User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
Like Tree1Likes
  • 1 Post By ciddo

Discussione: L’effetto spiazzamento del debito pubblico

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    12,792
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    Posted on 23 aprile 2012. Tag: banche, debito pubblico, effetto spiazzamento, Menegon, titoli di stato

    - Si chiama effetto spiazzamento, o crowding out. E’ la riduzione di risorse nelle disponibilità dei privati conseguente all’intervento della mano pubblica.
    Tassando i redditi, diminuisce la spesa privata, la produzione di beni e servizi pubblici erode le quote di mercato dei produttori privati. Se è vero che c’è una certa consapevolezza, a livello di opinione pubblica, dell’effetto depressivo sull’economia italiana provocato dell’alta pressione fiscale e delle distorsioni alla concorrenza che derivano dall’intervento pubblico in economia, è vero anche che è passato per troppo tempo in secondo piano il crowding out causato dall’alto debito pubblico.

    Lo stato e le altre amministrazioni pubbliche hanno un debito pubblico pari al 120% del PIL, pari a circa 1.950 miliardi. Per indebitarsi, lo stato si approvvigiona di capitali nei mercati finanziari collocando titoli di stato. In questo modo, entra in concorrenza con le famiglie che chiedono un mutuo, le imprese che emettono obbligazioni, gli artigiani che chiedono credito alle banche per finanziare la propria attività.
    L’acquisto di titoli di stato è un investimento alternativo all’acquisto di un titolo obbligazionario o alla concessione di un mutuo. Se molte imprese e famiglie non riescono ad accedere al credito, è anche per questo motivo. Se il costo del debito in Italia è più alto che altrove, è anche per questo motivo.
    Secondo uno studio della Morgan Stanley illustrato da linkiesta la scorsa estate, il 56% del debito pubblico italiano è detenuto da soggetti italiani. Il 15% da banche del nostro paese. Il quadro dovrebbe aver subito qualche correzione negli ultimi mesi. La Banca Centrale Europea, per immettere liquidità nel mercato, ha erogato prestiti ad un tasso fisso dell’1 per cento alle banche europee per 490 miliardi di euro a dicembre e 530 miliardi a marzo. Di questi, 200 miliardi sono andati a banche italiane.
    Le banche di tutta Europa potevano usarli per ricapitalizzarsi, per dar fiato al sistema industriale soffocato dalla stretta creditizia di questi mesi o per l’acquisto di titoli di stato. L’Italia è uno dei pochi paesi in cui l’incidenza dei titoli obbligazionari in portafoglio è aumentata negli ultimi 2 anni (+6,4%, nell’area euro diminuiva dell’1,6%). E guai se le nostre banche non avessero comprato titoli di stato. Se non l’avessero fatto, lo spread sarebbe aumentato e gli oneri per il finanziamento del debito pubblico, che già oggi erode il 4,9% del pil, sarebbero pesati ancora di più sugli italiani, su cui già grava una pressione fiscale che – dati del DEF – nel 2011 ha raggiunto quota 46,1%.
    Il problema è che in un paese come l’Italia l’apparato pubblico prosciuga i mercati finanziari e la crisi di liquidità che rinsecchisce il tessuto produttivo non può trovar sollievo nemmeno con misure come quelle adottate dalla BCE. Il fatto più grave è che in Italia l’accesso al credito sarà più difficile anche dopo che in Europa sarà passata la crisi. I risparmi degli italiani continueranno ad essere impiegati per finanziare il debito pubblico anziché l’iniziativa privata, anche una volta finita la tempesta.
    La crisi vede come imputati di primo ordine le banche, e in effetti, quando mancano i soldi, è normale che si punti il dito su chi dovrebbe, per statuto, prestarli. Certamente il sistema bancario italiano ha ampi margini di perfettibilità: il ruolo delle fondazioni fa sì che la politica controlli ancora in buona parte la governance degli istituti di credito; gli intrecci di partecipazioni che caratterizzano l’azionariato dei grandi gruppi compromettono i principi della concorrenza; il fatto che le banche siano considerate too big to fail, troppo grandi per fallire, le induce a comportamenti non sempre responsabili e informati ai principi di efficienza.
    Ma, anche in un ipotetico sistema creditizio virtuoso e perfetto, la presenza di uno stato affamato di credito, che deve procurarsi 1.950 miliardi nei mercati di euro nei mercati finanziari, rimane un problema colossale, perché per collocare i propri titoli dovrà pestare i piedi alle famiglie che non possono comprarsi una casa e alle imprese che hanno bisogno di liquidità per pagare i dipendenti.
    In più c’è da dire che le banche italiane in questo momento, già condividendo naturaliter il rischio paese, si stanno caricando dei rischi connessi alla solvibilità e alla fiducia nello stato italiano.
    Se anche tra un anno lo spread sarà sceso sotto i 100 punti base, la febbre sarà sì calata, ma l’infezione sarà ancora in corso, finché il debito pubblico non sarà portato a dimensioni sostenibili. E per farlo, è necessario avviare un radicale processo di riduzione della spesa pubblica e di privatizzazioni.
    L’effetto spiazzamento del debito pubblico | Libertiamo.it
    Matsudaira Izu no Kami disse al Maestro Mizuno Kenmotsu: "Voi siete un uomo di grande valore, peccato siate così basso".

