User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Bevar Christiania
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Ελευσίνα
    Messaggi
    17,311
    Mentioned
    28 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Colonizzazione italiana delle Americhe

    La colonizzazione italiana delle Americhe presenta similitudini con quella tedesca e si centra intorno al tentativo di creare, all'inizio del Seicento, una colonia in America da parte del Granducato di Toscana.

    Storia
    « Nei primi anni del Seicento Ferdinando I di Toscana... valuta la possibilità di una colonia brasiliana. Il 30 agosto 1608 l’ingegnere fiorentino Baccio da Filicaia,...gli invia una lettera da Lisbona. In essa ricostruisce la conquista del Brasile e spiega le ragioni del declino della colonia lusitana. Neanche un mese più tardi Ferdinando fa armare una caravella e una tartana nel porto di Livorno e le affida al capitano Thornton. Il viaggio è in realtà preparato da tempo – la lettera di Baccio ha soltanto accelerato un programma già stabilito - e il granduca ha persino chiesto a Robert Dudley una pianta dell'Amazzonia, da quest’ultimo esplorata nel 1595. Dudley consiglia a Thornton di cercare l'oro sulle rive del Rio delle Amazzoni e dell’Orinoco. Ferdinando ordina più prosaicamente di caricare balle di merci e di fondare, se possibile, un avamposto commerciale. Thornton naviga per quasi un anno: approda in Guyana e in Brasile, esplora il Rio delle Amazzoni e l’Orinoco, rientra facendo tappa alla Caienna e a Trinidad. Il 12 luglio 1609 è di nuovo a Livorno, ma non trova nessuno cui riferire la propria impresa. Il 7 febbraio di quell’anno il granduca è morto e a Firenze non si pensa più alla possibilità di fondare una colonia o un comptoir commerciale oltreoceano.[1] »

    Il Granduca Ferdinando I di Toscana fece l'unico tentativo italiano di creare una colonia nelle Americhe.[2]

    A questo scopo Ferdinando I di Toscana organizzò nel 1608 una spedizione nel Brasile settentrionale, al comando del capitano inglese Robert Thornton e sotto la supervisione di Sir Robert Dudley. La ragione principale era quella di sviluppare il commercio del legname pregiato dall'Amazzonia verso l'Italia, creando una base coloniale tra i possedimenti spagnoli e quelli portoghesi nella costa atlantica settentrionale del Sudamerica.

    Thornton, nel suo viaggio durato quasi un anno, esplorò anche l'Orinoco e la costa tra questo fiume ed il delta del Rio delle Amazzoni: infatti il territorio che il capitano inglese voleva proporre al Granduca di Toscana per colonizzare era quello dell'attuale Guyana francese, intorno a Cayenna (che i francesi colonizzarono nel 1630).

    Terminato il suo viaggio esplorativo, il galeone Santa Lucia usato dal capitano Thornton tornò a Livorno nel 1609, con molte informazioni e materiale da studio (da aborigeni a pappagalli tropicali[3]) dopo avere fatto scala a Trinidad. Era quindi pronto ad imbarcare coloni originari di Livorno e Lucca per portarli in Sudamerica, ma sfortunatmente Thornton trovò deceduto da pochi mesi Ferdinando I ed il suo progetto coloniale venne annullato dal successore Cosimo II.

    I Genovesi a Panama

    Dal 1520 circa, nell'ambito dell'Impero spagnolo, i Genovesi controllarono -per oltre un secolo e mezzo- il porto di Panama, il primo porto sul Pacifico fondato durante la conquista delle Americhe.

    Del resto i commercianti genovesi sovvenzionarono parzialmente il Regno di Spagna nelle sue conquiste in America[4] ed ottennero a cambio piccole concessioni commerciali anche in altre località americane. All'inizio del Cinquecento i genovesi erano gli italiani più rappresentati in Spagna, soprattutto nei porti di Cadice e Siviglia, dove si trovavano folti gruppi di commercianti e marinai che godevano di permessi speciali. Da quei porti i genovesi si imbarcavano verso le colonie d'America. Non fu quindi una emigrazione diretta, ma indiretta, e coinvolgeva persone che emigravano in Spagna per poi passare alle colonie spagnole d’America. Si trattò comunque di una presenza ridotta (alcune centinaia di persone), benché fin da allora fosse la più numerosa fra quelle europee non spagnole.

    I Genovesi ottennero in concessione lo sfruttamento del porto di Panama principalmente per il commercio di schiavi ed argento[5] del Nuovo Mondo sul Pacifico, fino alla distruzione della primigenia città conseguente all'incursione del pirata Henry Morgan nel 1671.

    "Colonie" italiane moderne

    Successivamente, a partire dai primi decenni dell'Ottocento, vi furono "colonie" di italiani in diverse nazioni latino-americane, anche se non furono mai controllate direttamente dalle autorità italiane come possedimenti coloniali.

    La prima "colonia" di questo tipo fu tentata dall'italo-venezuelano Luigi Castelli, che nel 1833 volle creare una comunità di toscani e piemontesi nel Venezuela per favorire l'agricoltura locale. Sfortunatamente la nave che trasportava questi primi coloni-emigranti fece naufragio nel Mediterraneo.[6]

    Molte di queste "colonie" furono create nella seconda metà dell'Ottocento, specialmente in Uruguay, Argentina, Cile, Messico e nel sud del Brasile. In molte di queste comunità ancora oggi si parla l'italiano o sue varianti, come a Capitan Pastene[7] nel Cile, a Chipilo nel Messico o a Nova Veneza[8] nello stato di Santa Catarina (dove si parla il Talian brasiliano).

