User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 66
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Conservatorismo e progressismo nella Chiesa Cattolica

    6 luglio 2009 (16:39) | Autore: Lawrence Sudbury


    La prima, fondamentale domanda che dobbiamo porci è: esistono una destra e una sinistra cattolica?

    Non è una domanda oziosa. Poche istituzioni al mondo possono dirsi così profondamente gerarchizzate come la Chiesa di Roma, strutturata, persino dal punto di vista politico, come l’ultima teocrazia al mondo[1]: naturale corollario di un tale assetto, oltre che aspetto connaturato in ogni sistema religioso, dovrebbe essere una pressoché totale monoliticità di pensiero.

    Eppure, se tale monoliticità sussiste certamente per quanto riguarda l’assunto catechetico formale ed ufficiale (pena l’accusa di eresia), da sempre la Chiesa appare dividersi su alcune questioni sociali di fondo, riguardo alle quali le gerarchie pontificie sembrano storicamente aver adottato una strategia che, entro limiti comunque ben determinati e tali da non toccare in profondità aspetti peculiari del magisterium teologico, permette un certo grado di libertà di coscienza del singolo[2].

    Non è, d’altra parte, una strategia stupefacente, ma si tratta, più che altro, di una consuetudine che risale addirittura alla politica di inglobamento ed esclusione medievale: in parole povere, di fronte al fiorire di movimenti di rinnovamento ecclesiastico successivi all’anno Mille, la Chiesa, da subito, adottò una netta distinzione tra quelle correnti di pensiero che, aspirando ad un sistema cattolico più vicino al popolo, non presentavano elementi tali da porre in discussione lo status quo e l’ordinamento dogmatico esistente e potevano, dunque, essere fruttuosamente inglobati in ambito ecclesiastico (valgano per tutti gli esempi del riconoscimento pontificio, comunque non così senza ostacoli, degli Ordini Francescano e Domenicano) e quelle correnti che, al contrario, per la loro radicalità che andava ad intaccare nuclei teologici portanti, dovevano essere bollate come eretiche ed escluse dal consesso cattolico[3] (con conseguente dannazione, sulla base della classica sentenza “Extra Ecclesiam nulla salus”, impropriamente attribuita a San Cipriano[4]).

    Inutile aggiungere che, nel corso dei secoli, una strategia di questo genere si è dimostrata a tratti notevolmente pericolosa, vuoi per la sottigliezza della distinzione tra ciò che è eretico e ciò che non lo è, vuoi per la indubbia corruzione di costumi che ha ammorbato la Chiesa per alcuni secoli e che ha portato a lungo il dogma al servizio di un privilegio che ben poco aveva di apostolico, tacciando ogni contestazione come “diabolica” e portando a scismi nel tempo divenuti pressoché insanabili[5].

    A rendere la questione ancora più caotica, si pongono le stesse definizioni di conservatorismo e di progressismo, non sempre così facilmente distinguibili, la posizione ondivaga, nel corso del tempo, di questo o quell’Ordine (come non pensare ai summenzionati Francescani e Domenicani, che saranno tra i protagonisti dell’Inquisizione?) e, soprattutto, le mille sfaccettature del pensiero del singolo, tali per cui lo stesso prelato o lo stesso teologo si possono presentare come “progressisti” riguardo a certi aspetti e “conservatori” rispetto ad altri.

    Tenendo conto che la Chiesa Cattolica, come praticamente ogni altra Chiesa, ha, quasi istituzionalmente, se non l’obbligo, certamente la tendenza a manifestare un certo grado di conservatorismo tradizionalista, ritenendosi depositaria di valori assoluti e immutabili nel tempo[6], le maggiori difficoltà sembrano svilupparsi nel tentativo di focalizzare l’attenzione sul ramo “progressista” dell’Istituzione ecclesiastica.

    In questo senso, al di là di quanto detto riguardo ad una sorta di “continuum” della presenza di nuclei progressisti all’interno della Chiesa lungo praticamente tutta la sua storia, possiamo tentare di identificare lo sviluppo di una vera e propria corrente progressista più unitaria solo a partire dalla fine del XIX secolo[7].

    Tale nascita è, a prescindere dal pensiero del singolo, in qualche modo, una vera e propria necessità, dettata dalle condizioni non certo ideali in cui la Chiesa cattolica si viene a trovare: la Santa Sede ha perso la sua autorità nella politica internazionale e le sue sanzioni verso gli Stati non vengono neppure prese in considerazione, il Papato non ha praticamente più potere temporale dopo l’annessione dello Stato Pontificio al Regno d’Italia e ovunque leggi laicizzanti privano il clero di mezzi di sostentamento.

