User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 44
  1. #1
    Individuo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    770
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'Immaginario della destra

    Dai "briganti" a Capitan Harlock
    L'immaginario di destra?
    Libertario da sempre

    di Luciano Lanna
    C´è un dato che in questi giorni di attenzione mediatica sull´identità e l´immaginario della destra italiana tende a sfuggire ai più. Ed è quello che riguarda l´essenza più propria di tutti gli autori, i filoni, le letture, le suggestioni, le icone che hanno sempre coinvolto l´universo umano e antropologico che si è collocato a
    destra. Un´essenza che, trasversalmente e in tutta la sua complessità, è senz´altro individuabile in una - spesso non rivendicata né sottolineata ma decisamente determinante, quasi fosse il vero comun denominatore di tutta una geografia dell´immaginario - matrice libertaria. Se ne è parlato recentemente in riferimento alla più profonda ispirazione del poeta americano Ezra Pound. E la stessa considerazione potrebbe essere fatta per la letteratura di Céline o di Hamsun, per il cinema di Sam Peckinpah, di John Milius o di Clint Eastwood, per i libri di Jack Kerouac o per la saga tolkieniana di Frodo Baggins, per un libro come Il gabbiano Jonathan Livingston o per le descrizioni di viaggio di Bruce Chatwin. Ma la stessa matrice - non altra - emergerebbe andando a rileggere i testi di Leo Longanesi o di Indro Montanelli, del giovane Papini e di Saint-Exupéry, di Marinetti o di Giuseppe Berto, o a rievocare l´avventura fiumana di Gabriele d´Annunzio o le epopee immaginifiche dei corsari, dei confederali americani o dei ribelli d´ogni sorta... Sino alla passione per Capitan Harlock o Braveheart...

    Pensiamo, solo per fare un esempio, a un autore come Erst Jünger. È stato lui a scrivere: «L´obbligo scolastico è, essenzialmente, un mezzo di castrazione della forza naturale, e di sfruttamento. Lo stesso vale per il servizio militare obbligatorio. Respingo come una scemenza l´obbligo scolastico, come ogni vincolo e ogni limitazione della libertà». Non solo. «L´importante per me resta è la libertà del singolo», spiegò lo scrittore tedesco già ultracentenario intervistato da Antonio Gnoli e Franco Volpi. E proprio in nome del singolo e contro il dilagare del collettivismo e delle burocrazie spersonalizzanti si era espressa quasi tutta la sua produzione letteraria e filosofica a partire dall´apologo anti-totalitario Sulle scogliere di marmo del 1939. Si tratta di riflessioni che Jünger continuerà negli anni Cinquanta e oltre. E non a caso un suo scritto - La ritirata nella foresta - apparirà, prima ancora di svilupparsi in un vero e proprio manuale di resistenza libertaria (tradotto in italiano come Il trattato del ribelle), sulla rivista statunitense Confluence nell´ambito di un seminario internazionale sulla minaccia totalitaria. Pubblicata in Italia nel ´57 dalle Edizioni di Comunità di Adriano Olivetti, l´antologia di quegli scritti vedrà, accanto a quello di Ernst Jünger, i nomi e le firme di Hanna Arendt, James Burnhan e Giorgio de Santillana. Un´ottima compagnia per uno scrittore di cui si tende invece a sottolinearne soltanto gli aspetti decadenti.

    Il fatto, purtroppo, è che soprattutto in Italia si è sempre avuto difficoltà a rendere pubblica e tematizzata quella via post-liberale e immaginifica alla libertà che, da sempre affascina, la destra. Come spiegare, d´altronde, il fatto che in Italia si sia equivocato sulla figura jüngeriana del Waldgänger (alla lettera "l´uomo-che-si-dà-alla-macchia", ovvero "colui che passa al bosco") con il termine di "ribelle" che di per sé evoca un atteggiamento troppo conflittuale, in realtà non coincidente con la prospettiva che Jünger voleva suggerire? Un qualcosa di analogo si è prodotto nella celebrazione letteraria e non solo della figura dei briganti, impedendo di farne emergere la vera matrice, che è profondamente libertaria.

