User Tag List

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 26
Like Tree3Likes

Discussione: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

  1. #11
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,897
    Mentioned
    85 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    193

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Citazione Originariamente Scritto da Gdem88 Visualizza Messaggio
    Non sono contrario al principio di sussidiarietà, ma mi chiedo se in un momento in cui l'Europa soffre proprio per i diversi indirizzi nazionali non abbastanza coordinati sia giusto puntare su questo modello istituzionale e non invece su una Europa non più intergovernativa ma sempre più transnazionale, con organismi eletti e così legittimati democraticamente. A livello istituzionale penso che sia necessario fare dei passi avanti nel coordinamento delle politiche e nella condivisione dei poteri e delle responsabilità, temo quindi che un principio di sussidiarietà simile si allontanerebbe da tale obbiettivo, rendendo molto difficile il coordinamento delle politiche nei vari settori. Se L'Europa dovesse intervenire solo in caso di insufficienza nell'azione dei singoli stati membri si rischierebbe una situazione come quella attuale, dove l'assenza di una governance centrale dell'economia e della finanza rende i singoli stati vulnerabili in prima persona e potenzialmente delle bombe per l'intero sistema comunitario. Bisogna a mio parere intervenire prima che le insufficienze diventino manifeste, e oltre a questo abituare le varie istituzioni nazionali a collaborare tra di loro.
    Citazione Originariamente Scritto da Maria Vittoria Visualizza Messaggio
    ... è necessario entrare nel merito e definire i compiti dei vari livelli : europeo, statale, regionale, comunale.

    Solo in questo modo si possono comprendere le gerarchie e le possibili cooperazioni.
    Il commento al post di [email protected] è valido anche per il Tuo post: gli organi eletti democraticamente possono assolvere incarichi politici, non burocratici o di coordinamento di servizi, che richiedono competenze specifiche e una continuità governativa super partes.

    In pratica il Governo Europeo dovrà stabilire le linee guida che i singoli Stati dovranno recepire e tradurre per le Regioni di propria competenza; le quali a loro volta coordineranno i propri Comuni.

    Ogni livello avrà competenze proprie che dovremmo definire, in base alle quali potrà cooperare con i propri simili (Stato con Stato & coetera) & con Persone Fisiche o Giuridiche.

    Il principio di sussidiarietà è funzionale a tutti, perché consente una gestione ottimale delle risorse disponibili
    di necessità virtù

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    899 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Citazione Originariamente Scritto da Gdem88 Visualizza Messaggio
    Non sono contrario al principio di sussidiarietà, ma mi chiedo se in un momento in cui l'Europa soffre proprio per i diversi indirizzi nazionali non abbastanza coordinati sia giusto puntare su questo modello istituzionale e non invece su una Europa non più intergovernativa ma sempre più transnazionale, con organismi eletti e così legittimati democraticamente. A livello istituzionale penso che sia necessario fare dei passi avanti nel coordinamento delle politiche e nella condivisione dei poteri e delle responsabilità, temo quindi che un principio di sussidiarietà simile si allontanerebbe da tale obbiettivo, rendendo molto difficile il coordinamento delle politiche nei vari settori. Se L'Europa dovesse intervenire solo in caso di insufficienza nell'azione dei singoli stati membri si rischierebbe una situazione come quella attuale, dove l'assenza di una governance centrale dell'economia e della finanza rende i singoli stati vulnerabili in prima persona e potenzialmente delle bombe per l'intero sistema comunitario. Bisogna a mio parere intervenire prima che le insufficienze diventino manifeste, e oltre a questo abituare le varie istituzioni nazionali a collaborare tra di loro.
    Scusi senatore Gdem ma vorrei ricordarle che l'idea di avanzare in senato la proposta di indirizzo della sussidiarietà è sata avanzata proprio nella conferenza extraparlamentare da lei stesso indetta e che lei l'aveva approvata o quantomeno non vi si era affatto opposto.
    Perchè adesso questo brusco dietro front nel momento in cui viene specificata in ogni dettaglio e concretizzata?
    Ultima modifica di [email protected]; 07-06-12 alle 12:05