    Soprattutto, la società sta cambiando con una velocità impressionante: i nuovi valori dominanti sono la libertà, lo sviluppo scientifico, la redenzione sociale del proletariato. La Chiesa, almeno fino al termine del pontificato di Pio IX (1878) ma anche oltre, fa fatica ad adeguarsi a questa nuova temperie spirituale: si allea con i governanti più conservatori (da Francesco Giuseppe in Austria a Napoleone III in Francia), cerca di trincerarsi dietro proibizioni anacronistiche e guarda con sospetto ad ogni progresso scientifico, denuncia lo sviluppo del socialismo e parla al popolo di rassegnazione[8].

    Vi sono, è vero, tentativi di adeguamento alla nuova temperie culturale, ma si tratta, in fondo, di rinnovamenti dettati soprattutto dalla necessità di mantenere un minimo di potere tradizionale: così è per la fine dell’alleanza giurisdizionalista tra stati e Chiesa dettata dalla Costituzione Apostolica Commissum Nobis di Pio X, che sancisce la totale indipendenza ecclesiastica nella nomina dei prelati e nell’assunzione di qualunque posizione politica; così è per la fine del gallicanesimo derivante dallo sviluppo dell’“Ultramontanismo”, la corrente, nata dagli scritti di De Maistre e Lamennais, che inneggia alla centralità del Papato e alla sua preminenza sul senso di appartenenza alla comunità dei fedeli locale o nazionale; così è, infine, per il miglioramento della preparazione sacerdotale, diretta conseguenza, però, di un netto decremento delle vocazioni, spesso provocato proprio dal distacco tra Chiesa e società civile e dai conseguenti minor appetibilità e minor prestigio sociale di una carriera ecclesiastica[9].

    Di fatto, con questa situazione, ciò che appare più evidente è che il solco tra Istituzione e fedeli si va facendo sempre più profondo.

    Da più parti, l’arroccamento conservatore dei vertici cattolici comincia ad essere criticato e assolutamente fondamentale nello sviluppo di una nuova capacità di visione da parte della Chiesa appare il sempre più massiccio intervento, inizialmente mal visto dalla Santa Sede e considerato una indebita ingerenza, del laicato cattolico sia nel dibattito sulla posizione della Chiesa che, direttamente nella vita politica e sociale delle nazioni europee. In questo senso, nascono in Italia, Francia e Germania tutta una serie i gruppi laicali con fini assistenziali e culturali, dalla “Conferenza di San Vincenzo” alla “Società per la Propagazione della Fede”, alla “Borromausverein” per la diffusione della stampa sacra, dai “Congressi Cattolici” all’“Azione Cattolica” e alla “Società della Gioventù Cattolica”, ma, soprattutto, cominciano a sorgere in tutta Europa partiti politici di ispirazione cattolica (ma indipendenti dal Vaticano, come le scelte strategiche, ad esempio, del “Zentrum” di Windthorst in Germania proveranno ampiamente, con il rifiuto di appoggiare, come richiesto dal papa, il cancelliere Bismarck), decisivi tanto nell’opporsi contro l’integralismo di una gerarchia ecclesiastica che sognava il ritorno alla teocrazia, quanto nel combattere l’aconfessionalismo imperante in campo politico[10].

    Lo sviluppo di tali gruppi, con la loro critica anche diretta alle posizioni sociali più retrive del mondo ecclesiastico, riesce, in parte, a riavvicinare i laici alla Chiesa, sebbene tutte le associazioni e i partiti sorti a fine ‘800 abbiano in comune l’essere prettamente espressione del ceto borghese[11].

    La grande partita, quella che riguarda lo sterminato proletariato urbano e rurale, deve ancora essere giocata. Il progresso industriale tra fine XIX e inizio XX secolo, infatti, sta portando ad uno sfaldamento sociale senza precedenti, con una forbice che si divarica sempre di più tra una esigua minoranza che si arricchisce ed una massa indigente e oppressa da orari di lavoro massacranti, salari al limite della sopravvivenza, sfruttamento del lavoro minorile e femminile e, a fronte di condizioni igieniche pessime, completa mancanza di sicurezza sociale di fronte a infortuni e malattie.

    E’ su queste basi che si genera quella che passerà alla storia come “Questione Sociale”, di cui, senza dubbio, i cattolici presero coscienza piuttosto tardivamente rispetto a filosofi quali Saint-Simon, Fourier, Pierre Proudhon e Karl Marx[12].