    L´esempio migliore ci viene fornito da una ricorrenza. Ottant´anni fa, nel 1929, il futurista Bruno Corra, che aveva scritto assieme a Marinetti il Manifesto del teatro futurista sintetico, dava alle stampe uno dei primi romanzi che rendevano popolare a tutti gli effetti la figura del brigante: Il Passatore, pubblicato dalle edizioni Alpes di Milano e dedicato alla vicenda di Stefano Pelloni, un fuorilegge che imperversò tra il 1849 e il 1851 tra le province di Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì, tenendo in scacco le polizie austriache e pontificie. Ristampato nel 1945 da Garzanti, il libro ha avuto anche un´ultima edizione economica nel 1967. Ma sin dall´uscita fu un vero e proprio best seller. Lasciamo parlare direttamente il futurista Corra attraverso una pagina del libro: «L´ammirazione del popolo si rivolge ai ribelli. Di qui prende lo slancio, per questa situazione si rafforza la fama già leggendaria del Passatore. Il popolo che si morde le dita impotente sotto un intollerabile giogo, sente esprimersi nella gesta del fuorilegge il proprio bisogno di rivolta. L´uomo che sa tenere in iscacco la gendarmeria del papa e la soldataglia dei mangiasego croati, ha qualcosa di un eroe anche se è un brigante. E c´è di più. Questo bandito toglie il denaro ai ricchi per darlo ai poveri che lo aiutano. È un vendicatore, un giustiziere, un provvidenziale ridistributore dei beni del mondo. Sembra lo strumento inconsapevole di una veggente forza naturale».

    Corra racconta, infatti, di un fuorilegge che «accarezza i bambini. Se parla di sua madre e di sua sorella gli occhi gli s´inumidiscono. regala denari a manciate ai vecchi mendicanti. Soccorre le famiglie bisognose. Copre di gioielli le donne delle quali s´innamora». E quando parla della cinghia dei pantaloni del brigante la definisce, per via del coltello, «il preciso confine fra la parte giuridica e la parte libertaria della sua persona». E non mancano le analogie tra la coreografia di quei banditi della foresta e precise esperienze di lotta politica. Corra, infatti, definisce più volte "squadraccia" il gruppo dei masnadieri e così fa rivolgere il Passatore di fronte agli sbirri: «Ascoltate, servitori del Papa, leccapiedi dell´Austria, sottocoda degli svizzeri, berrettini da spie, giubbe da boia...». Sembrano riecheggiare le parole con cui Giuseppe Bottai descriveva lo stato d´animo della sua giovinezza da ardito e squadrista: «Io ero uno dei tanti: uno dei
    quattro milioni di reduci dalle trincee, un figlio del secolo che aveva fatti tutti democratici anticlericali e repubblicaneggianti: antiaustriaci e irredentisti esasperati in odio dell´Asburgo tiranno, bigotto e forcaiolo...». Vale la pena leggersi l´ultima lettera del Passatore immaginata da Corra: «Quando la riceverete - sono le parole del brigante - io sarò morto. Dite al mio babbo e alla mia mamma che Stefano Pelloni è morto a testa alta, senza una sola svanzica da parte. I denari che ho preso dalle tasche dei signori, li ho sempre passati nelle tasche dei signori. E io non avrei mai fatto questa vita infame, se non avessi trovato sulla mia strada un pretaccio velenoso e due porche spie!».

    Lo scrittore Raffaele Nigro che alla figura del bandito ha dedicato un eccezionale studio a tutto campo - Giustiziateli sul campo. Letteratura e banditismo da Robin Hood ai nostri giorni (Rizzoli, pp. 699, euro 26,00) - individua nell´epopea del Passatore un archetipo del ribelle nella nostra letteratura sin dall´Ottocento, spiegando che furono i pomotori del Risorgimento a farne un eroe: «Soprattutto Garibaldi, il più byroniano dei ribelli politici. Da New York, dove è fuggito per scampare alle minacce di morte, Garibaldi fa sapere agli italiani che Pelloni è un patriota e in questo modo instaura un clima di simpatia che durerà per tutto l´Ottocento e oltre, fino a Giovanni Pascoli che conierà in Romagna l´immagine dei brigante "cortese / re della strada, re della foresta"».