  3. #13
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    17,054
    Mentioned
    430 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Senatore [email protected], la sua avversione per la Conferenza degli Europeisti è ormai ben nota ( si vede che la preoccupa molto, essendo lei euroscettico) ma questo non vuol dire cambiare le carte in tavola. La Conferenza è libera, ed ognuno può esprimere il suo pensiero...questo non vuol dire che valga il silenzio assenso. Le proposte di Maria Vittoria sono in discussione, e il suo punto di vista è prezioso, ma questo non vuol dire che ci sia una posizione ufficiale per il momento.
    «Riformista è uno che sa che a sbattere la testa contro il muro si rompe la testa, non il muro! Riformista...è uno che vuole cambiare il mondo per mezzo del buonsenso, senza tagliare teste a nessuno» [Baaria]

  4. #14
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    899 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Citazione Originariamente Scritto da Gdem88 Visualizza Messaggio
    Non sono contrario al principio di sussidiarietà, ma mi chiedo se in un momento in cui l'Europa soffre proprio per i diversi indirizzi nazionali non abbastanza coordinati sia giusto puntare su questo modello istituzionale e non invece su una Europa non più intergovernativa ma sempre più transnazionale, con organismi eletti e così legittimati democraticamente. A livello istituzionale penso che sia necessario fare dei passi avanti nel coordinamento delle politiche e nella condivisione dei poteri e delle responsabilità, temo quindi che un principio di sussidiarietà simile si allontanerebbe da tale obbiettivo, rendendo molto difficile il coordinamento delle politiche nei vari settori. Se L'Europa dovesse intervenire solo in caso di insufficienza nell'azione dei singoli stati membri si rischierebbe una situazione come quella attuale, dove l'assenza di una governance centrale dell'economia e della finanza rende i singoli stati vulnerabili in prima persona e potenzialmente delle bombe per l'intero sistema comunitario. Bisogna a mio parere intervenire prima che le insufficienze diventino manifeste, e oltre a questo abituare le varie istituzioni nazionali a collaborare tra di loro.
    venendo al merito delle sue osservazioni dissento totalmente: quello che voi proponete non è un passi avanti nel coordinamento delle politiche e nella condivisione visto che viene respinto il concetto di sissidiarietà (senza la sussidiarietà non si puo' nemmeno ontologicamente parlare di condivisione) ma centralismo calato dall'alto

  5. #15
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,897
    Mentioned
    85 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    193

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Anche la collaborazione fra Stati rende operativo il principio di sussidiarietà.
    L'importante è specificare le competenze di ogni livello, per evitare dispersione di risorse.
    di necessità virtù

  6. #16
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    17,054
    Mentioned
    430 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Sarà un mio limite, ma dalle parole della senatrice Maria Vittoria evinco un progetto potenzialmente diverso da quello del notoriamente euroscettico senatore [email protected] Per come spiegata dal Capogruppo Pcf la proposta mi vede contrario. Tuttavia come già detto non sono contrario al principio di sussidiarietà in sè, quindi se dovessero prendere forma delle proposte specifiche su questo tema le valuterò con attenzione. Magari anche il Pcf saprà stupirmi e convincermi...
    «Riformista è uno che sa che a sbattere la testa contro il muro si rompe la testa, non il muro! Riformista...è uno che vuole cambiare il mondo per mezzo del buonsenso, senza tagliare teste a nessuno» [Baaria]

  7. #17
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    17,054
    Mentioned
    430 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Scendendo nello specifico delle proposte della Senatrice Maria Vittoria, concordo sulla necessità di istituire un Servizio Civile Europeo con forti incentivi per i giovani che lo sosterranno, come la possibilità di sostenere certificazioni linguistiche a titolo gratuito nel paese ospitante, anche su lingue diverse da quella parlata in loco. Sul servizio militare sono però contrario alla leva obbligatoria, concordo più con l'approccio espresso dal ministro Italianista sulla necessità di creare un esercito europeo.

