User Tag List

Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 71
Like Tree23Likes

Discussione: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

  1. #1
    Ufficiale Duosiciliano
    Data Registrazione
    25 Jun 2012
    Località
    Gioia del Colle 24.08.1833
    Messaggi
    324
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    “Da tempo si è mostrato che il valore economico della protezione consentita dagli incentivi al meridione è inferiore a quello della protezione doganale al cui riparo è sorta l’industria delle regioni nord-occidentali del Paese. E notisi che quella industria ha fruito di altri benefici: i profitti straordinari consentiti dalle commesse belliche conseguenti alle due grandi guerre e poi il pratico annullamento dei debiti delle imprese reso possibile dalle due inflazioni postbelliche. E ciò non è neppure bastato: per il sostegno del sistema industriale che si andava formando sono infatti occorsi anche i ripetuti salvataggi industriali effettuati nel ventennio tra le due guerre, un tipo di intervento che è poi continuato anche dopo l’ultima guerra, con un ritmo e per entità che non trovano esempi nel resto del mondo occidentale. A fronte di questa vicenda si collocano i 1.100 miliardi, in lire 1972, di contributi in conto capitale impegnati e ancora in parte non erogati all’industria meridionale a tutto il 1974. Si tratta di un importo probabilmente minore dei sopraprofitti di una sola delle due guerre conseguiti dalle industrie del triangolo; lo stesso può dirsi per ciascuna delle due inflazioni belliche di cui hanno beneficiato gli investitori in impianti industriali del tempo che, come era normale, si fossero largamente finanziati con prestiti bancari. Non vi è modo ovviamente di procedere a valutazioni anche approssimate di tali benefici. Questa possibilità esiste però nei riguardi dei salvataggi bancari: la perdita assunta dallo Stato a seguito dei salvataggi bancari effettuati dopo la prima guerra mondiale fino all’operazione di risanamento effettuata dall’IRI nel 1934 è stata valutata in 10,5 miliardi del tempo, importo che si può far corrispondere a 1.400 miliardi del 1972. I contributi in conto capitale dati all’industria meridionale durante tutto l’intervento straordinario, ammontanti come detto sopra a 1.100 miliardi, sono dunque inferiori al costo dei soli salvataggi bancari, un costo, notisi, sopportato da una economia italiana certo molto più povera di quella odierna.
    Pur non potendo stimare le quantità, di certo non è stato solo il Mezzogiorno ad usufruire dell’intervento pubblico per l’industrializzazione.4 L’area del Nord Ovest fu, fino agli anni ‘60 del secolo scorso, l’unica in cui ci fosse una notevole presenza del settore secondario. Per questo motivo fu l’unica area che poté godere di tutte le politiche di incentivi e protezione doganale. E di certo gli interventi a favore dell’industria padana non cessarono con l’avvio della politica di intervento del Mezzogiorno. Per poterlo affermare serenamente è sufficiente contare tutte le volte in cui si è evitato il fallimento della FIAT.
    Il condizionamento della classe imprenditoriale del Nord delle scelte di intervento per lo sviluppo del Mezzogiorno ha comportato una distorsione della natura dello stesso tale da apportare, nel lungo periodo, maggiori vantaggi al Nord rispetto al Sud.
