User Tag List

Pagina 1 di 16 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 155
Like Tree33Likes

Discussione: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

  1. #1
    Bye bye & kisses
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Orione, naturalmente.
    Messaggi
    15,615
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Sono qui per parlarvi di una storia oscura e tragica. Avete già capito: l’Europa è un mostro che va contro tutte le regole della teoria monetaria e dell’economia moderna. Perché esiste un sistema così assurdo? Mi è stato detto che nel vostro paese – come nel mio, del resto – alcune persone pensano che, se riusciamo a liberarci dell’euro, l’Italia o la Francia diverrebbero equiparabili ad alcuni dei paesi più poveri dell’Africa, come lo Zimbabwe. Ma l’economia reale dell’Eurozona è già nello stesso stato dello Zimbabwe. In Francia, il vero tasso di disoccupazione è di circa il 60% della popolazione attiva, una cifra enorme. E il vero tasso di inflazione è del 7-8%. Perciò non abbiamo la piena occupazione né una stabilità dei prezzi. Questo significa che tutti i dati ufficiali europei sono menzogne.

    Cito il direttore generale del ministero delle finanze francese, che appartiene all’ordine monastico dei Benedettini ed è anche il capo dell’Opus Dei francese– fra l’altro, anche la Commissione Europea (come il governo francese) è ampiamente controllata dall’Opus Dei. Ho provato a parlare con lui di questa questione, e mi ha detto: «Sì, l’economia francese è morta, ma non abbastanza». Mi ha detto: «Professore, lei deve capire perché esiste il sistema europeo. Che cosa vogliamo? Vogliamo distruggere, per sempre, la gente. Vogliamo creare una nuova tipologia di europeo: una nuova popolazione europea, disponibile ad accettare la sofferenza, la povertà. Una popolazione disposta ad accettare salari inferiori a quelli cinesi. E questo rappresenterà il fulcro del mio impegno».

    Il sistema dell’euro non è mai stato pianificato per portare ad un’unione monetaria, né è stato pensato come agenda neoliberista all’americana; e questo è ancora completamente ignorato dall’élite dominante europea. Basti pensare che, anche per il leader del partito socialista francese, il presidente Obama è un marxista. Quindi che cos’è l’euro? E’ un nuovo ordine sociale totalitario. E’ stato programmato molto tempo fa, nel periodo fra le due guerre mondiali, e poi completato, per così dire, dal regime di François Mitterrand. In questo nuovo ordine non ci saranno più Stati sovrani. Lo Stato deve svanire – perlomeno, lo Stato, che trova radici nella democrazia, nel Parlamento, nella Repubblica. Nel nuovo ordine, il potere dev’essere interamente trasferito a coloro che lo “meritano”. E questo significa un’élite, una classe capitalista di tecnocrati a cui piace il potere assoluto di controllo.

    L’origine dell’unione monetaria europea nasce tra le due guerre dalle parti più reazionarie e conservatrici della classe dominante francese. Il filosofo italiano Julius Evola aveva accusato Mussolini di essere troppo morbido con la gente e lo stesso Hitler di essere troppo favorevole al popolo. La cosiddetta crisi del debito sovrano è ovviamente un evento che non si è mai prima verificato nella storia. Una crisi di questa portata è stata attentamente pianificata dagli architetti del sistema europeo. Quel che avevano in mente era di privatizzare lo Stato. E dato che uno Stato in cui esiste una democrazia tende a perdere ricchezza, è ovvio che poi si trova obbligato a prendere in prestito denaro, quindi il suo debito è considerato a rischio: pertanto lo Stato dev’essere completamente assoggettato al cosiddetto mercato dei bond, ed è esattamente quello che sta succedendo.

    Non esiste modo di risolvere il problema e accomodare il sistema, perché come ordine sociale ha una sua logica, e coloro che controllano il sistema non accetteranno mai nessun tipo di cambiamento, soprattutto nessun tipo di intervento della Bce che non sia mirato ad incrementare esclusivamente la ricchezza delle banche. L’unica possibilità di salvare la società europea è liberarsi di questo sistema. In Europa, il settore privato è morto. I leader del settore capitalistico non sono più interessati all’economia reale: sono “rentier”, percettori di rendite finanziarie, e il capitalismo sta morendo. In Francia, già da 5-6 anni, la crescita è al di sotto del 3-4% all’anno. L’euro? E’ una moneta falsa, che distrugge a tutti gli effetti l’economia reale.

    Nella pianificazione del sistema dell’euro ci sono due fasi. La prima va dal 1940 al 1943, la seconda è opera in gran parte di Mitterrand. Nella metà degli anni ’30, si comincia con persone come Schuman e Jean Monnet. Già nel 1927 Schuman scrisse che c’era bisogno di creare l’Europa come nuovo ordine, radicato nella tradizione. “Salvare l’Europa dalla decadenza”, per i pro-europeisti significava: salvarla da socialismo, rivoluzione, proteste, ebrei, marxisti, libero accesso alla sanità e all’istruzione, aborto, omosessualità. L’obiettivo dei primi europeisti era costruire un sistema esattamente opposto a quello della società degli Usa, che odiavano. L’élite europeista odiava la società dei consumi americana: odiavano più gli Stati Uniti che l’Unione Sovietica.

