User Tag List

Pagina 1 di 27 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 266
Like Tree45Likes

Discussione: Il Sangue dei Vinti

  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2012
    Messaggi
    705
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Sangue dei Vinti

    Si stima, probabilmente per difetto, in 20.000 (ventimila) il numero delle persone uccise in modo sommario, spesso dopo torture e sevizie, dopo il 25 Aprile del 1945, dai partigiani. In tutto il ventennio, i morti a causa delle persecuzioni fasciste contro gli oppositori si contano sulle dita di una mano. il che fa classificare il Fascismo come un regime si autoritario, ma non certamente totalitario. Fascismo che, è bene ricordarlo, si sviluppò e crebbe a seguito della vittoria negata
    della 1a Guerra Mondiale, dell'oltraggio dei reduci (che Sandro Pertini definì vergognoso), sul pericolo montante delle Leghe Rosse che imponevano le loro violenze nelle campagne e delle organizzazioni sindacali comuniste socialiste e e anarchiche che imponevano le loro legge nelle fabbriche e nelle città.
    Non si ebbe pietà per i vinti, che furono trucidati senza pietà, e che spesso non avevano avuto nulla a che fare con lo sconfitto regime. Non si ebbe pietà per i ragazzi di 17-18 anni che aderirono alla RSI sapendo in partenza di aver perso. Per chi NOBILMENTE aderì alla causa "sbagliata" trucidato da chi magari "IGNOBILMENTE" aderì a quella "giusta" salendo appena in tempo sul carro del vincitore. Raccontiamo la storia come realmente fu e non solo quella scritta dal vincitore spietato dove vi autocelebravano solo le proprie gesta e si fondava la nuova religione dell'antifascismo Raccontiamo la storia di chi non ricevette pietà e l'onore delle armi, un fiore su una tomba. Per una memoria condivisa in questo disgraziato paese.

    22/03/1944
    Luogo: Tollegno (Bi) – Cimitero
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Francesco Moranino “Gemisto”
    Vittime: 4 – Caterina Tiboldo, Angiolina Pialorsi, Mariuccia Tiboldo, Carmen Tiboldo
    Motivazioni: Facendo le sarte avevano avuto fascisti tra i clienti
    Conseguenze e note: Risposta fascista: 5 partigiani uccisi nello stesso luogo. Esiste una lapide per i partigiani ma non per le donne. Nel libro “Il Monterosa è sceso a Milano” (di Cino Moscatelli e Pietro Secchia) gli autori raccontano invece di tre repubblichini sorpresi dai partigiani mentre “gozzovigliavano”.

    18/02/1944
    Luogo: Mosso S. Maria (Bi) – Cimitero
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Piero Maffei
    Vittime: 12 vittime scelte tra gli industriali del luogo; avrebbero dovuto essere 30 ma sono stati interrotti da una pattuglia tedesca. Le vittime non avevano nessun rapporto con la RSI. Da aggiungersi anche il civile Enrico Carta freddato sulla porta mentre teneva in braccio il figlio (fortunatamente illeso)
    Motivazioni: Dare una “lezione” agli industriali locali che non avevano dato prova di sufficiente dedizione alla causa comunista.
    Conseguenze e note: Fu scattata una foto alle vittime e inviata a tutti i familiari per dare un esempio. Il giorno seguente si uccide il maresciallo dei carabinieri Alfonso Taverna per non aver potuto fermare l’eccidio. Risposta fascista: uccisi 2 partigiani durante uno scontro e fucilati 7 partigiani sul luogo delle vittime civili. Cino Moscatelli ne ““Il Monterosa è sceso a Milano” parla di scontro epico con 4-5000 nazifascisti; nessun riferimento alle vittime civili. Presso il cimitero è presente una lapide per i partigiani, nessuna per i civili.

