User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Mike Suburro

Discussione: neutrini: polemiche e sospetti sulle dimissioni del prof. Ereditato

  1. #1
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,973
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito neutrini: polemiche e sospetti sulle dimissioni del prof. Ereditato

    Questa l'intervista ad Ereditato del corriere

    Ereditato, lei ha gridato “eureka” troppo presto.
    «Né io, né nessuno del mio gruppo, ha mai usato il termine “scoperta”. Siamo sempre stati più che cauti».
    I giornali l’hanno incoronata.
    «La misurazione aveva una rilevanza tale da essere comprensibile a tutti. Di qui lo scalpore. L’attenzione mediatica e i toni trionfalistici. Non da parte mia, però».
    Si è parlato di scienza spettacolo.
    «Non sono mai andato ospite di un talk-show».
    Siete stati poco cauti. Lo ammetta.
    «Al contrario. Noi nel marzo 2011 abbiamo cominciato a osservare dati non chiari sul comportamento dei neutrini. Per quattro mesi abbiamo effettuato controlli. E non abbiamo trovato il proiettile capace di uccidere l’esperimento».
    Poi l’annuncio in pompa magna.
    «No. Poi abbiamo scritto un pre-print, una pubblicazione provvisoria. L’etica scientifica impone di comunicare i risultati. Anche se sono scomodi e creano complicazioni».
    Perché rilevare che i neutrini sono più veloci della luce crea complicazioni?
    «Perché in assenza di un impianto teorico che spieghi come e perché sia possibile, si crea un guaio. Nei mesi successivi alla misurazione la comunità scientifica si è mobilitata per dare una spiegazione».
    Prima ancora della spiegazione è arrivata la smentita alla misurazione. L’avete data voi stessi di Opera.
    «Noi scienziati siamo come bambini sulla spiaggia. Costruiamo grandi castelli e poi ci saltiamo sopra, distruggendoli».
    Tafazzismo?
    «La scienza è così. Ora con la stessa cautela con cui abbiamo trattato i risultati della misurazione anomala, trattiamo l’individuazione delle cause di quella anomalia».
    Si è parlato di un cavetto staccato?
    «Non si trattava di un cavo staccato, ma di un accoppiamento imperfetto di fibre ottiche. E di uno sfasamento tra orologi atomici».
    Che cos’è un orologio atomico?
    «È un orologio molto preciso».
    Ha fatto fare brutta figura all’Italia.
    «All’Italia? Ma questa è una collaborazione internazionale. E io lavoro in Svizzera, a Berna. Il nostro comportamento è stato apprezzato da tutta la comunità scientifica».
    Esperimento archiviato?
    «No. Tra aprile e maggio faremo altre misurazioni».
    Il premio Nobel Carlo Rubbia ha già fatto nuove misurazioni, con il progetto Icarus.
    «Un lavoro molto utile. Lo ringraziamo. Saremo ancora più cauti nell’annunciare i risultati dei prossimi esperimenti».
    Rubbia non è stato affatto cauto. Ha detto che per lui il caso è chiuso.
    «…».
    Perché sorride?
    «No comment».
    Sente che le nuove misurazioni confermeranno che i neutrini sono più veloci della luce?
    «Non sono un indovino e non faccio il tifo. Lo so, rischio di essere noioso».
    Mi dica almeno che ci spera.
    «Speriamo di fare un buon lavoro».
    Perché usa il plurale?
    «Al progetto Opera lavora una “Collaborazione” di cui fanno parte circa 160 addetti ai lavori».
    Li può chiamare scienziati.
    «Non amo autodefinirmi scienziato».
    Sette di questi 160 addetti ai lavori quando lei gli sottopose il pre-print in cui si annunciava la velocità anomala dei neutrini decisero di non firmare.
    Uno disse: «Prima di rottamare Einstein bisogna pensarci due volte». «Nessuno di loro sapeva dire dove fosse l’errore».
    Ora sembrano aver avuto ragione. Le hanno fatto il gesto dell’ombrello?