    Di questo intreccio tra ideali risorgimentali, rivolte generazionali otto-novecenteschi e mitologia del ribelle ha recentemnente scritto anche Marco Lodoli, paragonando, ad esempio, la vicenda dei fratelli Cairoli a quella del bandito Butch Cassidy. Parlando, infatti, della statua dei due eroi risorgimentali sul colle del Pincio, lo scrittore romano ha annotato: «Non so per quale strana assonanza, ma mi ricorda direttamente l´inquadratura finale del film Butch Cassidy, con Paul Newman e Robert Redford giovani e belli che tentano l´estrema sortita e l´immagine che si blocca mentre le mitragliatrici nemiche li sforacchiano senza pietà. Tutto è finito, eppure sembrano ancora muoversi verso una salvezza impossibile. Giovanni e Enrico Cairoli sono uno accanto all´altro, uno già caduto, l´altro con la pistola in mano, ferito, ma ancora pronto a combattere - sottolinea esplicitamente Marco Lodoli - per la libertà...».

    Per dirla tutta, la mitologia e l´iconografia del fuorilegge è tutt´altro che natura conservatrice o nostalgica: «Un vento pericoloso - osserva Nigro - invase le città d´Europa sin dal primo Ottocento. I giovani credono in Schiller, nella forza contestatrice che lo scrittore assegna ai banditi, molti si sono votati alla macchia e a un rischioso sovvertimento di valori. La filosofia del masnadiero impregna gli ideali della nuova società, è importante uscire dal contesto borghese e intervenire all´esterno per mutarne le regole. È una figura di contestatore ante litteram contro il quale si scatenato la società civile e la Chiesa». E il Novecento prosegue su questa strada, con il cinema che propone nuove figure di ribelli e fuorilegge che si aggiungono ai corsari e ai Masnadieri di Schiller: Zorro, la Primula Rossa, Robin Hood, Sandokan e i banditi della Malesia, i briganti meridionali di Carlo Alianello, i pirati di Tortuga con la bandiera col teschio incrociato, Butch Cassidy, Jessy James, Capitan Harlock... È la via immaginifica al libertarismo. Perché non prenderne atto?

    Articolo pubblicato sul Secolo del 21 marzo 2009

    Vagando su internet ho trovato questo articolo di Luciano Lanna apparso sul Secolo qualche mese fa,ed ho pensato potesse suscitare un dibattito circa la cultura e l'immaginario della destra. Io personalmente,anche quando professavo tesi molto reazionarie e clericali sono sempre stato spinto da una sorta di istinto anticonformista,e paradossalmente ho sempre esaltato il "sacro" con una vena altamente dissacratoria,volendo utilizzare un gioco di parole. Io infatti appena ho iniziato a masticare di politica,molto presto a dir la verità,sostenevo una sorta di inesistente "purezza" ideologica e culturale del fascismo,che individuavo nell'impresa di Fiume,nel Futurismo,nel sindacalismo rivoluzionario e nella RSI,insomma ero un "fascista di sinistra". Di queste tendenze mi piaceva,e per certi versi ancora mi affascina la sfrontatezza e la goliardia che animava i legionari fiumani e i primi squadristi,la consideravo l'unica vera rivoluzione possibile.In seguito,per reazione e perchè trovavo queste idee illustrate sopra una sorta di "surrogato" del comunismo,sono diventato un reazionario clericale demaistriano,esaltando la Chiesa,l'aristocrazia e l'ancient regime...Adesso dopo questa "odissea ideologica" mi trovo a soli diciott'anni ad oscillare tra tradizione e libertarismo individualista cercando ancora una precisa identità,però la mia indole è stata sempre quella dell'anticonformista,anzi del Waldganger Jungeriano...
    Me ne fregio !
    E.Petrolini

    Non mi dite che sono incoerente,perchè lo so già.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,543
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    beh,credimi Forfy che di diciottenni con le idee già chiare ce ne sono pochi in giro,quindi il tuo vagare ideale alla ricerca del tuo porto è assolutamente normale.
    spero solo che la frequentazione di questo spazio virtuale ti sia di qualche aiuto