    Restando su linee molto generali, possiamo parlare di due macro-tendenze che si svilupparono nel mondo cattolico di fronte al problema delle “masse diseredate”: da un lato troviamo gran parte del clero che, pur fornendo un certo livello di aiuto caritativo, esorta alla rassegnazione, all’accettazione della povertà e alla non sovversione dello status quo (in particolare in funzione anti-socialista); dall’altro, assistiamo, nell’ultimo quarto dell’‘800, da parte di alcune associazioni, ad una maturazione da un’azione marcatamente paternalistica ad un riconoscimento e una difesa dei diritti dell’operaio[13] (indicativo, in questo senso, ad esempio, il cambio di denominazione della II Sezione dell’“Opera dei Congressi” dal “Sezione della Carità” del 1874 al “Sezione dell’Economia Sociale Cristiana” del 1887[14]).

    In effetti, però, gran parte delle gerarchie cattoliche continuò a mantenere la linea conservatrice che le era sempre stata propria. Sulla concezione della fatalità della miseria e dell’utopicità di ogni desiderio di cambiamento pesavano molti fattori, dalla paura dello “spettro comunista” ad una lettura spiritualista del messaggio cristiano, dal pessimismo che vedeva la giustizia sociale come realtà ultraterrena al messaggio dell’accettazione della “croce quotidiana” e appare fondamentalmente logico che i documenti pontifici di fine XIX secolo si muovano principalmente in direzione di una condanna del marxismo e di una difesa della proprietà privata, unite all’esortazione alla “cristiana rassegnazione” (così Pio IX nella Qui Pluribus, nella Quanta Cura e nel Sillabo del 1864 e Leone XIII nella Quod Apostolici Muneris, nella Auspicato Concessum e, ancora nel 1901, nella Graves de Communi Re)[15].

    A poco a poco, però, le istanze sociali stavano facendo sempre più breccia nel pensiero degli intellettuali cattolici. Le premesse esistevano da tempo: già nel 1848, sulla rivista cattolica francese “Ere nouvelle”, Lacordaire, Maret e Ozanam avevano tracciato un programma sociale (quasi scandaloso per i tempi) che toccava punti quali la difesa delle fasce deboli, l’associazionismo operaio, lo sviluppo di comitati di fabbrica e, negli anni ’50, la gesuita “Civiltà Cattolica”, pur con toni a tratti ancora paternalistici, aveva trattato della subordinazione dell’economia alla morale, della necessità dell’intervento statale nelle questioni economiche e dell’importanza dell’associazionismo professionale[16].

    Fu, però, la rivolta parigina del 1871 a dare la spinta al movimento progressista cattolico per intensificare la sua opera, da un lato a causa del chiaro montare del malessere sociale, dall’altro per il rischio concreto di perdere le masse, sempre più attratte dal messaggio socialista.

    Così, in Austria, Karl von Vogelsang, pubblica le Tesi di Haid (1883), orientate ad un deciso corporativismo, in Italia Giuseppe Toniolo organizza l’“Unione Cattolica per gli Studi Sociali” (1889), negli Stati Uniti, il cardinal Gibbons difende i Cavalieri del Lavoro, uno tra i primi sindacati cristiani (1889) e in Inghilterra, il cardinal Manning scende addirittura in piazza a difesa dei diritti dei lavoratori irlandesi (1889)[17].

    Fu questa presa di coscienza del mondo cattolico a spingere papa Leone XIII a dare alle stampe quella che si proponeva di essere la voce definitiva della Chiesa in materia di questione sociale: l’enciclica Rerum Novarum (1891). L’insegnamento del papa si articolava su quattro punti fondamentali:

    - esiste un diritto naturale alla proprietà privata, ma essa deve avere anche funzione sociale;

    - lo Stato deve promuovere il benessere pubblico e privato, ma la sua azione deve essere limitata;

    - gli operai hanno doveri verso il datore di lavoro, ma devono ricevere un giusto salario;

    - quello di lotta di classe è un concetto erroneo, ma gli operai hanno il diritto di associarsi per difendere i loro diritti.

    Come è possibile notare, quella di Leone XIII è, in buona sostanza, una sorta di soluzione compromissoria in cui si tenta, come era logico aspettarsi dal capo di una Chiesa “universale”, di salvare sia il rapporto con la borghesia imprenditoriale, sia quello con le masse proletarie[18].

    Non sarebbe corretto dire che il compromesso finì per scontentare tutti: in realtà si trattava di una “via mediana” che si proponeva come soluzione di sintesi tra le istanze contrapposte di imprenditori e salariati e, come tale, fu accolta da gran parte dei fedeli e del clero. Certo, però, cercando di far salve tutte le parti in gioco, finì, indubbiamente per scontentare molti, soprattutto tra quelli che vedevano, secondo una tendenza sviluppatasi fin dalle origini (sulla base del “Discorso della Montagna”) e, come si è accennato, già ben delineata fin dal periodo medievale, la Chiesa come Istituzione povera per i poveri[19].

