User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
Like Tree5Likes

Discussione: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,040
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Riporto qui ancora il link dell'articolo dove bene viene spiegato l'enorme timore da parte del Bilderberg che la Grecia, ossia il popolo Greco, decida di farsi i fatti suoi.

    » Bilderberg Scheme To Save The Euro Alex Jones' Infowars: There's a war on for your mind!

    Ma occorre riportare anche parte dell'articolo apparso a firma di Arvind Subramanian sul Financial Times, controllato dal Bilderberg Group, dal titolo "'L'uscita della Grecia può far invidia all'Euro".
    Subramanian è un Senior Fellow del Peter G. Peterson Institute for International Economics, che tra i suoi direttori annovera numerosi alti membri del Bilderberg Group, tra questi brilla il pilastro stesso del gruppo, David Rockefeller.
    "Espulsa dall’eurozona, la Grecia potrebbe risultare più pericolosa al sistema di quanto non lo fosse standovi dentro, fornirebbe un esempio di ripresa economica di successo.
    Immaginate che a metà 2013 l’economia della Grecia sia in ripresa, mentre il resto dell’eurozona sia rimasto in recessione. L’effetto su Spagna, Portogallo e anche Italia, tutte strapazzate dall’austerità, sarebbe dirompente. Gli elettori non mancherebbero di notare le migliorate condizioni del loro vicino greco (fino ad ora disprezzato). Inizierebbero a chiedersi perchè mai i propri governi non dovrebbero scegliere il modello greco e darebbero voce alla loro preferenza per uscire dall’eurozona. In altre parole, l’esperienza greca potrebbe modificare in modo sostanziale le motivazioni di quei Paesi a rimanere nell’eurozona, soprattutto se le condizioni economiche rimanessero negative. La potenziale uscita della Grecia potrebbe essere un esempio contagioso e portare alla fine dell’eurozona e forse dell’intero progetto europeo."
    Chiaro?
    "La Grecia DEVE rimanere nell'Euro!" dicono in coro tutti i papaveri riuniti a Camp David dal negro dopo aver concordato con Satana quali direttive (leggi ordini) dare ai servi europei per arrivare al risultato.
    "E' un momento molto delicato e difficile" sostiene Satana, e ci crediamo proprio.
    Immaginate cosa vorrebbe dire per lorsignori il voto sfavorevole del popolo Greco.
    Si cerca così disperatamente di salvare l’Euro perchè rappresenta le intere fondamenta del piano e del calendario finanziario globale volto a creare altre monete regionali ed altre federazioni, strettamente regolate dalla burocrazia, e tutte create sullo stesso modello dell’Unione Europea.
    Se l’euro risultasse essere un fallimento, il progetto finale di una sola ed unica moneta mondiale sarebbe morto perlomeno per i prossimi 100 anni.
    E' possibile immaginare, anche se solo in parte, l'enorme lavoro losco e sporco che tutto l'apparato farà per far vincere i partiti favorevoli all'Euro. Già oggi dicono che dai sondaggi questi appaiono in netta ripresa, che i Greci già ci stanno ripensando, che hanno paura.
    Nossignore!
    Possono pure far vincere, ed è probabile che ce la facciano (i brogli sono la base della democrazia) questi partiti, ma ad avere una paura fottuta non sono i Greci, sono LORO!
    TUTTI LORO!
    Non si sentono che lamenti, pianti e parole di disperazione da questi signori colà riuniti per fotterci ancora una volta e da tutti i media a loro asserviti.
    Ma se loro hanno paura che un piccolo paese come la Grecia decida di andare a morire per conto suo è proprio perchè sanno benissimo che dopo una iniziale crisi esploderebbe la sua economia, e per loro sarebbe la FINE!
    La fine di tutti i loro stramaledetti progetti fatti sulle teste di tutti i popoli, resi schiavi con la loro stramaledetta idea del Nuovo Ordine Mondiale.
    Non rimane che aggrapparsi al povero popolo Greco nella speranza che trovi il coraggio necessario, e che a noi per altre ragioni è mancato, per far valere la propria forza.
    In Europa siamo stufi di essere usati come cavie.
    Comunismo, nazismo, ora l'Euro.
    Signori basta, fuori dai coglioni!
    verdi likes this.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    E' incredibile come questi cani ormai siano cosi' vicini alla meta ....tanto vicini da non avere neppure paura ad esternare ed enunciare le loro desiderata di merda.
    Il processo di distruzione sistematica dei popoli e della democrazia ha subito un' accellerazione mai vista in soli due anni.
    Due anni di bolle finanziarie, di esplosione dei derivati, di assalto al carro della economia globale da parte di Cina ed India.
    Io comunque non mi fido piu' di tanto di chi urla alla luna e punta l'indice contro i fra massoni.
    Mi sa che questi comandano anche i cosiddetti teorizzatori del complotto.
    Il popolo padano ha bisogno di uno sponsor (vds Russia) non di altri grilli in frenetico sproloquio.
    In parole povere l'antisistema e' complice del sistema.
    L'antipolitica e' parte integrante della politica nel momento che si propone.
    I ragazzotti alla Zuckerberg (ideatore di faccia di merda) ed i loro democratici social network diventano piu' capitalisti dei capitalisti -- quotazione in borsa per 110 miliardi!!!)
    Ultima modifica di verdi; 18-05-12 alle 21:29
    ventunsettembre and Freezer like this.