    Cosa si doveva fare per costruire l’Europa? Abolire gli Stati; forzare uno stato di deflazione permanente; ridurre progressivamente la spesa pubblica; e trasferire il potere a una classe super-partes di tecnocrati, operante a livello sovranazionale. Per questi europeisti della prima ora, cosa significava l’Europa? Significava creare un condominio, composto da Francia e Germania, e un impero coloniale che includesse anche il sud dell’Europa e l’Europa orientale; questo obiettivo era stato chiaramente esplicitato. E come si poteva sopprimere lo Stato? Bisognava privarlo di qualunque potere, relativamente alla moneta. Tutti questi europeisti erano fanatici seguaci di Friedrich Hayek, l’economista austriaco più di destra di quel tempo.

    L’Europa avrebbe quindi dovuto basarsi su una valuta sovranazionale, interamente controllata da una banca centrale sovrana che godesse di poteri assoluti per sovrastare gli Stati. In ultima analisi, il loro obiettivo era di imporre la futura valuta europea come un super-standard aureo: il primo abbozzo, per così dire, del Trattato di Maastricht, venne scritto dall’economista francese François Perroux nel 1943, col pieno supporto di un trattato approvato dal regime tedesco e dal regime francese pro-nazista dell’epoca. Il nuovo trattato, formulato e approvato dal presidente Sarkozy e dalla signora Merkel, è esattamente basato su quanto scritto da François Perroux nel ’43.

    Quelle persone erano contrarie allo standard aureo tradizionale, perché ritenevano che non avesse permesso la totale abolizione del potere di spesa dello Stato; quindi, bisognava creare uno standard aureo superiore. E questa era la prima fase del processo. Ma per qualche tempo il progetto europeo venne tenuto nelle retrovie, perché tutti i suoi fautori erano più pro-hitleriani di Hitler stesso. Per cui è stato necessario aspettare il regime di François Mitterrand. Un suo super-consulente, un monarchico, diceva: «Io odio i poveri». Era Jacques Attali: de facto, il primo ministro della Francia. Tra l’altro, Attali era il capofila di una serie di ex marxisti, convertiti in sostenitori del nuovo regime. Era quindi incaricato di creare una versione più “sostenibile” dell’euro-sistema. Ma la visione era la stessa: «Dobbiamo distruggere i centri commerciali», che per loro erano espressione di pura infamia, perché le persone dovevano accettare di essere povere.

    Mi ricordo di alcuni dibattiti in seno alla commissione segreta che si occupava dell’entourage presidenziale; Mitterrand doveva guadagnarsi il supporto dell’allora partito comunista, e io fui incaricato di scrivere una serie di modeste considerazioni, keynesiane, di teoria economica moderna. Ma tra i finanziatori della campagna elettorale di Mitterrand c’era la Chase Manhattan Bank, e così non fu mai sostenuto un programma di piena occupazione. Attali diceva: «Io ho l’impegno del nostro caro, futuro presidente: appena possibile noi distruggeremo lo Stato, creeremo una deflazione dell’economia, i salari reali crolleranno; quel che abbiamo in mente è il collasso totale del reddito dei lavoratori e della società francese». Come riuscire a fare tutto questo? Con il Trattato di Maastricht e con la creazione dell’euro.

    Sottolineo innanzitutto le menzogne. Mi è capitato di trovarmi piuttosto vicino a François Mitterrand, molto tempo fa; prima della guerra aveva avuto un legame particolare con mia madre, che mi diceva: «François è così bravo a raccontare balle che può riuscire persino a far credere che gli interessi far del bene alla gente». Durante l’unico dibattito sul Trattato di Maastricht, in risposta alla domanda di uno studente, Mitterrand osò dire: «Posso giurare che, nel trattato, non esiste menzione di alcuna banca centrale europea indipendente». Il principio fondamentale dei trattati europei era la privatizzazione dello Stato. E cioè: obbligare gli Stati a prendere in prestito denaro, vendendo titoli alle banche private. Gli Stati, come qualunque azienda dalla reputazione profondamente pura, dovevano andare a chiedere i soldi alle banche, ai tassi di interesse stabiliti dalle banche stesse.

    Il Trattato di Maastricht e il conseguente Patto di Crescita e Stabilità – il vero nome avrebbe dovuto essere: Patto di Distruzione e Instabilità – ha rappresentato la realizzazione dei loro obiettivi: gli Stati completamente assoggettati alle banche private, e quindi obbligati a tagliare la spesa pubblica. E’ esattamente quello che è successo, benché le menzogne continuino. La percentuale di debito pubblico, nell’ambito del patrimonio delle banche francesi e tedesche, è al di sotto del 5%. Le banche perdono soldi non a causa del debito pubblico, ma a causa del collasso totale dell’economia reale. Sono assolutamente terrorizzato quando la gente dice: «Oh, povere banche!». Il governo francese ha mentito, ma sapeva bene quali fossero le vere condizioni dell’economia greca: il 90% del debito greco – come quello italiano – è nelle mani delle banche francesi e tedesche.

    Se il nuovo trattato verrà poi effettivamente approvato, ci troveremo di fronte alla totale abdicazione degli Stati, delle politiche fiscali e di qualunque tipo di politica sociale. Sarà quindi raggiunto quel sogno di costituire un “nuovo ordine”. Ora il problema di chi deve gestire il sistema è: come si potrà mantenere il controllo della società? E’ questo il problema che si pongono. Di questo hanno timore, perché non c’è dibattito: in Germania, in Francia, e nei maggiori paesi europei, gli economisti ufficiali sono assolutamente corrotti; direi che si possono considerare delle prostitute. E siamo nelle loro mani: non si parla mai delle infamie alla base del crollo del sistema europeo.

