User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi voteresti in questo scenario ?

Partecipanti
25. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Partito Democratico - Unione Civica

    3 12.00%
  • Sinistra Ecologia Libertò - Alleanza Lavoro Beni Comuni Ambiente

    2 8.00%
  • Italia dei Valori - Lista Di Pietro

    0 0%
  • Popolo della Libertà

    0 0%
  • Rialzati Italia - Berlusconi Presidente

    2 8.00%
  • Italia Futura

    1 4.00%
  • Rottamatori per Montezemolo con Renzi

    1 4.00%
  • Unione Popolare Moderata

    1 4.00%
  • Lista Nazionale

    3 12.00%
  • La Destra Unita

    3 12.00%
  • Futuro e Libertà per l'Italia

    0 0%
  • Comitato No Debito

    1 4.00%
  • Movimento per una Sinistra Anticapitalista

    0 0%
  • Comunisti - Sinistra Popolare

    3 12.00%
  • Movimento 5 Stelle

    0 0%
  • Vado a votare al Parlamento Padano

    1 4.00%
  • Non voto-Scheda bianca

    4 16.00%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
Like Tree1Likes

Discussione: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

  1. #1
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    La proposta di Berlusconi non è un bluff e una parte consistente del PD abbocca, anche se strettissimi con i tempi prima dell’estate viene varata la grande riforma istituzionale.

    Bersani, che nell’ABC era il più dubbioso, da il via libera una volta incassato il sostegno della minoranza montiana (l’unico contrario è Fioroni) per candidarsi presidente con uno schema simile a quello di Vasto.
    La riforma consiste nel sistema semi-presidenziale francese ma l’elezione a doppio turno viene decisa solo per la figura del Presidente, il Parlamento è eletto a turno unico con sistema proporzionale, sbarramento al 3% e premio di 50 seggi per la prima lista (praticamente il sistema elettorale greco).

    Primo turno presidenziale e turno secco parlamentare si tengono nello stesso giorno.
    A farne le spese è il governo Monti, il Partito democratico fa cadere il governo sulla riforma dell’articolo 18 cedendo alle pressioni della Cgil, di Sel e dell’Idv. Si va alle elezioni anticipate a fine Novembre del 2012, il PD acconsente a tenere le primarie per inizi settembre, nell’estate è tutto un riposizionamento e un rimescolamento.

    Le indiscrezioni di questi giorni su un partito-Fiom in qualche modo si concretizzano, Maurizio Landini lascia a sorpresa la guida della Fiom (che passa nelle mani di Giorgio Airaudo) e si dice a disposizione delle forze a sinistra del PD per concorrere alle Primarie. SEL, alla quale Landini è iscritto, si mette pancia a terra nella campagna per le primarie e Vendola pur mantenendo il ruolo di leader indiscusso del partito ritorna ad agire in un contesto più regionale, intenzionato a concludere il secondo mandato in Puglia, rinunciando quindi a correre per la leadership del centro-sinistra. Esprime subito il pieno appoggio a Landini anche il movimento dei professori ALBA, il Partito del Lavoro di Cesare Salvi e Gian Paolo Patta, il Pdci di Diliberto, c’è divisione invece dentro Rifondazione Comunista che si spacca tra chi vuole sostenere Landini (e quindi entrare nel centrosinistra) e chi invece vuole accodarsi a Cremaschi, che si pone a capo dell’area antagonista alternativa sia al centro-destra che al centrosinistra.

    Il PD schiera Bersani, l’unico a non accettare il vincolo di partito è Civati che si candida come indipendente, sostenuto però solo dalla Serracchiani, Parisi e da Rosy Bindi, che rompe con Bersani.

    Dal PD si stacca la corrente di Fioroni che decide di sostenere la candidatura di Casini che ha rifiutato la proposta di un PPE italiano avanzata da Berlusconi.
    Nel terzo polo mentre l’Udc recupera un rapporto stretto con l’API (nonostante l’affaire Lusi si va ingrossando indagine dopo indagine), è rottura con Fini che si candida da solo con Futuro e Libertà.

    Il Popolo della Libertà tenta di allestire le primarie ma è ormai un partito sfilacciato, l’organizzazione non decolla e vista la previsione del flop, vengono annullate e Berlusconi scende di nuovo in campo.
    Il ritorno di Berlusconi incrina ulteriormente i rapporti tra ex-An ed ex-Forza Italia. Il gruppo di Pisanu va verso Casini, La Russa, la Mussolini e Alemanno lanciano una Lista Nazionale che candida per il primo turno la Polverini, che si dimette da presidente della Regione Lazio.