    Nel frattempo, però, anche altri problemi stavano dividendo le posizioni ecclesiastiche, molti dei quali con origini che risalivano ben addietro nei secoli. E’, ad esempio, il caso del razionalismo, sviluppatosi in periodo illuminista, che, in campo religioso, aveva dato vita all’attacco critico – deista al concetto cristiano di Divinità e religione, provocando, nel XIX secolo, il diffondersi a livello popolare di concetti relativamente nuovi (o meglio, nuovi in termini di diffusione, essendo prima riservati normalmente allo strato più intellettuale dalla società) quali quelli di ateismo e agnosticismo e la messa in discussione delle autorità tradizionali, inclusa quella ecclesiastica.

    La Chiesa rispose come era da secoli stata abituata a fare, arroccandosi sulle sue posizioni tomiste – neoscolastiche e rifiutando a priori qualsiasi approccio scientifico allo studio biblico-teologico.

    Ne derivò uno scontro ideologico che investì in pieno il già problematico (si pensi al processo galileiano) rapporto tra fede e scienza. Se il metodo scientifico, infatti, richiedeva la verifica di ogni dato e la negazione di ogni “ipse dixit”, l’applicazione di tale metodo in campo religioso non poteva che risultare fortemente discutibile, dividendo il popolo tra chi considerava la fede come definitivamente superata, chi si trincerava dietro il concetto di “inerranza biblica” (ad esempio i creazionisti) e chi, in realtà una minoranza (sebbene non esigua), tentava una via di dialogo, affermando la diversità di piani tra i due ambiti.

    Un altro campo che subì pesantemente l’influsso della disputa fede – ragione fu certamente quello filologico e della critica storica: se il filologo biblico o lo storico della Chiesa non ragionano più in termini di “auctoritas” ma di analisi delle fonti, il naturale corollario di questo atteggiamento non può che essere la messa in discussione (in senso negativo o positivo a seconda dei casi e delle situazioni) del “Magisterium” e, allorché ciò accade anche dall’interno della Chiesa stessa, il rischio diventa quello della perdita della stessa “auctoritas” su cui si fonda l’Istituzione ecclesiastica, che reagisce di conseguenza, spesso irrigidendo i propri criteri d’analisi tradizionali[20].

    Risulta quasi consequenziale, con la caduta delle grandi certezze della fede, che si insinui, sempre più in profondità nella società, un certo relativismo religioso: la religione viene vista come una scelta personale effettuabile all’interno di un vasto orizzonte determinato dal pluralismo culturale e religioso. Anche in questo caso, non si tratta di una novità assoluta: già in periodo riformista il “latitudinarismo” era stato una opzione scelta da nuclei ristretti di intellettuali post-umanisti. Qui, però, siamo di fronte ad una manifestazione ben più radicale: non più la visione di ogni fede come voce diversa dello stesso Dio, ma la possibilità di scegliere, tra le fedi esistenti, quella più confacente al proprio pensiero, se non, addirittura, di costruirsene una personale. L’altro lato della medaglia è, però, la nuova possibilità di un dialogo tra religioni, di un confronto costruttivo e dell’abbattimento di barriere ormai secolari[21].

    Questione sociale, rapporto fede – ragione, rapporto tra fedi: ecco, dunque, i grandi temi con cui la Chiesa si deve confrontare nel XX secolo e che dividono la società cattolica.

    L’Istituzione ecclesiastica non può prescindere da essi e, soprattutto, non può prescindere da un confronto serrato con una società profondamente mutata e, ormai, disancorata da valori religiosi che troppo spesso, anche a seguito ai disastri delle due guerre mondiali, appaiono superati e discutibili.

    E’ da questo humus che scaturisce la necessità di un profondo rinnovamento della Chiesa, che, per la prima volta, vede gli elementi progressisti del clero agire alla pari con gli elementi più conservatori. Il centro di questo rinnovamento è un Concilio, il Vaticano II, che, promosso da Giovanni XXIII, quello che avrebbe dovuto essere un “papa di transizione”, segnerà una svolta significativa del corpus cattolico e che, paradossalmente, fa da contraltare, nell’arco di poco più di cento anni, ad un altro Concilio, il Vaticano I, massima esaltazione (fatte salve alcune aperture verso i laici) della chiusura tradizionalista della Chiesa: come il Concilio Vaticano I aveva ribadito e rafforzato (ad esempio con la questione dell’infallibilità papale) il ruolo autocratico del papato, avendo come corollario, nell’arco di pochi anni, la condanna di ogni forma di Modernismo da parte di una Curia rinvigorita dalla riaffermazione di principi conservatori, così, ora (l’apertura ufficiale dei lavori è del 1962), il Concilio Vaticano II, doveva gettare le fondamenta per la costruzione di una “nuova Chiesa”, più vicina alla gente e più immersa nella realtà effettuale del mondo.

