di provvedimenti per i minori della Val d’Enza.
    Mesi utilizzati dai magistrati bolognesi per controllare la regolarità degli allontanamenti dei bambini dalle loro famiglie. Quelle richieste erano arrivate sul tavolo dei giudici negli ultimi due anni su input dei pm della procura minorile. Ora c’è stato uno studio minuzioso di cui si è parlato a margine di una riunione voluta dal presidente Giuseppe Spadaro per fare il punto della situazione dopo l’indagine “Angeli e Demoni”.
    Un vertice del 13 settembre, a cui hanno preso parte i responsabili dei servizi sociali della province di Reggio Emilia, impegnati sui diversi fascicoli della Val d’Enza. Il dato emerso, per i giudici, è confortante. Secondo quanto conferma Monica Pedroni, nuova dirigente dei servizi con sede a Bibbiano, Spadaro ha rassicurato gli operatori: « Se vi sono state mele marce che hanno tentato di frodarci processualmente – ha detto il presidente – devono essere giudicate dalla magistratura e punite in maniera severa», Quindi avrebbe aggiunto: « L’assistente sociale è di fatto come la polizia giudiziaria per un pm, dunque chi ha sbagliato dovrà essere punito » .
    Ricordiamo che l’inchiesta vera, non questa ‘indagine interna’, viene portata avanti dalla Procura. Ricordiamo che la vicenda Bibbiano somiglia, in modo preoccupante, a quella del Forteto: anche lì il tribunale dei minori, di Firenze, fu al centro dello scandalo.
    Quindi, di cosa stiamo parlando: di un soggetto che assolve se stesso.
    Giuseppe Spadaro è lui:



    https://voxnews.info/2019/07/20/bibb...omosso-a-roma/

    Mentre un giudice che voleva scoperchiare lo scandalo dovette andare via perché non lo lasciavano fare:

    Francesco Morcavallo, malgrado una battaglia durata quasi quattro anni, non è riuscito a smuovere di un millimetro quello che ritiene un «meccanismo perverso» e insieme «il più osceno business italiano»: il troppo facile affidamento di decine di migliaia di bambini e bambine all’implacabile macchina della giustizia.
    Dal settembre 2009 al maggio 2013 giudice presso il Tribunale dei minorenni di Bologna, Morcavallo ne ha visti tanti, di quei drammatici percorsi che iniziano con la sottrazione alle famiglie e finiscono con quello che lui definisce l’«internamento» (spesso per anni) negli istituti e nelle comunità governati dai servizi sociali. Da magistrato, Morcavallo ha combattuto una guerra anche culturale contro quello che vedeva intorno a sé. Ha tentato di correggere comportamenti scorretti, ha cercato di contrastare incredibili conflitti d’interesse. Ha anche denunciato abusi e qualche illecito. È stato a sua volta colpito da esposti, e ne è uscito illeso, ma poi non ce l’ha fatta e ha cambiato strada: a 34 anni ha lasciato la toga e da pochi mesi fa l’avvocato a Roma, nello studio paterno. Si occupa di società e successioni. E anche di diritto della famiglia, la sua passione.
    Dottor Morcavallo, quanti sono in un anno gli allontanamenti decisi da un tribunale dei minori «medio», come quello di Bologna? Sono decine, centinaia?
    Sono migliaia. Ma la verità è che nessuno sa davvero quanti siano, in nessuna parte d’Italia. Lo studio più recente, forse anche l’unico in materia, è del 2010: il ministero del Lavoro e delle politiche sociali calcolava che al 31 dicembre di quell’anno i bambini e i ragazzi portati via dalle famiglie fossero in totale 39.698. Solo in Emilia erano 3.599. Ma la statistica ministeriale è molto inferiore al vero; io credo che un numero realistico superi i 50 mila casi. E che prevalga l’abbandono.
    L’abbandono?
