User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Avanguardia
  • 1 Post By Legionario

Discussione: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    11,045
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    http://www.ariannaeditrice.it/artico...articolo=43215
    Ritorno alla civiltà contadina, è possibile?
    di Nunzio Di Pillo - 04/05/2012

    Fonte: il cambiamento




    Produrre solo ciò che è necessario. Un ritorno alla civiltà contadina è possibile?



    "Un contadino è prima di tutto un uomo libero"
    Chi è un contadino? Prima di tutto è un uomo libero (il vento e la pioggia possono entrare nella mia casa, ma non il re d'Inghilterra).

    Credo che in tutta la cultura dei popoli che noi abbiamo definito 'primitivi' l'uomo è libero.

    Libero all'interno della sua cultura, che è nata con lui e si trasmette attraverso la sua filogenesi (il meccanismo di trasferimento dei caratteri specifici attraverso le generazioni). Tutte le specie di animali gregari hanno questo patrimonio, indispensabile per la sopravvivenza e la stabilità del branco dentro il quale ciascun individuo trova la sua collocazione gerarchica e il suo ruolo senza avvertire questo come una costrizione.

    Questo concetto appare chiaro dalla lettura di alcuni testi di Konrad Lorenz, che la nostra cultura dominante illuminista e sostanzialmente creazionista, ha accuratamente marginalizzato.

    Per quel poco che ho potuto osservare, questo carattere è comune a tutte le culture dei gruppi etnici ancora non completamente contaminate: dagli indiani del Nord America a quelli che sopravvivono nella foresta primaria dell'America Latina, o agli aborigeni del Kalahari e dell'Australia.

    In un certo modo, penso, questa stessa qualità della nostra specie ha trovato il modo di sopravvivere anche all'interno della società contadina nell'area geografica in cui si è sviluppata la cultura occidentale durante gli ultimi millenni. Essa ha trovato il suo spazio di sopravvivenza nel volgo rurale, almeno laddove non è stato impedito dal latifondo, che ha ridotto queste masse popolari al livello di salariati precari, come è stato ad esempio nel mezzogiorno italiano.


    La figura più emblematica del contadino ha potuto sopravvivere sino alla fine della seconda guerra mondiale
    Dove, invece, i possessori delle terre hanno preferito frammentarle ed affidarle alla responsabilità del coltivatore (ad esempio in enfiteusi, mezzadria, o anche affitto) lì è nata la figura più emblematica del contadino, che ha potuto sopravvivere sino alla fine della seconda guerra mondiale.

    Questa forma di gestione della terra ha già le caratteristiche di un'impresa perché, pur rimanendo sostanzialmente fuori dall'economia di scambio, è basata sui meccanismi di un'impresa dove il rischio dell'esito produttivo delle attività svolte è a carico del capo famiglia. Egli è libero di fare le scelte di impiego delle risorse, ma è obbligato a fare fronte agli impegni sociali ed economici della famiglia, deve anche imporre al nucleo familiare le scelte di gestione delle risorse disponibili (comprese quelle umane).

    All'interno di questo sistema, le regole di comportamento tra i singoli individui sono dettate e sostenute, in larga misura, da pulsioni filogenetiche universalmente riconosciute, non costituiscono coercizione ma sono percepite da tutti come un'esigenza etica oggettiva da soddisfare.

    La forma più evoluta di questa società si è realizzata attorno al bacino del mediterraneo, dove le condizioni naturali climatiche e pedologiche hanno consentito lo sviluppo di un'impresa familiare molto articolata che comprendeva molteplici attività produttive, non solo agricole, ma che si estendevano a quelle artigianali come falegnameria, edilizia, trasformazione dei prodotti agricoli (come caseificazione, fermentazione, ecc.) e persino culturali come musica, poesia, magia. Tutto questo largamente sostenuto dalla consuetudine del lavoro collettivo di scambio e aiuto reciproco.


    Nella civiltà contadina le regole di comportamento tra i singoli individui sono percepite da tutti come un'esigenza etica oggettiva da soddisfare
    Questo mondo familiare è efficacemente integrato nei piccoli nuclei sociali dei villaggi, ciascuno caratterizzato da una sua propria individualità (che arrivava sino alla formazione di un proprio 'dialetto' che differiva anche su distanze brevissime di qualche chilometro).