    02/05/1945
    Luogo: Graglia (Bi) – pressi del Cimitero
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Silvio Ortona
    Vittime: 33 – Militi allievi ufficiali presi prigionieri a Cigliano tra i quali le mogli del capitano Toppi e del tenente Della Nave (quest’ultima in stato di gravidanza)
    Motivazioni: Ignote
    Conseguenze e note: Il gruppo fu trasferito da Cigliano a Graglia in 3 giorni atroci per i prigionieri bastonati e sputacchiati senza poter bere. I prigionieri furono fucilati nei campi e per ultime le due donne nonostante una fosse in stato di gravidanza. La sorella di un milite, preoccupata per il silenzio del fratello, svolse delle indagini a Cigliano e a Graglia: scopri’ da un partigiano, Amorino Salza, che li avevano fatti fuori come cani in mezzo ai prati perché non erano degni “quei criminali di contaminare con le loro carogne la terra consacrata del cimitero di Graglia)

    08/01/1944
    Luogo: sconosciuto
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Cino Moscatelli
    Vittime: Elgo e Livio Peretti
    Motivazioni: Contrasti col partigiano Cino Moscatelli (mal sopportavano l’impostazione stalinista di questi)
    Conseguenze e note: Fu uccisa anche la fidanzata di Livio compevole di aver indagato sulla vicenda (accusata di intesa con i nazifascisti, accusa che alcuni capi partigiani non ritennero giusta perché nessuna prova fu mai fornita)
    Data sconosciuta
    Luogo: sconosciuto
    Esecutori: Partigiani comunisti
    Vittime: Luigi Forgnoli
    Motivazioni: doppiogiochismo
    Conseguenze e note: Il suo nome compare tra le vittime dei fascisti

    26/11/1944 e 09/01/1945 Strage della Missione Strassera
    Luogo: Portula (Bi)
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Francesco Moranino
    Vittime: 7 – Emanuele Strasserra, capo missione; Gennaro Santucci, partigiano; Ezio Campasso, partigiano; Mario Francesconi, partigiano; Giovanni Scimone: partigiano. Maria Santucci e Maria Francesconi moglie di due partigiani
    Motivazioni: le vittime erano partigiani non comunisti
    Conseguenze e note: si veda l’apposita pagina su wikipedia
    Estate 1944
    Luogo: Biella
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: Riccardo Zanotto
    Motivazioni: aveva rotto con i comunisti
    Conseguenze e note: accusato di essere una spia

    12-13/05/1945 Eccidio Ospedale Psichiatrico
    Luogo: Vercelli –Larizzate – Greggio
    Esecutori: partigiani comunisti agli ordini di Silvio Ortona e Francesco Moranino
    Vittime: a seconda delle fonti tra 51 e i 65 – militi fascisti
    Motivazioni: eliminazione fascisti
    Conseguenze e note: si veda l’apposita pagina su wikipedia

    17/04/1945
    Luogo: Biella
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Nella Perico (sedicenne)e la madre Domenica Perico
    Motivazioni: un partigiano invaghitosi di Nella Perico
    Conseguenze e note: Nella fu rapita da un gruppo di partigiani e la madre, incontrato il gruppo per parlamentare, fece la stessa fine. Dopo un mese di violenze furono uccise entrambe

    21/06/1944
    Luogo: Casa del Bosco (Bi)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Ing. Quaglia e figlia Maria Antonietta di Sostegno
    Motivazioni: un partigiano invaghitosi di Maria Antonietta
    Conseguenze e note: avendo Maria Antonietta non gradito la corte di un partigiano la famiglia fu accusata di essere delle spie. Furono prelevati e uccisi sul sagrato della chiesa di Casa del Bosco in cui si stava svolgendo il mercato. I partigiani fecero sgomberare il centro e mitragliarono prima il padre e poi la figlia sotto gli occhi dei presenti.

    27/10/1944
    Luogo: Mongrando (Bi)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Teresa e Bortolina Girelli
    Motivazioni: il fidanzato partigiano di Bortolina era stato catturato dai tedeschi ma i partigiani ritennero si fosse consegnato spontaneamente
    Conseguenze e note: Teresa uscita per rintracciare la sorella fu trovata con due pallottole in testa

    14/01/1945
    Luogo: Vandorno (Bi)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: Maria Laura Bellini di 16 anni
    Motivazioni: della ragazza si invaghirono alcuni partigiani
    Conseguenze e note: fu tentato il suo prelievo alla fermata del tram di Vandorno. La ragazza si dibattè e qualcuno nel tentativo di far scappare gli aggressori gridò che ci fossero dei fascisti in arrivo: i partigiani si staccarono da Maria Laura e gli spararono