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,040
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    L'antipolitica e' parte integrante della politica nel momento che si propone
    Più che ovvio per chi non vuole essere cieco.

    I ragazzotti alla Zuckerberg (ideatore di faccia di merda) ed i loro democratici social network diventano piu' capitalisti dei capitalisti -- quotazione in borsa per 110 miliardi!!!)
    Manco a dirlo, un altro ebreo.

    Quanto a Putin, lunga vita a lui!
    Per intanto ha vietato il gay pride a Mosca.
    Ottimo modo per mettere qualche puntino al posto giusto di fronte ad un mondo sempre più allineato sulla linea della ... merda.
    Ultima modifica di ventunsettembre; 18-05-12 alle 22:07
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Qualcuno crede che formiamo parte di una cabala segreta che attua contro i migliori interessi degli Stati Uniti d’America, qualificando la mia famiglia e me stesso d’internazionalista ed accusandoci di cospirare con altri individui del mondo per creare una struttura economica e politica globale più integrata; un mondo, se si vuole chiamarlo così. Se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole e ne sono orgoglioso» [David Rockefeller]


    «Il nostro lavoro non è dare alla gente quello che vuole, se no quello che noi decidiamo che debbano tenere» [Richard Salant, CBS News]
    «I membri del Bilderberg stanno costruendo l’era del post-nazionalismo: non avremo più Paesi, ma solo regioni della Terra all’interno di un “mondo unico”. Questo significherà un’economia globalizzata, un “unico governo mondiale” (selezionato, più che eletto) ed una “religione universale”. Per assicurarsi il raggiungimento di tali obiettivi, il Bilderberg si concentra su “il controllo tecnologico e la scarsa sensibilizzazione della pubblica opinione”» [William Shannon] In questi casi, quando alcuni ci credono ed altri no, la cosa migliore è presentare i fatti.
    Questo articolo nasce proprio con l’intento di fornire alcuni dettagli, che vi aiutino a capire perché le riunioni del Bilderberg non avvengono per discutere cosa sia meglio per l’umanità, quali misure adottare per aiutare l’Africa, ad esempio, o per salvarci dalla crisi economica.
    L’unica grande obiettivo del Club Bilderberg è decidere sulle migliori è più subdole strategie da adottare per transitare, senza troppo clamore, anzi, col nostro consenso, verso l’era post-nazionalismo, dove un unico governo mondiale sostituisca il potere sovrano dei singoli Stati del mondo. Un’unica grande società globalizzata, con un unico esercito ed un unico sistema tributario: una società globale fondata su un sistema oligarchico, dove poche e ricchissime persone comandino il resto della popolazione, che zitto e quieto, lavori, senza reclamare niente che non sia permesso o concesso dai vertici del sistema.
    Non ci credete? Non lo dico io, queste sono le parole, condivise dal magnate David Rockefeller (uno dei capi del Bilderberg, ndr), del fondatore del CFR (Council on Foreign Relations) Edward Mandell House: “la popolazione, i governi e le economie di tutti i paesi devono soddisfare le necessità delle banche e delle imprese multinazionali” [fonte: “Between two ages: America’s role in the Technetronic Era”, Zbigniew Brzezinski]. Questo lo dicevano nel 1970 e ne è passata di acqua sotto i ponti…
    Oggi a che punto siamo? Vi guardate attorno? Viaggiate per l’Europa? Vedete le immagini della TV (limitatevi a guardare le immagini senza audio, ve lo consiglio, ndr)? Vi rendete conto di quanta gente è uccisa ogni giorno, perché reclama i propri diritti civili o perché chiede libertà, giustizia sociale, cibo, assistenza e condizioni di lavoro dignitose?
