User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
Like Tree2Likes

Discussione: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Lo scrittore catalano Joaquin Bochaca propone il racconto del collasso del Fascismo in Italia nel 1943


    L'Italia del 1943 fu un caso storico speciale – un caso che, se non fosse così tragico, dovrebbe definirsi comico. Nemmeno Luigi Pirandello, il Premio Nobel autore di drammi di realtà multiple sarebbe stato capace di inventare un complotto così aggrovigliato nel quale perfidia, passione per l’intrigo, tradimento, grossolanità, erano suddivise in parti uguali.
    Tratteremo l’argomento rapidamente, senza essere spietati con quel Paese. La “purga” in Italia iniziò con l’arresto di “Sua Eccellenza Benito Mussolini, Capo del Governo, Duce del Fascismo e Fondatore dell’Impero” (in italiano nel testo) nel luglio1943 dopo che il suo Gran Consiglio del Fascismo l’aveva defenestrato.
    Diciannove dei suoi membri avevano votato per la sua destituzione e per la restituzione del comando supremo delle forze armate al re. Sette votarono a suo favore, astenuti uno.
    Mussolini non attribuì a questo voto del Gran Consiglio eccessiva importanza, ciascun membro dei quali era stato personalmente scelto dal Duce. I poteri del Gran Consiglio erano considerati da Mussolini come puramente consultivi.
    Per questo motivo, dopo questo voto avverso Mussolini si recò dal re, che lo aveva convocato. Mussolini non era particolarmente preoccupato. Ma il re Vittorio Emanuele III gli disse che aveva deciso di sostituirlo come Primo Ministro con il Maresciallo Pietro Badoglio, Primo duca di Addis Abeba, Primo marchese di Sabotino. Nel lasciare il palazzo, Mussolini fu arrestato dalla polizia e condotto sul Gran Sasso d’Italia, la più alta montagna dell’Italia centrale (2912 metri s.l.m.)
    Cominciò l’epurazione, con l’arresto dell’uomo principale responsabile del destino del Paese. Quando si sparse la notizia, vi furono esplosioni di gioia in tutta la penisola. Se il Duce era stato rimosso dal potere, voleva dire che la pace era vicina, ed il popolo italiano era stanco della guerra. Il tradimento del Capo cui tutto dovevano, da parte dei fascisti di alto rango, fu imitato dalla maggioranza dei membri del partito.
    Ecco cosa egli stesso ne scrisse: “A partire dall’alba del 25 luglio la plebaglia, circondata e protetta dai carabinieri, invase le strade di Roma, saccheggiando tutte le sezioni dell’organizzazione fascista, sfasciando lungo la strada i padiglioni dei littori, insultando i fascisti che incontrava e distruggendo con stupida iconoclastia qualsiasi cosa ricordasse Mussolini ed il Fascismo. Mentre i busti ed i ritratti che mi ritraevano venivano gettati dalle finestre a migliaia, le vetrine dei negozi venivano adornate con immagini di Vittorio Emanuele e di Badoglio (1)”.
    La rimozione di Mussolini trascinò con sé, come logica conseguenza, quella dei suoi più fedeli seguaci. I giornali quotidiani iniziarono una campagna di denunce, chiedendo che fossero insediati comitati di epurazione. Il re non condiscese, temendo che questi comitati sfuggissero dalle mani e si spargessero nel Paese.
    L’8 settembre Vittorio Emanuele e Badoglio firmarono una dichiarazione di capitolazione con gli alleati.
    I tedeschi reagirono prontamente, occupando tutte le parti della Penisola che non erano cadute in mano del nemico. Se il re e Badoglio si aspettavano una reazione tedesca, quello che non potevano prevedere era l’incredibile audacia con la quale i paracadutisti tedeschi riuscirono a liberare il Duce nel settembre 1943.
    Appena liberato Mussolini incontrò Hitler e decise di riprendere le sue funzioni, creando la Repubblica Sociale Italiana, la cui temporanea capitale fu stabilita nell’estremo nord, a Salò, sul lago di Garda. La R.S.I. non era piccola, includeva gran parte dell’Italia, estendendosi a sud fino a Roma e nei territori nella costa dell’Adriatico. In Italia, pertanto, dopo l’autunno 1943, esistevano due governi: Quello di Badoglio, riconosciuto dagli Alleati e da quasi tutti i Paesi neutrali, e quello di Mussolini, riconosciuto dalla Germania e dai suoi alleati.
    Dobbiamo riconoscere che la grande maggioranza del popolo italiano favoriva Badoglio per il solo motivo che era convinta che avrebbero vinto gli Alleati. Ma Mussolini, per vero, riuscì a riaccendere gli entusiasmi degli italiani al nord.
    La prima preoccupazione di entrambi i due Governi era di organizzare una epurazione. Mussolini voleva limitarla ai soli principali traditori del settembre 1943. Due ammiragli che avevano consegnato la flotta agli Alleati e cinque membri del Gran Consiglio che avevano provocato la caduta di Mussolini furono condannati a morte e fucilati. Fra questi c’era il genero del Duce ed ex ministro degli Esteri conte Galeazzo Ciano. Quella fu la principale epurazione della Repubblica Sociale Italiana.
    Non si verificarono eccessi nelle strade del nord, né esecuzioni sommarie. E non perché le folle fossero migliori di quelle della monarchia adesso liberale, ma perché invece di essere incoraggiate a commettere atrocità gli italiani furono severamente avvisati che chiunque avesse violato la legge sarebbe stato punito in conseguenza. Non c’è nulla di segreto sugli eccessi delle folle al sud, eccetto la domanda se fossero contrastate o incoraggiate dal governo antifascista Abbiamo già accennato degli abusi commessi a danno dei fascisti nella metà meridionale della Penisola dove, ufficialmente per lo meno, governavano il re e Badoglio.