    (Alain Parguez, eminente economista e professore emerito dell’università francese, già consulente del presidente Mitterrand; testo dell’intervento pronunciato a Rimini il 25 febbraio 2012 al summit mondiale sulla Modern Money Theory promosso da Paolo Barnard).


    Parguez: con l’euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler | LIBRE
    Ultima modifica di Betelgeuse; 16-05-12 alle 07:31
    Con le ali, al buio e nel silenzio da te io volerei.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    29 Aug 2005
    Località
    Ranco, Italy
    Messaggi
    20,999
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Su diversi fronti arrivano conferme dell'imbroglio Euro.

    Per capire basta porsi semplici domande, ogni nazione dovrebbe avere il controllo sulla sua moneta e non deve essere una banca centrale, che stampa denaro a "caso", per controllare gli altri stati, questi prestiti di cui si parla nell'articolo cono iniezioni di liquidità che non seguono l'andamento del pil di una nazione e ne falsano i dati economici portando alla svalutazione della moneta, ormai si è creata un'economia fittizia basata su soldi emessi dalla BCE senza un reale riscontro economico nelle nazioni, sono soldi finti di cui le nazioni pagheranno il debito continuando a precipitare.

    Il fatto che emergano movimento anti Euro significa che molti hanno assunto consapevolezza di questa situazione e vogliono staccarsi.

    Però esiste una ristretta cerchia di gerarchi che non vuole questo perché esploderebbe la bolla Euro.
    Ada De Santis likes this.
    Nessuno si crea, nessuno si distrugge, tutti si ricandidano.

  3. #3
    Bye bye & kisses
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Orione, naturalmente.
    Messaggi
    15,615
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Citazione Originariamente Scritto da Medsim Visualizza Messaggio
    Però esiste una ristretta cerchia di gerarchi che non vuole questo perché esploderebbe la bolla Euro.
    :giagia:

    O semplicemente perché perderebbe tutto il potere su cui ha messo le mani. a cosa serve tutta questa ricerca della povertà (altrui) sennò? assicurare agli esodati dalla vita un posto nel regno dei cieli?
    Ada De Santis and kouros like this.
    Con le ali, al buio e nel silenzio da te io volerei.

  4. #4
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Citazione Originariamente Scritto da Betelgeuse Visualizza Messaggio
    Sono qui per parlarvi di una storia oscura e tragica. Avete già capito: l’Europa è un mostro che va contro tutte le regole della teoria monetaria e dell’economia moderna. Perché esiste un sistema così assurdo? Mi è stato detto che nel vostro paese – come nel mio, del resto – alcune persone pensano che, se riusciamo a liberarci dell’euro, l’Italia o la Francia diverrebbero equiparabili ad alcuni dei paesi più poveri dell’Africa, come lo Zimbabwe. Ma l’economia reale dell’Eurozona è già nello stesso stato dello Zimbabwe. In Francia, il vero tasso di disoccupazione è di circa il 60% della popolazione attiva, una cifra enorme. E il vero tasso di inflazione è del 7-8%. Perciò non abbiamo la piena occupazione né una stabilità dei prezzi. Questo significa che tutti i dati ufficiali europei sono menzogne.

    Cito il direttore generale del ministero delle finanze francese, che appartiene all’ordine monastico dei Benedettini ed è anche il capo dell’Opus Dei francese– fra l’altro, anche la Commissione Europea (come il governo francese) è ampiamente controllata dall’Opus Dei. Ho provato a parlare con lui di questa questione, e mi ha detto: «Sì, l’economia francese è morta, ma non abbastanza». Mi ha detto: «Professore, lei deve capire perché esiste il sistema europeo. Che cosa vogliamo? Vogliamo distruggere, per sempre, la gente. Vogliamo creare una nuova tipologia di europeo: una nuova popolazione europea, disponibile ad accettare la sofferenza, la povertà. Una popolazione disposta ad accettare salari inferiori a quelli cinesi. E questo rappresenterà il fulcro del mio impegno».

    Il sistema dell’euro non è mai stato pianificato per portare ad un’unione monetaria, né è stato pensato come agenda neoliberista all’americana; e questo è ancora completamente ignorato dall’élite dominante europea. Basti pensare che, anche per il leader del partito socialista francese, il presidente Obama è un marxista. Quindi che cos’è l’euro? E’ un nuovo ordine sociale totalitario. E’ stato programmato molto tempo fa, nel periodo fra le due guerre mondiali, e poi completato, per così dire, dal regime di François Mitterrand. In questo nuovo ordine non ci saranno più Stati sovrani. Lo Stato deve svanire – perlomeno, lo Stato, che trova radici nella democrazia, nel Parlamento, nella Repubblica. Nel nuovo ordine, il potere dev’essere interamente trasferito a coloro che lo “meritano”. E questo significa un’élite, una classe capitalista di tecnocrati a cui piace il potere assoluto di controllo.