    Cosa succede, ad esempio, a casa nostra? L’Unione Europea che tutti volevano (almeno i politici, ndr), piano piano, si è trasformata in un mostro che sta distruggendo i singoli Stati che ne fanno parte.
    Avete visto che è arrivata la crisi? Perché? A quale scopo le stesse persone che stampano i soldi, poi cercano di convincerci in tv, radio e giornali che la crisi finanziaria si può superare, obbedendo a questo o a quell’altro ordine dell’Unione Europea o degli U.S.A.? Certo che la crisi si può superare, stampando più soldi e distribuendoli. Ahi! Proprio qua sta il primo paradosso della società contemporanea: i soldi. I soldi sono lo strumento creato dall’uomo per stabilire un ordine oligarchico, per consegnare il potere in mano a poche persone, affinché possano comandare e dire cosa fare e come farlo. I cittadini, d’altro canto, possono guadagnare tanto o poco, l’importante è che non mettano il naso in questioni che spettano solo alla classe dirigente, come decidere cosa dev’essere considerato bene e cosa male; e che non pensino che le decisioni importanti, che riguardano il presente ed il futuro del nostro pianeta, siano cosa che li riguardi.
    Soluzione della crisi a parte, ricordatevi che l’attuale crisi non si supererà, perché è un punto ben preciso della transizione verso il sistema globalizzato mondiale. In altre parole, la crisi è stata voluta dalle stesse persone che oggi ci dicono come potremmo uscirne. Una presa in giro globale.
    Si tratta di una strategia: farci vivere con meno soldi, farci arrabbiare e farci passare la fame, così poi saremo più malleabili ed accetteremo più facilmente le politiche per lo “sviluppo”, per il “sanamento del debito”, per “uscire dalla crisi”.


    La indipendenza degli approvigionamenti e' quindi essenziale per lo sviluppo di comunita' locali :giagia:

    Ci proporranno (e lo stanno già facendo, ndr) le soluzioni di enti sovrannazionali come l’UE e l’ONU, organizzazioni internazionali che si sono costruite quest’aurea di credibilità, che ci fa dire cose del tipo: “se lo dicono loro, se lo dice Kofi Annan, è per il bene di tutti”. Balle. Bastardi e bugiardi, ecco chi sono i capi dell’ONU. Egoisti e dittatori.
    Insomma, è tutta una cospirazione? Sì. Non c’è bisogno di crederci o non crederci, è così. Un esempio concreto: la povera Africa. È la terra più ricca del mondo, tutti la sfruttano, usano la manodopera dei suoi abitanti e corrompono i suoi governanti. Poi ci vengono a chiedere di donare qualche soldo per la causa africana, per i bambini che muoiono di fame. Ma il mondo è pieno di soldi, il problema è che sono concentrati proprio nelle mani di queste persone a capo di Fondazioni umanitarie, di Governi e di organizzazioni internazionali. Capite bene che è sempre una grande presa in giro.

    Basta dare le due lire che vi chiedono per l'Africa...un sottile modo per farvi sentire ricchi-anche se non lo siete- e comunque colpevoli:giagia:


    Se gli alti vertici del CFR americano, dell’inglese EIIR, della Commissione Trilaterale, dellaConferenza di Dartmouth, dell’Istituto Aspen di Studi Umanistici, dell’Istituto Atlantico e del Club Bilderberg fossero interessati a salvare la vita dei bambini africani, l’Africa sarebbe già salva da almeno cinquant’anni.
    Un altro esempio: il petrolio e i danni ambientali. Se gli alti vertici del CFR o del Club Bilderberg fossero interessati ad eliminare la dipendenza dal petrolio e permetterci di vivere in un pianeta più sano, avrebbero già chiuso i giacimenti.