    Quando arrivai a Bologna, nel 2009, c’erano circa 25 mila procedimenti aperti, moltissimi da tanti, troppi anni. Trovai un fascicolo che risaliva addirittura al 1979: paradossalmente si riferiva a un mio coetaneo, evidentemente affidato ancora in fasce ai servizi sociali e poi «seguito» fino alla maggiore età, senza interruzione. Il fascicolo era ancora lì, nessuno l’aveva mai chiuso.
    74715
    E che cos’altro trovò, al Tribunale di Bologna?
    Noi giudici togati eravamo in sette, compreso il presidente Maurizio Millo. Poi c’erano 28-30 giudici onorari: psicologi, medici, sociologi, assistenti sociali.
    Come si svolgeva il lavoro?
    I collegi giudicanti, come previsto dalla legge, avrebbero dovuto essere formati da due togati e da due onorari: scelti in modo automatico, con logiche neutrali, prestabilite. Invece regnava un’apparente confusione. Il risultato era che i collegi si componevano «a geometria variabile». Con un solo obiettivo.
    Cioè?
    In aula si riuniva una decina di giudici, che trattavano i vari casi; di volta in volta i quattro «decisori» che avrebbero poi dovuto firmare l’ordinanza venivano scelti per cooptazione, esclusivamente sulla base delle opinioni manifestate. Insomma, tutto era organizzato in modo da fare prevalere l’impostazione dei servizi sociali, sempre e inevitabilmente favorevoli all’allontanamento del minore.
    E lei che cosa fece?
    Iniziai da subito a scontrarmi con molti colleghi e soprattutto con il presidente Millo. Le nostre impostazioni erano troppo diverse: io sono sempre stato convinto che l’interesse del minore debba prevalere, e che il suo restare in famiglia, là dov’è possibile, coincida con questo interesse. È la linea «meno invasiva», la stessa seguita dalla Corte costituzionale e dalla Corte europea dei diritti dell’uomo.
    Gli altri giudici avevano idee diverse dalle sue?
    Sì. Erano per l’allontanamento, quasi sempre. Soltanto un collega anziano la vedeva come me: Guido Stanzani. Era magistrato dal 1970, un uomo onesto
    e serio. E anche qualche giudice onorario condivideva il nostro impegno: in particolare lo psicologo Mauro Imparato.
    Che cosa accadeva? Come si aprivano i procedimenti?
    Nella stragrande maggioranza dei casi si trattava di allontanamenti dalle famiglie per motivi economici o perché i genitori venivano ritenuti «inadeguati».
    Che cosa vuol dire «inadeguato»?
    Basta che arrivi una segnalazione dei servizi sociali; basta che uno psicologo stabilisca che i genitori siano «troppo concentrati su se stessi». In molti casi, è evidente, si tratta di vicende strumentali, che partono da separazioni conflittuali. Il problema è che tutti gli atti del tribunale sono inappellabili.
    Perché?
    Perché si tratta di provvedimenti formalmente «provvisori». L’allontanamento dalla famiglia, per esempio, è per sua natura un atto provvisorio. Così, anche se dura anni, per legge non può essere oggetto di una richiesta d’appello. Insomma non ci si può opporre; nemmeno il migliore avvocato può farci nulla.
    Tra le cause di allontanamento, però, ci sono anche le denunce di abusi sessuali in famiglia. In quei casi non è bene usare ogni possibile cautela?
    Dove si trattava di presunte violenze, una quota comunque inferiore al 5 per cento, io a Bologna ho visto che molti casi si aprivano irritualmente a causa di lettere anonime. Era il classico vicino che scriveva: attenzione, in quella casa molestano i figli. Non c’era nessuna prova. Ma i servizi sociali segnalavano e il tribunale allontanava. Un arbitrio e un abuso grave, perché una denuncia anonima dovrebbe essere cestinata. Invece bastava a giustificare l’affido. Del resto, se si pensa che molti giudici onorari erano e sono in conflitto d’interesse, c’è di che capirne il perché.
    Che cosa intende dire?
