User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    108 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Intellettuali di destra è il momento giusto di riscendere in campo

    Intellettuali di destra è il momento giusto di riscendere in campo

    Vent’anni fa, in una fase di crisi della politica, la cultura non allineata a sinistra conobbe una grande vitalità poi scomparsa. È ora di ritrovarla


    di Marcello Veneziani



    Quell’estate del 1992 l’Italia era in ginocchio. Crollava pezzo su pezzo la prima Repubblica, finivano in galera i cassieri dei grandi partiti, si sgretolavano la Dc e i suoi alleati, sopravviveva il Pci sotto altro nome, montava l’antipolitica, s’invocavano i tecnici all’orizzonte, veniva svenduto il patrimonio pubblico del Paese, l’industria veniva coinvolta nell’onda nera della crisi e della corruzione che porterà poi ai sinistri suicidi di Gabriele Cagliari e di Raul Gardini, la mafia uccideva Falcone e poi Borsellino. Cresceva a nord la Lega mentre l’Msi vivacchiava ai suoi minimi storici e i referendum di Segni e la Rete di Orlando scuotevano la vecchia Dc già picconata da Cossiga, uscito da poco dal Quirinale. C’era poco da sperare che nascesse qualcosa sul versante opposto alla sinistra. E nessuno avrebbe allora immaginato che due anni dopo Berlusconi avrebbe vinto sulle ali della Lega nord e della Destra nazionale.

    Ma nel frattempo, la cultura non allineata a sinistra cosa faceva? No, non dormiva né si defilava, e il suo ruolo in quell’interregno non era poi del tutto irrilevante, anzi. Io vorrei ricordare che a quella strana alleanza si arrivò anche per opera di non pochi vituperati professori e non solo loro. Vi dice nulla Gianfranco Miglio nella Lega? E Domenico Fisichella nella nascita di Alleanza Nazionale? E Giuliano Urbani ma poi anche don Baget Bozzo, Marcello Pera, Lucio Colletti, Antonio Martino, Vittorio Mathieu, Saverio Vertone, Piero Melograni, Giorgio Rebuffa in Forza Italia, nella destra Paolo Armaroli, con la Lega Marcello Staglieno? Non tutti furono ornamentali, soprammobili decorativi, anzi. E vorrei ricordare che nell’estate del ’92 prendeva corpo una voce che avrebbe avuto un ruolo di battistrada nella nascita del centro-destra. Dico l’Italia settimanale che poi debuttò nell'autunno di vent’anni fa. La fondai in quell’estate del ’92, dopo aver coagulato un piccolo mondo di lettori e di firme con Pagine Libere.

    L’Italia settimanale ebbe un triplice ruolo. Risvegliò la destra prepolitica dal sonno nostalgico e dal destino di scomparsa a cui si sentiva votata, attraverso un linguaggio spigliato e un’impronta giovanile e interventista. Fu trasgressiva sia nei recuperi proibiti che nelle contaminazioni, negli incroci. In secondo luogo, cercò di mettere insieme mondi e personaggi diversi, da Giorgio Albertazzi a Vittorio Sgarbi, da Gustavo Selva allo stesso Fisichella, da ex democristiani a neoleghisti (scriveva pure la giovane Irene Pivetti), da firme storiche della destra, come Accame, Cardini, Gianfranceschi, Cattabiani, Quarantotto, De Turris, Besana, Garibaldi, Mazza, Del Ninno, Malgieri, Nistri, Solinas, Cabona, Buttafuoco a battitori liberi come Massimo Fini, Oliviero Beha e Vittorio Messori, poi Guerri, Squitieri, più vari giovani redattori.