    Si diceva che, questa volta, gli elementi più progressisti della gerarchia riescono ad ottenere il sopravvento, ma non senza una strenua opposizione delle schiere conservatrici che, a conti fatti, risultano però perdenti.

    Al termine del Concilio (sotto papa Paolo VI, nel 1965), infatti, i documenti prodotti (4 Costituzioni, 9 Decreti e 3 Dichiarazioni) segnano una vera e propria rivoluzione copernicana del Cattolicesimo. Tra l’altro, al loro interno, si afferma:

    - la possibilità di ricerca scientifica sui testi biblici e la traduzione di tali testi in tutte le lingue vive possibili (Costituzione Dei Verbum);

    - il riconoscimento delle lingue “volgari” (cioè quelle parlate dal popolo) come adatte alle celebrazioni sacramentali (Costituzione Sacrosanctum Concilium);

    - la necessità di ripensare le struttura gerarchica della Chiesa, dando una sempre maggiore centralità al laicato, chiamato ad un “sacerdozio comune dei fedeli” (Costituzione Lumen Gentium) e ad un apostolato non radicalmente diverso da quello degli ecclesiastici (Decreto Apostolicam Actuositatem);

    - la presenza di “semi di verità” in tutte le Chiese cristiane (Decreto Unitatis Redintegratio), il ruolo di ogni religione nell’elevazione morale dell’uomo (Dichiarazione Nostra Aetate) e la correttezza del principio di libertà religiosa per ogni essere umano (Dichiarazione Dignitatis Humanae);

    - l’obbligatorietà per la Chiesa di aprire un proficuo confronto con il mondo e con la cultura in tutte le sue specificazioni (Costituzione Gaudium et Spes)[22].

    Insomma, il termine del Concilio poteva segnare una schiacciante vittoria dell’ala progressista su quella conservatrice, ma ciò fu vero solo in parte.

    Anche senza tener conto delle resistenze (fino alla scissione dei Lefebvriani) delle ali conservatrici più oltranziste, il grande problema delle scelte progressiste del Concilio era quello di aver dato la stura ad una ridda di manifestazioni di rinnovamento che, spesso poco incanalate da documenti di principio che lasciavano ampio spazio alla libera interpretazione, in molte occasioni travalicavano ampiamente il dettato conciliare, per sfociare in espressioni al limite (e spesso anche oltre tale limite) dell’eresia, con allontanamenti di varia natura dalla corretta Dottrina, nuove trincee tra difensori dell’ortodossia tradizionalista e propugnatori di una visione più liberale e massime gerarchie ecclesiastiche impegnate, nel tentativo di porre un freno a fenomeni ritenuti eversivi, a re-incanalare la prassi cattolica all’interno di percorsi più determinati, anche a costo di ritornare a teorizzazioni conservatrici o di criticare più o meno apertamente alcuni risultati del Concilio stesso[23].

    Allo stato attuale, le grandi tematiche di dibattito tra le due ali della Chiesa, sono, sebbene in forme diverse e a tratti più radicali, le stesse di cui si è già fatta menzione (giustizia sociale e liberazione delle classi più povere dallo sfruttamento, sempre maggiore sforzo per l’ecumenismo tra Chiese cristiane e per il dialogo tra religioni, libertà di coscienza per gli scienziati cattolici, etc.) e nuove sembrano, nel tempo, essersene aggiunte, fra le quali possiamo ricordare:

    - l’apertura al “sacerdozio mariano” (o femminile);

    - l’apertura all’ordinazione degli sposati;

    - la libertà sacramentale per divorziati e risposati;

    - la possibilità di pianificazione familiare attraverso metodi contraccettivi;

    - la richiesta di maggiore democraticità all’interno della Chiesa;

    - l’accettazione dell’ omosessualità come dato naturale;

    - il pacifismo totale e ad oltranza[24].

    Insomma, la distinzione tra una “destra” e una “sinistra” cattolica sembra essere tutt’altro che superata e, anzi appare oggi più viva che mai. Naturalmente, come sempre, la capacità della Chiesa di non chiudersi a riccio in difesa dello status quo da un lato e la capacità dei rami più attenti all’evoluzione del pensiero sociale di affrontare i temi socialmente più pressanti senza creare fratture infruttuose, saranno le grandi variabili del futuro e, soprattutto, le grandi discriminanti che distingueranno tra progressismo interno alla comunità ecclesiastica ed eresia.



