Come da titolo, nella storia italiana è noto come colui che definì l'Italia un'espressione geografica, ma a parte questo, io personalmente ritengo che sia stato uno statista tutt'altro che mediocre, solo in ritardo sui tempi, era rimasto ancorato alla convinzione illuministica del "tutto per il popolo, niente per mezzo del popolo".