    In aggiunta alla guerra mondiale che si stava adesso combattendo sul suo suolo, l’Italia era ora destinata a soffrire gli effetti della guerra civile. I partigiani cominciarono a commettere crimini contro elementi considerati fascisti o semplicemente conservatori. Inoltre uccidevano i soldati tedeschi in azioni isolate o individuali. I tedeschi cominciarono allora ad effettuare rappresaglie, che condussero al meccanismo infernale del terrorismo/antiterrorismo/nuovo terrorismo, con la spirale della violenza che si svolgeva in cerchi sempre più ampi.
    Poiché l’avanzata degli Alleati procedeva molto più lentamente di quanto ci si aspettasse, il prolungamento delle operazioni militari fu accompagnato in tutta la penisola da diffusa resistenza. In tutte le zone occupate dagli Alleati furono costituite corti marziali per giudicare le iniziative di elementi fascisti. In Sardegna, a Napoli ed in Sicilia, furono comminate 15 condanne a morte e più di 200 alla prigione per avere tentato di costruire caserme littorie. Inoltre un decreto firmato da Vittorio Emanuele prevedeva la creazione di nuovi tribunali distrettuali specificamente destinati alla punizione dei fascisti (2).
    I membri delle giurie dovevano essere: “nominati fra i cittadini la cui avversione al Fascismo è manifestata da una vita irreprensibile e dalla loro condotta politica che hanno adottato fin dal
    28 ottobre 1922, quando Mussolini fu nominato Primo Ministro dal re”.
    Questo mi sembra semplicemente delizioso. Eccetto, forse, in tribunali cafri o kikuyu, i membri delle giurie si intendono normalmente prescelte a sorte, ed una volte scelte, da quelle persone vengono eliminate quelle che per un qualsiasi motivo o circostanza potrebbero essere sospettate di predisposizione verso l’accusato - che, in linea di principio, e fino a prova contraria, si presume innocente. Il decreto democratico di Vittorio Emanuele dogmatizzava che i membri delle giurie fossero “prescelti” tra quali persone? Oh, sì, fra quei cittadini la cui avversione al Fascismo è stata manifesta. In altre parole, se uno non avesse mostrato avversione al Fascismo, non aveva condotto una vita irreprensibile. Dove? Ovviamente, in Italia. E da quando? Vittorio Emanuele aveva la risposta per tutto: dal 28 ottobre 1922.
    Che cosa era accaduto in quel giorno? Il 28 ottobre 1922 Benito Mussolini era stato convocato proprio da Sua Maestà il re Vittorio Emanuele III per formare un governo.
    Il Professor Mario Vinciguerra dell’Università di Napoli, chiese che i fascisti che avevano posizioni nell’amministrazione, a prescindere dall’importanza, fossero privati dei diritti politici per venti anni. L’Italia, naturalmente, sarebbe rimasta senza funzionari e ne avrebbe dovuto importare centinaia di migliaia, dai giudici ai carcerieri, dagli ufficiali giudiziari ai becchini, dai burocrati agli spazzini, da sorveglianti notturni agli intrepidi professori come Vinciguerra… insediato in quel posto dal governo fascista.
    Come disse con umorismo Pierre-Antoine Cousteau, fratello del famoso esploratore Jacques-Yves Cousteau “ognuno è il fascista di qualcuno”. Ciò sarebbe stato sperimentato molto presto, nella propria carne, dai partiti di destra e sinistra, architetti delle manovre che avevano rovesciato il Fascismo nel sud del Paese. Gli elementi conservatori erano assai preoccupati nel vedere come comunisti e socialisti reclamavano il monopolio di antifascismo.
    Ed in effetti la sinistra, per suo conto, passò rapidamente dall’antifascismo alla antimonarchia. L’animosità fra le due fazioni raggiunse l’apice durante il processo al generale Giacomo Carboni, membro del Partito fascista ed anche – naturalmente, in segreto – del partito socialista. Quando il governo italiano firmò a resa con gli Alleati e dichiarò guerra alla Germania, Carboni, che aveva fatto sapere a chi lo volesse che era stato “per tutta la vita socialista”, fu nominato da Badoglio governatore militare di Roma.
    Quando i tedeschi entrarono a Roma, abbandonò la capitale senza sparare un colpo e fuggì’ nelle montagne per.. “organizzare la resistenza partigiana”. Almeno, così disse. Badoglio, che non era convinto, e che lo trascinò davanti ad un tribunale militare, lo accusò di diserzione. (A proposito, mi sembra squisito che Badoglio avesse la sfacciataggine di accusare qualcuno di diserzione).
    Il quotidiano “La voce repubblicana” pubblicò quanto segue: “Stanno perseguitando l’unico generale che è rimasto a Roma e che, quando la città cadde, andò in Abruzzo per organizzare la resistenza. E il re? Il re non aveva abbandonato il suo posto. E’ coperto dalla tregua ufficiale che ha giurato di mantenere. Benissimo!... Badoglio, fuggito seguendo la nave del re, non ha abbandonato il suo posto. Il generale Vittorio Ambrosio, fuggito come Badoglio, e il generale Mario Roatta con il re, anche lui, non ha abbandonato il suo posto. Grazie alla sincerità del presidente Ferruccio Parri, e al cattivo carattere nel Palazzo e nel ministero della Guerra si vengono a conoscere le seguenti norme di giurisprudenza: quelli che fuggirono terrorizzati, lasciando l’esercito senza ordini e scapparono a rotta di collo da Napoli a Brindisi non hanno abbandonato il loro posto, ma il socialista Carboni, che, essendo rimasto a Roma organizza un quartier generale fuori dal normale controllo (nelle montagne dell’Abruzzo!) è un traditore e disertore. Generali della prima categoria sono tutti protetti da Casa Savoia; quelli della seconda hanno pubblicamente macchiato la dinastia e la sua corte militare con il tradimento e l’ignominia” (3).
    Tali critiche sulla stampa di sinistra indicano chiaramente che le epurazioni non si limitavano ai fascisti, ma si sarebbero potute estendere ai funzionari del regime provvisorio e perfino raggiungere la stessa monarchia, se i partiti di sinistra avessero conquistato la maggioranza. Ed in effetti questo è quello che è avvenuto. Comitati di partigiani, armati dagli Alleati per combattere i tedeschi, non infastidivano questi eccessivamente ma eliminavano i fascisti e i democratici a iosa.
