User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
  1. #1
    Roma caput mundi
    Data Registrazione
    17 Dec 2010
    Messaggi
    2,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran


    13/03/2012

    Original Version: حماس والابتعاد التدريجي عن ايران بعد سورية

    Le recenti prese di posizione di Hamas segnalano il suo riavvicinamento all’asse dei paesi arabi “moderati” ed il suo ritorno nel bacino dei Fratelli Musulmani – scrive il quotidiano al-Quds al-Arabi

    ***

    Il movimento islamico Hamas sta vivendo una trasformazione strategica senza precedenti, che fra l’altro comprende una revisione delle sue passate alleanze regionali, così come l’intreccio di nuove alleanze, le quali potrebbero alla fine portare alla rottura con un passato durato più di vent’anni. L’inizio di questa trasformazione ha coinciso con la decisione del movimento di schierarsi con la rivoluzione popolare che chiede il cambiamento democratico in Siria, e di voltare le spalle al regime che gli aveva aperto le porte accogliendo i suoi leader negli anni passati. I dirigenti di Hamas all’estero hanno pertanto lasciato Damasco e si sono stabiliti definitivamente in altre capitali arabe.

    Khaled Meshaal, capo dell’ufficio politico del movimento, si è recato nella capitale del Qatar, Doha, accompagnato da altri due membri dell’ufficio politico, Mohamed Nasr e Ezzat al-Rishq, mentre il suo vice Moussa Abu Marzouk si è stabilito al Cairo, e Imad el-Alami ha scelto di tornare nel suo luogo di nascita nella Striscia di Gaza.

    Questa fase di revisione non si è però limitata alla rottura con il regime siriano e alla decisione di schierarsi con il popolo e la sua rivoluzione contro l’oppressione e le sanguinose soluzioni securitarie che hanno provocato 7.000 vittime fino a questo momento in Siria, ma si sta estendendo anche all’Iran, il paese che ha sostenuto Hamas finanziariamente e moralmente, e la cui capitale Teheran è stata un luogo di periodico pellegrinaggio per i leader del movimento.

    La scorsa settimana, due responsabili di Hamas hanno sorpreso la comunità internazionale, prima ancora che quella araba ed islamica, annunciando che il movimento non sarebbe intervenuto in un’eventuale guerra tra l’Iran e Israele, e non avrebbe lanciato i suoi razzi contro gli insediamenti e le città israeliane se una guerra del genere fosse scoppiata. In altre parole, da quello che si è potuto capire dalle dichiarazioni rilasciate a questo proposito da Ahmed Yousef, consigliere del ministero degli esteri del governo di Gaza, e da Salah Bardawil, membro dell’ufficio politico del movimento, in un’eventualità del genere Hamas rimarrebbe neutrale.

    Bardawil ha detto con fermezza che il movimento non offrirà il proprio sostegno all’Iran se quest’ultimo sarà colpito da un attacco israeliano o americano volto a distruggere il suo programma nucleare. Nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano britannico Guardian, egli ha affermato che “l’Iran è sciita, mentre i figli del popolo palestinese a Gaza sono seguaci della comunità sunnita”. Dal canto suo, Yousef ci ha tenuto a dire che Hamas non interverrà in una guerra del genere perché il movimento non fa parte di nessun asse militare o politico, e la sua azione si limita al solo territorio palestinese; perciò, la leadership militare di Hamas risponderà solo a un attacco contro la Striscia di Gaza.

    Queste dichiarazioni sorprenderanno molti, soprattutto in Iran, per la loro scelta di tempo, accompagnata dalla rivelazione di contatti che hanno avuto luogo fra Mahmoud al-Zahar, l’uomo forte del movimento, e alcuni responsabili dell’amministrazione americana – come ha dichiarato Bardawil nella stessa intervista.

    La scelta di tempo è importante, poiché si susseguono in questi giorni le dichiarazioni americane ed israeliane – in particolare, a margine della visita del premier israeliano Netanyahu a Washington e del suo incontro con il presidente Obama – riguardo al fatto che non viene esclusa nessuna opzione militare per distruggere il programma nucleare iraniano.