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    Citazione Originariamente Scritto da Forfy Visualizza Messaggio
    Vagando su internet ho trovato questo articolo di Luciano Lanna apparso sul Secolo qualche mese fa,ed ho pensato potesse suscitare un dibattito circa la cultura e l'immaginario della destra. Io personalmente,anche quando professavo tesi molto reazionarie e clericali sono sempre stato spinto da una sorta di istinto anticonformista,e paradossalmente ho sempre esaltato il "sacro" con una vena altamente dissacratoria,volendo utilizzare un gioco di parole. Io infatti appena ho iniziato a masticare di politica,molto presto a dir la verità,sostenevo una sorta di inesistente "purezza" ideologica e culturale del fascismo,che individuavo nell'impresa di Fiume,nel Futurismo,nel sindacalismo rivoluzionario e nella RSI,insomma ero un "fascista di sinistra". Di queste tendenze mi piaceva,e per certi versi ancora mi affascina la sfrontatezza e la goliardia che animava i legionari fiumani e i primi squadristi,la consideravo l'unica vera rivoluzione possibile.In seguito,per reazione e perchè trovavo queste idee illustrate sopra una sorta di "surrogato" del comunismo,sono diventato un reazionario clericale demaistriano,esaltando la Chiesa,l'aristocrazia e l'ancient regime...Adesso dopo questa "odissea ideologica" mi trovo a soli diciott'anni ad oscillare tra tradizione e libertarismo individualista cercando ancora una precisa identità,però la mia indole è stata sempre quella dell'anticonformista,anzi del Waldganger Jungeriano...
    E' lo schifo contro cui mi sono sempre schierato. Generazioni di "destra" con una forma mentis di sinistra.

    In questo breve paragrafo c'è una sequenza di parole che andrebbero bandite (a destra):

    anarchico
    anticonformista
    ribelle
    rivoluzionario
    goliardico
    sindacalista
    sfrontato
    dissacratorio
    Fiume
    legionari
    squadristi
    fascismo
    futurismo
    RSI
    sinistra
    comunismo
    waldganger
    Juenger
    Luciano Lanna
    il Secolo d'Italia

    L'esercizio che propongo a tutti i "destri" è quello di non nominarle MAI PIU'.

  4. #4
    Vi tengo d'occhio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,117
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    Citazione Originariamente Scritto da Mr. Right Visualizza Messaggio
    E' lo schifo contro cui mi sono sempre schierato. Generazioni di "destra" con una forma mentis di sinistra.

    In questo breve paragrafo c'è una sequenza di parole che andrebbero bandite (a destra):

    anarchico
    anticonformista
    ribelle
    rivoluzionario
    goliardico
    sindacalista
    sfrontato
    dissacratorio
    Fiume
    legionari
    squadristi
    fascismo
    futurismo
    RSI
    sinistra
    comunismo
    waldganger
    Juenger
    Luciano Lanna
    il Secolo d'Italia

    L'esercizio che propongo a tutti i "destri" è quello di non nominarle MAI PIU'.

    Il termine "schifo" te lo potevi anche risparmiare. Comunque, visto che tu hai giustamente il diritto di scrivere ciò che vuoi, anch'io, e a quanto pare non solo io, mi sento in diritto di replicare e di farti notare qualche piccolo particolare. Tra le "schifezze" tu nomini- indegnamente- Junger,il futurismo,Fiume,l'Anticonformismo, l'Anarchismo Libertario e, non ultimo, quel Luciano Lanna che, fino a pochi mesi fa, era tra i personaggi, stando sempre a ciò che scrivevi, degni di stima in quanto membro di Fare Futuro. Tralascio quest'ultimo particolare, che la dice lunga sulla confusione che ti annebbia, ma non posso fare a meno di tutelare il mio percorso ideale, infangato da frasi sconsiderate ed irrispettose che non mi aspettavo potessero arrivare da te. Il delirio di onnipotenza porta a sconfinare, a cercare sempre di mantenere intatta la propria vanità culturale. Qui si è andati oltre. Nessuno fa apologia di Fascismo, di nazismo o tantomeno di comunismo, ci si confronta nel massimo rispetto, almeno fino a prima di questo tuo infelice post. Attenzione, la mia non è una critica al moderatore, bensì è una replica ad un intervento che, anche se l'avesse scritto pinco pallino, avrebbe sortito la stessa reazione. Qualche giorno fa rispondesti ad un mio post tracciando molto bene quello che -in parte- è il mio profilo politico; ora, a distanza di pochissimi giorni, mi trovo annoverato tra le " schifezze". Questo non lo accetto e te lo rispedisco con un bel "Me ne frego!" del tuo conservatorismo-fasullo- imbalsamato.
    NON VOTO NEL REALE,NON VOTO NEL VIRTUALE....GRAZIE!