    26/02/1945
    Luogo: Vettignè – ponte sul canale Cavour
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Nerina Rosso e Anselmo Galli
    Motivazioni: ritenuti delle spie
    Conseguenze e note: i corpi furono rinvenuti il 5 marzo. Anselmo Galli era capostazione a San Germano Vercellese e probabilmente la sua promozione diede fastidio

    07/05/1945 – Il caso Scalfi
    Luogo: Vercelli – quartiere Isola
    Esecutori: partigiani
    Vittime: 4 – Luigi Bonzanini, Elsa e Laura Scalfi , Luigia Meroni
    Motivazioni: ignote
    Conseguenze e note: Luigi Bonzanini veniva freddato in casa con le nipoti di 16 e 21 anni Elsa e Laura. Successivamente gli assassini tornavano nel luogo per eliminare la suocera del Bonzanini, Luigia Meroni, paralizzata a letto. I corpi furono buttati nel fiume Sesia. Il 10 maggio fu trovato morto il partigiano Felice Starda, uno dei probabili esecutori (la moglie ottenne nel 1946 una pensione in quanto vedova di un caduto in combattimento). Il 5 giugno fu trovato morto il partigiano Espedito Brusa (fu detto che rimase ucciso da un cecchino e la famiglia ricevette una pensione in quanto morto in combattimento)

    28/08/1944
    Luogo: Galliate (No)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 3 – Giuseppe Ugazio, Cornelia Ugazio, Mirella Ugazio
    Motivazioni: Ugazio era il segretario del locale Fascio
    Conseguenze e note: Ugazio e le figlie furono prelevati e portati in un bosco. Le figlie furono costrette ad assistere al brutale omicio del padre a pugni e calci. Successivamente vengono sottoposte a violenze di ogni tipo per 7 ore e infine sepolte col padre sotto 20 cm di terra
    Giò likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista junior
    Data Registrazione
    29 May 2012
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    ME NE FREGO!! qualcuno direbbe...

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Citazione Originariamente Scritto da Rollingstones Visualizza Messaggio
    Si stima, probabilmente per difetto, in 20.000 (ventimila) il numero delle persone uccise in modo sommario, spesso dopo torture e sevizie, dopo il 25 Aprile del 1945, dai partigiani. In tutto il ventennio, i morti a causa delle persecuzioni fasciste contro gli oppositori si contano sulle dita di una mano. il che fa classificare il Fascismo come un regime si autoritario, ma non certamente totalitario. Fascismo che, è bene ricordarlo, si sviluppò e crebbe a seguito della vittoria negata
    della 1a Guerra Mondiale, dell'oltraggio dei reduci (che Sandro Pertini definì vergognoso), sul pericolo montante delle Leghe Rosse che imponevano le loro violenze nelle campagne e delle organizzazioni sindacali comuniste socialiste e e anarchiche che imponevano le loro legge nelle fabbriche e nelle città.
    Non si ebbe pietà per i vinti, che furono trucidati senza pietà, e che spesso non avevano avuto nulla a che fare con lo sconfitto regime. Non si ebbe pietà per i ragazzi di 17-18 anni che aderirono alla RSI sapendo in partenza di aver perso. Per chi NOBILMENTE aderì alla causa "sbagliata" trucidato da chi magari "IGNOBILMENTE" aderì a quella "giusta" salendo appena in tempo sul carro del vincitore. Raccontiamo la storia come realmente fu e non solo quella scritta dal vincitore spietato dove vi autocelebravano solo le proprie gesta e si fondava la nuova religione dell'antifascismo Raccontiamo la storia di chi non ricevette pietà e l'onore delle armi, un fiore su una tomba. Per una memoria condivisa in questo disgraziato paese.

    22/03/1944
    Luogo: Tollegno (Bi) – Cimitero
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Francesco Moranino “Gemisto”
    Vittime: 4 – Caterina Tiboldo, Angiolina Pialorsi, Mariuccia Tiboldo, Carmen Tiboldo
    Motivazioni: Facendo le sarte avevano avuto fascisti tra i clienti
    Conseguenze e note: Risposta fascista: 5 partigiani uccisi nello stesso luogo. Esiste una lapide per i partigiani ma non per le donne. Nel libro “Il Monterosa è sceso a Milano” (di Cino Moscatelli e Pietro Secchia) gli autori raccontano invece di tre repubblichini sorpresi dai partigiani mentre “gozzovigliavano”.