    Note

    ^ Gli italiani in Brasile (di Matteo Sanfilippo)
    ^ Ridolfi, R. Pensieri medicei di colonizzare il Brasile, in «Il Veltro», Roma, luglio-agosto 1962, pp. 1-18
    ^ Mirabilia et naturalia
    ^ Secolo d'oro di Genova
    ^ Casa de los Genoveses- Sitio Arqueológico de Panamá Viejo
    ^ Marisa Vannini. Italia y los Italianos en la historia y en la cultura de Venezuela. Oficina Central de Información (Ministerio del Interior). Caracas, 1966
    ^ Storia e fotografie della "colonia" italiana di Capitan Pastene
    ^ Fotografie di coloni italiani di Nova Veneza in Brasile.

    Bibliografia

    Franzina, Emilio. Storia dell'emigrazione italiana. Donzelli Editore. Roma, 2002 ISBN 88-7989-719-5
    Ridolfi, R. Pensieri medicei di colonizzare il Brasile, in «Il Veltro» (luglio-agosto 1962). Roma, 1962
    Sanfilippo, Matteo. Gli Italiani in Brasile. Edizioni Sette Città. Viterbo, 2008

    Colonizzazione italiana delle Americhe - Wikipedia
    «Feared neither death nor pain,
    for this beauty;
    if harm, harm to ourselves.»
    (Ezra Pound - Canto XX, The Lotus Eaters)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Colonizzazione italiana delle Americhe

    Un'altra pagina di storia poco conosciuta era la possibile colonizzazione dell'Asia da parte del regno d'italia:
    tratto da wikipedia:Colonialismo italiano - Wikipedia

    Mire in Asia e Concessione a Sabah (Borneo)

    Nei due decenni dopo l'Unità, l'Italia guardava con un certo appetito ai pochi territori asiatici ancora liberi da altre potenze coloniali, in particolare la Thailandia, l'Alta Birmania, il sultanato di Aceh, le isole Andamane e Nicobare. Nel 1880 il Barone Von Overbeck, console dell'Impero Austro-Ungarico ad Hong Kong, visto il rifiuto del proprio governo di Vienna di un aiuto nella sua concessione del Borneo settentrionale, l'attuale stato di Sabah della Malaysia, chiese al governo Italiano se fosse interessato ad acquisire la concessione e creare la prima colonia italiana nell'Asia insulare (Borneo), ma il progetto naufragò per il rifiuto di Roma di intervenire, lasciando così mano libera alla Gran Bretagna, che occupò successivamente la concessione, inglobandola nella Malesia Britannica. La motivazione iniziale di Von Oberbeck riguardava la possibilità di creare una colonia penale del governo italiano nell'area di Sabah:
    « … analoghi passi e proprio in quei mari (della Malesia) -oltre che in Argentina- avrebbe fatto, pochi anni dopo, il governo italiano, desideroso di confinare lontano dalla madrepatria i detenuti più pericolosi, specialmente dopo la repressione del Brigantaggio meridionale (1860-64); tentativi che, peraltro, non ebbero esito positivo.[1] »

    Del resto alla fine del 1869 l'esploratore Emilio Cerruti fu mandato nella Nuova Guinea per allacciare rapporti con le popolazioni locali, ottenendo buoni risultati per la creazione di un'eventuale colonia commerciale e/o colonia penale, ma il timore di inimicarsi l'Inghilterra e l'Olanda fece fallire tutto[2]. Il Cerruti infatti era tornato nel 1870 a Firenze con bozze di trattati firmati dai sultani delle isole di Aru, Kai e Balscicu nella Nuova Guinea, dove veniva accettata da loro la sovranità italiana (il Cerruti aveva finanche preso possesso di alcuni settori della costa settentrionale ed occidentale nella Nuova Guinea in nome dell'Italia).[3]

    Comunque nel 1883 il governo italiano chiese a quello inglese per via diplomatica se avrebbe accettato che la Nuova Guinea potesse divenire una colonia italiana: al rifiuto britannico l'Italia abbandonó ogni tentativo di colonizzazione nel Pacifico asiatico.[4]

    Nell'ottocento l’ italia era troppo debole per mettersi contro olanda e gran Bretagna, mentre nel 500 o 600 gli stati italiani per me furono poco lungimiranti, purtroppo l'italia rinascimentale è crollata quando il mediterraneo è diventato un laghetto e gli oceani le nuove vie del mondo, Venezia è decaduta per questo, chiusa nel mar adriatico, infatti qualcuno aveva suggerito ai doge di iniziare una campagna di colonizzazione fuiori dal mediterraneo, ma purtroppo non è stato fatto.

  3. #3
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Colonizzazione italiana delle Americhe

    Gli italiani in Sud America è una distopia che mi affascina.

 

 

Discussioni Simili

  1. eri a conoscenza della colonizzazione curlandese delle Americhe?
    Di dedelind nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 22-03-11, 16:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226