    Certamente le dichiarazioni di Bardawil e Yousef non esprimono posizioni personali, bensì sono espressione di una nuova strategia da parte del movimento. Non ci troviamo, infatti, di fronte a dei lapsus, ma a prese di posizione fatte trapelare deliberatamente per inviare a diversi attori arabi, islamici ed internazionali, un chiaro messaggio riguardo al cambiamento delle alleanze di Hamas.

    Hamas non è costretto a rispondere a domande ipotetiche riguardo a un suo intervento a fianco dell’Iran in un’eventuale guerra contro Israele, poiché i più elementari principi della politica vietano a dei responsabili politici di cadere in simili trappole.

    E’ chiaro, invece, che vi è un’intenzione deliberata di ribadire il graduale allontanamento del movimento dall’asse Iran-Siria-Hezbollah in via temporanea o definitiva, ed il suo avvicinamento all’asse degli arabi “moderati” che comprende Stati “sunniti” come l’Arabia Saudita, il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti, il Kuwait e l’Egitto, in linea con le posizioni degli islamisti, ed in particolare dei Fratelli Musulmani, che insieme alla corrente salafita ora controllano almeno due terzi del parlamento egiziano.

    Hamas è ritornato nel suo bacino naturale, che è quello dei Fratelli Musulmani, e con questo passo ha voluto porre rimedio a un “errore”, rispondendo alle pressioni dell’organizzazione ‘madre’ – la Fratellanza Musulmana – le quali erano cresciute nei mesi successivi allo scoppio delle rivoluzioni della Primavera Araba.

    E’ ancora presto per dare giudizi sui futuri orientamenti di Hamas, ma il fatto che Khaled Meshaal abbia parlato di abbracciare la resistenza pacifica e la disobbedienza civile lascia presagire molte cose a questo riguardo, a cui bisogna aggiungere ciò che dicono osservatori vicini al movimento a proposito della profonda armonia tra Hamas e il presidente palestinese Mahmoud Abbas, la quale è emersa chiaramente nelle scorse settimane portando alla firma dell’accordo di Doha.

    Editoriale

    (Traduzione di Roberto Iannuzzi)




    Medarabnews » Blog Archive » Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall
    "Non discutere mai con un idiota: ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza" (firma valida per tutte le stagioni)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Ammesso e non concesso che siano in buona fede,questa nuova
    alleanza potrà portare più soldi,più credito..ma 0 affidabilità.
    Sappiamo tutti la debolezza della Russia verso USRAEL,e ancora
    peggio sono i menefreghisti dei paesi arabi moderati che dei
    palestinesi se ne sono sempre fregati.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Gran brutta fine sta facendo Hamas...
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  4. #4
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    28,536
    Mentioned
    427 Post(s)
    Tagged
    118 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    “l’Iran è sciita, mentre i figli del popolo palestinese a Gaza sono seguaci della comunità sunnita”.

    "Khaled Meshaal, capo dell’ufficio politico del movimento, si è recato nella capitale del Qatar, Doha,.."

    "...contatti che hanno avuto luogo fra Mahmoud al-Zahar, l’uomo forte del movimento, e alcuni responsabili dell’amministrazione americana."

    Qatar, Arabia Saudita, USA... che ci fosse puzza di dollaroni dietro a questa svolta di Hamas ne ero sicuro, ma me la sentivo pure che ci potesse essere qualche stronzata di natura religiosa....I Sunniti odiano gli Sciiti, li considerano come eretici, quando addirittura non musulmani, e se vuoi i soldoni di regimi estremisti sunniti, tipo i wahabi di Ryiad, ti devi allineare.
    Certo, finchè gli è convenuto andavano bene Iran e Siria...
    Ma poi quel mettere quasi sullo stesso livello i sionisti e l'Iran ( "non interverremo in caso di attacco israeliano all'Iran" ) per quel che mi riguarda li pone già sul piano dell'infamia. Davvero un epilogo inglorioso per Hamas.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Vadano a cagare.
    Io resterò filo-sciita sino alla morte, anzi, oltre la morte.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,330
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Ora come ora devo dire che solo l'Europa ha mostrato di combattere fino alla morte queste forze sataniche :gratgrat: , ora vedo in giro solo dei gran cedimenti !
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    “l’Iran è sciita, mentre i figli del popolo palestinese a Gaza sono seguaci della comunità sunnita”.