    18/02/1944
    Luogo: Mosso S. Maria (Bi) – Cimitero
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Piero Maffei
    Vittime: 12 vittime scelte tra gli industriali del luogo; avrebbero dovuto essere 30 ma sono stati interrotti da una pattuglia tedesca. Le vittime non avevano nessun rapporto con la RSI. Da aggiungersi anche il civile Enrico Carta freddato sulla porta mentre teneva in braccio il figlio (fortunatamente illeso)
    Motivazioni: Dare una “lezione” agli industriali locali che non avevano dato prova di sufficiente dedizione alla causa comunista.
    Conseguenze e note: Fu scattata una foto alle vittime e inviata a tutti i familiari per dare un esempio. Il giorno seguente si uccide il maresciallo dei carabinieri Alfonso Taverna per non aver potuto fermare l’eccidio. Risposta fascista: uccisi 2 partigiani durante uno scontro e fucilati 7 partigiani sul luogo delle vittime civili. Cino Moscatelli ne ““Il Monterosa è sceso a Milano” parla di scontro epico con 4-5000 nazifascisti; nessun riferimento alle vittime civili. Presso il cimitero è presente una lapide per i partigiani, nessuna per i civili.

    02/05/1945
    Luogo: Graglia (Bi) – pressi del Cimitero
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Silvio Ortona
    Vittime: 33 – Militi allievi ufficiali presi prigionieri a Cigliano tra i quali le mogli del capitano Toppi e del tenente Della Nave (quest’ultima in stato di gravidanza)
    Motivazioni: Ignote
    Conseguenze e note: Il gruppo fu trasferito da Cigliano a Graglia in 3 giorni atroci per i prigionieri bastonati e sputacchiati senza poter bere. I prigionieri furono fucilati nei campi e per ultime le due donne nonostante una fosse in stato di gravidanza. La sorella di un milite, preoccupata per il silenzio del fratello, svolse delle indagini a Cigliano e a Graglia: scopri’ da un partigiano, Amorino Salza, che li avevano fatti fuori come cani in mezzo ai prati perché non erano degni “quei criminali di contaminare con le loro carogne la terra consacrata del cimitero di Graglia)

    08/01/1944
    Luogo: sconosciuto
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Cino Moscatelli
    Vittime: Elgo e Livio Peretti
    Motivazioni: Contrasti col partigiano Cino Moscatelli (mal sopportavano l’impostazione stalinista di questi)
    Conseguenze e note: Fu uccisa anche la fidanzata di Livio compevole di aver indagato sulla vicenda (accusata di intesa con i nazifascisti, accusa che alcuni capi partigiani non ritennero giusta perché nessuna prova fu mai fornita)
    Data sconosciuta
    Luogo: sconosciuto
    Esecutori: Partigiani comunisti
    Vittime: Luigi Forgnoli
    Motivazioni: doppiogiochismo
    Conseguenze e note: Il suo nome compare tra le vittime dei fascisti

    26/11/1944 e 09/01/1945 Strage della Missione Strassera
    Luogo: Portula (Bi)
    Esecutori: Partigiani comunisti agli ordini di Francesco Moranino
    Vittime: 7 – Emanuele Strasserra, capo missione; Gennaro Santucci, partigiano; Ezio Campasso, partigiano; Mario Francesconi, partigiano; Giovanni Scimone: partigiano. Maria Santucci e Maria Francesconi moglie di due partigiani
    Motivazioni: le vittime erano partigiani non comunisti
    Conseguenze e note: si veda l’apposita pagina su wikipedia
    Estate 1944
    Luogo: Biella
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: Riccardo Zanotto
    Motivazioni: aveva rotto con i comunisti
    Conseguenze e note: accusato di essere una spia

    12-13/05/1945 Eccidio Ospedale Psichiatrico
    Luogo: Vercelli –Larizzate – Greggio
    Esecutori: partigiani comunisti agli ordini di Silvio Ortona e Francesco Moranino
    Vittime: a seconda delle fonti tra 51 e i 65 – militi fascisti
    Motivazioni: eliminazione fascisti
    Conseguenze e note: si veda l’apposita pagina su wikipedia