    In terzo luogo l’Italia settimanale si prefisse anche tramite la Fondazione Italia di far nascere in una prospettiva bipolare quell’ibrida alleanza tra il versante non travolto da tangentopoli della Dc e del craxismo, il vecchio Msi e quei pezzi di società civile che si affacciavano alla politica. Invocando la discesa in campo di qualche imprenditore libero, invogliando personaggi come Berlusconi, e chiedendo al picconatore Cossiga di farsi capofila di una riforma presidenziale che coronasse la riforma di Segni (vista con scetticismo) e coalizzasse quel fronte politico. L’impresa dette i suoi frutti anche perché ci fu un segmento di cultura recettivo, ibridato a un segmento di giornalismo. In quella fase fu decisiva la direzione de l’Indipendente di Vittorio Feltri, che raccolse magari con minore peso culturale ma con maggiore efficacia giornalistica e diffusionale, quel discorso, aprendo alla Lega, alla destra missina e ai segmenti cattolici e liberali. Il Foglio sorse alcuni anni dopo e Giuliano Ferrara si accingeva alla sua traversata dal craxismo al centro-destra. Quanto contò quella discesa in campo della cultura e del giornalismo nella nascita e nello sviluppo del centro-destra? Credo non poco: dette un’impronta di credibilità, le ragioni di una coalizione, lo smalto di un consenso giovanile (molti lettori di quei giornali furono poi i ranghi e i dirigenti locali di An, e in parte di Forza Italia e della Lega).

    All’epoca iniziative editoriali come l’Italia settimanale ebbero anche una vasta risonanza in tv e sui giornali, a partire da Il Corriere della sera di Paolo Mieli; persino La Repubblica di Eugenio Scalfari fu attenta a seguire la nascita della destra agli albori dalla seconda Repubblica. Poi qualcosa rimase, qualcosa fu soppresso con l’ingerenza politica (l’Italia settimanale), qualcosa si disperse via via fino a divenire sempre più marginale. Il primo brutto segnale fu quando le riforme istituzionali non furono affidate a Miglio, che aveva teorizzato e proposto la Repubblica presidenziale o a Fisichella, Armaroli, Urbani ma al leghista Speroni. La cultura andò via via sparendo e defilandosi. Alla fine il bilancio fu deludente. Di quel patrimonio non era rimasto più nulla nei tempi ultimi del centro-destra, della Lega «introtata», del Fini deviato e del Pdl spaesato.

    Certo la politica non si nutre di cultura e letture; ma è una coincidenza che deve far riflettere se la vigorosa presenza di una cultura coincide con fasi di crescita politica e la sua scomparsa coincide con fasi di declino politico. Che sia il tempo di abbracciare la prepolitica, per uscire dalla deriva antipolitica e rifondare le basi della politica? Lo dico non certo pensando a gramscismi di destra, impraticabili e non auspicabili. E lo dico scendendo da un consolidato e assai motivato scetticismo, convinto che in momenti brutti e privi di riferimenti come questo, la cultura civile debba esercitare un ruolo, assumersi una responsabilità e perfino una provvisoria supplenza d’iniziativa, salvo ritirarsi quando è maturo il tempo della politica.

    La cultura che si riversa nella politica muore e l’intellettuale-militante è una figura malriuscita e di solito estranea a questo versante, ma la cultura che si nega sempre a ogni possibile e temporaneo compito civile, pur restando libera e radicata nel suo humus, patisce d’accidia e si vota per idealismo al cinismo. E smentisce una sua nobile indole e radice: l’interventismo.
    Anche allora, vent’anni va, vagavamo nel buio di una crisi feroce, senza sbocchi, senza leader, senza partiti...


    IlGiornale.it - Editoriali
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    913 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: Intellettuali di destra è il momento giusto di riscendere in campo

    Il problema che Veneziani un po' troppo opportunisticamente non dice (lo sa benissimo) è che sono stati proprio Berlusconi Fini e Bossi a emarginare gli intellettuali vicini al pensiero conservatore o federalista o comunitario o identitario o anche liberale
    Tanto per fare qualche esempio fu Bossi stesso ad emerginare Miglio (il miglior intellettuale dell'area federalista) perchè gli faceva ombra e fu Fini a emrginare il Professr Marco Tarchi e lo stesso Veneziani (anche se finge di non ricordarlo) cosi come fu Berlusconi stesso a emargianre gli intellettuali dell'area liberale perchè troppo critici

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    108 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Intellettuali di destra è il momento giusto di riscendere in campo