    La SVIMEZ, già nelle stime preliminari relative alla fase di preindustrializzazione, aveva previsto che gli effetti dell’intervento, così come definiti, sarebbero stati maggiormente favorevoli per il Nord.
    “La Svimez, applicando la teoria del moltiplicatore agli investimenti previsti per il primo biennio, era giunta alla conclusione che la spesa della Cassa avrebbe generato una domanda di beni di investimento e di consumo pari al 69% del suo ammontare; sarebbe avvenuta la localizzazione al Nord del 55% dei consumi, del 118% dei risparmi, del 51% dei tributi (indiceSud=100). L’incremento del reddito sarebbe stato più alto al Sud solo nel primo ciclo, mentre già al quinto ciclo sarebbe stato più alto al Nord”
    Questa fase che ha determinato la creazione di un mercato di consumo nel Mezzogiorno il quale, unito alla emigrazione di massa, legata sostanzialmente allo spopolamento delle zone rurali, fece da traino al “miracolo economico verificatosi nel Centro - Nord nel decennio successivo. Le politiche della prima fase di intervento, infatti, furono collocate nell’ottica dell’urbanizzazione dell’area e dell’abbandono delle campagne al fine di colmare lo squilibrio esistente nel mercato del lavoro. E poco importava la totale assenza di industrie nei centri urbani. Il fine dell’intervento era il raggiungimento della piena occupazione, che si poteva realizzare in entrambe le aree che formavano l’economia dualistica attraverso l’emigrazione di massa. Pur non volendo enfatizzarne il ruolo si può affermare che il vero miracolo del Nord sia stato l’istituzione della Cassa.
    Ma non è tutto. Le opere pubbliche, piccole o grandi che siano, devono essere realizzate da imprese private. E di certo le opere di preindustrializzazione del Mezzogiorno non erano realizzabili da imprese locali, semplicemente perché esse non esistevano.
    Gli investimenti infrastrutturali nel Mezzogiorno, quindi, rappresentarono una ghiotta occasione di crescita per le imprese del Nord le quali, oltretutto, ebbero la possibilità di ottenere i finanziamenti senza gara d’appalto. L’eccesso di discrezionalità da parte della Pubblica Amministrazione, a queste condizioni, appare evidente. Esse avevano la possibilità di scegliere arbitrariamente l’importo da erogare, le imprese appaltatrici e la localizzazione delle infrastrutture. Ciò ha comportato la nascita di opere inutili, quando completate, a costi abnormi e localizzate in ragione di convenienza politica, utili solo alle imprese ed al tessuto economico del nord.
    Il miracolo economico del secondo dopoguerra fu anche dovuto al contributo, interno ed esterno, dei lavoratori meridionali. Contributo interno: le industrie avevano bisogno di manodopera e tanta parte fu fornita dal Sud attraverso l’emigrazione interna. Primo contributo esterno: per funzionare, le industrie avevano bisogno di carbone e fu a tal riguardo decisivo il contributo dell’emigrazione in Belgio, in gran parte meridionale; infatti, fu stipulato un accordo tra Belgio e Italia: per ogni 1000 operai italiani che lavoravano nelle miniere, il Belgio si impegnava ad esportare in Italia 2500 tonnellate di carbone al mese. Secondo contributo esterno: il massiccio flusso migratorio in Europa alimentò con le rimesse in valuta il mercato meridionale, che svolse un ruolo decisivo per il decollo dell’industria settentrionale.