    :gratgrat: mah!


    Se (e concludo) agli alti vertici del CFR e del Club Bilderberg non piacessero le armi, non ne finanzierebbero la produzione.
    Non è nell’attuale interesse degli alti vertici del CFR, del Club Bilderberg e della Commissione Trilaterale cambiare strada. Non entra nei loro cervelli, per ora, la concezione di vivere in un mondo dove tutti stiano bene e dove non esista la necessità di possedere denaro, quale strumento d’amministrazione del potere di pochi sulle masse.
    Torniamo all’Unione Europea. Cosa sta succedendo? Qual è il programma per l’Europa? Perché la crisi e perché hanno cominciato a parlare di rating, di Stati con tripla A e così via? Non c’è bisogno di grandi spiegazioni forbite o talk show televisivi, la spiegazione è questa: mercati finanziari, Borse, economie e politiche confluiscono e sono fondate solo ed esclusivamente nell’interesse economico di un’élite di persone, che hanno l’obiettivo di possedere la maggior parte della ricchezza mondiale ed un potere tale, che gli permetta di comandare e decidere sulle sorti del mondo, a prescindere dal consenso o dalla condivisione del resto della popolazione. In altre parole, creare un sistema in cui il potere politico viene solo dopo il potere economico.
    Un paio di dichiarazioni da pelle d’oca a riguardo. “L’obiettivo è creare un potere economico mondiale superiore ai governi politici delle nazioni implicate, affinché i suoi creatori e leader, dirigano il futuro”. [fonte: “With no apologies” - Berry Goldwater, senatore statunitense]. “È necessario stabilire un gioco dialettico tra governi e multinazionali, il primo dovrà obbligare i paesi in via di sviluppo ad adottare una legislazione liberale ed abbandonino il nazionalismo, mentre le multinazionali dovranno trasmettere ai governi le conoscenze che posseggono dei paesi nei quali operano” [fonte: “The crisis of democracy” - Samuel Huntigton, investigatore politico di Harvard, Michel Crozier, sociologo francese e membro dell’Accademia delle Scienze Morali e Politiche di Francia, Joji Watanuki, membro giapponese della Commissione Trilaterale]
    Torniamo al Bilderberg. Il gruppo Bilderberg è stato fondato da varie persone (pare che l’ideatore del Bilderberg Group fu Joseph Retinger, ndr), tra cui un ex-ufficiale delle SS di Hitler, il principe olandese Bernardo de Lippe-Biesterfeld, membro della giunta della Farben Bilder, una filiale del gruppo d’intelligence della Germania nazista (da cui si suppone provenga il nome Bilderberg e non dall’hotel sede del primo incontro del 1954, ndr). La famiglia di Bernardo de Lippe ha sempre cercato di interrare questa parte della storia del “buon” principe olandese, soprattutto quando, dopo la guerra mondiale, divenne il direttore generale del conglomerato olandese-britannico del petrolio Royal Duth Shell. Insomma, un ideologo nazi, per farla breve.

    All'ultimo meeting di S. Moritz hanno visto allontanarsi a meta' riunione l'auto nera del CEO Eni.......aveva gia' ricevuto le bacchettate sulle dita ed il compitino per smantellare la stessa:giagia:


    Assieme a lui, l’altro padre fondatore del Bilderberg fu Otto Wolf von Amerongen, direttore della compagnia petrolifera Exxon (a suo tempo, nel 1971, si chiamava ancora Standard Oil, ndr), nel cui curriculum spiccano: il traffico illegale di tungsteno per la produzione di armi, l’essere stato una spia nazista in Portogallo e l’aver venduto, una volta terminata la seconda guerra mondiale, le azioni che Hitler aveva espropriato agli ebrei durante la sua dittatura. Un altro buon personaggio, no?