    Parlando di Istituzioni Europee invece, la proposta di una Costituente Europea mi piace molto a livello di principio, ma temo che il momento storico non sia particolarmente adatto per una proposta così avanzata. Per rafforzare le istituzioni europee invece proporrei una trasformazione del Parlamento Europeo in vero organo politico-legislativo e l'elezione diretta del Presidente della Commissione Europea. Rimane poi ovviamente il bisogno di spingere su maggiore coordinamento sulla politica estera e sulla ripresa del processo Costituzionale Europeo.
    «Riformista è uno che sa che a sbattere la testa contro il muro si rompe la testa, non il muro! Riformista...è uno che vuole cambiare il mondo per mezzo del buonsenso, senza tagliare teste a nessuno» [Baaria]

  8. #18
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,897
    Mentioned
    85 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    193

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Citazione Originariamente Scritto da Gdem88 Visualizza Messaggio
    Scendendo nello specifico delle proposte della Senatrice Maria Vittoria, concordo sulla necessità di istituire un Servizio Civile Europeo con forti incentivi per i giovani che lo sosterranno, come la possibilità di sostenere certificazioni linguistiche a titolo gratuito nel paese ospitante, anche su lingue diverse da quella parlata in loco. Sul servizio militare sono però contrario alla leva obbligatoria, concordo più con l'approccio espresso dal ministro Italianista sulla necessità di creare un esercito europeo.

    Parlando di Istituzioni Europee invece, la proposta di una Costituente Europea mi piace molto a livello di principio, ma temo che il momento storico non sia particolarmente adatto per una proposta così avanzata. Per rafforzare le istituzioni europee invece proporrei una trasformazione del Parlamento Europeo in vero organo politico-legislativo e l'elezione diretta del Presidente della Commissione Europea. Rimane poi ovviamente il bisogno di spingere su maggiore coordinamento sulla politica estera e sulla ripresa del processo Costituzionale Europeo.
    Già nella fase preliminare avevo recepito che era preferibile lasciare come volontario il servizio sia militare che civile: un'opportunità per i giovani.

    Per ora l'Europa politica è rappresentata in modo sufficiente dagli Stati ( alcuni in modo troppo egoistico): in parallelo alla situazione attuale l'apertura di una vera Costituente Europea avvierebbe finalmente una presa di coscienza sul fatto che noi europei saremo eticamente e moralmente uniti da un minimo comune denominatore di diritti e doveri uguali, verso noi stessi e verso il resto del mondo
    di necessità virtù