    In Italia, all’epoca, ciascuno epurava l’altro: i comunisti epuravano i fascisti, i liberali e i monarchici; i partigiani al Nord assassinavano i fascisti e chiunque altro fosse loro intorno, partigiani bianchi compresi, e quando occasionalmente si imbattevano in tedeschi isolati e quando questi erano presi alla sprovvista, li mutilavano. Ed allora i tedeschi e le Camicie Nere ordinavano le rappresaglie sugli ostaggi; e quindi, per vendetta, i partigiani piazzavano bombe sugli orfanotrofi a Cuneo. Nel mezzo di questo indescrivibile caos, i tedeschi e le Camicie Nere combattevano contro soldati (o civili) di cinque diverse nazionalità, inclusi gli italiani. In Vaticano il Papa invitava tutti alla calma, alla meditazione e alla preghiera.
    Ma quello che gli italiani facevano, era rubare, assassinare e violentare. Mai c’era stata così tanta violenza in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo, come allora.
    A Giovanni piaceva Rosetta? Bene, avrebbe fatto l’amore con lei, consensualmente o per forza, ed in tal caso si sarebbe detto che era fascista, monarchica, reazionaria, atea o qualsiasi altra etichetta fosse stata conveniente. Il conte Carlo Sforza, cui la vita e le proprietà erano state risparmiate dai fascisti, e che Vittorio Emanuele aveva nominato Ministro della Giustizia, annunciò nell’estate 1944 che 1.350 persone dovevano comparire davanti al giudice per “collaborazione con il Fascismo”.
    Collaborazione col Fascismo? Chi in Italia non aveva collaborato col Fascismo che aveva governato l’Italia per 21 anni? Uno dei principali processi fu quello del generale Mario Roatta, che, 3 giorni prima dell’apertura del dibattimento, evase. Roatta fu condannato alla prigione a vita in contumacia; Filippo Anfuso, ambasciatore della R.S.I. a Berlino, fu condannato a morte. Il ministro Fulvio Suvic ed il Vicerè di Albania, Francesco Jacomini, furono condannati a 24 anni di carcere.
    Interessante notare che il Vicere d’Albania, fu, come detto, condannato a 24 anni di carcere, considerando in particolare che il ritratto del suo diretto superiore in gerarchia, all’epoca re d’Albania, assisteva alla sessione del tribunale.
    Nel mezzo del collasso del fronte italiano, Mussolini, accompagnato da alcuni ministri e dalla sua amante Clara Petacci, cercava rifugio in Svizzra, fu catturato da una banda di partigiani comunisti e giustiziato.
    Anche Clara Petacci, i 16 ministri del Governo ed il Preside dell’Università di Bologna, professor Goffredo Coppola, furono assassinati. I corpi furono vilipesi ed appesi a testa in giù in un distributore di benzina della Standard Oil/Rockefeller a Piazzale Loreto a Milano.
    Per 15 ore la plebaglia sfilò davanti ai corpi, sputandovi sopra, urinando e dando calci alle salme. Il capo del commando di esecuzione (l’episodio è in realtà ancora avvolto nel mistero, n.d.t.) Valerio Audisio (foto), membro del partito comunista, sarebbe in seguito stato eletto deputato in Parlamento avendo basato la sua campagna sul suo ruolo nell’aver assassinato un anziano disarmato che non offriva resistenza.
    Non desidero continuare. Mi limiterò a menzionare che il numero dei decessi causati dalle “purghe”, secondo una rivista democratica del tempo (4), raggiunse fra 100.000 e 150.000; così dicono le stime più prudenti.
    A questa cifra dobbiamo aggiungere circa 12.000 fascisti uccisi dai partigiani durate la guerra civile e più di 10.000 italiani della Venezia Giulia, Istria e Dalmazia eliminati come fascisti dai partigiani jugoslavi.
    Secondo la stessa rivista, non dimentichiamolo, antifascista, le perdite degli antifascisti furono 29.000 persone, così suddivise: 6.000 partigiani uccisi in combattimento, 13.000 giustiziati in azioni di rappresaglia ed ulteriori 10.000 giustiziati dai tedeschi per aver combattuto una guerra irregolare. Queste cifre sono contestate dai neofascisti, che sostengono che il numero massimo di antifascisti morti fu da 15.000 a 20.000, paragonati ai 100.000 a 150.000 fascisti caduti.
    Il numero di detenuti confinati in carceri sovraffollate o campi di concentramento improvvisati raggiunse il mezzo milione, per quanto sia difficile ottenere cifre ufficiali a causa del caos che regnava in Italia che continuò fino al 1947.
    Rachele Mussolini, la vedova del duce, che fu internata per cinque mesi nel campo inglese improvvisato a Terni, scrisse: “I prigionieri erano principesse, duchesse, autori, mogli di uomini illustri o sconosciuti, donne del popolo e prostitute. Era difficile dormire nel campo di concentramento. Fuori del filo spinato, riflettori scrutavano il campo senza pietà, illuminando gli angoli più nascosti, e siccome i riflettori scrutavano attraverso le finestre senza scuri, inevitabilmente trovavano i nostri letti. A volte ci sembrava di impazzire… Quando alla fine i riflettori si spegnevano il sole stava sorgendo e spuntava un nuovo giorno” (5).
    Note finali:
    1. Benito Mussolini, “Storia di un anno”, 1944
    2. Sembra una costante politica di questo secolo pieno di eventi, che quando un regime democratico, composto da un presidente o da un monarca liberale rimpiazza un
    dittatore, emana decreti e leggi autoritari con frequenza assai maggiore del precedente dittatore.
    3. Ferruccio Parri, membro del Partito d’Azione, era una specie di copresidente civile, nominato dal machiavellico Vittorio Emanuele per controbilanciare la figura di Badoglio.
    4. Orbis”, Roma, luglio 1945. Il giornalista francese Alfred Fabre-Luce, nel suo “Journal de l’Europe, 1946-1947”, asserisce che vi furono 300.000 vittime della “purga” antifascista.
    5. Rachele Mussolini, “Una biografia intima.”