    E poi? Dopo il rappresentante regale, quello imprenditoriale, manca quello bancario no? Infatti, il terzo padre fondatore del Club Bilderberg è proprio David Rockefeller, capo della Chase Manhattan Bank. Un banchiere modello, un figlio di p*****a con i fiocchi, che oltre a diventare l’uomo più ricco del mondo attraverso frodi e finanziamenti a guerre e traffici illeciti, controlla quasi il 10% delle azioni del network di notizie ABC , oltre il 15% della CBS e circa il 5% della RCA (Radio Corporation of America). Insomma, controlla che tipo di informazione dev’essere veicolata dalle televisioni e dai giornali. Tutte le notizie veicolate dai mass media ufficiali (ABC, CBS, NBC, da cui prendono le notizie, poi, i mass media europei, ndr) sono controllate da un’unica corporazione, quella che potremmo chiamare la “Rockfeller Broadcasting Company” [fonte: D. Estulin - “Bilderberg Secrets”].


    Anche i mass media sono involucrati nel Bilderberg? Sì. I capi, direttori ed editori, delle catene si agenzie di notizie nordamericane ed europee fanno parte del Club Bilderberg, che decide cosa trasmettere e come creare una prestabilita “opinione pubblica” su una questione politica, piuttosto che economica. Insomma, lo ripeto una volta ancora: non crediate a quello che dicono e scrivono i mass media ufficiali. Una prova di tutto questo? William Paley, fondatore della catena televisiva CBS fu addestrato su come utilizzare al meglio la tecnica del lavaggio del cervello alle masse, durante la seconda guerra mondiale, presso l’inglese Istituto Tavistock di Analisi Comportamentale. Un altro nome? L’Istituto RAND. Magari non lo conoscete ma tutti i sondaggi di opinione pubblica trasmessi dalle televisioni e giornali passano per il suo filtro. Le persone che presiedono questa fantomatica organizzazione no-profit, sono esponenti del CFR e del Club Bilderberg. “Una delle aree chiave dell’esperienza dell’Istituto RAND – afferma D. Estulin –sono gli studi di disinformazione e manipolazione di grandi gruppi di popolazione. Spesso si basa sulla tattica dell’inganno, cioè l’uso orwelliano dell’ambiguità. Così, ad esempio, si chiama pace la guerra, terroristi i pacifisti e così via”.
    Solo per riportare questo discorso più vicino a noi, senza sempre fare esempi con gli Stati Uniti, sappiate che Gianni Rotta, dal 2009 direttore del Sole24Ore, è un ospite del Bilderberg.
    “Il Bilderberg, come la Commissione Trilaterale, è articolato su cerchi concentrici dove i veri iniziati stanno al centro, mentre il cerchio più esterno solitamente ospita figure come professori universitari o politici e capi di Stato in vista. Le decisioni del Bilderberg hanno efficacia anche dopo anni e vengono notificate a organismi come il G8 o vengono perfezionate in simposi tenuti dall’Aspen Institute, dal Club di Roma o dallo World Economie Forum di Davos. Superfluo sottolineare che i membri del Bilderberg (e della Commissione Trilaterale) sono in prevalenza massoni e che, soprattutto nei cerchi interni, non esistono forme di alternanza democratica, una contraddizione in termini a livello di élites, dove la stabilità è d’obbligo, e sono sempre le stesse figure ad apparire, come ad esempio David Rockefeller o Henry Kissinger […] . Giova ricordare che massoni presenti in Società Segrete, come appunto il Bilderberg Group, sono tuttavia divisi in due obbedienze: quelli del ramo angloamericano e quelli della Massoneria francofila-umanista, in continuità con la divisione «storica» della Massoneria, il Palladismo d’oltreoceano fiancheggiato dalle alte Società Segrete britanniche, la via angloamericana alla Repubblica Universale, che si avvale delle ricchezze principalmente deiRockefeller, in concorrenza con quella europea della Sinarchia, imperniata sull’asse franco-tedesco e appoggiata dai Rothschild. Le distinzioni – occorre averlo sempre ben chiaro – non sono tuttavia mai così nette, come testimonia la presenza ad un tempo di massoni di entrambe le estrazioni nei circoli mondialisti, a significare uno scopo comune da perseguire al di là di ogni opposizione interna” [fonte: Massoneria e sette segrete: la faccia occulta della storia]Insomma in Club Bilderberg è la riunione dove capi di Stato, banche e multinazionali decidono come salvare il mondo e che misure adottare per farci vivere tutti meglio? No. Il Bilderberg è un club di massoni formato da nazisti, banchieri senza scrupoli, trafficanti d’armi, mass media corrotti e politici minori, che si limitano ad accettare le decisioni prese dal nucleo centrale e più intimo del Bilderberg, che giocano al Monopoli ed al Risiko con il nostro mondo.
    Per concludere, ecco l’agenda Bilderberg, gli attuali obiettivi dei governatori del mondo [liberamente tratto da “Il Club Bilderberg” – D.E.]:
    1. Un’identità internazionale. Distruggere l’identità nazionale, cioè depauperare la sovranità degli Stati (come sta accadendo sotto i nostri occhi, ndr), per stabilire valori universali obbedienti ad un unico governo mondiale.
    2. Un controllo centralizzato della popolazione. Lavando il cervello allapopolazione (attraverso la televisione e gli altri mezzi di comunicazione, anche Internet, ndr), l’obiettivo è quello di eliminare la classe media. Ci saranno solo governanti e schiavi, più o meno coscienti del loro status di servi del potere (un po’ già è così, no?, ndr).
