User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: le tre sicilie

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    06 Aug 2010
    Messaggi
    16,914
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito le tre sicilie

    Spedire a Nuoro e a Cosenza costa uguale.
    I maggiori corrieri nazionali, infatti, hanno inserito la Calabria nella stessa fascia di prezzo di Sicilia e Sardegna.
    Lo racconta l'audioinchiesta realizzata da Antonello Mangano per Fainotizia.it.
    Un insieme di testimonianze che ogni automobilista di passaggio vive sulla propria pelle: la Calabria è un'isola.
    Oggi anche per le tariffe delle spedizioni.
    "Confermo che la Calabria è difficile da raggiungere anche per via delle infrastrutture autostradali.

    Cambiano le persone, ci dicono sempre le stesse cose. Ma di fatto da Salerno in poi è un'incubo. Uno sa quando entra, ma non sa quando esce da quest'autostrada." Spiega Renato Carrara, Presidente dell'Associazione Nazionale Corrieri che raggruppa i maggiori operatori del settore (come Fedex, Sda, Tnt, Ups, Dhl). Un operatore dei trasporti locali raccontra al cronista che ogni giorno i suoi operatori telefonano ad Anas per conoscere quali tratti sono aperti e quali chiusi: "ma non possiamo chiamare 365 giorni l'anno."

    Tratte navali come la Messina- Salerno sono cresciute negli ultimi anni proprio per via dei lavori infiniti sulla Salerno-Reggio Calabria. Ci sono pezzi d'Italia in cui è emergenza anche andare al mare, mentre l'emergenza viene affrontata ogni anno con una raffica di spot.

    Come quelli del 2010, anno in cui il percorso alternativo studiato per l'estate prevedeva .. gli orari dei traghetti per bypassare la Calabria.

    L'INEFFICIENZA FA GUADAGNARE

    307 milioni di euro. E' la cifra che dovremmo pagare al consorzio formato da Impregilo e Condotte.

    Si tratta di una lunga controversia con lo Stato terminata lo scorso dicembre a favore delle imprese. Le aziende lamentavano una serie di costi aggiuntivi sostenuti nel tratto terminale della strada calabrese, tra Gioia Tauro e Scilla, tra cui le spese dell'antimafia.

    "Non è un risarcimento" spiega a Fainotizia.it Pietro Ciucci, amministratore unico dell'Anas. "Si tratta di riconoscere alle imprese del consorzio maggiori costi e maggiori tempi che non sono attribuibili a loro responsabilità.

    Ovvero importi che aumentano i costi dell'opera. Non risarcimenti, ma riconoscimento di un corrispettivo. Non ci sono direttamente i protocolli antimafia, ma sappiamo che l'A3 ha subìto tentativi di infiltrazione criminale, in particolare nel quinto e sesto macrolotto.

    Lì dove ha determinato un allungarsi dei tempi, anche il protocollo antimafia ha contribuito nella definizione del corrispettivo." E' un paradosso molto costoso: i cittadini supportano non solo i costi della mafia (attentati, estorsioni, materiali di qualità scadente) ma anche quelli delle attività antimafia, che però non hanno frenato lo strapotere dei clan sui lavori dell'autostrada.

    LA SCELTA DI DENUNCIARE

    Il rapporto Confesercenti lo ha definito "il corpo di reato più grande d'Italia." Per ogni macrolotto è aperta un'indagine giudiziaria.

    La spartizione del territorio è stata scientifica. Nel '99, in una riunione a Rosarno, i rappresentanti delle 'ndrine, decisero il pagamento della "tassa ambientale," cioè la tangente pari al 3% su ogni capitolato. Imposero "ditte amiche."

    Determinarono la posa in opera di materiale in quantitativo inferiore a quello necessario. Un vero sistema, con qualche piccola crepa.

    Per esempio, gli ingegneri che hanno deciso di non trattare con i clan. Oppure le ditte non gradite alla 'ndrangheta. Li hanno cacciati subito, gli uni e gli altri.

    l'imprenditore calabrese Gaetano Saffioti, aveva lanciato una provocazione: "fatemi costruire un metro di A3, anche gratis. Lavoro in tutta Europa ma non in casa mia." All'inizio nessuna risposta, oggi la situazione è un pò cambiata.

    "Non sono riuscito a lavorare nei cantieri dell'A3. Qualche impresa ci noleggia delle macchine" rivela nell'audioinchiesta.

    Dal 2002 vive sotto scorta. Ha denunciato quello che tutti sanno: tutti pagano e nessuno lavora senza il volere della 'ndrangheta. "Il territorio è contaminato"spiega "la mia scelta a livello economico è un suicidio. Quello che ho guadagnato è la sensazione di essere un uomo libero. Non devo pagare e non ho questa gente tra i piedi, posso dire di essere una persona perbene" nonostante una situazione da incubo.

    Ha provato a lavorare nel Nord Italia e l'hanno raggiunto. E' andato in Francia e Spagna e anche lì sono arrivati: "il posto in cui lavoro me lo tengo riservato, meglio non fare troppa pubblicità."

    Almeno due ingegneri si sono ribellati al sistema della tassa ambientale. Uno non lavora più in Calabria, ma precisa di aver lasciato l'azienda per motivi diversi dall'ingerenza mafiosa. Negli atti ci sono le sue parole rivolte a un collega: "Non si scende a patti. Dobbiamo andare via se non ci sono le condizioni disicurezza."

    La magistratura, intanto, continua a indagare. Tamburo, Arca, Autostrada, Topa e le tre inchieste chiamate Cosa mia. Ma le indagini sono arrivate sempre dopo.

    Non si poteva prevenire? Risponde Bruno Frattasi, capo di gabinetto nel Ministero dell'Interno: "La grande impresa, dovendo operare in un certo contesto, pensa di stipulare delle "polizze assicurative", però questo tipo di pactum sceleris l'impresa ha sempre detto che era costretta a farlo per ottenere la pace sociale sui cantieri, per far sì che non ci fossero attentati."

    E I LAVORI?

    I lavori saranno completati nel 2013: il parlamento ha accolto questo annuncio con una risata. Quando c'era il Governo Amato, Nero Nesi disse che avrebbe terminato tutti in cinque anni.

    Il ministro di Berlusconi - Pietro Lunardi - era più ottimista: finiremo in quattro anni. Poi nel 2001 dissero: sarà pronta nel 2005; nel 2002: termineremo nel 2006 e così via.

    I costi sono valutati in circa 7 miliardi e mezzo. Nonostante la generale sfiducia, Anas ribadisce che l'anno prossimo i lavori saranno terminati. Mentre l'Amministratore piero Ciucci, ribadisce che la data effettiva di inizio lavori risale a 10 anni fa, con la "legge obiettivo."

    E il completamento? Ciucci fa due calcoli: 240 km sono già stati aperti, e altri 120 lo saranno entro il 2013. A quel punto all'appello ne mancheranno soltanto 80.



    Autore: Pablo Petrasso



    Fonte: Corriere della Calabria
    http://www.comitatiduesicilie.it/ind...C3%A8-un-isola
    Ultima modifica di largodipalazzo; 22-05-12 alle 15:32

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. spot due sicilie
    Di MaIn nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18-12-12, 14:12
  2. Due Sicilie solo e sempre Due Sicilie
    Di dechristen nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-05-12, 17:12
  3. araldica due sicilie
    Di luigi maria op (POL) nel forum Conservatorismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-01-09, 15:03
  4. Due sicilie...
    Di Aganto nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 09-01-07, 02:16
  5. Due Sicilie-una domanda
    Di Gilbert nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 30-10-06, 22:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226