    Note sull’Autore:
    Joaquin Bochaca è un avvocato dalla prosa tagliente, storico revisionista e critico letterario. Traduttore di Ezra Pound e di Hermann Hesse. Questo ed altri scritti di Bochaca sono stati tradotti da Margaret Huffstickler, apprezzata linguista versata in diverse lingue straniere.

    Tratto da The Barnes Review, www. Barnesreview.com
    trad. Alfio Faro
    Gli ultimi giorni di Mussolini e dell?Italia fascista | Storia | Rinascita.eu - Quotidiano di Sinistra Nazionale
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2012
    Messaggi
    705
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Sulla cattura di Mussolini si è scritto molto, e molto si scriverà. Quello che non è mai stato definito è se intendesse andare veramente in Svizzera (la quale aveva rifiutato l'ingresso a lui e agli altri gerarchi e familiari) o se intendesse raggiungere il Ridotto in Valtellina del quale aveva lungamente discusso con Rodolfo Graziani.
    Non si capisce se sapesse, in quelle ultime concitate ore, che il Ridotto non c'era, che le truppe a lui fedeli di Sondrio e Trento non si erano potute riunire in Valtellina, ma si erano arrese ai partigiani che le avevano minacciate, in caso contrario, di ritorsioni sui familiari ammassati al confine svizzero.
    E che i tedeschi avevano trattato la resa con gli alleati per non cadere in mano ai partigiani.
    A salvare l'Italia non saranno gli eredi di Gramsci, nè gli eredi di De Gasperi. Saranno gli eredi di coloro i quali fino alla fine tennero fede ai loro ideali. Come Alessandro Pavolini.