    L’IDV va in ordine sparso alle primarie, De Magistris e Zipponi stanno con Landini, Di Pietro con Bersani, Donadi e altri dirigenti minori con Civati.

    Le primarie del centrosinistra (dove il PD ha ottenuto di evitare un eventuale ballottaggio, vince chi ha la maggioranza relativa) si risolvono in un testa a testa tra Bersani e Landini, quest’ultimo viene sconfitto per poco (44,5 a 43,7), Civati terzo con l’11,8%. Landini dichiara il pieno sostegno a Bersani, il confronto programmatico (precedente alle primarie) si risolve a favore della parte sinistra della coalizione che sostiene Bersani, sostanzialmente viene copiato il programma di Hollande e Landini è indicato come futuro premier.

    I grillini, che comunque rimangono un partito fortissimo (tra il 15 e il 18%) a Parma si rivelano una delusione, il comune va in bancarotta e viene commissariato (mediaticamente si “salvano” addossando tutte le colpe al sistema dei Partiti), quindi Pizzarotti una volta sconfitta la linea Grillo (che torna a fare il comico), si candida per il MoV a presidente della repubblica.

    La Lega non si presenta alle politiche ma negli stessi giorni svolgerà le elezioni per il Parlamento Padano.

    Questi i candidati Presidenti e gli indirizzi programmatici delle loro coalizioni.

    Pier Luigi Bersani

    sostenuto da : Partito Democratico – Unione Civica, Italia dei Valori, SEL-ALBA
    programma : pensione a 60 anni, aumento ultima aliquota Irpef, patrimoniale pesante,riduzione peso fiscale su lavoro, impresa e pensionati, ritiro dall’Afghanistan, riforma della legge 30, rinegoziazione del fiscal compact, reddito di cittadinanza.

    Silvio Berlusconi
    sostenuto da : Popolo della Libertà, Rialzati Italia-Berlusconi Presidente
    programma : mantenere la riforma delle pensioni Fornero, abolizione articolo 18, tagli massicci alla spesa pubblica, riforma della giustizia in senso punitivo per la magistratura, abolizione delle intercettazioni, drastico taglio delle tasse sull’impresa

    Luca Cordero di Montezemolo

    sostenuto da : Italia Futura, Rottamatori per Montezemolo con Renzi
    programma : privatizzazioni massicce su sanità, istruzione, pensioni, smantellamento Statuto dei lavoratori, sgravi fiscali a pioggia sulle grandi imprese

    Pier Ferdinando Casini

    sostenuto da : Unione Popolare dei Moderati
    programma : sostegno totale a tutti i provvedimenti di Monti, il programma è in totale continuità e punta soprattutto sul taglio della spesa pubblica e su un nuovo welfare formato famiglia (rigorosamente contro qualsiasi apertura sui diritti civili e coppie di fatto).

    Renata Polverini

    sostenuta da : Lista Nazionale, La Destra Unita
    programma : lotta all’immigrazione clandestina, uscita dall’Eurozona ma non dalla UE, mutuo sociale, chiusura di Equitalia

    Gianfranco Fini

    sostenuto da : Futuro e Libertà per l’Italia
    programma : revisione dell’articolo 18, credito d’imposta, piano di incentivi fiscali per il Sud, riprendono la famosa riforma fiscale con due aliquote secche di Berlusconi, blocco dei decreti attuativi sul federalismo fiscale

    Giorgio Cremaschi

    sostenuto da : Comitato No Debito, Movimento per una Sinistra Anticapitalista
    programma : uscire dall’Unione Europea, ripudio del debito pubblico, abolizione delle leggi sul precariato, nazionalizzazione delle banche

    Marco Rizzo

    sostenuto da : Comunisti-Sinistra Popolare
    programma : uscire dall’UE, alleanza con la Corea del Nord, esproprio dei mezzi di produzione, sostituire il Parlamento con il Consiglio Popolare retto dai vertici militari convertiti al socialismo, pro-nucleare, chiusura delle frontiere, uscita immediata dalla Nato

    Federico Pizzarotti

    sostenuto da : Movimento 5 Stelle
    programma : uscita dall’Euro e dalla UE, ripudio del debito pubblico, sostituzione del parlamento reale con un sito online aperto a tutti i cittadini (slogan sui manifesti “Ogni cittadino è parlamentare di se stesso”), chiusura forzata di tutte le discariche ed inceneritori, chiusura delle banche e istituzione esclusivamente degli sportelli pubblici online, riforma dei partiti per trasformarli tutti in movimenti senza tessere ed organigrammi