    Kenmotsu gli rispose: "E' vero. A volte in questo mondo non tutto va come si desidera. Ora, se io vi tagliassi la testa e l'attaccassi sotto i miei piedi, sarei più alto. Ma è qualcosa che non si potrebbe fare".

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pavia
    Messaggi
    29,078
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    Noi poi abbiamo avuto un doppio spiazzamento, perchè avendo il relativo vantaggio che come interessi qualcosa di quel debito tornava nelle tasche di famiglie e spesso imprese, in realtà quesi soggetti non hanno trovato di melgio dopo che mettere quanto prendevano nel mattone, altra destinazione inutile.
    Against all odds

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    23 May 2009
    Messaggi
    26,261
    Mentioned
    83 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    Citazione Originariamente Scritto da Iannis Visualizza Messaggio
    Noi poi abbiamo avuto un doppio spiazzamento, perchè avendo il relativo vantaggio che come interessi qualcosa di quel debito tornava nelle tasche di famiglie e spesso imprese, in realtà quesi soggetti non hanno trovato di melgio dopo che mettere quanto prendevano nel mattone, altra destinazione inutile.
    Eccone un altro che sa dove sarebbe utile che gli altri investano...
    Ma dove la prendete tutta sta presunzione ???
    Phileas likes this.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pavia
    Messaggi
    29,078
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    Citazione Originariamente Scritto da ciddo Visualizza Messaggio
    Eccone un altro che sa dove sarebbe utile che gli altri investano...
    Ma dove la prendete tutta sta presunzione ???
    Guarda che la maggiore o minore efficienza di alcuni settori è alla base del pensier liberista eh?
    Magari non anarco-liberista, ma tant'è. La differente e minore tassazione di profitti e capital gain rispetto agli affitti per esempio non è certo cosa socialista.
    Poi tu per rispettare il supposto libero arbitrio di ognuno puoi anche affermare che non è vero che il mattone sia meno produttivo di un investimento in nuovi macchinari ad alta tecnologia, fatti tuoi. C'è chi crede ancora alla terra piatta.
    Against all odds

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    18,718
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    Citazione Originariamente Scritto da Iannis Visualizza Messaggio
    Guarda che la maggiore o minore efficienza di alcuni settori è alla base del pensier liberista eh?
    Magari non anarco-liberista, ma tant'è. La differente e minore tassazione di profitti e capital gain rispetto agli affitti per esempio non è certo cosa socialista.
    Poi tu per rispettare il supposto libero arbitrio di ognuno puoi anche affermare che non è vero che il mattone sia meno produttivo di un investimento in nuovi macchinari ad alta tecnologia, fatti tuoi. C'è chi crede ancora alla terra piatta.
    Perchè? Non esiste l'alta tecnologia anche per costruire case? O pensi si costruiscabno ancora tagliando le pietre a mano?
    E come fai a sapere qual è l'alta tecnologia? E per fare cosa?

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pavia
    Messaggi
    29,078
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    Citazione Originariamente Scritto da Phileas Visualizza Messaggio
    Perchè? Non esiste l'alta tecnologia anche per costruire case? O pensi si costruiscabno ancora tagliando le pietre a mano?
    E come fai a sapere qual è l'alta tecnologia? E per fare cosa?
    Non prendiamoci in giro, per favore. Anche per raccogliere le patate ogni tanto c'è qualche innovazione tecnologica, ma non prendiamoci in giro.
    Against all odds

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    18,718
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’effetto spiazzamento del debito pubblico

    Citazione Originariamente Scritto da Iannis Visualizza Messaggio
    Non prendiamoci in giro, per favore. Anche per raccogliere le patate ogni tanto c'è qualche innovazione tecnologica, ma non prendiamoci in giro.
    Mi sa che confondi il prima (quando nessuno puo' sapere se quella taconologia funzionerà) con il dopo (quando ha dimostrto di essere produttiva). E quindi è definita "alta"

 

 

Discussioni Simili

  1. debito pubblico
    Di edera rossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 48
    Ultimo Messaggio: 18-07-12, 19:14
  2. il debito pubblico
    Di jotsecondo nel forum Padania!
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 16-09-10, 10:25
  3. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 20-10-08, 16:19
  4. Debito Pubblico
    Di ANAM8 nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 24-08-06, 09:22
  5. Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 14-05-06, 20:51

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226