    Rollingstones

  3. #3
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,904
    Mentioned
    534 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Citazione Originariamente Scritto da Rollingstones Visualizza Messaggio
    Sulla cattura di Mussolini si è scritto molto, e molto si scriverà. Quello che non è mai stato definito è se intendesse andare veramente in Svizzera (la quale aveva rifiutato l'ingresso a lui e agli altri gerarchi e familiari) o se intendesse raggiungere il Ridotto in Valtellina del quale aveva lungamente discusso con Rodolfo Graziani.
    Non si capisce se sapesse, in quelle ultime concitate ore, che il Ridotto non c'era, che le truppe a lui fedeli di Sondrio e Trento non si erano potute riunire in Valtellina, ma si erano arrese ai partigiani che le avevano minacciate, in caso contrario, di ritorsioni sui familiari ammassati al confine svizzero.
    E che i tedeschi avevano trattato la resa con gli alleati per non cadere in mano ai partigiani.
    Quella della fuga in Svizzera è una ridicola panzana che l'antifascismo del dopoguerra ha messo inutilmente in giro per denigrare ingiustamente Mussolini.
    Per riassumere in estrema sintesi, Mussolini prima, in Arcivescovado, cerca di trattare un passaggio di poteri indolore dalla RSI al CLN, tentando di concordare un'ultima resistenza simbolica dei fascisti repubblicani che l'avessero voluto seguire in località prestabilite in attesa degli anglo-americani, per risparmiare sangue, dolore e lutti alla città di Milano e ai civili.
    La trattativa viene interrotta perché i Tedeschi hanno firmato la resa non solo senza avvisare Mussolini, che in realtà era già a conoscenza delle trattative in corso tra Tedeschi e Alleati, ma senza la minima tutela dei soldati della RSI (anzi, addirittura la resa avrebbe previsto il disarmo, da parte dei Tedeschi, dei militi della RSI!).
    Il Duce si prende un'ora per deliberare, ma comunica a Schuster che, in ogni caso, avrebbe lasciato Milano per evitare ulteriore spargimento di sangue.
    Il Duce è combattuto sull'accettare o meno il compromesso raggiunto in Arcivescovado con gli esponenti moderati del CLN, ma la faccenda gli puzza terribilmente a causa del comportamento sleale dei Tedeschi e non crede che Schuster abbia veramente la forza per imporre il rispetto dei patti. Poi viene a sapere delle roboanti minacce di Pertini in Arcivescovado e a quel punto si decide a proseguire per la Valtellina, lasciando Milano.