    "Khaled Meshaal, capo dell’ufficio politico del movimento, si è recato nella capitale del Qatar, Doha,.."

    "...contatti che hanno avuto luogo fra Mahmoud al-Zahar, l’uomo forte del movimento, e alcuni responsabili dell’amministrazione americana."

    Qatar, Arabia Saudita, USA... che ci fosse puzza di dollaroni dietro a questa svolta di Hamas ne ero sicuro, ma me la sentivo pure che ci potesse essere qualche stronzata di natura religiosa....I Sunniti odiano gli Sciiti, li considerano come eretici, quando addirittura non musulmani, e se vuoi i soldoni di regimi estremisti sunniti, tipo i wahabi di Ryiad, ti devi allineare.
    Certo, finchè gli è convenuto andavano bene Iran e Siria...
    Ma poi quel mettere quasi sullo stesso livello i sionisti e l'Iran ( "non interverremo in caso di attacco israeliano all'Iran" ) per quel che mi riguarda li pone già sul piano dell'infamia. Davvero un epilogo inglorioso per Hamas.
    Ha ragione chi dice che dei moralisti, dei bigotti, non c'è da fidarsi.

  8. #8
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    28,536
    Mentioned
    427 Post(s)
    Tagged
    118 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    Vadano a cagare.
    Io resterò filo-sciita sino alla morte, anzi, oltre la morte.
    Su questo non ci sono dubbi. Se la Sunna ha come paladini e custodi i varii re-ed-emiri-di-sto-cazzo dell'Arabia Sionita, Q8 e Qazhar, il cui cuore batte più per Sion e gli U$A che per l'Iran e il popolo palestinese, allora non possono esserci dubbi.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    2,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Ora come ora devo dire che solo l'Europa ha mostrato di combattere fino alla morte queste forze sataniche :gratgrat: , ora vedo in giro solo dei gran cedimenti !

    Penso che dipenda molto anche dal carattere degli uomini contemporanei. In ognuno di loro si nascondono invidie, gelosie, meschinità. Visto che questo è il modello imperante dell'occidente e che dall'occidente viene esportato ovunque con più o meno successo non può , alla fine, non attecchire anche laddove esistono resistenze di tipo tradizionale, dove ancora resistono certi valori. Onestamente non mi sorprendono più i cedimenti palestinesi: dall'OLP e Arafat fino ad altri gruppi della sinistra laica credo che ci siano molti interessi extra-ideologici che vanno ad influenzare anche i migliori.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    2,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo aver lasciato la Siria, Hamas si allontana gradualmente anche dall’Iran

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    Su questo non ci sono dubbi. Se la Sunna ha come paladini e custodi i varii re-ed-emiri-di-sto-cazzo dell'Arabia Sionita, Q8 e Qazhar, il cui cuore batte più per Sion e gli U$A che per l'Iran e il popolo palestinese, allora non possono esserci dubbi.
    Effettivamente non posso che essere d'accordo con te. In due righe hai sintetizzato quello che avevo pensato quando venne fuori questa notizia: come mai soltanto i gruppi sciiti sono quelli che si oppongono con maggior forza all'occidentalizzazione del mondo arabo? Davvero i sunniti sembrano incapaci di concepire perfino una strategia comune anche quando ottengono dei successi politici (come in Egitto o Tunisia) o militari (striscia di Gaza nel 2009).
    Il fattore saudita è davvero determinante... business is business

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 90
    Ultimo Messaggio: 10-02-10, 00:12
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-10-06, 13:40
  3. % milioni dall'Iran ad Hamas
    Di Ashmael nel forum Politica Estera
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 20-04-06, 13:36
  4. Lo Stato Terroristico di Hamas, marionetta dall'Iran
    Di liber nel forum Politica Estera
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 26-01-06, 22:46
  5. Gli Usa alzano la posta. Dall'Iraq all'Iran e alla Siria?
    Di Gian_Maria nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-01-05, 22:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226