    «Tra scienziati non si usa. Quei sette pensavano semplicemente che non potesse essere vero. In assenza di un impianto teorico, appunto».
    Mi spiega la differenza tra fisici teorici e fisici sperimentali, come lei?
    «Immagini che l’universo sia un enorme puzzle. Noi non conosciamo quasi nulla di questo puzzle. Siamo riusciti a ricostruire solo alcune piccole zone. I fisici sperimentali sono quelli che fanno questa ricostruzione. I fisici teorici sono quelli che, partendo da quelle piccole zone ricostruite, cercano di spiegare tutto il puzzle».
    C’è chi dice che voi abbiate accelerato l’uscita del risultato della misurazione per anticipare gli americani che stavano per piazzare lo stesso tassello del puzzle.
    «In Minnesota è in corso l’esperimento Minos, ma non credo che sarebbero arrivati alle stesse conclusioni».
    È vero che la misurazione della velocità dei neutrini è stata quasi casuale?
    «No. Ma è vero che Opera nasce per misurare l’oscillazione dei neutrini e non la loro velocità.A noi interessa l’apparizione dei neutrini Tau nella stazione del Gran Sasso dopo che a Ginevra sono stati sparati i neutrini mu».
    Il tunnel ovviamente non esiste. Che percorso fanno i neutrini?
    «Sono fasci di milioni di unità e si muovono attraverso la crosta terrestre».
    Perché è così importante individuare i neutrini?
    «Studiando l’infinitamente piccolo, si capisce l’infinitamente grande. Studiando i neutrini si può arrivare a capire da dove veniamo e dove andiamo».
    Crede in Dio?
    «No».
    Molti scienziati ci credono.
    «Non vorrei entrare in affari troppo personali…».
    Quanto tempo trascorre nel laboratorio del Gran Sasso?
    «Meno di quanto vorrei. Faccio su e giù da Berna».
    Vita sotterranea con 1.400 metri di montagna sopra la testa. Chi c’è stato sostiene che sia un luogo senza tempo.
    «In che senso?».
    Enormi stanze sotterranee con luci sempre accese, ventiquattro ore su ventiquattro.
    «L’immagine rende l’idea. C’è anche il rumore costante dei motori per l’aerazione».
    Lei lavora molto in Italia, ma dipende dall’Università di Berna e vive in Svizzera. È un cervello in fuga?
    «Sono un cervello che ha fatto i suoi conti».
    Economici?
    «Non solo. Anche di gratificazione personale. Io ho sempre vissuto molto all’estero».
    Rientrerà in Italia?
    «Non lo so. Non tutti quelli che espatriano poi vogliono rientrare».
    In Italia c’è stata una campagna per il “rientro dei cervelli”.
    «Sì. Ma ancora oggi ci si dovrebbe chiedere: come mai l’Italia è un Paese in cui il flusso degli scienziati è solo in uscita? Perché non c’è un flusso di studiosi stranieri verso l’Italia? ».
    Perché uno scienziato straniero dovrebbe venire in un Paese in cui si investe poco nella ricerca?
    «Con Monti mi pare che le cose vadano meglio. Ma dobbiamo fare molta strada. Anche perché la formazione fino al livello universitario e di master è ottima. Tra tutti gli stranieri che arrivano a Berna i giovani italiani sono tra i più bravi. Detto tra noi, però, credo che facciano bene a partire».
    Questa è istigazione all’abbandono del suolo patrio. Se la sente il presidente Giorgio Napolitano…
    «Eheh. Dico solo che per un giovane è importante acquisire una visione del mondo globale e sprovincializzarsi un po’».
    Lei quando è andato a lavorare all’estero la prima volta?
    «A 25 anni. Strasburgo e poi Ginevra, al Cern. Subito dopo la laurea».
    Ha studiato all’Università Federico II di Napoli.
    «Napoli è la città dove sono nato e cresciuto».
    Mi racconta la sua infanzia?
    «Vengo da una famiglia popolare. Non benestante. Sono grato ai miei genitori per avermi dato la possibilità di studiare».