    Per gli anni dal 1996 al 2009 le spese in conto capitale sono state contabilizzate dal Dipartimento del Tesoro per adempiere ad obblighi a livello europeo. Da esse risulta che la spesa per investimenti e incentivi è stata in media del 2,78% del PIL nel Centro - Nord e dell’1,13% del PIL nel Mezzogiorno. In proporzione la spesa è stata del 29% nel Mezzogiorno e del 71% nel Centro - Nord. Volendo mantenere le stesse proporzioni per il periodo dell’intervento straordinario, si può assumere che nel Centro - Nord la spesa sia stata in media del 2,5% del PIL.

    La leggenda fiscale

    l Mezzogiorno anche subito dopo l’unità veniva incolpato di tutto. Una leggenda corrente all’epoca riguardava il livello della tassazione. Il Sud, si diceva, paga poche tasse e vive alle spalle del Nord. Si diceva cosí, ma nessuno aveva chiesto il parere a carta e lapis (non c’era ancora la calcolatrice). Questo parere decise di chiederlo Nitti. Ed appurò, come anche altri, che le cose stavano alla rovescia. Il Sud, in proporzione alla sua ricchezza, pagava piú del Nord, non meno. La parte povera del paese era fiscalmente gravata piú della parte ricca ed in piú doveva sopportare la nomea dello scroccone di casa. Fortunato riconosceva non esserci piú “dubbio, dopo le sicure analisi e i minuti raffronti della grande indagine statistica, compiuta dal Nitti: il Mezzogiorno, comparativamente alla sua ricchezza, sopporta un onere tributario assai maggiore di quello che grava l’alta e la media Italia” . La sperequazione venne documentata e ribadita anche da Salvemini: “l’Alta Italia –diceva lo storico pugliese- possiede il 48% della ricchezza totale e paga meno del 40% del carico tributario; l’Italia media possiede il 25 % e paga il 28%; l’Italia meridionale possiede il 27% e paga il 32%. Nel dare, il Meridione è all’avanguardia, nel ricevere è alla retroguardia”
    Agli storici è noto che dopo l’Unità la maggior parte delle tasse del Sud faceva un viaggio di sola andata, ossia non ritornava al Sud sotto forma di investimenti pubblici: lo Stato spendeva mediamente 50 lire per ogni cittadino del Nord e 15 lire per ognuno del Sud.
    Tante volte si è quindi impropriamente potuto parlare di fiumi di denaro destinati al Sud: si trattava di denaro che il Sud in realtà non ha mai visto. Un fenomeno clamoroso, da questo punto di vista, è stata la spesa nominalmente straordinaria che diventava sostitutiva di quella ordinaria. A tale proposito l’economista Gianfranco Viesti mette bene in evidenza lo scarto tra cifre nominali e cifre effettivamente fruite dal Mezzogiorno quando afferma che spesso la “spesa ‘straordinaria’ sostituiva la spesa ordinaria: nelle regioni del Sud venivano realizzati, con l’ausilio delle risorse straordinarie della Cassa, strade e ferrovie, impianti elettrici e di telecomunicazioni, che l’ANAS, le Ferrovie dello Stato, l’ENEL e la SIP effettuavano nel resto del paese con le loro risorse ordinarie”. Il Sud, dunque, finiva spesso per avere somme “straordinarie” gonfiate di aria fritta.
    Data la propaganda fatta sulle cifre “straordinarie”, però, “l’opinione pubblica del Nord si convince che colossali risorse sono utilizzate (e in gran parte sprecate) nel Mezzogiorno”. “Eppure – scrive De Rosa- l’intervento straordinario, come dimostrò lo stesso Saraceno, non era costato allo Stato italiano piú dello 0,50 % del reddi-to nazionale: quasi niente, rispetto a quanto erano costati all’Italia lo sviluppo e la preservazione dell’industria centro- settentrionale” (che ovviamente è interesse e patrimonio nazionale, come interesse e patrimonio nazionale dovrebbe essere lo sviluppo del Sud).