    L’origine dell’unione monetaria europea nasce tra le due guerre dalle parti più reazionarie e conservatrici della classe dominante francese. Il filosofo italiano Julius Evola aveva accusato Mussolini di essere troppo morbido con la gente e lo stesso Hitler di essere troppo favorevole al popolo. La cosiddetta crisi del debito sovrano è ovviamente un evento che non si è mai prima verificato nella storia. Una crisi di questa portata è stata attentamente pianificata dagli architetti del sistema europeo. Quel che avevano in mente era di privatizzare lo Stato. E dato che uno Stato in cui esiste una democrazia tende a perdere ricchezza, è ovvio che poi si trova obbligato a prendere in prestito denaro, quindi il suo debito è considerato a rischio: pertanto lo Stato dev’essere completamente assoggettato al cosiddetto mercato dei bond, ed è esattamente quello che sta succedendo.

    Non esiste modo di risolvere il problema e accomodare il sistema, perché come ordine sociale ha una sua logica, e coloro che controllano il sistema non accetteranno mai nessun tipo di cambiamento, soprattutto nessun tipo di intervento della Bce che non sia mirato ad incrementare esclusivamente la ricchezza delle banche. L’unica possibilità di salvare la società europea è liberarsi di questo sistema. In Europa, il settore privato è morto. I leader del settore capitalistico non sono più interessati all’economia reale: sono “rentier”, percettori di rendite finanziarie, e il capitalismo sta morendo. In Francia, già da 5-6 anni, la crescita è al di sotto del 3-4% all’anno. L’euro? E’ una moneta falsa, che distrugge a tutti gli effetti l’economia reale.

    Nella pianificazione del sistema dell’euro ci sono due fasi. La prima va dal 1940 al 1943, la seconda è opera in gran parte di Mitterrand. Nella metà degli anni ’30, si comincia con persone come Schuman e Jean Monnet. Già nel 1927 Schuman scrisse che c’era bisogno di creare l’Europa come nuovo ordine, radicato nella tradizione. “Salvare l’Europa dalla decadenza”, per i pro-europeisti significava: salvarla da socialismo, rivoluzione, proteste, ebrei, marxisti, libero accesso alla sanità e all’istruzione, aborto, omosessualità. L’obiettivo dei primi europeisti era costruire un sistema esattamente opposto a quello della società degli Usa, che odiavano. L’élite europeista odiava la società dei consumi americana: odiavano più gli Stati Uniti che l’Unione Sovietica.

    Cosa si doveva fare per costruire l’Europa? Abolire gli Stati; forzare uno stato di deflazione permanente; ridurre progressivamente la spesa pubblica; e trasferire il potere a una classe super-partes di tecnocrati, operante a livello sovranazionale. Per questi europeisti della prima ora, cosa significava l’Europa? Significava creare un condominio, composto da Francia e Germania, e un impero coloniale che includesse anche il sud dell’Europa e l’Europa orientale; questo obiettivo era stato chiaramente esplicitato. E come si poteva sopprimere lo Stato? Bisognava privarlo di qualunque potere, relativamente alla moneta. Tutti questi europeisti erano fanatici seguaci di Friedrich Hayek, l’economista austriaco più di destra di quel tempo.

    L’Europa avrebbe quindi dovuto basarsi su una valuta sovranazionale, interamente controllata da una banca centrale sovrana che godesse di poteri assoluti per sovrastare gli Stati. In ultima analisi, il loro obiettivo era di imporre la futura valuta europea come un super-standard aureo: il primo abbozzo, per così dire, del Trattato di Maastricht, venne scritto dall’economista francese François Perroux nel 1943, col pieno supporto di un trattato approvato dal regime tedesco e dal regime francese pro-nazista dell’epoca. Il nuovo trattato, formulato e approvato dal presidente Sarkozy e dalla signora Merkel, è esattamente basato su quanto scritto da François Perroux nel ’43.

    Quelle persone erano contrarie allo standard aureo tradizionale, perché ritenevano che non avesse permesso la totale abolizione del potere di spesa dello Stato; quindi, bisognava creare uno standard aureo superiore. E questa era la prima fase del processo. Ma per qualche tempo il progetto europeo venne tenuto nelle retrovie, perché tutti i suoi fautori erano più pro-hitleriani di Hitler stesso. Per cui è stato necessario aspettare il regime di François Mitterrand. Un suo super-consulente, un monarchico, diceva: «Io odio i poveri». Era Jacques Attali: de facto, il primo ministro della Francia. Tra l’altro, Attali era il capofila di una serie di ex marxisti, convertiti in sostenitori del nuovo regime. Era quindi incaricato di creare una versione più “sostenibile” dell’euro-sistema. Ma la visione era la stessa: «Dobbiamo distruggere i centri commerciali», che per loro erano espressione di pura infamia, perché le persone dovevano accettare di essere povere.

    Mi ricordo di alcuni dibattiti in seno alla commissione segreta che si occupava dell’entourage presidenziale; Mitterrand doveva guadagnarsi il supporto dell’allora partito comunista, e io fui incaricato di scrivere una serie di modeste considerazioni, keynesiane, di teoria economica moderna. Ma tra i finanziatori della campagna elettorale di Mitterrand c’era la Chase Manhattan Bank, e così non fu mai sostenuto un programma di piena occupazione. Attali diceva: «Io ho l’impegno del nostro caro, futuro presidente: appena possibile noi distruggeremo lo Stato, creeremo una deflazione dell’economia, i salari reali crolleranno; quel che abbiamo in mente è il collasso totale del reddito dei lavoratori e della società francese». Come riuscire a fare tutto questo? Con il Trattato di Maastricht e con la creazione dell’euro.