    3. Una società a crescita zero. Se c’è prosperità, c’è progresso e la prosperità ed il progresso impediscono esercitare la repressione. Prevedono che il fine della prosperità avverrà con lo sviluppo dell’energia elettrica nucleare e con la completa industrializzazione (a parte per i settori informatici e dei servizi) e con la completa esportazione delle più grandi imprese nei paesi dove la manodopera è più economica (è uno degli obiettivi principali del TLCAN, il “Trattato di Libero Commercio dell’America del Nord”, ndr)
    4. Uno stato di disequilibrio perpetuo. Se si creano crisi artificiali che sottomettano la popolazione ad una coazione continua (dal punto di vista fisico, psichico ed emozionale), si può mantenere uno stato di disequilibrio continuo. Questi signori pensano che, troppo stanchi e disillusi, in situazione di crisi profonda, i cittadini si dimostreranno confusi e demoralizzati, a tal punto che, sopraffatti dalle troppe opzioni, si faranno vincere da un’apatia generale, che prenderà il sopravvento su scala mondiale e porterà all’accettazione dei programmi salvifici, proposti da enti come l’ONU e le altre organizzazioni internazionali che “operano per il bene di tutti i cittadini del mondo”(lo stiamo cominciando a vivere ora con l’attuale crisi finanziaria, ndr)
    5. Un controllo centralizzato dell’educazione. L’Unione Europea e le future Unione Americana e Unione Asiatica puntano ad avere un controllo sulla cultura e sull’educazione dei giovani, sterilizzando il più possibile la storia del mondo. Oggi, ad esempio, i libri di storia sono controllati, rivisti e spesso censurati in alcuni paesi dell’America Latina ed i toni, in generale, sono sempre pacati e smorzati, soprattutto per quanto concerne i temi “caldi” della storia (schiavitù, nazismo, sperimentazione medica, e così via, ndr)
    6. Un controllo centralizzato di tutte le politiche nazionali ed internazionali. Tutto ciò che fanno gli Stati Uniti, coinvolge anche il resto del mondo, lo sappiamo. In Europa, gli Stati stanno perdendo, giorno dopo giorno, il proprio potere sovrano, soffocati dalle regole dettate dall’Unione Europea (vedi Grecia, Italia, Spagna e piano piano toccherà a tutti, ndr). In Europa, il cammino verso l’annichilimento dei singoli Stati cominciò già negli anni Cinquanta, con la creazione della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio, poi continuò con il mercato Unico Europeo, per giungere all’adozione della Moneta Unita ed alla creazione della mitica Unione Europea. Un tempo gli Stati europei possedevano la propria sovranità, una sovranità che l’UE è andata rodendo poco a poco e che oggi sta usurpando, attraverso il controllo dell’economia e della politica delle singole nazioni. Pensate che solo qualche anno fa, chi diceva che un giorno l’UE minerà il potere dei singoli Stati che ne fanno parte, era ridicolizzato o additato come pessimista e cospirazionista. Oggi è una realtà.
    7. La concessione di un maggior potere alle Nazioni Unite. Il sistema dell’ONU ha come obiettivo costruire un governo mondiale dichiarato ed in seguito un governo mondiale di fatto, per poi esigere una tassazione diretta da parte nostra in quanto “cittadini mondiali”. Bella la globalizzazione, vero?
    8. Un blocco commerciale occidentale. In seguito all’espansione del TLCAN, si formerà un’Unione Americana simile all’Unione Europea.
    9. L’espansione della NATO. Man mano che la ONU continuerà ad intervenire sempre più nei conflitti bellici in Medio Oriente, Africa e così via, la NATO si convertirà nell’esercito mondiale, sotto comando della ONU.
    10. Un sistema giuridico unico. Il tribunale Internazionale di Giustizia diventerà l’unico sistema giuridico del mondo.
    11. Uno stato di benessere socialista. Scopo dei rappresentanti del Bilderberg, CFR e della Commissione Trilaterale è creare uno stato di benessere socialista, nel quale si compensano gli schiavi obbedienti e si sterminano gli anticonformisti.Il gruppo Bilderberg dispone del potere e delle influenze necessarie per imporre le sue politiche in qualsiasi Paese del mondo.
    Quanto più vorremo e sapremo agiremo uniti, tanto meglio potremo sviare questi signorotti dai propri obiettivi. Questi potenti riccaccioni hanno il gioco facile, visto che sono abituati trattare con pecore, quali siamo. Per farla finita con tanta ipocrisia, ineguaglianza, guerra e povertà dobbiamo cominciare a costruire noi il nostro mondo, senza fare solo rivoluzioni che muoiono in piazza o vengono smantellate dalla polizia ma costruendo un sistema che prescinda da tutte queste persone, malvagie ed egoiste e, soprattutto, dal denaro.
    Vi fidate ancora di politici e banchieri?
    Per un futuro dove non ci sia più bisogno del denaro e dove nessuno muoia di fame e di miseria, dovete cominciare a fondare la vostra vita quotidiana su valori incorruttibili, difendendo e lottando per i vostri diritti di cittadini liberi e, innanzitutto, di uomini liberi. Senza scuse, senza compromessi, senza farvi manipolare e corrompere, senza continuare a comportarvi e vivere come pecore timorose.
    Fonte:[url=http://buenobuonogood.wordpress.com/url]
    Ultima modifica di verdi; 18-05-12 alle 22:45