    17/04/1945
    Luogo: Biella
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Nella Perico (sedicenne)e la madre Domenica Perico
    Motivazioni: un partigiano invaghitosi di Nella Perico
    Conseguenze e note: Nella fu rapita da un gruppo di partigiani e la madre, incontrato il gruppo per parlamentare, fece la stessa fine. Dopo un mese di violenze furono uccise entrambe

    21/06/1944
    Luogo: Casa del Bosco (Bi)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Ing. Quaglia e figlia Maria Antonietta di Sostegno
    Motivazioni: un partigiano invaghitosi di Maria Antonietta
    Conseguenze e note: avendo Maria Antonietta non gradito la corte di un partigiano la famiglia fu accusata di essere delle spie. Furono prelevati e uccisi sul sagrato della chiesa di Casa del Bosco in cui si stava svolgendo il mercato. I partigiani fecero sgomberare il centro e mitragliarono prima il padre e poi la figlia sotto gli occhi dei presenti.

    27/10/1944
    Luogo: Mongrando (Bi)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Teresa e Bortolina Girelli
    Motivazioni: il fidanzato partigiano di Bortolina era stato catturato dai tedeschi ma i partigiani ritennero si fosse consegnato spontaneamente
    Conseguenze e note: Teresa uscita per rintracciare la sorella fu trovata con due pallottole in testa

    14/01/1945
    Luogo: Vandorno (Bi)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: Maria Laura Bellini di 16 anni
    Motivazioni: della ragazza si invaghirono alcuni partigiani
    Conseguenze e note: fu tentato il suo prelievo alla fermata del tram di Vandorno. La ragazza si dibattè e qualcuno nel tentativo di far scappare gli aggressori gridò che ci fossero dei fascisti in arrivo: i partigiani si staccarono da Maria Laura e gli spararono

    26/02/1945
    Luogo: Vettignè – ponte sul canale Cavour
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 2 – Nerina Rosso e Anselmo Galli
    Motivazioni: ritenuti delle spie
    Conseguenze e note: i corpi furono rinvenuti il 5 marzo. Anselmo Galli era capostazione a San Germano Vercellese e probabilmente la sua promozione diede fastidio

    07/05/1945 – Il caso Scalfi
    Luogo: Vercelli – quartiere Isola
    Esecutori: partigiani
    Vittime: 4 – Luigi Bonzanini, Elsa e Laura Scalfi , Luigia Meroni
    Motivazioni: ignote
    Conseguenze e note: Luigi Bonzanini veniva freddato in casa con le nipoti di 16 e 21 anni Elsa e Laura. Successivamente gli assassini tornavano nel luogo per eliminare la suocera del Bonzanini, Luigia Meroni, paralizzata a letto. I corpi furono buttati nel fiume Sesia. Il 10 maggio fu trovato morto il partigiano Felice Starda, uno dei probabili esecutori (la moglie ottenne nel 1946 una pensione in quanto vedova di un caduto in combattimento). Il 5 giugno fu trovato morto il partigiano Espedito Brusa (fu detto che rimase ucciso da un cecchino e la famiglia ricevette una pensione in quanto morto in combattimento)

    28/08/1944
    Luogo: Galliate (No)
    Esecutori: partigiani comunisti
    Vittime: 3 – Giuseppe Ugazio, Cornelia Ugazio, Mirella Ugazio
    Motivazioni: Ugazio era il segretario del locale Fascio
    Conseguenze e note: Ugazio e le figlie furono prelevati e portati in un bosco. Le figlie furono costrette ad assistere al brutale omicio del padre a pugni e calci. Successivamente vengono sottoposte a violenze di ogni tipo per 7 ore e infine sepolte col padre sotto 20 cm di terra