    Sottolineo innanzitutto le menzogne. Mi è capitato di trovarmi piuttosto vicino a François Mitterrand, molto tempo fa; prima della guerra aveva avuto un legame particolare con mia madre, che mi diceva: «François è così bravo a raccontare balle che può riuscire persino a far credere che gli interessi far del bene alla gente». Durante l’unico dibattito sul Trattato di Maastricht, in risposta alla domanda di uno studente, Mitterrand osò dire: «Posso giurare che, nel trattato, non esiste menzione di alcuna banca centrale europea indipendente». Il principio fondamentale dei trattati europei era la privatizzazione dello Stato. E cioè: obbligare gli Stati a prendere in prestito denaro, vendendo titoli alle banche private. Gli Stati, come qualunque azienda dalla reputazione profondamente pura, dovevano andare a chiedere i soldi alle banche, ai tassi di interesse stabiliti dalle banche stesse.

    Il Trattato di Maastricht e il conseguente Patto di Crescita e Stabilità – il vero nome avrebbe dovuto essere: Patto di Distruzione e Instabilità – ha rappresentato la realizzazione dei loro obiettivi: gli Stati completamente assoggettati alle banche private, e quindi obbligati a tagliare la spesa pubblica. E’ esattamente quello che è successo, benché le menzogne continuino. La percentuale di debito pubblico, nell’ambito del patrimonio delle banche francesi e tedesche, è al di sotto del 5%. Le banche perdono soldi non a causa del debito pubblico, ma a causa del collasso totale dell’economia reale. Sono assolutamente terrorizzato quando la gente dice: «Oh, povere banche!». Il governo francese ha mentito, ma sapeva bene quali fossero le vere condizioni dell’economia greca: il 90% del debito greco – come quello italiano – è nelle mani delle banche francesi e tedesche.

    Se il nuovo trattato verrà poi effettivamente approvato, ci troveremo di fronte alla totale abdicazione degli Stati, delle politiche fiscali e di qualunque tipo di politica sociale. Sarà quindi raggiunto quel sogno di costituire un “nuovo ordine”. Ora il problema di chi deve gestire il sistema è: come si potrà mantenere il controllo della società? E’ questo il problema che si pongono. Di questo hanno timore, perché non c’è dibattito: in Germania, in Francia, e nei maggiori paesi europei, gli economisti ufficiali sono assolutamente corrotti; direi che si possono considerare delle prostitute. E siamo nelle loro mani: non si parla mai delle infamie alla base del crollo del sistema europeo.

    (Alain Parguez, eminente economista e professore emerito dell’università francese, già consulente del presidente Mitterrand; testo dell’intervento pronunciato a Rimini il 25 febbraio 2012 al summit mondiale sulla Modern Money Theory promosso da Paolo Barnard).


    Parguez: con l’euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler | LIBRE

    Questo bastardo è più bravo di Mitterrand a raccontare balle. Von Hayek non sarebbe mai stato preso come esempio per la creazione del super stato europeo. Una gran balla: Hayek è il nemico numero uno di questi figli di puttana della UE. Semmai è giusto considerare la UE come una nuova Unione Sovietica destinata al crollo. Gli Inglesi, che ne hanno sempre capito di tutto prima degli altri, si sono levati dal pantano Euro molto alla svelta. Usciamone il prima possibile.
    Ultima modifica di John Orr; 16-05-12 alle 08:26
    Ada De Santis, Galaad and Mitchell like this.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    10 Oct 2010
    Messaggi
    17,291
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Citazione Originariamente Scritto da Betelgeuse Visualizza Messaggio
    Sono qui per parlarvi di una storia oscura e tragica. Avete già capito: l’Europa è un mostro che va contro tutte le regole della teoria monetaria e dell’economia moderna. Perché esiste un sistema così assurdo? Mi è stato detto che nel vostro paese – come nel mio, del resto – alcune persone pensano che, se riusciamo a liberarci dell’euro, l’Italia o la Francia diverrebbero equiparabili ad alcuni dei paesi più poveri dell’Africa, come lo Zimbabwe. Ma l’economia reale dell’Eurozona è già nello stesso stato dello Zimbabwe. In Francia, il vero tasso di disoccupazione è di circa il 60% della popolazione attiva, una cifra enorme. E il vero tasso di inflazione è del 7-8%. Perciò non abbiamo la piena occupazione né una stabilità dei prezzi. Questo significa che tutti i dati ufficiali europei sono menzogne.

    Cito il direttore generale del ministero delle finanze francese, che appartiene all’ordine monastico dei Benedettini ed è anche il capo dell’Opus Dei francese– fra l’altro, anche la Commissione Europea (come il governo francese) è ampiamente controllata dall’Opus Dei. Ho provato a parlare con lui di questa questione, e mi ha detto: «Sì, l’economia francese è morta, ma non abbastanza». Mi ha detto: «Professore, lei deve capire perché esiste il sistema europeo. Che cosa vogliamo? Vogliamo distruggere, per sempre, la gente. Vogliamo creare una nuova tipologia di europeo: una nuova popolazione europea, disponibile ad accettare la sofferenza, la povertà. Una popolazione disposta ad accettare salari inferiori a quelli cinesi. E questo rappresenterà il fulcro del mio impegno».