    --------------------------------------------------------------------------------

    [1] Così risulta lo Stato della Città del Vaticano in The CIA World Fact Book 2009, Skyline Publishing 2008, p. 461

    [2] E.Norman, The Roman Catholic Church: An Illustrated History, University of California Press 2007, p.14

    [3] Ivi, pp.94-95

    [4] J. Carroll, Practicing Catholic, Houghton Mifflin Harcourt 2009, p.24

    [5] J. Vidmar, The Catholic Church through the Ages: A History, Paulist Press 2005, pp. 147 ss.

    [6] J. Carroll, Citato, p.18

    [7] A. Freedback, The Catholich Church Between XVIII and XIX Century, Valman Publishing 2004, pp. 97 ss.

    [8] Ivi, pp. 103 ss.

    [9] J. Vidmar, Citato, pp. 208ss.

    [10] J. H. Fichter, Christianity: An Outline of Dogmatic Theology for Laymen, B. Herder Book Co. 1947, pp. 11-16

    [11] F.H. Mueller, The Church and the Social Question, AEI Press 1987, p. 74

    [12] Ivi, pp. 79-80

    [13] Ivi, passim

    [14] G. M. Guazzetti, Il Movimento Cattolico Italiano dall’Unità ad Oggi, Loffredo 1980, p. 91

    [15] F.H. Mueller, Citato, pp. 83ss

    [16] Ivi

    [17] Ivi, pp.86-87

    [18] G. Weigel, R. Royal, A Century of Catholic Social Thought: Essays on “Rerum Novarum” and Other Key Documents, Ethics & Public Policy Center Inc. 1991, pp. 18-93 passim

    [19] D. O’Leary, Roman Catholicism and Modern Science: A History, Continuum International Publishing Group Ltd. 2006, passim

    [20] J. Vidmar, Citato, pp. 178ss

    [21] P. Trower, The Catholic Church and the Counter Faith: A Study of the Roots of Modern Secularism, Relativism and de-Christianisation, Family Publications 2006, pp. 9 ss.

    [22] M. L. Lamb, M. Levering , Vatican II: Renewal within Tradition, Oxford University Press 2008, passim

    [23] R. Durante, Catholicism Today: the Challange of the Future, Irving Books 2008, pp. 11-21

    [24] Ivi, passim



    Lawrence Sudbury
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservare, non ricreare
    Data Registrazione
    01 Jun 2009
    Messaggi
    1,509
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    La sinistra ecclesiastica è eretica. Punto. Le loro istanze vanno sia contro il Santo Magistero, sia contro la Bibbia. Come possono i pacifisti giudicare le guerre di re Saul? Come possono gli amorevoli e caritatevoli difensori dei sodomiti rispondere al Levitico? E non si dica che quella era vecchia legge, perchè ogni cattolico che abbia fede non può perdurare nel suo stato di vizio. Non ci si salva con le sole opere, è vero, ci si salva con la Fede. Ma la Fede porta con sè le opere.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    594
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Il "fiume" chiesa si è diviso in passato e continuerà a farlo finché i suoi rivoli saranno talmente piccoli che si seccheranno del tutto, finalmente

    Rendetevene conto, il futuro sarà senza chiesa:

    - Le vocazioni stanno a zero, i giovani europei non vogliono passare una vita di castità forzata rinunciando a tutto, in più non esiste l'obbligo di mandare i figli a studiare in seminario, come avveniva nei secoli passati per motivi politici o per mancanza di denaro per i più poveri; anche questo ha ridotto notevolmente il vivaio, tanto che ormai sono costretti a lanciarsi sui negri per avere nuove leve :sofico:

    - Le chiese sono sempre più vuote, il messaggio che lanciano è inadeguato alla situazione sociale attuale, è vuoto, vago e contraddittorio.

    - La chiesa si è macchiata nei secoli di crimini esecrabili sotto ogni punto di vista, da quello umano a quello spirituale, qualunque Uomo che si ritenga degno evita perciò di avere contatti con istituzioni così marce e corrotte.

    - La chiesa è corrotta dal potere e dal denaro, questo è ora giustamente risaputo, nei secoli passati il popolo ignorante accettava supinamente questa condizione e non si poneva il problema del perché la chiesa dovesse essere ricca; oggi le cose non sono così e la chiesa con i suoi denari e le sue ricchezze fa venire il voltastomaco alla gente.