    In questa entità locale le famiglie trovano tutti i riferimenti culturali ed i servizi dei quali possono avere bisogno, come l'autorità politica locale, il parroco, lo speziale, il fabbro, ecc. Questo faceva sì che, salvo eventi straordinari o catastrofici, molti potevano nascere e morire nello stesso luogo, serenamente, senza essere afflitti da bisogni artificiali.

    In molti altri luoghi della terra lo stesso meccanismo primario accennato all'inizio, che assicurava la libertà di ogni individuo presso i 'primitivi', è sopravvissuto nelle varie società rurali in maniere diverse a seconda delle condizioni ambientali locali.

    Ad esempio, come riferiscono alcune ricerche sociali canadesi, gli epigoni indiani a sud della baia di Hudson, hanno potuto conservare (sino agli anni 70 del secolo scorso) la loro identità sociale ed il loro sistema di vita in una società itinerante con cicli annuali attraverso le gelide e immense foreste della regione, organizzati in nuclei familiari retti da un'etica largamente sovrapponibile a quella della nostra società contadina. Questo anche se la loro economia era basata solo sulla caccia e sullo scambio di pelli di animali selvatici con una società francese (la Compagnie de la Baye) sorta nel XVIII secolo, credo ancora esistente. Un piccolo studio su questo tema ha per titolo Ma femme, ma hache et mon couteau croche (Mia moglie, la mia ascia ed il mio coltello curvo).


    È possibile tornare ad una civiltà in cui si produce solo ciò che è veramente necessario?
    Tutto questo discorso ha come scopo di chiarire il concetto di base dal quale trae origine la mia maniacale pretesa di ritorno alla civiltà contadina. Per dire che è inutile sognare di una vita bucolica e frugale, che non è mai esistita, come rifiuto della nostra attuale società catastrofica; quello che è passato è passato per sempre.

    Quello che potrebbe forse essere ancora possibile è di riferirsi a quella cultura per capire quanto grave e aberrante è la nostra concezione del bisogno e quanto assurda sia l'idea di raggiungere il benessere aumentando il numero dei bisogni. Quando l'unica via è invece quella di eliminarli.

    Questo è lo scopo essenziale della mia iniziativa: far nascere un'attività che, pur essendo economicamente sostenibile, non miri solo al profitto, ma riconduca i partecipanti a produrre solo quello che era considerato come necessario per soddisfare i bisogni naturali e non per raggiungere un fantomatico benessere.

    Un'ultima cosa: sappiate che quando, da ragazzo, ho avuto la fortuna di vedere da vicino la realtà della vita rurale (solo cinquanta anni fa), nessuno ancora aveva avuto la percezione del 'bisogno' della carta igienica e pensate a quanti chilometri quadrati di foresta consumiamo oggi, ogni anno, per soddisfarlo.


    Tante altre notizie su www.ariannaeditrice.it
    Ultima modifica di Avanguardia; 05-05-12 alle 13:57
    Freikorp88 likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    La vedo difficile in Europa,del resto che la civiltà contadina sia migliore
    è dimostrato dalla bellezza dei paesi rurali e delle campagne europee
    (penso alla Sardegna,ma anche a certe zone della Francia) confrontatela
    coi mostri di cemento e di luci farlocche come New York,Milano,Londra
    e noterete la differenza.
    Oltretutto la vedo più vicina al concetto di tradizione.

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    05 May 2012
    Località
    Shqipëria Etnike
    Messaggi
    263
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    "Quello che potrebbe forse essere ancora possibile è di riferirsi a quella cultura per capire quanto grave e aberrante è la nostra concezione del bisogno e quanto assurda sia l'idea di raggiungere il benessere aumentando il numero dei bisogni. Quando l'unica via è invece quella di eliminarli.
    Questo è lo scopo essenziale della mia iniziativa: far nascere un'attività che, pur essendo economicamente sostenibile, non miri solo al profitto, ma riconduca i partecipanti a produrre solo quello che era considerato come necessario per soddisfare i bisogni naturali e non per raggiungere un fantomatico benessere."