    Mussolini lascia Milano anche per una ragione poco chiara, ma ormai sempre più messa in evidenza dalla storiografia recente: la ricerca di un contatto con emissari inglesi o forse sia inglesi che americani per la consegna di documenti, fra cui quelli appartenenti al famoso carteggio Churchill-Mussolini.
    Documenti che sostanzialmente scagionerebbero Mussolini da molte delle responsabilità che gli venivano attribuite.
    E' un Mussolini che però è ormai cristianamente rassegnato alla morte, non gli interessa salvare la pellaccia in maniera fine a se stessa.
    Il progetto dell'ultima resistenza armata in Valtellina fallisce per varie ragioni, fra cui appunto lo sbandamento dei fascisti, che ormai non hanno più alcun collegamento.
    La confusione regna, purtroppo.
    Perché il Duce finisce in mezzo ai Tedeschi, per poi andare incontro alla morte? Fondamentalmente perché costrettovi sia dai Tedeschi che dai suoi, che lo vogliono in salvo a tutti i costi (ma lui non vuol sentir ragioni, è completamente disinteressato alla sua sorte). Ma anche perché spera che, beffando i partigiani, possa finalmente avere quell'incontro tanto atteso con gli emissari britannici.
    Il resto, purtroppo, lo conosciamo.
    Credere - Pregare - Obbedire - Vincere

    "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo" (Ger 17, 5).

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2012
    Messaggi
    705
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Citazione Originariamente Scritto da Giò Visualizza Messaggio
    Quella della fuga in Svizzera è una ridicola panzana che l'antifascismo del dopoguerra ha messo inutilmente in giro per denigrare ingiustamente Mussolini.
    Per riassumere in estrema sintesi, Mussolini prima, in Arcivescovado, cerca di trattare un passaggio di poteri indolore dalla RSI al CLN, tentando di concordare un'ultima resistenza simbolica dei fascisti repubblicani che l'avessero voluto seguire in località prestabilite in attesa degli anglo-americani, per risparmiare sangue, dolore e lutti alla città di Milano e ai civili.
    La trattativa viene interrotta perché i Tedeschi hanno firmato la resa non solo senza avvisare Mussolini, che in realtà era già a conoscenza delle trattative in corso tra Tedeschi e Alleati, ma senza la minima tutela dei soldati della RSI (anzi, addirittura la resa avrebbe previsto il disarmo, da parte dei Tedeschi, dei militi della RSI!).
    Il Duce si prende un'ora per deliberare, ma comunica a Schuster che, in ogni caso, avrebbe lasciato Milano per evitare ulteriore spargimento di sangue.
    Il Duce è combattuto sull'accettare o meno il compromesso raggiunto in Arcivescovado con gli esponenti moderati del CLN, ma la faccenda gli puzza terribilmente a causa del comportamento sleale dei Tedeschi e non crede che Schuster abbia veramente la forza per imporre il rispetto dei patti. Poi viene a sapere delle roboanti minacce di Pertini in Arcivescovado e a quel punto si decide a proseguire per la Valtellina, lasciando Milano.