    Un altro dato, non certamente marginale ai fini di un discorso di equità e di sviluppo: fino al 1961 (nazionalizzazione dell’energia elettrica) il Sud ha pagato tariffe elettriche “piú onerose” . Ma il Sud, come dice la vulgata dei nordici, non paga meno tasse del Nord? Per il passato, dati alla mano, Nitti ha dimostrato quanto fosse lontana dalla realtà questa convinzione. Ed oggi? Idem.
    Oggi Bossi e sodali hanno forse ragione sulle tasse? Il Sud paga forse meno del Nord? Se cosí fosse, dato che è la parte meno sviluppata del paese, sarebbe normale. Ma i dati che si possono reperire tranquillamente, e doviziosamente forniti da Viesti, conducono alle stesse conclusioni a cui giunsero ieri Nitti ed altri studiosi. Il Mezzogiorno, in altri termini, dovrebbe in proporzione pagare di meno e invece paga di piú: “Fra il 1996 e il 2006 le entrate fiscali pro capite al Sud sono cresciute del 56,4% e nel Centro- Nord del 36,4%, pur in presenza di una crescita economica grosso modo simile fra le due aree”. Come si spiega? “Con meno risorse disponibili –dice Viesti- enti locali e Regioni del Sud hanno utilizzato la propria capacità di imposizione fiscale. L’addizionale IRPEF in media è dell’1,23% al Sud e dell’1,03 al Nord; la leva fiscale dei Comuni dell’81,1% al Sud e del 69,1% al Nord. [In definitiva] i cittadini delle regioni piú povere (e con meno servizi pubblici), a parità di reddito, pagano piú tasse”.
    D’accordo, pagano piú tasse; però – si potrebbe pensare- introitano bastimenti di trasferimenti pubblici che derivano da tasse pagate da altre regioni.
    “Nel 2006 le spese per investimenti pubblici sono ammontate a 58,3 miliardi di euro nel Centro-Nord (72% del totale) e a 16,3 miliardi di euro nel Mezzogiorno. Nella media 2000-2006 gli investimenti pubblici pro capite sono stati 680 euro al Sud e 946 euro al Centro-Nord, con uno scarto che si è significativamente ampliato nel tempo”
    Per concludere, pur senza avere esaurito l’argomento, andiamo a verificare la spesa corrente. È almeno lí che il Sud ottiene di piú? “Il cittadino del Sud – riporta Viesti, riferendosi ai luoghi comuni- riceve troppo rispetto a quanto riceve un cittadino del Nord. Questa ipotesi, di senso comune in Italia e su cui moltissimi, indipendentemente dalla latitudine a cui vivono si sentirebbero di convenire, è perfettamente verificabile. Ma, sorpresa, è falsa. Nel 2006 la spesa pubblica pro capite è stata in Italia pari a 14.141 euro. Il valore sale a 15.719 euro nel Centro-Nord e scende a 11.253 nelle otto regioni del Mezzogiorno. Dunque, un cittadino del Sud, in media, beneficia di una spesa pubblica corrente del 28% inferiore rispetto a un cittadino del Centro-Nord. Tale scarto è rimasto costante nel corso degli anni: quello che vale per il 2006 vale anche per gli anni precedenti”. Questo quadro di dati smentisce la vulgata nordica circa la questione del Meridione e ribadisce il concetto del Mezzogiorno come questione nazionale.


    A proposito, sapevate che l’espressione “miracolo economico” fu coniata da una giornalista di The Economist che trovò lo sviluppo del Centro - Nord inspiegabile?


    Sergente Romano
    Jared and Brynhildur like this.
    …perché da greco libero a greco libero si è tramandata la notizia che il prode Leonida e i suoi trecento soldati, così lontani da casa, hanno dato la vita, non solo per Sparta, ma per tutta la Grecia e per la Civiltà.
    Noi siamo Greci…



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Apr 2011
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    Però a citare le fonti non viene un'allergia.

    http://unblognormale.tumblr.com/post...inario-che-non
    [2S] : Inviare un messaggio

    :giagia:

  3. #3
    Ufficiale Duosiciliano
    Data Registrazione
    25 Jun 2012
    Località
    Gioia del Colle 24.08.1833
    Messaggi
    324
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    …perché da greco libero a greco libero si è tramandata la notizia che il prode Leonida e i suoi trecento soldati, così lontani da casa, hanno dato la vita, non solo per Sparta, ma per tutta la Grecia e per la Civiltà.
    Noi siamo Greci…



  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Apr 2011
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici


  5. #5
    Ufficiale Duosiciliano
    Data Registrazione
    25 Jun 2012
    Località
    Gioia del Colle 24.08.1833
    Messaggi
    324
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    Citazione Originariamente Scritto da Malkia Visualizza Messaggio
    Figurati, è giusto perché alcune frasi mi sembravano familiari.
    Tranquilla.
    Piuttosto, mi hai incuriosito, e ho controllato i tuoi interventi.
    ...che dire? Tanto di cappello! Il sangue non è acqua, farai molta strada. Credimi, un pò me ne intendo.