    Questi i partiti che si presentano al proporzionale

    Partito Democratico – Unione Civica
    Fondamentalmente il PD senza l’area di Fioroni che ha imbarcato la Lista Bonino, i Verdi e l’ala nenciniana del Psi per poi federarsi alla Unione Civica, lista messa su da Roberto Saviano ed Ezio Mauro, il famoso “partito di Repubblica”. In lista anche i movimenti civico-moderati di Dellai e Tabacci, uscito dall’API.
    Esprime il candidato Presidente della coalizione modello Vasto, ma come “contrappasso” sostiene un programma fortemente spostato a sinistra, criticato più volte in campagna elettorale dalla minoranza di Veltroni e Gentiloni. Civati è tornato nel partito dopo il magro risultato (giudicato “flop” dall’opinione pubblica) delle primarie e punta a qualche ministero di secondo piano.

    Italia dei Valori
    Un partito in difficoltà, De Magistris rimane un influente capo corrente dell’area movimentista e di sinistra, ma è comunque Di Pietro a tenere le fila, l’ala del sindaco di Napoli aveva proposto il listone unico con SEL e l’ALBA, ma le correnti di provenienza democristiana hanno stoppato il progetto.
    A sorpresa però, riesce a convincere Santoro a candidarsi con l’IDV, mentre Travaglio declina l’offerta.

    Sinistra Ecologia Libertà-ALBA
    SEL è stata letteralmente “occupata” dalla Fiom, Landini è il capolista e futuro premier indicato da Bersani subito dopo le primarie. Ha imbarcato nelle liste il Pdci di Diliberto, la sinistra del Psi e il Partito del Lavoro di Salvi e Patta che hanno a disposizione una decina di seggi sicuri, molto più corposa la collaborazione con ALBA, che si è federata con SEL ed esprime candidature di peso come Gallino o Rodotà.
    Altri candidati doc sono l’ex-segretario Fiom Rinaldini e l’operaio di Melfi Giovanni Barozzino, oltre ovviamente alla dirigenza storica ex-Ds ed ex-Rifondazione del partito di Vendola.

    Popolo della Libertà
    Un partito allo sbando, colpito a destra dalla scissione di La Russa ed Alemanno (Gasparri e Mattioli sono invece rimasti) e al centro dal comitato di Rialzati Italia.

    Rialzati Italia-Berlusconi Presidente
    Lista messa su dallo stesso Berlusconi e capeggiata dalla Brambilla e dalla Santanchè, fortemente populista vicina all’esperienza del Tea Party americano.

    Italia Futura
    Il movimento di Montezemolo, praticamente il braccio armato dell’ala confindustriale più intransigente, presenta candidati come Bombassei e la Marcegaglia.

    Rottamatori per Montezemolo con Renzi
    Micro-scissione del PD capeggiata dal sindaco di Firenze, ultra-liberisti e conservatori sui diritti civili.

    Unione Popolare Moderata
    Rassemblement tra UDC, API, Pisanu e Fioroni, hanno come modello il MoDem di Bayrou.

    Lista Nazionale
    Nasce dall’unione degli ex-AN del PDL (meno Gasparri e Mattioli) con i la rete dei comitati per la Polverini (già chiamata la Le Pen italiana)
    E’ appoggiata ufficialmente da CasaPound.

    La Destra Unita
    Listone che mette assieme La Destra, Fiamma Tricolore e Forza Nuova, non sono riusciti ad entrare nella Lista Nazionale perché la Mussolini ha messo il veto su Storace, sempre per la questione del Lazio-Gate.

    Futuro e Libertà per l’Italia
    Fini, Bocchino, Granata e la Perina. Non molto di più. Partito che si appresta all’extraparlamentarismo.

    Comitato No Debito
    Il comitato guidato da Cremaschi mette assieme la Rete28Aprile (estrema sinistra della Fiom) e i sindacati di base, per problemi con le candidature non ha fatto lista unica con gli Anticapitalisti, ma appoggiano entrambi Cremaschi alla presidenza della repubblica.

    Movimento per una Sinistra Anticapitalista
    Raggruppamento tra Rifondazione Comunista (esclusa dal veto di Vendola dal SEL-ALBA), Sinistra Critica, Partito comunista dei lavoratori e Partito di alternativa comunista. Hanno come modello l’NPA francese.