    Il sistema dell’euro non è mai stato pianificato per portare ad un’unione monetaria, né è stato pensato come agenda neoliberista all’americana; e questo è ancora completamente ignorato dall’élite dominante europea. Basti pensare che, anche per il leader del partito socialista francese, il presidente Obama è un marxista. Quindi che cos’è l’euro? E’ un nuovo ordine sociale totalitario. E’ stato programmato molto tempo fa, nel periodo fra le due guerre mondiali, e poi completato, per così dire, dal regime di François Mitterrand. In questo nuovo ordine non ci saranno più Stati sovrani. Lo Stato deve svanire – perlomeno, lo Stato, che trova radici nella democrazia, nel Parlamento, nella Repubblica. Nel nuovo ordine, il potere dev’essere interamente trasferito a coloro che lo “meritano”. E questo significa un’élite, una classe capitalista di tecnocrati a cui piace il potere assoluto di controllo.

    L’origine dell’unione monetaria europea nasce tra le due guerre dalle parti più reazionarie e conservatrici della classe dominante francese. Il filosofo italiano Julius Evola aveva accusato Mussolini di essere troppo morbido con la gente e lo stesso Hitler di essere troppo favorevole al popolo. La cosiddetta crisi del debito sovrano è ovviamente un evento che non si è mai prima verificato nella storia. Una crisi di questa portata è stata attentamente pianificata dagli architetti del sistema europeo. Quel che avevano in mente era di privatizzare lo Stato. E dato che uno Stato in cui esiste una democrazia tende a perdere ricchezza, è ovvio che poi si trova obbligato a prendere in prestito denaro, quindi il suo debito è considerato a rischio: pertanto lo Stato dev’essere completamente assoggettato al cosiddetto mercato dei bond, ed è esattamente quello che sta succedendo.

    Non esiste modo di risolvere il problema e accomodare il sistema, perché come ordine sociale ha una sua logica, e coloro che controllano il sistema non accetteranno mai nessun tipo di cambiamento, soprattutto nessun tipo di intervento della Bce che non sia mirato ad incrementare esclusivamente la ricchezza delle banche. L’unica possibilità di salvare la società europea è liberarsi di questo sistema. In Europa, il settore privato è morto. I leader del settore capitalistico non sono più interessati all’economia reale: sono “rentier”, percettori di rendite finanziarie, e il capitalismo sta morendo. In Francia, già da 5-6 anni, la crescita è al di sotto del 3-4% all’anno. L’euro? E’ una moneta falsa, che distrugge a tutti gli effetti l’economia reale.

    Nella pianificazione del sistema dell’euro ci sono due fasi. La prima va dal 1940 al 1943, la seconda è opera in gran parte di Mitterrand. Nella metà degli anni ’30, si comincia con persone come Schuman e Jean Monnet. Già nel 1927 Schuman scrisse che c’era bisogno di creare l’Europa come nuovo ordine, radicato nella tradizione. “Salvare l’Europa dalla decadenza”, per i pro-europeisti significava: salvarla da socialismo, rivoluzione, proteste, ebrei, marxisti, libero accesso alla sanità e all’istruzione, aborto, omosessualità. L’obiettivo dei primi europeisti era costruire un sistema esattamente opposto a quello della società degli Usa, che odiavano. L’élite europeista odiava la società dei consumi americana: odiavano più gli Stati Uniti che l’Unione Sovietica.

    Cosa si doveva fare per costruire l’Europa? Abolire gli Stati; forzare uno stato di deflazione permanente; ridurre progressivamente la spesa pubblica; e trasferire il potere a una classe super-partes di tecnocrati, operante a livello sovranazionale. Per questi europeisti della prima ora, cosa significava l’Europa? Significava creare un condominio, composto da Francia e Germania, e un impero coloniale che includesse anche il sud dell’Europa e l’Europa orientale; questo obiettivo era stato chiaramente esplicitato. E come si poteva sopprimere lo Stato? Bisognava privarlo di qualunque potere, relativamente alla moneta. Tutti questi europeisti erano fanatici seguaci di Friedrich Hayek, l’economista austriaco più di destra di quel tempo.

    L’Europa avrebbe quindi dovuto basarsi su una valuta sovranazionale, interamente controllata da una banca centrale sovrana che godesse di poteri assoluti per sovrastare gli Stati. In ultima analisi, il loro obiettivo era di imporre la futura valuta europea come un super-standard aureo: il primo abbozzo, per così dire, del Trattato di Maastricht, venne scritto dall’economista francese François Perroux nel 1943, col pieno supporto di un trattato approvato dal regime tedesco e dal regime francese pro-nazista dell’epoca. Il nuovo trattato, formulato e approvato dal presidente Sarkozy e dalla signora Merkel, è esattamente basato su quanto scritto da François Perroux nel ’43.

    Quelle persone erano contrarie allo standard aureo tradizionale, perché ritenevano che non avesse permesso la totale abolizione del potere di spesa dello Stato; quindi, bisognava creare uno standard aureo superiore. E questa era la prima fase del processo. Ma per qualche tempo il progetto europeo venne tenuto nelle retrovie, perché tutti i suoi fautori erano più pro-hitleriani di Hitler stesso. Per cui è stato necessario aspettare il regime di François Mitterrand. Un suo super-consulente, un monarchico, diceva: «Io odio i poveri». Era Jacques Attali: de facto, il primo ministro della Francia. Tra l’altro, Attali era il capofila di una serie di ex marxisti, convertiti in sostenitori del nuovo regime. Era quindi incaricato di creare una versione più “sostenibile” dell’euro-sistema. Ma la visione era la stessa: «Dobbiamo distruggere i centri commerciali», che per loro erano espressione di pura infamia, perché le persone dovevano accettare di essere povere.