    Poi qui c'è più vita, e più competenze. Non come dai vecchiardi poveretti del piano di sopra.

    Sono nuovo del forum, quasi quasi mi fermo qui.
    Sono siciliano, sposato con una calabrese.


    Scusate l'OT

    Sergente Romano.
    Ultima modifica di Sergente Romano; 27-06-12 alle 22:33
    Jared likes this.
    …perché da greco libero a greco libero si è tramandata la notizia che il prode Leonida e i suoi trecento soldati, così lontani da casa, hanno dato la vita, non solo per Sparta, ma per tutta la Grecia e per la Civiltà.
    Noi siamo Greci…



  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Apr 2011
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    Citazione Originariamente Scritto da Sergente Romano Visualizza Messaggio
    Tranquilla.
    Piuttosto, mi hai incuriosito, e ho controllato i tuoi interventi.
    ...che dire? Tanto di cappello! Il sangue non è acqua, farai molta strada. Credimi, un pò me ne intendo.

    Poi qui c'è più vita, e più competenze. Non come dai vecchiardi poveretti del piano di sopra.

    Sono nuovo del forum, quasi quasi mi fermo qui.
    Sono siciliano, sposato con una calabrese.


    Scusate l'OT

    Sergente Romano.
    Mi lusinghi.

    Comunque benvenuto, io sono Partenopea e Flegrea. E, cosa più importante, mi occupo di analisi dei dati.

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    06 Aug 2010
    Messaggi
    16,914
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    Citazione Originariamente Scritto da Sergente Romano Visualizza Messaggio
    Tranquilla.
    Piuttosto, mi hai incuriosito, e ho controllato i tuoi interventi.
    ...che dire? Tanto di cappello! Il sangue non è acqua, farai molta strada. Credimi, un pò me ne intendo.

    Poi qui c'è più vita, e più competenze. Non come dai vecchiardi poveretti del piano di sopra.

    Sono nuovo del forum, quasi quasi mi fermo qui.
    Sono siciliano, sposato con una calabrese.


    Scusate l'OT

    Sergente Romano.
    Al piano di sopra hanno la mente offuscata dalle menzogne. Il tragico è che molti napoletani e siciliani (intendo al di qua ed al di la del faro) , sonno offuscati dalle menzogne . Credimi è per questi ultimi che lotto , del piano di sopra non me ne fotte :giagia:

  8. #8
    Anti-taliban
    Data Registrazione
    13 Oct 2009
    Messaggi
    5,058
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    Citazione Originariamente Scritto da largodipalazzo Visualizza Messaggio
    del piano di sopra non me ne fotte :giagia:
    A me invece interessa.

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    06 Aug 2010
    Messaggi
    16,914
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    Citazione Originariamente Scritto da Jared Visualizza Messaggio
    A me invece interessa.
    Mi interessa più cosa dicono gli haitiani , con i padani non ho nulla da spartire .

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Apr 2011
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perché il nord non ha mai mantenuto il sud, come credono i nordici

    Citazione Originariamente Scritto da largodipalazzo Visualizza Messaggio
    Mi interessa più cosa dicono gli haitiani , con i padani non ho nulla da spartire .
    Ma i Padani non possono avere valore perché non esistono.
    Ci si può interessare volentieri, invece, agli indipendentisti veneti, liguri, toscani ecc. :giagia:

 

 
Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. ... perchè credono?
    Di Giordi nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-02-11, 13:01
  2. Ma nooo, non ero mantenuto dal Nord?
    Di Fuori_schema nel forum Fondoscala
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 29-10-05, 16:06
  3. Ma nooo, non ero mantenuto dal Nord?
    Di Fuori_schema nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-10-05, 15:59
  4. Veneti,i + nordici del Nord?
    Di Dragonball (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-11-04, 01:37
  5. Perchè i polisti credono che chi non è della cdl....
    Di Oli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 14-03-04, 23:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226