  5. #5
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    71,051
    Mentioned
    1231 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    stavo rispondendo anch'io a Mr Right anche se in termini piu' moderati, ma non posso che quotare SMB: io non sono come Fini, certe cose non le rimuovo per sempre dal mio DNA, su certi ideali non ci passo su con la ruspa per abbracciare altre idelogie... Per chi poi? per la Palin? Una che non sa neanche situare l'Italia su una cartina geografica...certo lei ha fior di consulenti, sta a loro indirizzarla nella politica estera...a me non basta, per me è una rozza americana che ragiona col fucile che usa dall'elicottero per sterminare le povere alci, una che ha molta arroganza ma poche idee.
    Guai a chi mi tocca Fiume e l'Istria che per me sono pezzi di cuore, sono il ricordo
    incancellabile delle foibe e della ferocia umana, solo chi ha fatto il militare in Venezia Giulia puo' capire
    Perchè bandire l'anticonformismo?il rivoluzionario contro la rivoluzione strisciante alla quale assistiamo ogni giorno...
    Insomma bandire tutto cio' mi pare eccessivo

  6. #6
    Vi tengo d'occhio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,117
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    stavo rispondendo anch'io a Mr Right anche se in termini piu' moderati, ma non posso che quotare SMB: io non sono come Fini, certe cose non le rimuovo per sempre dal mio DNA, su certi ideali non ci passo su con la ruspa per abbracciare altre idelogie... Per chi poi? per la Palin? Una che non sa neanche situare l'Italia su una cartina geografica...certo lei ha fior di consulenti, sta a loro indirizzarla nella politica estera...a me non basta, per me è una rozza americana che ragiona col fucile che usa dall'elicottero per sterminare le povere alci, una che ha molta arroganza ma poche idee.
    Guai a chi mi tocca Fiume e l'Istria che per me sono pezzi di cuore, sono il ricordo
    incancellabile delle foibe e della ferocia umana, solo chi ha fatto il militare in Venezia Giulia puo' capire
    Perchè bandire l'anticonformismo?il rivoluzionario contro la rivoluzione strisciante alla quale assistiamo ogni giorno...
    Insomma bandire tutto cio' mi pare eccessivo

    "Termini più moderati"? Scusa Candido, ma ti sembra che qualcuno, pur non avendo una posizione politicamente corretta su questo forum si è mai permesso di insultare o di fare elenchi di proscrizione? Non vado avanti perchè ritengo opportuno che mr-right dica, se lo vorrà, la sua. Resta il fatto che lo scontro sull'idee mi sta benissimo, le offese mi fanno incazzare.
    NON VOTO NEL REALE,NON VOTO NEL VIRTUALE....GRAZIE!

  7. #7
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    71,051
    Mentioned
    1231 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    Citazione Originariamente Scritto da SMB Visualizza Messaggio
    "Termini più moderati"? Scusa Candido, ma ti sembra che qualcuno, pur non avendo una posizione politicamente corretta su questo forum si è mai permesso di insultare o di fare elenchi di proscrizione? Non vado avanti perchè ritengo opportuno che mr-right dica, se lo vorrà, la sua. Resta il fatto che lo scontro sull'idee mi sta benissimo, le offese mi fanno incazzare.
    no no infatti gli elenchi di proscrizione sono un errore, non è la prima volta che Mr Right si lascia prendere da una foga censoria che lo mette ad assomigliare piu' a un picconatore che a un conservatore, e questo è dovuto, credo, al fatto che egli si basa su articoli giornalistici, saggi, autori, insomma su umori del momento e non vedo ragionamenti sul medio-lungo termine. I termini piu' moderati ho deciso di usarli per non passare dalla parte del torto ma cio' non mi impedisce di pensarla come te
    Questo è tutto il limite di chi basa i suoi giudizi su una cultura giornalistica, appunto dove si afferma una cosa (in modo superficiale) il giorno prima, salvo poi dire il contrario il giorno dopo

