Oggi ho sentito Mario Borghezio che rispondeva agli ascoltatori di radio padania.
A me è sembrato uno che quando parla non collega il cervello con la lingua.
Oggi per esempio inneggiava ad Hollande ed alla sinistra francese.
Ora che io sappia Hollande non ha e non vuole spartire nulla con la Le Pen,
mentre Borghezio ha sempre avuto un filing con lei e con il suo movimento
fascio-razzista.
Non ho capito questo salto triplo carpiato ritornato e avvitato, perche poi
proseguendo nel dialogo, con i soliti suoi strafalcioni storici e geografici,
ha di nuovo inneggiato al nazionalismo della sinistra francese.
Non capisco ma lui non è un secessionista, per la libertà dei popoli, e dei pianerottoli.
Poi ha parlato della mummia del Similaun, Oezli, decantando la progenia padana e la
sua fierezza, ma non lo sa che il tapino fu assassinato con una freccia nella schiena.
Secondo dovrebbero controllare quello che fuma.