    - La chiesa è stata fondata da un ebreo e i semiti non hanno nulla a che spartire con le popolazioni europee, ne per sangue, ne per suolo, ne per cultura. La religione cristiana va bene solo per i semiti, lì è nata, lì deve tornare, se la vogliono.
    Ty fian dwma fiatua! - Sono un uomo libero, abitante di una nazione libera! - Dumnorix

    Se roma desidera dominare il mondo, questo vuol forse dire che tutti vogliano esserne suoi schiavi? - Caratacos

    9 Giorni, 9 Rune, 9 Virtù

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,701
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Citazione Originariamente Scritto da Gaesate Visualizza Messaggio
    - La chiesa è stata fondata da un ebreo e i semiti non hanno nulla a che spartire con le popolazioni europee, ne per sangue, ne per suolo, ne per cultura. La religione cristiana va bene solo per i semiti, lì è nata, lì deve tornare, se la vogliono.
    Vedrai che adesso qualcuno verrà a dirti che il Signore Gesù Cristo L'iddio domiciliato in Galilea senza nemmeno P.I. ha stabilito che in Europa dovessero andarci a finire le stirpi o la stirpe di IAFET che è super ariano puro prima scelta e tutto ciò che vi era presente prima era "irreale e menzognero" e che gli Europei adoravano idoli barbari,le fonti,gli alberi,i sandali no però!

  5. #5
    Conservare, non ricreare
    Data Registrazione
    01 Jun 2009
    Messaggi
    1,509
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Non ti preoccupare, caro Gaesate, che Talamone arriverà per tutti i paganuzzi come te, proprio quando meno ve l'aspetterete. Continua pure a far raduni nel drunemeton coi tuoi druidi, che alla Chiesa ci pensa Dio, che l'ha fondata, e che giudicherà tutti nell'ultimo giorno. Quelli che tu chiami "crimini" erano fatti per amore del peccatore, per impedire che desse cattivi esempi agli altri, e che peggiorasse la propria situazione di fronte a Colui che tutti giudicherà. Il denaro è necessario proprio per risollevarsi in momenti come questo, e non preoccuparti che accadrà. E poi, dimentichi solo duemila anni di storia, caro erede di Dumnorige, in cui i popoli bianchi e la Chiesa hanno formato un'entità sola. Una traccia ben maggiore rispetto a quella lasciata dai tuoi amati Celti, che in Irlanda son stati ben felici di convertirsi dal primo istante.

  6. #6
    Conservare, non ricreare
    Data Registrazione
    01 Jun 2009
    Messaggi
    1,509
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Citazione Originariamente Scritto da Arthur Machen Visualizza Messaggio
    Vedrai che adesso qualcuno verrà a dirti che il Signore Gesù Cristo L'iddio domiciliato in Galilea senza nemmeno P.I. ha stabilito che in Europa dovessero andarci a finire le stirpi o la stirpe di IAFET che è super ariano puro prima scelta e tutto ciò che vi era presente prima era "irreale e menzognero" e che gli Europei adoravano idoli barbari,le fonti,gli alberi,i sandali no però!
    Bravo, hai il dono della preveggenza. Forse i libri di Evola funzionano...
    :sofico:

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    594
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Citazione Originariamente Scritto da Arthur Machen Visualizza Messaggio
    Vedrai che adesso qualcuno verrà a dirti che il Signore Gesù Cristo L'iddio domiciliato in Galilea senza nemmeno P.I. ha stabilito che in Europa dovessero andarci a finire le stirpi o la stirpe di IAFET che è super ariano puro prima scelta e tutto ciò che vi era presente prima era "irreale e menzognero" e che gli Europei adoravano idoli barbari,le fonti,gli alberi,i sandali no però!
    Facile, chi lo farà purtroppo non si rende conto della contraddizione insita in tutto ciò, che non si può essere per l'Europa delle Tradizioni Volkish e nel contempo essere cristiani, perché il cristianesimo è una importazione levantina come tutte le altre religioni post-pagane, ed è un dato di fatto storico.
    Ty fian dwma fiatua! - Sono un uomo libero, abitante di una nazione libera! - Dumnorix

    Se roma desidera dominare il mondo, questo vuol forse dire che tutti vogliano esserne suoi schiavi? - Caratacos

    9 Giorni, 9 Rune, 9 Virtù

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    594
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe Colombo Visualizza Messaggio
    Non ti preoccupare, caro Gaesate, che Talamone arriverà per tutti i paganuzzi come te, proprio quando meno ve l'aspetterete.
    ostridicolo: ma magari, almeno si vedrebbe qualcosa di nuovo ogni tanto