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    Il problema che Veneziani un po' troppo opportunisticamente non dice (lo sa benissimo) è che sono stati proprio Berlusconi Fini e Bossi a emarginare gli intellettuali vicini al pensiero conservatore o federalista o comunitario o identitario o anche liberale
    Tanto per fare qualche esempio fu Bossi stesso ad emerginare Miglio (il miglior intellettuale dell'area federalista) perchè gli faceva ombra e fu Fini a emrginare il Professr Marco Tarchi e lo stesso Veneziani (anche se finge di non ricordarlo) cosi come fu Berlusconi stesso a emargianre gli intellettuali dell'area liberale perchè troppo critici

    In generale gli intellettuali di destra danno fastidio ai politici di destra in quanto questi ultimi preferiscono avere a che fare con truppe disciplinate piuttosto che con individualità abituate a ragionare con la propria testa. Riguardo, ad esempio, il Prof. Marco Tarchi, è poco noto che la sua estromissione dal Msi fu favorita da Pino Rauti, che nell'occasione fece sponda con gli almirantiani preoccupato di perdere la sua centralità sulla "destra sociale". Allo stesso modo, Veneziani fu defenestrato da L'Italia Settimanale perchè allora considerato dai "polisti" come "troppo di destra" e sostituito nella conduzione dal moderato-liberale Caprettini. In seguito Veneziani, snobbato da Fini e seguito nella ex-An dal solo Alemanno, attraverso Feltri, che gli aveva dato ospitalità sul Giornale, divenne organico a Berlusconi, pur restando fondamentalmente estraneo alla cultura politica espressa da quest'ultimo. Una scelta che si confermerà con l'accelerazione in senso "liberal" compiuta da Fini negli anni 2000.

    Adesso Veneziani è tornato intellettuale "militante" e cerca di rimettere insieme i cocci sparsi della "destra". Su Totalità si è avuto un lungo e interessante confronto tra le varie intellettualità "postfasciste", confronto che ho riportato integralmente su questo forum.

    http://politicainrete.it/forum/movim...-totalita.html

    Tuttavia ancora non mi è chiaro se Veneziani sia mosso da nobili sentimenti etici e politici oppure svolga anche adesso un ruolo subordinato ai desiderata di Berlusconi.
    Ultima modifica di Florian; 04-07-12 alle 17:08

  4. #4
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    913 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: Intellettuali di destra è il momento giusto di riscendere in campo

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    Tuttavia ancora non mi è chiaro se Veneziani sia mosso da nobili sentimenti etici e politici oppure svolga anche adesso un ruolo subordinato ai desiderata di Berlusconi.
    Dubbio assolutamente lecito ma personalmente dopo aver letto anche altri articoli di Marcello credo che Veneziani volente o nolente abbia semplicemente preso atto della irreversibile fine del berlusconismo e stia cerando di muoversi in vista del nuovo quadro politico (il che non vuol dire che sia mosso da nobili sentimenti politici ma che ha semplicemente compiuto un atto di reazione alla presa d'ato della realtà oggettiva)
    Ultima modifica di [email protected]; 04-07-12 alle 17:47

  5. #5
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    108 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Intellettuali di destra è il momento giusto di riscendere in campo

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    Dubbio assolutamente lecito ma personalmente dopo aver letto anche altri articoli di Marcello credo che Veneziani volente o nolente abbia semplicemente preso atto della irreversibile fine del berlusconismo e stia cerando di muoversi in vista del nuovo quadro politico (il che non vuol dire che sia mosso da nobili sentimenti politici ma che ha semplicemente compiuto un atto di reazione alla presa d'ato della realtà oggettiva)

    Mmm... a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca...
    Ultima modifica di Florian; 04-07-12 alle 18:01

 

 

Discussioni Simili

  1. Intellettuali di destra è il momento giusto di riscendere in campo
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 342
    Ultimo Messaggio: 09-07-12, 18:05
  2. Barack Obama: il personaggio giusto al momento giusto
    Di L'Europeo nel forum Politica Estera
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 10-06-08, 01:24
  3. Barack Obama: il personaggio giusto al momento giusto
    Di L'Europeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-06-08, 18:22
  4. L'uomo giusto al posto giusto nel momento giusto...
    Di Kobra nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 129
    Ultimo Messaggio: 23-05-06, 23:45
  5. Quando si dice...essere nel posto giusto nel momento giusto!
    Di Nickel01 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 18-08-04, 00:28

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226