    Mi ricordo di alcuni dibattiti in seno alla commissione segreta che si occupava dell’entourage presidenziale; Mitterrand doveva guadagnarsi il supporto dell’allora partito comunista, e io fui incaricato di scrivere una serie di modeste considerazioni, keynesiane, di teoria economica moderna. Ma tra i finanziatori della campagna elettorale di Mitterrand c’era la Chase Manhattan Bank, e così non fu mai sostenuto un programma di piena occupazione. Attali diceva: «Io ho l’impegno del nostro caro, futuro presidente: appena possibile noi distruggeremo lo Stato, creeremo una deflazione dell’economia, i salari reali crolleranno; quel che abbiamo in mente è il collasso totale del reddito dei lavoratori e della società francese». Come riuscire a fare tutto questo? Con il Trattato di Maastricht e con la creazione dell’euro.

    Sottolineo innanzitutto le menzogne. Mi è capitato di trovarmi piuttosto vicino a François Mitterrand, molto tempo fa; prima della guerra aveva avuto un legame particolare con mia madre, che mi diceva: «François è così bravo a raccontare balle che può riuscire persino a far credere che gli interessi far del bene alla gente». Durante l’unico dibattito sul Trattato di Maastricht, in risposta alla domanda di uno studente, Mitterrand osò dire: «Posso giurare che, nel trattato, non esiste menzione di alcuna banca centrale europea indipendente». Il principio fondamentale dei trattati europei era la privatizzazione dello Stato. E cioè: obbligare gli Stati a prendere in prestito denaro, vendendo titoli alle banche private. Gli Stati, come qualunque azienda dalla reputazione profondamente pura, dovevano andare a chiedere i soldi alle banche, ai tassi di interesse stabiliti dalle banche stesse.

    Il Trattato di Maastricht e il conseguente Patto di Crescita e Stabilità – il vero nome avrebbe dovuto essere: Patto di Distruzione e Instabilità – ha rappresentato la realizzazione dei loro obiettivi: gli Stati completamente assoggettati alle banche private, e quindi obbligati a tagliare la spesa pubblica. E’ esattamente quello che è successo, benché le menzogne continuino. La percentuale di debito pubblico, nell’ambito del patrimonio delle banche francesi e tedesche, è al di sotto del 5%. Le banche perdono soldi non a causa del debito pubblico, ma a causa del collasso totale dell’economia reale. Sono assolutamente terrorizzato quando la gente dice: «Oh, povere banche!». Il governo francese ha mentito, ma sapeva bene quali fossero le vere condizioni dell’economia greca: il 90% del debito greco – come quello italiano – è nelle mani delle banche francesi e tedesche.

    Se il nuovo trattato verrà poi effettivamente approvato, ci troveremo di fronte alla totale abdicazione degli Stati, delle politiche fiscali e di qualunque tipo di politica sociale. Sarà quindi raggiunto quel sogno di costituire un “nuovo ordine”. Ora il problema di chi deve gestire il sistema è: come si potrà mantenere il controllo della società? E’ questo il problema che si pongono. Di questo hanno timore, perché non c’è dibattito: in Germania, in Francia, e nei maggiori paesi europei, gli economisti ufficiali sono assolutamente corrotti; direi che si possono considerare delle prostitute. E siamo nelle loro mani: non si parla mai delle infamie alla base del crollo del sistema europeo.

    (Alain Parguez, eminente economista e professore emerito dell’università francese, già consulente del presidente Mitterrand; testo dell’intervento pronunciato a Rimini il 25 febbraio 2012 al summit mondiale sulla Modern Money Theory promosso da Paolo Barnard).


    Parguez: con l’euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler | LIBRE
    Alain Parguez ha un grandissimo merito:
    mi fa rivalutare persino il nostro editorialista Salvo Gerli.

    Grazie, Betel, anche a nome di Salvo.
    Ultima modifica di Proteus; 16-05-12 alle 08:57
    Feliks and Seyen like this.

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    24 Aug 2010
    Località
    Bellagio-lago di Como
    Messaggi
    22,404
    Mentioned
    115 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Il punto è :
    come si fa a creare una squadra che dovrebbe vincere o gareggiare bene se i giocatori ( gli Stati ) della squadra sono in diverse condizioni fisiche ?
    In europa c'è il giovane , come il vecchio , il sano e l'ammalato .
    Cioè il sistema Stato , le sue infrastrutture , la posizione , consumi , la ricchezza e la possiilità d'investimento sono diversi .
    Prima le cose funzionavano perchè uno Stato svalutava la moneta , rendendo le sue merci appetibili, nonostante viziate dal suo sistema ( strade , costo del lavoro , impianti tecnologici ) .
    Ora , invece con la monetra unica , accaparra mercati lo Stato che ha il sistema più progredito mandando in palla gli altri stati .
    E arriveremo proprio come la lettera di cui sopra dice : un mondo di poveri che dipendono da un potere super ricco, in mano a finnanzieri che fanno il bello e cattivo tempo .
    Ada De Santis, John Orr and Galaad like this.
    DI ROSSO IN ITALIA C'E' SOLO IL VINO