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe Colombo Visualizza Messaggio
    Continua pure a far raduni nel drunemeton coi tuoi druidi, che alla Chiesa ci pensa Dio, che l'ha fondata, e che giudicherà tutti nell'ultimo giorno.
    Fossi di religione druidica li farei, solo che preferisco fare da solo senza religioni organizzate, godendomi la Natura che mi circonda senza bisogno di rinchiudermi in 4 mura a forma di croce. Ricorda che anche tu verrai giudicato, uomo avvisato mezzo salvato e un'altra cosa: "Guarda la trave nel tuo occhio invece della pagliuzza in quello del tuo fratello" che tradotto per i tempi moderni sarebbe: "Pensa ai cavoli tuoi e non rompere" :sofico:

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe Colombo Visualizza Messaggio
    Quelli che tu chiami "crimini" erano fatti per amore del peccatore, per impedire che desse cattivi esempi agli altri, e che peggiorasse la propria situazione di fronte a Colui che tutti giudicherà.
    Ecco, tu sei proprio l'esempio principe che cercavo, quando trovo uno come te, la prima cosa che mi piacerebbe che ci fosse a questo mondo sarebbe l'Inquisizione e la possibilità di fare denunce anonime, come nei "bei vecchi tempi", tu saresti tra i tanti che denuncerei; così potresti provare sulla tua pelle, grazie a me, le gioie e le meraviglie che "santa madre chiesa" ha riposto in serbo per te e quelli come te

    E ti ricordo per la seconda volta, anche tu sarai giudicato.

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe Colombo Visualizza Messaggio
    Il denaro è necessario proprio per risollevarsi in momenti come questo, e non preoccuparti che accadrà.
    La chiesa dovrebbe essere povera per essere morale, ma stai tranquillo che ci penseremo noi a renderla inoffensiva del tutto, già ci stiamo riuscendo ora, tra qualche decennio sarà solo un vago ricordo, una storiella per bambini, poi una leggenda e infine il nulla.

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe Colombo Visualizza Messaggio
    E poi, dimentichi solo duemila anni di storia, caro erede di Dumnorige, in cui i popoli bianchi e la Chiesa hanno formato un'entità sola. Una traccia ben maggiore rispetto a quella lasciata dai tuoi amati Celti, che in Irlanda son stati ben felici di convertirsi dal primo istante.
    Io almeno posso dire di essere bianco e di razza puramente europea, non ho nell'anima un piccolo semita pavido e traditore come invece risiede nei cristiani :sofico:
    Senza dimenticare che tutte le chiese cristiane sono state edificate in luoghi dove prima si ergevano maestosi i templi delle VERE religioni EUROPEE, vi faremo pagare pure l'ICI arretrato di 2000 anni :sofico:
    Ty fian dwma fiatua! - Sono un uomo libero, abitante di una nazione libera! - Dumnorix

    Se roma desidera dominare il mondo, questo vuol forse dire che tutti vogliano esserne suoi schiavi? - Caratacos

    9 Giorni, 9 Rune, 9 Virtù

  9. #9
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    54,046
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    È tipico della roma papalina dividersi sempre in due, fra destra e sinistra; in tal modo, chiunque vinca, "loro" ci sono sempre.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,701
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Alla destra e alla sinistra del Padre.

    Citazione Originariamente Scritto da Gaesate Visualizza Messaggio
    Facile, chi lo farà purtroppo non si rende conto della contraddizione insita in tutto ciò, che non si può essere per l'Europa delle Tradizioni Volkish e nel contempo essere cristiani, perché il cristianesimo è una importazione levantina come tutte le altre religioni post-pagane, ed è un dato di fatto storico.
    Si,la penso anchio cosi,e ancora una volta saluto e ringrazio il grandissimo Giorgio Locchi e quello splendido cenacolo culturale della nouvelle droite,almeno fino a fine anni 60 primi anni 70,poi si sono deteriorati e hanno terminato,almeno De Benoist, nel terzomondismo,comunque le basi dottrinarie che ci hanno saputo dare sono potentissime e nessuna barbarie siriano-giudaica riuscirà a scacciare.

    Perseverare

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Sinistra moralmente superiore alla destra
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 224
    Ultimo Messaggio: 27-05-10, 17:17
  2. Finalmente La Malfa jr. siede alla destra del padre...
    Di Catilina nel forum Repubblicani
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 13-05-05, 14:33
  3. Alla sinistra la piazza, alla destra le urne(l'opinione)
    Di Affus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 24-09-03, 14:46
  4. No alla sinistra. No alla destra. No ai localismi.
    Di xsba100 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 25-05-03, 19:24
  5. COFFERATI A sinistra di Schroeder e alla destra di Aziz
    Di locke (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-02-03, 13:10

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226