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,040
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Ansa.it
    WASHINGTON - Al G8 "vengo a rappresentare un'Italia con le carte in regola e che quindi ha le sue posizioni da esprimere con forza nel quadro europeo". Così il premier Mario Monti, da Washington.

    Le "carte in regola".
    Ossia in quattro e quattr'otto (vedi "E io c'ero") ha fatto approvare le tre votazioni tre (per cui non vi sarà possibilità di referendum) per variare non un solo privilegio della casta, bensì la Costituzione stessa di ferro, facendovi inserire l'obbligo del pareggio di bilancio, obbligando la nostre servile e vigliacca (e colpevole di alto tradimento) classe parlamentare a cedere la sovranità nazionale (per cui tra l'altro non vi è più senso alcuno di continuare a mantenerli avendo di fatto ceduto ad altri il compito per il quale sono pagati).
    Ora, con queste "carte in regola" il nostro Satana, dopo aver privatamente preso accordi con il negro, può "esprimere con forza le sue posizioni", ossia dare gli ordini a tutta l'Europa, ragione vera, come scrivo da tempo, per la quale ha deciso di scendere in campo in prima persona.
    Hai ragione da vendere, caro verdi, quando scrivi: "E' incredibile come questi cani ormai siano cosi' vicini alla meta ....tanto vicini da non avere neppure paura ad esternare ed enunciare le loro desiderata di merda."
    Tanto vicini che Satana in persona ha deciso di uscire dal dietro le quinte ed entrare in gioco per assestare direttamente gli ultimi colpi.
    Ma non tutto è perduto.
    Satana sa che può anche perdere.
    Da Camp David arriva un "infernale" puzzo di cagarella.
    Io credo e crederò fino alla morte nella forza dei popoli.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,040
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Della serie "Ognuno si faccia i ca..i suoi"