    Stime per difetto, i morti ammazzati senza uno straccio di processo all'indomani del 25 Aprile si aggirano intorno alle 30000 persone, le stragi continuarono con metodologie assai diverse tra loro fino al 1948.
    La cosa interessante storicamente parlando è che le bande di partigiani comunisti, uccidevano tutto ciò che poteva dargli fastidio, pertanto si esibirono uccidendo preti, borghesi, imprenditori, fascisti, figli di fascisti, madri di fascisti, padri di fascisti mogli di fascisti e tutto quello che nell'ottiìca di una futura rivoluzione armata poteva frapporsi tra loro e la dittatura che volevano sostituire al Fascismo, il quale paragonato a ciò che sarebbe dovuto arrivare sarebbe stato un giochetto per bambini.
    Ultima modifica di Ringhio; 05-06-12 alle 18:16
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  4. #4
    Can che abbaia morde
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    13,573
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Sei Piemontese Rolling?
    Riproviamoci.
    La Repubblica l'ho rispettata, ma non sono stato rispettato.
    Restauriamo la Monarchia.
    Voglio tornare a casa e se non ci fosse più una casa, beh la ricostruiremo.

  5. #5
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Quello che Pansa vorrebbe farci credere è che dal 25 aprile 1945 incominciò il massacro dei vinti e per questo ci racconta tutta una serie di fatti più o meno veritieri. Quello che non ci dice è che anche gli antifascisti continuarono a morire dopo il 25 aprile, perchè in molte città persistettero lungamente infami cecchini che continuavano ad uccidere. Non solo, continuarono ad esistere sacche di resistenza che provocarono morti e feriti, anche dopo il 25 aprile. Si pensi all'uccisione di Ilio Baroni...
    Oppure si legga questo:
    partigiani ... caduti dopo la liberazione

    Ecco perchè ci fu il "sangue dei vinti", perchè i vinti non si arrendevano del tutto e perchè quei vinti s'erano macchiati di tanti di quei crimini che la vendetta fu una cosa quasi naturale. E poi ci si dimentica del "comunista" Togliatti, che amnistiò i fascisti e molti di loro furono inglobati negli apparati dello stato.

    Pansa è al corrente di quanto sangue versarono i vincitori e i civili? Si legga per esempio:
    Strage di Grugliasco e Collegno - Wikipedia

    http://intranet.istoreto.it/lapidi/c...iasilenzio.pdf
    Ultima modifica di Josef Scveik; 15-06-12 alle 15:37
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Quello che Pansa vorrebbe farci credere è che dal 25 aprile 1945 incominciò il massacro dei vinti e per questo ci racconta tutta una serie di fatti più o meno veritieri. Quello che non ci dice è che anche gli antifascisti continuarono a morire dopo il 25 aprile, perchè in molti luoghi ci furono infami cecchini che continuavano ad uccidere. Non solo, continuarono ad esistere sacche di resistenza che provocarono morti e feriti, anche dopo il 25 aprile. Si pensi all'uccisione di Ilio Baroni...
    Oppure si legga questo:
    partigiani ... caduti dopo la liberazione

    Ecco perchè ci fu il "sangue dei vinti", perchè i vinti non si arrendevano del tutto e perchè quei vinti s'erano macchiati di tanti di quei crimini che la vendetta fu una cosa quasi naturale. E poi ci si dimentica del "comunista" Togliatti, che amnistiò i fascisti e molti di loro furono inglobati negli apparati dello stato.
    Togliatti amistiò i fascisti perchè non poteva scorporarli dalla grande aministia voluta, pensata e attuata nei confronti delle migliaia e migliaia di reati compiuti dai partigiani dei GAP e delle Garibaldi, in PRIMIS.
    Molti furono inglobati, semplicemente perchè altrimenti lo Stato non avrebbe potuto perpetuarsi, visto che era stato fascistizzato.
    Scordi, COME mai il vero motivo che spinse i partigiani comunisti a mietere migliaia e migliaia di vittime dopo la fine delle ostilità e fino a tutto il 1948, i tuoi amichetti che difendi e santifichi volevano sostituire al fascismo un più concreto e duro regime comunista sulla falsa riga di quello russo, altrio che democrazia e repubblica, quelle furono il ripiego a cui furono costretti da Yalta e dal fatto che l'Italia si trovò dalla parte sbagliata della cortina.
    Per favore, non continuiamo a scrivere cose che non hanno un fondamento storico.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  7. #7
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Togliatti amistiò i fascisti perchè non poteva scorporarli dalla grande aministia voluta, pensata e attuata nei confronti delle migliaia e migliaia di reati compiuti dai partigiani dei GAP e delle Garibaldi, in PRIMIS.
    Un comunista che equipara fascisti e compagni, che comunista è?Io direi un NON-comunista....