    Era ventenne negli anni Settanta. Gruppettaro e contestatore?
    «Contestatore, ma non gruppettaro. L’impegno consisteva nel capire il mondo che cambiava, operare nel sociale e acquisire competenze ».
    Miti giovanili?
    «Enrico Fermi e Bruno Pontecorvo».
    È vero che a metà degli anni Ottanta andò a trovare Pontecorvo in Unione Sovietica?
    «Ero a Dubna per una conferenza. Pontecorvo mi volle conoscere. Trascorsi i due giorni che precedevano l’incontro con le palpitazioni».
    Prima del crollo del Muro di Berlino c’era una gara tra i “blocchi” per conquistarsi gli scienziati. Il Kgb la contattò per reclutarla?
    «Eheh, no. No. Sono restato circa venti anni al Cern».
    Ha visto nascere i super acceleratori spara-neutrini?
    «Non li ho solo visti nascere».
    Li ha costruiti?
    «No, quello è compito dei fisici “macchinisti”. Io ho seguito da subito la costruzione degli apparati di rilevazione dei dati».
    I neutrini sono partiti per la prima volta da Ginevra per raggiungere il laboratorio del Gran Sasso nel 2006. Ad aspettarli c’erano il ministro Fabio Mussi e il Nobel Carlo Rubbia.
    «C’ero anche io con il mio team, ovviamente».
    A cena col nemico?
    «Non ho nemici. Andrei volentieri a cena con Richard Dawkins. È un celebre biologo: sono convinto che l’evoluzione dell’universo e quella degli organismi viventi seguano in qualche modo le stesse leggi».
    Basta buonismi. Mi conceda il nome di un fisico che non sopporta o con cui ha visioni opposte.
    «Le ripeto che sono un fisico sperimentale. Facciamo misure. Otteniamo risultati. Come possiamo prendere posizioni diverse gli uni dagli altri?».
    La domanda andrebbe girata a Rubbia o ai sette fisici che non hanno firmato il pre-print sulla velocità dei neutrini. Lei ha un gruppo di amici ristretto?
    «Ho ancora gli amici dei tempi del liceo».
    Un nome?
    «Federico, fa il medico. Già so che tutti gli altri si incavoleranno».
    Qual è l’errore più grande che ha fatto?
    «Non ne ho fatti di particolari. È una risposta noiosa?».
    Abbastanza. Che cosa guarda in tv?
    «Qualche film e molto sport».
    È tifoso?
    «Del Napoli».
    Scelga: il Nobel per la fisica o la Champions League a Cavani&Co?
    «Devo essere sincero?».
    Se fosse sincero direbbe: «Il Nobel».
    «No comment».
    La canzone del cuore?
    «My way di Frank Sinatra».
    Ma come, da due ore parla al plurale ed è modesto fino alla noia… e poi sceglie My way?
    «Mi ha beccato».
    Il libro?
    «Il gene egoista di Dawkins».
    Il film preferito?
    «Tutti quelli di Stanley Kubrick. Nessuno escluso».
    Da Star Trek a Guerre stellari, i film di fantascienza si sono esercitati molto sulla sua materia: la velocità della luce…
    «Pura fantasia. Se devo indicare un film di fantascienza che abbia un rigore scientifico è 2001: Odissea nello spazio. Eccellente. Kubrick era un genio».
    Sa quanto costa un litro di benzina?
    «In Italia quasi due euro, in Svizzera circa un euro e mezzo».
    È più facile dimostrare perché costa così tanto la benzina o perché la luce è così veloce?
    «I perché sono facilmente dimostrabili. Al prezzo della benzina è difficile rassegnarsi».
    Conosce l’articolo 12 della Costituzione?
    «Non a mente».
    È quello che descrive il Tricolore. Alla semifinale del Mondiale del 1990, a Napoli, tifava Italia o Argentina?
    «Italia. Anche se in campo c’era Maradona».
    I confini della Svizzera?
    «Francia, Germania, Italia… ma non attraverso il tunnel che porta in Abruzzo, eh».
    Vittorio Zincone
    30 marzo 2012 | 12:21
    Ultima modifica di uqbar; 31-03-12 alle 18:34