    Mussolini lascia Milano anche per una ragione poco chiara, ma ormai sempre più messa in evidenza dalla storiografia recente: la ricerca di un contatto con emissari inglesi o forse sia inglesi che americani per la consegna di documenti, fra cui quelli appartenenti al famoso carteggio Churchill-Mussolini.
    Documenti che sostanzialmente scagionerebbero Mussolini da molte delle responsabilità che gli venivano attribuite.
    E' un Mussolini che però è ormai cristianamente rassegnato alla morte, non gli interessa salvare la pellaccia in maniera fine a se stessa.
    Il progetto dell'ultima resistenza armata in Valtellina fallisce per varie ragioni, fra cui appunto lo sbandamento dei fascisti, che ormai non hanno più alcun collegamento.
    La confusione regna, purtroppo.
    Perché il Duce finisce in mezzo ai Tedeschi, per poi andare incontro alla morte? Fondamentalmente perché costrettovi sia dai Tedeschi che dai suoi, che lo vogliono in salvo a tutti i costi (ma lui non vuol sentir ragioni, è completamente disinteressato alla sua sorte). Ma anche perché spera che, beffando i partigiani, possa finalmente avere quell'incontro tanto atteso con gli emissari britannici.
    Il resto, purtroppo, lo conosciamo.
    Si
    del famoso carteggio con Churchill si è molto parlato.
    E del fatto che dopo la sua cattura sia scomparso, come della presenza di un personaggio dei servizi inglesi tra i partigiani
    che uccisero il Duce.
    Ormai la storiografia dà per assodato che il Duce si era del tutto affidato agli ultimi fedelissimi ovunque lo portassero, avendo capito che tutto era perduto. E che a tutto pensasse tranne che salvarsi la pelle. Non gli interessava. Aveva scartato anche la possibilità, offertagli su un piatto d'argento, di essere caricato in aereo verso la Spagna dapprima e sudamerica poi.
    Ebbe a cuore l'Italia sino alla fine.
    Si può essere daccordo o meno con le idee fasciste. Ma non si può negare l'evidenza.
    Poi dilagarono i partigiani della 25a ora, quelli di cui parla lungamente Giampaolo Pansa ne "Il Sangue dei Vinti", quelli che erano rimasti nascosti tenendo il culo al riparo e quelli che avevano molte cose da farsi perdonare dai nuovi padroni e per questo si distinsero per zelo e crudeltà nella mattanza che seguì a Milano e Torino...
    A salvare l'Italia non saranno gli eredi di Gramsci, nè gli eredi di De Gasperi. Saranno gli eredi di coloro i quali fino alla fine tennero fede ai loro ideali. Come Alessandro Pavolini.

    Rollingstones

  5. #5
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,904
    Mentioned
    534 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Citazione Originariamente Scritto da Rollingstones Visualizza Messaggio
    Si
    del famoso carteggio con Churchill si è molto parlato.
    E del fatto che dopo la sua cattura sia scomparso, come della presenza di un personaggio dei servizi inglesi tra i partigiani
    che uccisero il Duce.
    Ormai la storiografia dà per assodato che il Duce si era del tutto affidato agli ultimi fedelissimi ovunque lo portassero, avendo capito che tutto era perduto. E che a tutto pensasse tranne che salvarsi la pelle. Non gli interessava. Aveva scartato anche la possibilità, offertagli su un piatto d'argento, di essere caricato in aereo verso la Spagna dapprima e sudamerica poi.
    Ebbe a cuore l'Italia sino alla fine.
    Si può essere daccordo o meno con le idee fasciste. Ma non si può negare l'evidenza.
    Poi dilagarono i partigiani della 25a ora, quelli di cui parla lungamente Giampaolo Pansa ne "Il Sangue dei Vinti", quelli che erano rimasti nascosti tenendo il culo al riparo e quelli che avevano molte cose da farsi perdonare dai nuovi padroni e per questo si distinsero per zelo e crudeltà nella mattanza che seguì a Milano e Torino...
    Esatto. Il Duce chiese esclusivamente asilo in Svizzera per i suoi famigliari, ai quali consigliò, in caso di rifiuto dell'asilo, di consegnarsi spontaneamente agli Alleati.
    Al suo confessore e padre spirituale, Padre Eusebio, al secolo Sigfrido Zappaterreni, confidò: "Mi accingo a portare la Croce sul Calvario della Valtellina".
    Padre Eusebio disse al comandante Grossi, colui che aveva fatto incontrare i due, che Mussolini "si disponeva ad affrontare il martirio con la Fede che animò i cristiani delle catacombe".
    Questo per dire quanto ormai il Duce fosse completamente disinteressato alla sua sorte.
    Credere - Pregare - Obbedire - Vincere

    "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo" (Ger 17, 5).