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Scordi, COME mai il vero motivo che spinse i partigiani comunisti a mietere migliaia e migliaia di vittime dopo la fine delle ostilità e fino a tutto il 1948,
    Scordi che la guerra e le infami bestialità del ventennio non le vollero i partigiani. La vendetta è un sentimento umano, fermo restando che i fascisti continuarono ad uccidere dopo il 25 aprile..questo lo sai?

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    i tuoi amichetti che difendi e santifichi volevano sostituire al fascismo un più concreto e duro regime comunista sulla falsa riga di quello russo, altrio che democrazia e repubblica, quelle furono il ripiego a cui furono costretti da Yalta e dal fatto che l'Italia si trovò dalla parte sbagliata della cortina.
    Per favore, non continuiamo a scrivere cose che non hanno un fondamento storico.
    Assolutamente NO. L'URSS non aveva alcuna intenzione di sostenere una nuova rivoluzione comunista (con Stalin trionfò la tesi del comunismo in un solo paese...non a caso il mancato sostegno dell'URSS ai repubblicani spagnoli significò di fatto il trionfo del franchismo), Togliatti quindi, da buon cane da guardia dello stalinismo, si adoperò per castrare ogni velleitarismo rivoluzionario. Con lui ovviamente tutto il PCI. L'amnistia ai fascisti forse rientrava in questa strategia, poi inglobarli nello stato significava utilizzarli in campo repressivo. Basterebbe ricordare il ruolo avuto dal questore Marcello Guida, che durante il ventennio vigilava i detenuti politici reclusi a Ventotene e in epoca post fascista divenne appunto questore ed ebbe un ruolo importante nelle vicende intorno al barbaro assassinio di Pinelli.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Un comunista che equipara fascisti e compagni, che comunista è?Io direi un NON-comunista....

    Tradotto?

    Scordi che la guerra e le infami bestialità del ventennio non le vollero i partigiani. La vendetta è un sentimento umano, fermo restando che i fascisti continuarono ad uccidere dopo il 25 aprile..questo lo sai?

    Ammesso e non conecsso che quello che affermi con una generecità disarmante sia vero, ti prego, contestualizza e circostanzia cotanta bestialità, grazie.

    Assolutamente NO. L'URSS non aveva alcuna intenzione di sostenere una nuova rivoluzione comunista (con Stalin trionfò la tesi del comunismo in un solo paese...non a caso il mancato sostegno dell'URSS ai repubblicani spagnoli significò di fatto il trionfo del franchismo), Togliatti quindi, da buon cane da guardia dello stalinismo, si adoperò per castrare ogni velleitarismo rivoluzionario. Con lui ovviamente tutto il PCI. L'amnistia ai fascisti forse rientrava in questa strategia, poi inglobarli nello stato significava utilizzarli in campo repressivo. Basterebbe ricordare il ruolo avuto dal questore Marcello Guida, che durante il ventennio vigilava i detenuti politici reclusi a Ventotene e in epoca post fascista divenne appunto questore ed ebbe un ruolo importante nelle vicende intorno al barbaro assassinio di Pinelli.
    Ma mio caro, allora a Yalta non successe nulla e stranamente di ritorno da Mosca, dopo Yalta il tuo Togliatti sbarcando a Salerno, passo ad enunciare a dei quadri dubbiosi il nuovo contesto in cui i GAP e le Garibaldi andavano a muoversi, oppure anche la svolta di Salerno è una mia invenzione e magari, mio caro, vuo dirmi che dopo la svolta in cui Togliatti (chissà perchè s'impegnò a combattere per la Republlica e la damocrazia, ma solo lui) decise il nuovo corso dei rossi, non successe nulla che convinse la CONCENTRAZIONE a far partecipare i Gap e le Garibaldi al neonato CNL?
    Suvvia, le tue argomentazioni potrebbero andare bene per gli sprovveduti, ma per persone che come me studiano da decenni la storia non possono nulla.
    Infine, ho già risposto in altre sedi al tuo ultimo quesito, lo Stato era quasi completamente fascistizzato da 20 anni di regime, mai e poi mai, si poteva far ripartire la macchina senza l'ausilio dei fascisti o ex fascisti, che in moltissimi casi si dimostarono non solo all'altezza dei compiti ma molto, molto al di sopra.
    Questo avveniva quando l'Italia era l?italia e non l'ombra di se stessa, come oggi.
    Ultima modifica di Ringhio; 16-06-12 alle 18:40
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2012
    Messaggi
    705
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Citazione Originariamente Scritto da assurbanipal Visualizza Messaggio
    Sei Piemontese Rolling?
    No.