  9. #19
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    899 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Visto che domani probabilmente potrei essere assente chiedo fin da ora al Presidente del Senato Manfr (o ai vice che lo sostituiranno) di mettere dopo le ore 22,30 di domani la prima mozione da noi proposta in votazione nelle esatte modalità presentate
    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    La sussidiarietà è compatibile con strutture politiche federali , dal momento che esse presuppongono la condivisione del potere fra diverse comunità territoriali. Il Modello giuridico classico della sussidiarietà federalista è quello dei paesi di tradizione federale come la Germania e la Svizzera.L’articolo 30 della Legge Fondamentale tedesca stabilisce che“L’esercizio dei pubblici poteri e l’assolvimento dei compiti che incombono allo Stato appartengono ai Lander, salvo disposizioni o autorizzazioni contrarie alla presente Legge Fondamentale”.Allo stesso modo, l’articolo 3 della Costituzione federale svizzera prescrive che “I cantoni sono sovrani in quanto la loro sovranità non è limitata dalla Costituzione federale, e in quanto tali essi esercitano tutti i diritti che non sono delegati al potere federale” 72. Ne deriva che, in linea di principio, tutte le competenze spettano ai Lander ed ai cantoni. Al contrario, le attribuzioni della Federazione devono essere legittimate e la Federazione può intervenire solo in caso di insufficienza delle autonomie territoriali. In altri termini, la Federazione dispone solo di funzioni elencate ed affidate a questa per necessità. Infine, per quanto concerne le competenze concorrenti, il principio di sussidiarietà regola sia l’ob, e cioè il “se” una certa funzione spetti alla federazione, sia il wie, ovvero il “come” la Federazione stessa debba disciplinare una certa materia.Inoltre, si è evidenziato73 che in un sistema federale il principio di sussidiarietà trova espressione in tutti i settori della vita sociale.Ad esempio, per quanto concerne la politica culturale, in Svizzera la stessa devoluzione delle competenze si ispira alla sussidiarietà, così come risulta dal rapporto di Clottu da cui emerge che i Cantoni esercitano la politica culturale, tranne chela legislazione federale imponga delle limitazioni:“se la famiglia dà, in modo discontinuo, la prima formazione culturale, spetta alla scuola svilupparla e ripararne le insufficienze; il che significa chiarire che tutta la responsabilità ricade sui cantoni e sui comuni nel rispetto delle diversità dell’interesse dei giovani per la cultura (…). Ma altro compito è quello della formazione dei creatori, degli interpreti e dei responsabili dell’animazione culturale. I cantoni, quando hanno i mezzi per prenderla in considerazione, non possono tuttavia assicurare pienamente la suddetta formazione fino a livello più alto”.Venendo al legame tra sussidiarietà e solidarietà, esso comporta che i livelli di governo superiori, come lo Stato,possono (anzi, debbono) intervenire in settori di competenza dei livelli inferiori, qualora questi non siano in grado di svolgere determinate funzioni.Più precisamente, le entità maggiori debbono soccorrerequelle immediatamente minori in caso di bisogno. Esse non devono, però, sostituirsi alle articolazioni inferiori, bensì cooperare con queste nell’esercizio di determinati compiti. A tale riguardo, si è rilevato in dottrina che detto contenuto solidaristico si richiama all’idea di subsidium secondo l’insegnamento della dottrina sociale della Chiesa.

    Ciò premesso propongo al Senato la seguente proposta di indirizzo : si raccomanda alll'Unione Europea l'adozione del modello di sussidiarietà svizzero prevedendo il principio secondo il quale le istituzioni dell'Unione europea (il Consiglio europeo, la Commissione europea e la Banca Centrale europea) intervengono solo in caso di insufficienza dell'azione degli stati membri dell'Unione qualora questi non siano in grado di svolgere determinate funzioni.In particolare si chiede che le istituzioni dell'Unione europea soccorrano gli stati membri in caso di bisogno. le istituzioni dell'Unione europea non devono, però, sostituirsi alle azioni degli stati membri, bensì cooperare con questi nell’esercizio di determinati compiti
    Ultima modifica di [email protected]; 08-06-12 alle 18:04

  10. #20
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    17,054
    Mentioned
    430 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (proposte di indirizzo)

    Continuo a pensare che, a differenza di come lo intende la senatrice Maria Vittoria, il principio di sussidiarietà come presentato dal Sebatore [email protected] sia fondato su un euroscetticismo mascherato, che vuole evitare l'avanzamento del processo d'integrazione in favore di un ruolo sempre centrato sui governi nazionali. Il Pds non voterà questa mozione, e invito anche la senatrice Maria Vittoria a pensarci su, poichè le sue intenzioni non mi sembrano recepite nel modo giusto dal testo presentato, che è decisamente generico.
    Manfr likes this.
    «Riformista è uno che sa che a sbattere la testa contro il muro si rompe la testa, non il muro! Riformista...è uno che vuole cambiare il mondo per mezzo del buonsenso, senza tagliare teste a nessuno» [Baaria]

 

 
Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 17-06-12, 19:06
  2. III Seduta - III Legislatura - Unione Europea (recepimento dei Trattati)
    Di Manfr nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 11-06-12, 18:29
  3. III Seduta del Senato - III Legislatura - Unione Europea - Discussione
    Di Manfr nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 05-06-12, 18:03
  4. Risposte: 113
    Ultimo Messaggio: 16-01-09, 16:54
  5. Risposte: 152
    Ultimo Messaggio: 14-12-08, 20:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226