    Comunisti-Sinistra Popolare
    Il partito di Rizzo, si ispira fortemente al Caro Leader Kim-Jong un.

    Movimento 5 Stelle
    Il movimento si è “liberato” dall’impiccio Grillo, è retto dal trio Pizzarotti-Favia-Calise, anche senza Grillo e pur con il fallimento di Parma rimangono un partito molto forte per la dura campagna contro i partiti tradizionali.

    Sondaggi

    Pier Luigi Bersani 37,5%
    Silvio Berlusconi 22%
    Luca Cordero di Montezemolo 5%
    Pier Ferdinando Casini 6%
    Renata Polverini 8%
    Gianfranco Fini 1,5%
    Giorgio Cremaschi 3,5%
    Marco Rizzo 2,3%
    Federico Pizzarotti 14,2%

    Partito Democratico – Unione Civica 25,5%
    Italia dei Valori 3,8%
    Sinistra Ecologia Libertà – ALBA 9,3%
    Popolo della Libertà 9,8%
    Rialzati Italia-Berlusconi Presidente 7,6%
    Italia Futura 4%
    Rottamatori per Montezemolo con Renzi 2,5%
    Unione Moderata Popolare 7,5%
    Lista Nazionale 6%
    La Destra Unita 1,5%
    Futuro e Libertà per l’Italia 1,1%
    Comitato No Debito 1%
    Movimento per una Sinistra Anticapitalista 1,5%
    Comunisti-Sinistra Popolare 3%
    Movimento 5 Stelle 16%
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    Specificare nel 3d il candidato Presidente
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  3. #3
    Seguace di Eraclito
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    6,395
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    LCdM in quota Italia Futura.
    Ma, senza offesa, Renzi ultraliberista "è una cagata pazzesca" (cit.)
    "Ma questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti" (J.M. Keynes)
    "Qualcuno vivo che se lo prende nel culo però c'è sempre!" (Cabra)

  4. #4
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    Voto Bersani e SEL-Alba.
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    13 Apr 2012
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    14,438
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    Come il 40% dei lombardi non vado a votare.

  6. #6
    Anti-taliban
    Data Registrazione
    13 Oct 2009
    Messaggi
    5,058
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    Destra Unita - Polverini.

  7. #7
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    Lista Nazionale, con una tirata di naso pazzesca, e la Polverini.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  8. #8
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    Comitato no-debito, Cremaschi.

    Non che mi dispiaccia il programma di Rizzo, ma non da abbastanza garanzie sull'incolumità dei cristiani.
    E comunque il partito unico difficilmente funziona.
    " Solo i Sith ragionano per assoluti. "
    " Si ! "

  9. #9
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    17,055
    Mentioned
    430 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    SteCompagno, sei riuscito a ricreare il bipolarismo muscolare della seconda repubblica più o meno appena conclusa con l'aggravante del semipresindezialismo e ovviamente con un Pd snaturato, ma almeno lo hai lasciato in piedi e non lo hai fatto implodere come al solito vorrei proprio vederli Tabacci e Dellai a sostenere il programma di Hollande....comunque sia voto Pd, anche perchè non c'è nient'altro.
    «Riformista è uno che sa che a sbattere la testa contro il muro si rompe la testa, non il muro! Riformista...è uno che vuole cambiare il mondo per mezzo del buonsenso, senza tagliare teste a nessuno» [Baaria]

  10. #10
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Novembre 2012 - Elezioni anticipate

    Citazione Originariamente Scritto da Gdem88 Visualizza Messaggio
    SteCompagno, sei riuscito a ricreare il bipolarismo muscolare della seconda repubblica più o meno appena conclusa con l'aggravante del semipresindezialismo e ovviamente con un Pd snaturato, ma almeno lo hai lasciato in piedi e non lo hai fatto implodere come al solito vorrei proprio vederli Tabacci e Dellai a sostenere il programma di Hollande....comunque sia voto Pd, anche perchè non c'è nient'altro.
    Non ho sventrato il PD per te! Vabbè dai, Tabacci e Dellai fanno quello che a il Partito radicale con il PS, cespuglietto liblab.
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Elezioni politiche anticipate a San Marino il 12 novembre
    Di Andre86 nel forum Politica Europea
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-11-12, 02:30
  2. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 13-01-08, 16:11
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-01-08, 12:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226