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2012
    Messaggi
    705
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Sangue dei Vinti

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Un comunista che equipara fascisti e compagni, che comunista è?Io direi un NON-comunista....


    Scordi che la guerra e le infami bestialità del ventennio non le vollero i partigiani. La vendetta è un sentimento umano, fermo restando che i fascisti continuarono ad uccidere dopo il 25 aprile..questo lo sai?


    Assolutamente NO. L'URSS non aveva alcuna intenzione di sostenere una nuova rivoluzione comunista (con Stalin trionfò la tesi del comunismo in un solo paese...non a caso il mancato sostegno dell'URSS ai repubblicani spagnoli significò di fatto il trionfo del franchismo), Togliatti quindi, da buon cane da guardia dello stalinismo, si adoperò per castrare ogni velleitarismo rivoluzionario. Con lui ovviamente tutto il PCI. L'amnistia ai fascisti forse rientrava in questa strategia, poi inglobarli nello stato significava utilizzarli in campo repressivo. Basterebbe ricordare il ruolo avuto dal questore Marcello Guida, che durante il ventennio vigilava i detenuti politici reclusi a Ventotene e in epoca post fascista divenne appunto questore ed ebbe un ruolo importante nelle vicende intorno al barbaro assassinio di Pinelli.
    Quali bestialità del ventennio scusa ?
    A confronto ai 20-30.000 uccisi dai partigiani dopo il 25 Aprile, nel ventennio cosa accadde ti tanto bestiale ? Gli oppositori, per andargli male ma proprio male, venivano spediti al confino. Non sparivano a migliaia come nella Russia di Stalin. Comunisti italiani compresi, ammazzati da Stalin.
    I comunisti italiani capirono che per loro era impossibile prendere il potere per vie violente solo dopo l'attentato a Togliatti, quando il loro leader gli fece chiaramente capire
    che gli americani in caso di insurrezione comunista avrebbero fatto una carneficina. E parliamo del Luglio 1948. E dopo la sconfitta elettorale capirono anche che non avrebbero preso il potere nemmeno per vie "democratiche" Fino ad allora fu una mattanza di fascisti, partigiani bianchi, sospetti fascisti e familiari. Civili e militari aderenti alla RSI
    La storia dei cecchini che dici tu non è mai esistita se non a livello sporadico nell'immediato del ritiro.

    Gianpaolo Pansa, di sinistra e antifascista, ha illustrato centinaia e centinaia di eventi nei suoi libri. Ha chiesto a tutti, storici e non, di confutare quello che ha scritto.
    Nemmeno una smentita. Sono tutti fatti reali.

    Solo la sinistra più retrograda e troglodita, quella attaccata al mito che si è creata da sola, lo ha ferocemente attaccato.

    Per cosa ? Mica perchè ha sostenuto le ragioni di qualcuno. Solo xchè ha chiesto se non una memoria condivisa, quantomeno una memoria accettata.

    Ma non si è voluto nemmeno questo.

    Rispetto per i vinti, come la Storia chiede.

 

 
Pagina 1 di 27 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il sangue dei vinti e i magistrati komu
    Di Rolling Stone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 26-04-13, 00:00
  2. Il sangue dei vinti
    Di isoica nel forum Cinema, Radio e TV
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 07-12-09, 23:10
  3. Il sangue dei vinti.. CHE NE PENSATE?
    Di ceres nel forum Destra Radicale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 28-11-08, 21:15
  4. Il sangue dei vinti del mondo antico...
    Di F.M. Barracu nel forum Destra Radicale
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 27-07-06, 02:37
  5. Il revisionismo e il sangue dei vinti …..
    Di CarloBorsani nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-04-05, 09:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226