    L'Italia è una razza, una storia, un orgoglio, una passione, l'Italia è una grandezza del passato.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    10 Oct 2010
    Messaggi
    17,291
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    I casi sono due o il direttore generale del ministero delle finanze francese
    (CHE AVREBBE DICHIARATO QUANTO SCRITTO DAL PARGUET...) è scappato dal manicomio....
    oppure ne è scappato l'autorevole Parguez.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    24 Aug 2010
    Località
    Bellagio-lago di Como
    Messaggi
    22,404
    Mentioned
    115 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Citazione Originariamente Scritto da CARLO NORD ITALIA Visualizza Messaggio
    Il punto è :
    come si fa a creare una squadra che dovrebbe vincere o gareggiare bene se i giocatori ( gli Stati ) della squadra sono in diverse condizioni fisiche ?
    In europa c'è il giovane , come il vecchio , il sano e l'ammalato .
    Cioè il sistema Stato , le sue infrastrutture , la posizione , consumi , la ricchezza e la possiilità d'investimento sono diversi .
    Prima le cose funzionavano perchè uno Stato svalutava la moneta , rendendo le sue merci appetibili, nonostante viziate dal suo sistema ( strade , costo del lavoro , impianti tecnologici ) .
    Ora , invece con la monetra unica , accaparra mercati lo Stato che ha il sistema più progredito mandando in palla gli altri stati .
    E arriveremo proprio come la lettera di cui sopra dice : un mondo di poveri che dipendono da un potere super ricco, in mano a finnanzieri che fanno il bello e cattivo tempo .
    L'unione europea è un grande sogno , perchè garantisce la pace fra stati ( gli europei ) che si sono combattuti per secoli e secoli.
    Tuttavia sarebbe dovuto essere un progetto da porre in atto gradatamente e non pensare di agglomerare in pochi decenni stili , di vita , costumi , sistemi di stato cosi diversi tra loro!
    Un errore storico !
    Bisognava lasciare le sovranità degli stati ancora per lungo tempo , con le proprie monete e i propri locali sistemi per far fronte ai problemi delle popolazioni indigene e intanto finanziare un grande organismo sovrannazionale con fondi internazionali che risolvesse le differenze strutturali e di vita delle nazioni interessate .
    In pratica un progetto lungo almeno un secolo .
    Invece , per appetiti finanziari , hanno buttato nel calderone sistemi così diversi e lontani , inserendo perfino stati appena, appena diventati democratici , mponendo rigore insostenibile a quella generazione di europei che dovrebbe s pagare i debiti contratti dalle generazioni precedenti .
    Una cosa impossibile , insensata che, se è divenntata realtà, è perchè qualcuno ha intravisto immensi spazi di speculazione .
    Cosa fare ?
    l'unica cosa che non ci permetteranno mai di fare !!
    Congelare i debiti degli stati per almeno un ventennio, con la sospensione dell'attività bancaria di pura speculazione e sopra i 50.000 euro .( per non bloccare l'economia reale ) e liberare gli stati del fardello debitorio che affonda le economie .
    Immaginate cosa potrebbe fare l'italia ( ma anche la grecia o il portogallo ,la spagna ) se ci liberassero di ben 80 miliardi di euro annuo che paghiamo di interessi !
    Chi ha denaro investito in Bot o in Bond (etc etc) non è gente che privata di rendite finanziarie finirebbe in strada !
    DI ROSSO IN ITALIA C'E' SOLO IL VINO

    L'Italia è una razza, una storia, un orgoglio, una passione, l'Italia è una grandezza del passato.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pavia
    Messaggi
    29,083
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Mai lette tante boiate messe insieme. Un'accozzaglia confusionaria di tutto e il contrario di tutto: si mettono insieme personalità da ideologie opposte in realtà e che agirono in modo opposto. Betelgeuse, ma un minimo di controllo?
    Frankie D. and CESAR like this.
    Against all odds

  10. #10
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alain Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitler

    Citazione Originariamente Scritto da Iannis Visualizza Messaggio
    Mai lette tante boiate messe insieme. Un'accozzaglia confusionaria di tutto e il contrario di tutto: si mettono insieme personalità da ideologie opposte in realtà e che agirono in modo opposto. Betelgeuse, ma un minimo di controllo?

    Lo riassumo:


    Durante la seconda guerra mondiale l'estrema destra finanziaria e monarchica si riunisce per decidere di un unione europea monarchica con regime monetario ultra aureo e inventano l'Euro, guidati dall'economista Hayek, in modo da distruggere le nazioni e fare dell'europa un popolo sano, fiero e semplice. Ma povero. Col tempo MIiterrand, un ultraconservatore con la facciata socialista da ungiro di vite e realizza il sogno monarco-finanziario.

    Tutto per stabilire che la UE è finita così colpa degli economisti monarchici di scuola austriaca e che la colpa di tutto è colpa dei monarchici ultraliberisti....Mitterrand è quindi un Anarcocapitalista.......
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


 

 
Pagina 1 di 16 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Nicaragua. Un sogno che si avvera
    Di Ringhio nel forum Politica Estera
    Risposte: 89
    Ultimo Messaggio: 16-01-16, 15:22
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-05-12, 21:37
  3. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 11-02-08, 21:37
  4. Un sogno che si avvera
    Di donrodrigo nel forum Squadre Siciliane
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18-12-06, 01:37
  5. Un sogno che si avvera
    Di donrodrigo nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-09-06, 16:02

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226