    Penso che questo sia non solo possibile da fare ma soprattutto necessario.

  4. #4
    Roma caput mundi
    Data Registrazione
    17 Dec 2010
    Messaggi
    2,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    Citazione Originariamente Scritto da Nazionalistaeuropeo Visualizza Messaggio
    La vedo difficile in Europa,del resto che la civiltà contadina sia migliore
    è dimostrato dalla bellezza dei paesi rurali e delle campagne europee
    (penso alla Sardegna,ma anche a certe zone della Francia) confrontatela
    coi mostri di cemento e di luci farlocche come New York,Milano,Londra
    e noterete la differenza.
    Oltretutto la vedo più vicina al concetto di tradizione.


    Infatti. Difficile che sia recuperabile un tipo di civiltà che contrasta profondamente con quella dominante (industriale e capitalista)
    Freikorp88 likes this.
    "Non discutere mai con un idiota: ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza" (firma valida per tutte le stagioni)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,354
    Mentioned
    137 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    Citazione Originariamente Scritto da Legionario Visualizza Messaggio
    Infatti. Difficile che sia recuperabile un tipo di civiltà che contrasta profondamente con quella dominante (industriale e capitalista)
    Si deve passare prima per uno stadio dove si capisca il merdume in cui siamo finiti , per spingere i popoli a rivedere la loro concezione di vita altrimenti è dura.
    E chi vuole la democrazia, vedesi usurai, sa che senza società industriale o di rapina, addio democratici inganni, per cui pomperanno sempre per rimanere come adesso, a costo di rendere il mondo un cesso.
    La cosa primaria da fare è difendere le idee alternative, poi il resto verrà.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Jul 2012
    Messaggi
    296
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    Difficile ma auspicabile.

    Era questo l'obiettivo neanche troppo nascosto del Nazionalsocialismo in Germania.

    Ricordo come il movimento Blut und Boden ottenne ampi successi nelle campagne proprio per la sua idea di modificare il corso della storia riducendo la spinta verso l'industrializzazione selvaggia delle città.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Jul 2012
    Messaggi
    296
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    Citazione Originariamente Scritto da Legionario Visualizza Messaggio
    Infatti. Difficile che sia recuperabile un tipo di civiltà che contrasta profondamente con quella dominante (industriale e capitalista)

    Niente è eterno. Presto o tardi anche questa civiltà crollerà su se stessa. E' solo questione di tempo , già i primi segnali ci sono.

  8. #8
    Venetia
    Data Registrazione
    06 Sep 2011
    Località
    Venetia
    Messaggi
    4,068
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    Citazione Originariamente Scritto da Freikorp88 Visualizza Messaggio
    Niente è eterno. Presto o tardi anche questa civiltà crollerà su se stessa. E' solo questione di tempo , già i primi segnali ci sono.
    Non è che è difficile, è che ci toccherà.
    sklöpp & kanù

  9. #9
    Anti-eurozerbini
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    31,435
    Mentioned
    508 Post(s)
    Tagged
    128 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ritorno ad una civiltà contadina è possibile?

    Forse il ritorno ad una civiltà che possa definirsi contadina nel senso che con questo termine si intendeva nel passato non sarà possibile, ma sicuramente è auspicabile che l'agricoltura torni ad essere uno degli interessi principali, se non il più importante delle politiche economiche di una nazione. Dall'essere il più possibile indipendenti ed autosufficienti in campo alimentare, oltre che energetico, passa una grossa fetta della reale sovranità di qualsiasi paese.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

 

 

Discussioni Simili

  1. Vi siete mai interessati alla civiltà contadina?
    Di subiectus nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 29-06-12, 09:13
  2. Civiltà contadina e sovversione progressista
    Di Hagakure nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-06-11, 17:37
  3. E' possibile un ritorno del PSI?
    Di zlais nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-04-11, 00:05
  4. Il punto di non ritorno della civiltà
    Di Majorana nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-10-10, 20:08
  5. Civiltà Contadina
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 19-01-09, 15:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226