    Ma poi chi è Luciano Lanna? mai sentito

  8. #8
    Iterum rudit leo
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    stavo rispondendo anch'io a Mr Right anche se in termini piu' moderati, ma non posso che quotare SMB: io non sono come Fini, certe cose non le rimuovo per sempre dal mio DNA, su certi ideali non ci passo su con la ruspa per abbracciare altre idelogie...
    Ma quali ideali? L'anarchia è un valore di destra? Lo è la rivoluzione? Il sindacalismo? La dissacrazione? Lo squadrismo? La Repubblica Sociale? Mr. Right ha perfettamente ragione nel sottolineare come questi "valori" non c'azzecchino nulla con la destra e/o con il conservatorismo.

  9. #9
    Vi tengo d'occhio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,117
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    Citazione Originariamente Scritto da krentak the Arising! Visualizza Messaggio
    Ma quali ideali? L'anarchia è un valore di destra? Lo è la rivoluzione? Il sindacalismo? La dissacrazione? Lo squadrismo? La Repubblica Sociale? Mr. Right ha perfettamente ragione nel sottolineare come questi "valori" non c'azzecchino nulla con la destra e/o con il conservatorismo.
    L'Anarchia non viene intesa come collocazione ideologica ma come semplice aggettivo, un termine che intende il rifiuto di un incasellamento in questo o in quel contenitore politico/partitico che tende a soffocare l'ideale.La rivoluzione, preferisco il termine "ribellione consapevole" , quindi non una ribellione di facciata, fine a se stessa, è una normale reazione ad un sopruso, ad un tentativo di annientamento fisico o ideale: un normale esercizio di libertà. Di esempi: Praga, il muro di Berlino, piazza Tienammen,la rivolta in Iran e molte altre manifestazioni simili non mi sembra possano essere catalogate come "schifezze". Il sindacalismo, per me che ho la P.Iva può non essere importante, per altri, magari sfruttati, mal pagati o che lavorano in condizioni di pericolo- lasciandoci pure la pelle- può essere una realtà importante e, come Libertario, ritengo inopportuna la sua collocazione tra le "schifezze". Lo squadrismo? Ha fatto parte di un periodo storico alla stregua della Repubblica Sociale di cui ha fatto parte mio padre. Ciò nonostante, figlio di un Fascista, non ho mai detto che un Partigiano facesse schifo e mai mi permetterei di dirlo. Una differenza di stile di non poco conto.
    NON VOTO NEL REALE,NON VOTO NEL VIRTUALE....GRAZIE!

  10. #10
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    71,051
    Mentioned
    1231 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: L'Immaginario della destra

    Krentak, non siamo nati in Oklahoma o nel centro dell'America beata, ignorante (nel senso che non conosce cio' che avviene fuori dai suoi confini) e senza radici, io le radici le ho e non le rinnego, soprattutto quando si parla di Fiume, di guerre sfortunate combattute senza illusioni ma con valore e senso del dovere, e di legionarismo, reazione diretta alle bande comuniste che volevano fare la rivoluzione sovietica in Italia, non me la sento nemmeno di rinnegare il fascismo, fino alla II guerra mondiale

    Nemmeno io da monarchico ci sto a seppellire la RSI e i loro combattenti mettendoli in serie B, se chiamato a fare il mio dovere anche e soprattutto in quelle circostanze, il mio dovere lo avrei fatto

    Non mi piacciono i decaloghi del politically correct, le cose da dire e quelle da pensare ma da non dire piu'

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il nemico immaginario
    Di Legionario nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-03-11, 00:23
  2. Un altro Gammarata immaginario
    Di Strapaesano nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-10-09, 11:40
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-12-07, 20:17
  4. Immaginario collettivo
    Di S. M. Ejzenstejn nel forum Hdemia
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 21-11-02, 00:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226