User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Josef Scveik

Discussione: Celso Ghini. Uno sguardo critico sulla Resistenza umbra

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Celso Ghini. Uno sguardo critico sulla Resistenza umbra

    Malgrado siano trascorsi quasi settant’anni, la Resistenza continua ad essere argomento di scontro politico, storiografico, ideologico. Non è facile parlarne, soprattutto se si cerca di ricostruirne un profilo obiettivo, scevro da contenuti retorici ed apologetici.
    Ricerca, analisi, confronto delle fonti: queste sono le armi dello storico, le uniche che permettono ad uno studioso di dare un’immagine quanto più oggettiva di un fenomeno, di un evento e dei suoi protagonisti.
    La Resistenza umbra, quella ternana in particolare, è stata negli ultimi anni al centro di polemiche e tensioni che, purtroppo, sono andate anche oltre l’acceso dibattito.
    Non pochi sono i lati oscuri della lotta partigiana a Terni e nell’Alto Lazio: morti che ancora reclamano giustizia, tradimenti, accuse reciproche, gesti irresponsabili. Lati oscuri appunto, mai più affrontati nel dopo guerra da coloro che ai posteri hanno preferito lasciare in eredità una mera apologia del passato.
    Ma non tutti coloro che scelsero di combattere RSI e tedeschi hanno perso lo spirito critico, ovvero quel valore intellettuale che appartiene agli uomini che credono nel concetto di libertà.
    Celso Ghini è stato uno degli uomini di punta del Partito Comunista Italiano. Bolognese, classe 1907, è ultimogenito di tredici figli. E’ un tipo determinato: autodidatta, consegue la licenza elementare dopo aver frequentato le scuole serali; poi la fiamma della passione politica che, negli anni in cui il Fascismo consolida il suo potere, lo spinge ad iscriversi alla Gioventù comunista. Dopo il primo arresto, trascorre due anni a Mosca.
    Commissario politico delle brigate Garibaldi durante la guerra civile, dopo il conflitto ricopre incarichi di rilievo nel PCI, prima nella Commissione Centrale di Organizzazione del partito, poi nel Comitato Centrale.
    Durante i seicento giorni, dall’otto settembre ‘43 alla fucilazione di Mussolini, Celso Ghini svolge la funzione di commissario politico, figura ereditata dal sistema sovietico e già conosciuto in Spagna da coloro che hanno combattuto nelle brigate internazionali.
    Oltre a garantire la formazione ideologica delle bande partigiane e a far rispettare le direttive del Partito, il commissario scruta, studia, investiga sulla condizione della lotta a fascisti e tedeschi, valutando il comportamento dei compagni e la loro capacità organizzativa.
    “[…]Durante il periodo dell’occupazione non vennero costituite, e comunque non operarono le associazioni professionali, giovanili, femminili; non vennero organizzate su vasta scala agitazioni e manifestazioni di strada per protestare contro lo scarso rifornimento dei generi alimentari, per chiedere la liberazione dei carcerati, contro il reclutamento forzato dei giovani nell’esercito repubblichino con relative fucilazioni dei renitenti e disertori. Non vennero organizzati scioperi dei lavoratori occupanti, come nello stesso periodo avveniva in Toscana e nella Valle Padana[…]”. (Celso Ghini, La Resistenza in Umbria, estratto da L’Umbria nella Resistenza, Ed. Riuniti, 1972, vol. I). Ecco un esempio di rapporto agli organi centrali. Rapporto certo non edificante: il commissario Ghini boccia l’attività delle unità resistenziali, sottolineando una carenza organizzativa molto forte. Quali i motivi di un simile ritardo nella strutturazione della lotta al tedesco? Nel gruppo di combattimento ‘Schanze’ nella grande impresa contro le bande (Settimo Sigillo, 2006), l’ex partigiano e generale della Guardia di Finanza Enzo Climinti descrive una città, Terni, sventrata dalle bombe e abbandonata dagli stessi tedeschi che, per avere un maggiore controllo della Conca e per evitare di essere bersaglio delle incursioni aeree nemiche, decidono di installare il comando a San Gemini. Va da sé che la scelta germanica di riparare in un paese limitrofo a quelle stesse montagne nelle quali operò, a partire dal Febbraio ’44, la brigata “Antonio Gramsci” , creò non pochi problemi alle formazioni comuniste, ancora inesperte alla guerra e costrette a dover affrontare unità veterane della campagna d’Italia.
    Che Terni non fosse in quei mesi realtà facile nella quale diffondere il germe della ribellione lo ammette lo stesso ne La lotta partigiana in Umbria (da Politica e società in Italia dal fascismo alla Resistenza: problemi di storia nazionale e storia umbra, di G. Nenci, Ed. Il Mulino 1979): “[…] per via degli allarmi aerei pluri quotidiani e per i feroci bombardamenti cui era stato sottoposto il centro urbano, la cittadinanza non esisteva più come aggregato organico, come centro cittadino[…]”.
    La disorganizzazione delle bande è quindi in parte giustificabile dal fatto che il polo industriale ternano sia obiettivo prediletto dell’aviazione alleata. Tuttavia nella storiografia resistenziale il ruolo dei garibaldini nella liberazione di Terni è eccessivamente marcato: la Gramsci sarebbe entrata nel capoluogo umbro a fianco degli inglesi, coi tedeschi fuggiti dopo lo sfondamento delle linee in Abruzzo e dopo la conquista di Roma (4 Giugno 1944).
    In realtà Terni fu presa esattamente come Roma: i tedeschi, ritiratisi nella notte, avevano lasciato campo libero ai nuovi occupanti. Che lo studio della Resistenza umbra presenti lacune non è parere di studiosi revisionisti, ma anche del commissario del PCI Ghini che, trent’anni dopo la fine della guerra, così scrive: “[…]Spesso si tratta (riferito alla storiografia locale) di un materiale grezzo, talvolta contraddittorio, presentato in forma retorica, non vagliato criticamente[…]”.
    Testimone oculare delle inadempienze strutturali ed operative della brigata ‘Gramsci’, Ghini con freddezza e lucidità smonta decenni di argomentazioni faziose e agiografiche.
    “[…] Più scarse – continua il commissario – sono le ricerche approfondite, i saggi sui particolari aspetti della resistenza e, conseguentemente, gli studi critici generali[…]”(Celso Ghini, La Resistenza in Umbria, estratto da L’Umbria nella Resistenza, Ed. Riuniti, 1972, vol. I).
    Neanche Germinal Cimarelli, medaglia d’oro al valor militare ed eroe cittadino, caduto sulle alture di Cesi il 20 Gennaio 1944, viene risparmiato dalle critiche di Celso Ghini.
    Stando alla motivazione della onorificenza e alla ricostruzione dei compagni di lotta, Cimarelli sarebbe morto impugnando un tricolore ed affrontando una pattuglia tedesca, armato di solo fucile automatico.
    Altre versioni parlano di bandiera rossa e non di tricolore. Gino Scaramucci in “Rapporto dalla provincia di Terni, Giugno 1943 – Settembre 1944”, sottolinea l’audacia della formazione di Cesi e l’eroismo di Cimarelli. Ghini, nel “Rapporto sulla visita alla formazione partigiana di Narni, 5 Febbraio 1944”, contesta ai compagni di non essere stati troppo prudenti e di aver pagata cara la loro imperizia. Sul decesso di Cimarelli il commissario dichiara che il giovane, anziché mettersi al riparo dal fuoco germanico, avrebbe issato una bandiera rossa.
    Gesto inspiegabile che gli costò la vita.