    Merkel, Grecia tenga referendum su euro - Top News - ANSA.it

    Merkel, Grecia tenga referendum su euro
    La proposta della cancelliera, assieme a legislative 17 giugno

    ATENE, 18 MAG - La cancelliera tedesca Angela Merkel ha suggerito che con il voto per le legislative del 17 giugno in Grecia si tenga un referendum sulla permanenza di Atene nell'euro. Lo ha riferito l'ufficio del premier greco precisando che la proposta e' stata formulata dalla cancelliera nel corso della sua telefonata con il presidente Karolos Papoulias. La Merkel ''ha evocato l'idea di un referendum, in parallelo con le elezioni, per sapere se i greci vogliano restare in eurolandia''.

    Non mi sembra fosse dello stesso avviso quando l'allora primo ministro greco l'aveva proposto.
    Ma allora non aveva finito lo spolpamento.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    Della serie "Ognuno si faccia i ca..i suoi"

    Merkel, Grecia tenga referendum su euro - Top News - ANSA.it

    Merkel, Grecia tenga referendum su euro
    La proposta della cancelliera, assieme a legislative 17 giugno

    ATENE, 18 MAG - La cancelliera tedesca Angela Merkel ha suggerito che con il voto per le legislative del 17 giugno in Grecia si tenga un referendum sulla permanenza di Atene nell'euro. Lo ha riferito l'ufficio del premier greco precisando che la proposta e' stata formulata dalla cancelliera nel corso della sua telefonata con il presidente Karolos Papoulias. La Merkel ''ha evocato l'idea di un referendum, in parallelo con le elezioni, per sapere se i greci vogliano restare in eurolandia''.

    Non mi sembra fosse dello stesso avviso quando l'allora primo ministro greco l'aveva proposto.
    Ma allora non aveva finito lo spolpamento.
    PENSO CHE , ATTUATO IL PUNTO 4 DELL'ENUNCIATO DI CUI SOPRA, SIANO CONVINTI CHE IL POPOLO GRECO SIA TALMENTE DISTRUTTO CHE, I POCHI CHE RIUSCIRANNO A VOTARE ILO REFERENDUM, VOTERANNO EURO, PER PAURA,BOMBARDAMENTO MEDIATICO, ANNICHILIMENTO.

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Monti presenta al G8 un proprio programmaostridicolo: per ribattere al rischio di defautl dell'euro.
    Rigor mortis e' sempre piu' la mano armata dei fra' massoni.

    Ma quanto si e' arricchito e si arricchira' in questo decennio (?):gratgrat:

  9. #9
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,176
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Citazione Originariamente Scritto da verdi Visualizza Messaggio
    Rigor mortis e' sempre piu' la mano armata dei fra' massoni.
    Ma anche dei gesuiti.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Europa terra di conquista. Dopo comunismo e nazismo, l'Euro. Forza Greci!!!

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Ma anche dei gesuiti.
    Perche' esistono ancora ? Sai qualcosa che il normale volgo non conosce?

    O il tuo ( ma assolutamnete non credo)e' un rilievo frutto di quella merda
    di dan brown?

    Sparare contro il Cristianesimo ora va di moda.....non cadiamo nel gioco sporco ( e lo dico da agnosta).

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-10-11, 23:15
  2. Intervista all'imam Omar Bakri: Europa terra di conquista
    Di carlomartello (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 29-09-08, 13:33
  3. L'Europa è ormai terra di conquista del radicalismo islamico
    Di EternoOccidente nel forum Destra Radicale
    Risposte: 87
    Ultimo Messaggio: 08-01-08, 19:26
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-11-05, 01:26
  5. Dopo Nazismo, Fascismo e Comunismo ORA IL TEONAZISMO
    Di liber nel forum Politica Estera
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 31-10-05, 14:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226