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,973
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: neutrini: polemiche e sospetti sulle dimissioni del prof Ereditato

    fate attenzione alla risposta di Ereditato all'affermazione categorica di Rubbia

    Rubbia non è stato affatto cauto. Ha detto che per lui il caso è chiuso.
    «…».
    Perché sorride?
    «No comment».


    Il prof. Ereditato è sempre stato molto prudente sull'esito degli esperimenti ed ha sempre chiarito che erano possibili margini fisiologici di errore invitando tutta la comunità scientifica alla verifica. Addirittura è stato lo stesso Ereditato ad aver trovato 2 difetti ma - attenzione - difetti che comunque non escludono in maniera assoluta che i neutrini possano essere più veloci della luce !
    Nonostante la prudenza e la modestia dimostrate da Ereditato, contro di lui si scatenando una vera e propria persecuzione fino al punto di farlo dimettere dalla direzione dell'esperimento - guarda caso giusto a solo un mese dalla ripetizione dell'esperimento che sarà a maggio e che potrebbe chiarire definitivamente l'intera vecenda hefico: . Come mai ? PAURA FORSE ?
    Ma la cosa che più insospettisce è questa : come è possibile che Rubbia possa con una sicumera e fretta ansiosa davvero sorprendente archiviare immediatamente il caso senza neanche dare il tempo alla comunità scientifica di analizzare il suo concorrente esperimento quando invece il team di Ereditato per compiere gli l'esperimento del gran sasso ed arrivare a qualche conclusione attendibile ci ha impiegato più di un anno mettendo in grado con ogni scrupolo possibile la comunità scientifica di analizzare ed esprimersi ?
    Al pari di Rubbia tanti altri che che con una fretta incomprensibile aveva bollato come inverosimile il risultato del gran sasso senza neanche analizzare i dati dell'esperimento (.....Uno disse: «Prima di rottamare Einstein bisogna pensarci due volte». «Nessuno di loro sapeva dire dove fosse l’errore».).
    Non è che forse tutta questa inquietitudine e fretta nel voler chiudere il caso dipende dal fatto che se l'esperimento di Ereditato si rivelasse vero allora significherebbe che una intera comunità scientifica mondiale in questi anni ha creduto ad una favoletta per fede o per imposizione ? Perchè se così fosse crollerebbe l'intero sistema accademico MONDIALE ! CROLLEREBBE L'INTERO SISTEMA ACCADEMICO BASATO SULLA FISICA MODERNA DI EINSTEN CHE SI E' SOSTITUITA A QUELLA NEWTONIANA !
    Forse è per tale ragione che si è impedito ad Ereditato di ripetere l'esperimento ?
    E chi sarà chiamato a dirigere le operazioni di ripetizione dell'esperimento al gran sasso a maggio ?
    Ultima modifica di uqbar; 31-03-12 alle 18:25

  3. #3
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,973
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: neutrini: le polemiche sull'esperimento del gran sasso

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    fate attenzione alla risposta di Ereditato all'affermazione categorica di Rubbia

    Rubbia non è stato affatto cauto. Ha detto che per lui il caso è chiuso.
    «…».
    Perché sorride?
    «No comment».