    Celso Ghini. Uno sguardo critico sulla Resistenza umbra | Storia | Rinascita.eu - Quotidiano di Sinistra Nazionale
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: Celso Ghini. Uno sguardo critico sulla Resistenza umbra

    Un link che dimostra indubbiamente la tua ossessione per la ricerca storica obiettiva.:giagia:
    amaryllide likes this.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Celso Ghini. Uno sguardo critico sulla Resistenza umbra

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Un link che dimostra indubbiamente la tua ossessione per la ricerca storica obiettiva.:giagia:
    Nel corpo del post ci sono i testi di riferimento, inoltre, è evidente che non hai ben compreso chi era e cosa faceva il soggetto della discussione, anzi, mi sono quasi convinto che non hai letto per nulla il post.
    Dovresti essere almeno più attento a quello che scrivi, meglio tacere e lasciare un dubbio, che aprire la bocca e toglierli tutti.
    Leggi il post, dopo ne riparliamo.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

 

 

Discussioni Simili

  1. Riforma si, riforma no. Uno sguardo critico sulla questione.
    Di Defender nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-12-10, 15:17
  2. Il Generale Speciale sulla lista Umbra
    Di ilGladiatore (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-03-08, 18:52
  3. Uno sguardo sulla potente lobby
    Di Harm Wulf nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 03-10-02, 21:21
  4. Uno sguardo sulla potente lobby
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-10-02, 23:46
  5. Uno sguardo sulla potente lobby
    Di Harm Wulf nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-10-02, 23:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226