    Chi sono i giudici onorari? Sono psicologi, sociologi, medici, assistenti sociali. Che spesso hanno fondato istituti. E a volte addirittura le stesse case d’affido che prendono in carico i bambini sottratti alle famiglie, e proprio per un’ordinanza cui hanno partecipato.
    Possibile?
    A Bologna mi trovai in udienza un giudice onorario che era lì, contemporaneamente, anche come «tutore» del minore sul cui affidamento dovevamo giudicare.
    Ma sono retribuiti, i giudici onorari?
    Sì. Un tanto per un’udienza, un tanto per ogni atto. Insisto: certi fanno 20-30 udienze a settimana e incassano le parcelle del tribunale, ma intanto lavorano anche per gli istituti, le cooperative che accolgono i minori. È un business osceno e ricco, perché quasi sempre bambini e ragazzi vengono affidati ai centri per mesi, spesso per anni. E le rette a volte sono elevate: ci sono comuni e aziende sanitarie locali che pagano da 200 a oltre 400 euro al giorno. Diciamo che il business è alimentato da chi ha tutto l’interesse che cresca.
    È una denuncia grave. Il fenomeno è così diffuso? Possibile che siano tutti interessati, i giudici onorari? Che tutti i centri d’affido guardino solo al business?
    Ma no, certo. Anche in questo settore c’è il cattivo e c’è il buono, anzi l’ottimo. Ovviamente c’è chi lavora in modo disinteressato. Però il fenomeno si alimenta allo stesso modo per tutti. I tribunali dei minori non scelgono dove collocare i minori sottratti alle famiglie, ma guarda caso quella scelta spetta ai servizi sociali. Comunque la crescita esponenziale degli affidi e delle rette è uguale per i buoni come per i cattivi. E c’è chi ci guadagna.
    Per lei sono più numerosi gli istituti buoni o i cattivi?
    Non lo so. A mio modo di vedere, buoni sono quelli che favoriscono il contatto tra bambini e famiglie. Ce ne sono alcuni. Io ne conosco 2 o 3.
    Ma, scusi: i giudici onorari chi li nomina?
    Il diretto interessato presenta la domanda, il tribunale dei minori l’approva, il Consiglio superiore della magistratura ratifica.
    E nessuno segnala i conflitti d’interessi? Nessuno li blocca?
    Dovrebbero farlo, per legge, i presidenti dei tribunali dei minori. Potrebbe farlo il Csm. Invece non accade mai nulla. L’associazione Finalmente liberi, cui ho aderito, è tra le poche che hanno deciso d’indagare e lo sta facendo su vasta scala. Sono stati individuati finora un centinaio di giudici onorari in evidente conflitto d’interessi. Li denunceremo. Vedremo se qualcuno ci seguirà.
    Quanto può valere quello che lei chiama «business osceno»?
    Difficile dirlo, nessuno controlla. In Italia non esiste nemmeno un registro degli affidati, come accade in quasi tutti i paesi occidentali.
    Ipotizzi lei una stima.
    Sono almeno 50 mila i minori affidati: credo costino 1,5 miliardi l’anno. Forse di più.
    Torniamo a Bologna. Nel gennaio 2011 accadde un fatto grave: un neonato morì in piazza Grande. Fu lì che esplose il conflitto fra lei e il presidente del tribunale dei minori. Come andò?
    La madre aveva partorito due gemelli dieci giorni prima. Uno dei due morì perché esposto al freddo. Che cosa era successo? In realtà la famiglia, dichiarata indigente, aveva altri due bambini più grandi, entrambi affidati ai servizi sociali. Il caso finì sulla mia scrivania. Indagai e mi convinsi che quella morte era dovuta alla disperazione. I genitori avevano una casa, contrariamente a quel che avevano scritto i giornali, ma ne scapparono perché terrorizzati dalla prospettiva che anche i due neonati fossero loro sottratti.
    E a quel punto che cosa accadde?