  6. #6
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Citazione Originariamente Scritto da Giò Visualizza Messaggio
    Esatto. Il Duce chiese esclusivamente asilo in Svizzera per i suoi famigliari, ai quali consigliò, in caso di rifiuto dell'asilo, di consegnarsi spontaneamente agli Alleati.
    Al suo confessore e padre spirituale, Padre Eusebio, al secolo Sigfrido Zappaterreni, confidò: "Mi accingo a portare la Croce sul Calvario della Valtellina".
    Padre Eusebio disse al comandante Grossi, colui che aveva fatto incontrare i due, che Mussolini "si disponeva ad affrontare il martirio con la Fede che animò i cristiani delle catacombe".
    Questo per dire quanto ormai il Duce fosse completamente disinteressato alla sua sorte.
    Pover'uomo, la tua difesa del duce è paragonabile a quella di Vanni fatta per l'amico Pacciani:
    Ma che grande amico. L' è un povero cristo, col vizio di bere, ma l' è bono, bono, non farebbe male neanche a una coccinella. L' hanno messo dentro per creare un simbolo. Io ci uscivo, s' andava a mangiare qualche panino insieme, ma solo quello, il resto son menzogne, falsità

    The best of Processo Pacciani - Viva i'dduce ! - YouTube
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  7. #7
    .
    Data Registrazione
    02 Mar 2004
    Messaggi
    68,173
    Mentioned
    594 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    gli autori che posta ringhio sono letteralmente imbarazzanti.

    la barnes review... ma per cortesia.
    Continuare a scrivere su TP e' collaborazionismo

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Citazione Originariamente Scritto da xxxx Visualizza Messaggio
    gli autori che posta ringhio sono letteralmente imbarazzanti.

    la barnes review... ma per cortesia.
    Sentimi bene, anzi leggimi bene, il tuo modo di fare non mi garba e non mi piace soprattutto il metodo che utilizzi, non entri nel contraddittorio, MAI, ti metti sul piedistallo e lanci le tue perle di saggezza, in genere non sui contenuti, ma sui riferimenti.
    Sei un furbetto che non potendo smentire, o non essendo in grado di farlo, tende a buttare monnezza sugli autori.
    Ora e per favore, le regole dell'indagine storica valgono per te, come valgono per tutti, pertanto, caro il mio maestrino, i tuoi aggettivi autoreferenziali e le tue pagelline, mettili dove ben sai e inizia a spiegarci, magari dandoci anche dei riscontri attendibili, perchè sarebbero imbarazzanti.
    Non è che solo perchè lo scrivi tu, il fatto diventà realta condivisa.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  9. #9
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Sentimi bene, anzi leggimi bene, il tuo modo di fare non mi garba e non mi piace soprattutto il metodo che utilizzi, non entri nel contraddittorio, MAI, ti metti sul piedistallo e lanci le tue perle di saggezza, in genere non sui contenuti, ma sui riferimenti.
    .
    Accusi gli altri, ma in realtà è proprio questo il tuo modo di fare.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli ultimi giorni di Mussolini e dell’Italia fascista

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Accusi gli altri, ma in realtà è proprio questo il tuo modo di fare.
    I post parlano per me, resta un fatto, PIVELLO, sgusci via come una anguilla e prendi esempio dall'altro arrampicatore, avete compreso che siete scarsi e allora meglio buttarsi sullo screditare, restando, ovviamente al margine.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 04-12-12, 01:49
  2. Gli ultimi giorni dell’Impero Berlusconiano?
    Di Danny nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 01-06-11, 20:43
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 29-11-07, 12:19
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-01-06, 11:40
  5. La Geopolitica Mediterranea dell'Italia fascista
    Di cristiano72 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 30-10-04, 00:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226