    Il prof. Ereditato è sempre stato molto prudente sull'esito degli esperimenti ed ha sempre chiarito che erano possibili margini fisiologici di errore invitando tutta la comunità scientifica alla verifica. Addirittura è stato lo stesso Ereditato ad aver trovato 2 difetti ma - attenzione - difetti che comunque non escludono in maniera assoluta che i neutrini possano essere più veloci della luce !
    Nonostante la prudenza e la modestia dimostrate da Ereditato, contro di lui si scatenando una vera e propria persecuzione fino al punto di farlo dimettere dalla direzione dell'esperimento - guarda caso giusto a solo un mese dalla ripetizione dell'esperimento che sarà a maggio e che potrebbe chiarire definitivamente l'intera vecenda hefico: . Come mai ? PAURA FORSE ?
    Ma la cosa che più insospettisce è questa : come è possibile che Rubbia possa con una sicumera davvero sorprendente archiviare immediatamente il caso attraverso una verifica durata solo qualche giorno a fronte del fatto che il team di Ereditato per compiere gli l'esperimento del gran sasso ed arrivare a qualche conclusione attendibile ci ha impiegato più di un anno ?
    Al pari di Rubbia tanti altri che che con una fretta incomprensibile aveva bollato come inverosimile il risultato del gran sasso senza neanche analizzare i dati dell'esperimento (.....Uno disse: «Prima di rottamare Einstein bisogna pensarci due volte». «Nessuno di loro sapeva dire dove fosse l’errore».).
    Non è che forse tutta questa inquietitudine e fretta nel voler chiudere il caso dipende dal fatto che se l'esperimento di Ereditato si rivelasse vero allora significherebbe che una intera comunità scientifica mondiale in questi anni ha creduto ad una favoletta per fede o per imposizione ? Perchè se così fosse crollerebbe l'intero sistema accademico MONDIALE ! CROLLEREBBE L'INTERO SISTEMA ACCADEMICO BASATO SULLA FISICA MODERNA DI EINSTEN CHE SI E' SOSTITUITA A QUELLA NEWTONIANA !
    Forse è per tale ragione che si è impedito ad Ereditato di ripetere l'esperimento ?
    E chi sarà il suo sostituto che dirigerà le operazioni ?
    La storia insegna che quando si fanno scoperte rivoluzionarie l'establishment accademico dominante scatena le guerre di reazione : è sempre stato così

  4. #4
    hunger for more
    Data Registrazione
    22 Jun 2010
    Località
    Padania Libera
    Messaggi
    28,637
    Mentioned
    2004 Post(s)
    Tagged
    18 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: neutrini: le polemiche sull'esperimento del gran sasso

    Non mi sembra ci sia nulla di particolarmente scandaloso nel comportamento degli scienziati che hanno lavorato al progetto.
    Hanno misurato, osservato un dato anomalo e si sono chiesti: "E' giusto o è un errore?"
    Ed hanno invitato tutti a indagare, hanno indagato e probabilmente è un errore.
    Tutto qui.
    largodipalazzo likes this.
    Sent from my pigliolongù7

  5. #5
    paracadute zen
    Data Registrazione
    23 Feb 2011
    Messaggi
    10,543
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: neutrini: le polemiche sull'esperimento del gran sasso

    Citazione Originariamente Scritto da samba de amigo Visualizza Messaggio
    Non mi sembra ci sia nulla di particolarmente scandaloso nel comportamento degli scienziati che hanno lavorato al progetto.
    Hanno misurato, osservato un dato anomalo e si sono chiesti: "E' giusto o è un errore?"
    Ed hanno invitato tutti a indagare, hanno indagato e probabilmente è un errore.
    Tutto qui.
    Difatti è stata la grancassa mediatica di pseudogiornalisti che sanno ben poco a montare tutto l'ambaradan.
    Trollhunter delle 2 Sicilie.

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    06 Aug 2010
    Messaggi
    16,914
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: neutrini: le polemiche sull'esperimento del gran sasso

    Citazione Originariamente Scritto da samba de amigo Visualizza Messaggio
    Non mi sembra ci sia nulla di particolarmente scandaloso nel comportamento degli scienziati che hanno lavorato al progetto.
    Hanno misurato, osservato un dato anomalo e si sono chiesti: "E' giusto o è un errore?"
    Ed hanno invitato tutti a indagare, hanno indagato e probabilmente è un errore.
    Tutto qui.
    Giusto..........hanno messo in conto un eventuale errore...............e poi sapete chi non sbaglia mai?...Chi non fa nulla

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 92
    Ultimo Messaggio: 17-11-11, 01:11
  2. Considerazioni Attuali sulle Polemiche Pirriane
    Di occidentale nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 81
    Ultimo Messaggio: 27-01-10, 13:46
  3. Sulle recenti polemiche forumistiche
    Di Colombo da Priverno nel forum Cattolici
    Risposte: 75
    Ultimo Messaggio: 22-01-09, 19:46
  4. Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 05-12-05, 18:44
  5. Polemiche sulle elezioni
    Di L'Uomo Tigre nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 170
    Ultimo Messaggio: 22-06-03, 22:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226