    Il presidente Millo mi chiamò. Disse: convochiamo subito il collegio e sospendiamo la patria potestà. Risposi: vediamo, prima, che cosa decide il collegio. Millo avocò a sé il procedimento, un atto non previsto da nessuna norma. Allora presentai un esposto al Csm, denunciando tutte le anomalie che avevo visto. E Stanzani un mese dopo fece un altro esposto. Ne seguirono uno di Imparato e uno degli avvocati familiaristi emiliani.
    Fu allora che si scatenò il contrasto?
    Sì. Fui raggiunto da un provvedimento cautelare disciplinare del Csm. Venni accusato di avere detto che nel Tribunale dei minori di Bologna si amministrava una giustizia più adatta alla Corea del Nord, di avere denigrato il presidente Millo. Fui trasferito a Modena, come giudice del lavoro. Venne trasferito anche Stanzani, mentre Imparato fu emarginato. Nel dicembre 2011, però, la Cassazione a sezioni unite annullò quella decisione criticando duramente il Csm perché non aveva ascoltato le mie ragioni, né aveva dato seguito alle mie denunce.
    Così lei tornò a Bologna?
    Sì. Ma per i ritardi del Csm, anch’essi illegittimi, il rientro avvenne solo il 18 settembre 2012. Millo nel frattempo era andato via, ma non era cambiato gran che. Fui messo a trattare i casi più vecchi: pendenze che risalivano al 2009. Fui escluso da ogni nuovo procedimento di adottabilità. Capii allora perché un magistratro della procura generale della Cassazione qualche mese prima mi aveva suggerito di smetterla, che stavo dando troppo fastidio a gente che avrebbe potuto farmi desistere con mezzi potenti.
    Sta dicendo che fu minacciato?
    Mettiamola così: ero stato caldamente invitato a non rompere più le scatole. Capii che era tutto inutile, che il muro non cadeva. Intanto, in marzo, Stanzani era morto. Decisi di abbandonare la magistratura.
    E ora?
    Ora faccio l’avvocato. Ma lavoro da fuori perché le cose cambino. Parlo a convegni, scrivo, faccio domande indiscrete.
    Che cosa chiede?
    Per esempio che i magistrati delle procure presso i tribunali dei minori vadano a controllare i centri d’affido: non lo fanno mai, ma è un vero peccato perché troverebbero sicuramente molte sorprese. Chiedo anche che il Garante nazionale dell’infanzia mostri più coraggio, che usi le competenze che erroneamente ritiene di non avere, che indaghi. Qualcuno dovrà pur farlo. È uno scandalo tutto italiano: va scoperchiato.
    Intanto, il Pd rompe il silenzio sul caso Bibbiano, per minacciare, di nuovo, querele contro chiunque ne parli: “A me invece fa schifo la destra di Salvini che specula su bambini già purtroppo oggetto di vicende terribili. La magistratura condanni quanto prima i responsabili, poi se qualcuno ci diffama condannerà anche loro. Se Salvini ha da addossare qualche colpa al Partito Democratico su Bibbiano, lo faccia con più coraggio, direttamente, così ci vediamo in tribunale”, scrive su facebook Emanuele Fiano, deputato Pd.
    Ma davvero pensate di fermare la verità con l’ausilio dei ‘vostri’ magistrati nei tribunali che sapete sempre scegliere con cura? Chiederete consiglio a Lotti?
    Non smetteremo di Parlare Di Bibbiano. Non ci prenderete per il culo: il Sistema Bibbiano è nazionale. Ed è sistema proprio perché comprende anche pezzi della magistratura minorile.

    https://voxnews.info/2019/10/09/insa...mo-fatto-bene/
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

 

 
Pagina 76 di 77 PrimaPrima ... 2666757677 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il criminale Hemingway
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-10-12, 16:55
  2. Risposte: 100
    Ultimo Messaggio: 10-05-12, 20:36
  3. Italia criminale
    Di carlomartello nel forum Politica Estera
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 25-10-09, 23:30
  4. chi è più criminale?
    Di goatrance14 nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 26-10-07, 01:35
  5. Mao era un pazzo criminale
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 66
    Ultimo Messaggio: 01-02-07, 16:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226