User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Rolandus
  • 1 Post By RAYO

Discussione: Sul concetto di ordine spontaneo

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Aug 2009
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sul concetto di ordine spontaneo

    […] se i fenomeni sociali non manifestassero altro ordine all’infuori di quello conferito loro da una intenzionalità cosciente, non ci sarebbe posto per nessuna ricerca teorica della società e tutto si ridurrebbe, esclusivamente, come spesso si sente dire, a problemi di psicologia. È solo nella misura in cui un certo tipo di ordine emerge come risultato dell’azione dei singoli, ma senza essere stato da alcuni di essi coscientemente perseguito, che si pone il problema di una loro spiegazione teorica (F. A. Hayek, L’abuso della ragione, Vallecchi, Firenze 1967, cit., p. 43).

    In questo passo l'economista austro-britannico delinea una prima definizione del concetto di organizzazione in opposizione a quello di ordine spontaneo. Con il primo termine si intende una realtà sociale diretta verso un fine specifico a cui i suoi membri si devono adeguare. La seconda, invece, è retta da norme generali astratte e non ha nessuna tensione verso un determinato scopo comune.
    Su quali basi vengono separati tali concetti ? In un ordine spontaneo, il darsi della la verità all’interno della sfera sociale, è conseguente al ritrarsi del potere politico. Secondo tale concezione il rapporto tra verità e politica è simile ad una bilancia, si deve “alleggerire il piatto politico” se si vuole permettere la piena manifestazione della verità. Il compito della politica viene quindi limitato ad una funzione negativa, il suo ruolo è quello di eliminare i vincoli che frenano la libera iniziativa individuale e difendere tale stato di cose nell’eventualità in cui venisse minacciato da forze esterne.
    Per quale motivi il potere politico non può avere compiti positivi ? Perché non deve avere la possibilità di indirizzare l’agire degli individui in vista di uno scopo prefissato ? Perché ciò sarebbe un porsi contro la verità. Qui si coglie l’essenza della distinzione tra ordine spontaneo e organizzazione. Se esiste un ordine spontaneo, non creato da nessuna volontà particolare, ma prodotto dal libero interagire degli individui, qualsiasi atto di programmazione da parte del potere politico andrebbe ad infrangere l’armonia di questo ordine endogeno. Qualsiasi atto positivo del potere politico sarebbe un atto contro la verità, in quanto, se seguiamo tale concezione, l’accesso alla verità è consentito solo ed esclusivamente grazie all’appartenenza ad un ordine spontaneo. La verità è sostenuta e permessa dalla libertà individuale. La verità non si da mai tramite una volontà soggettiva, essa è il frutto spontaneo dell’interazione tra l'agire reciproco di molteplici soggetti.
    Qual è l’elemento costitutivo di tale ordine ? La sfera di libertà di ogni individuo. Se permettiamo ad ogni individuo di autodeterminarsi da sé, l’ordine prodotto dal libero interagire degli individui, darà vita al miglior ordine sociale possibile. L’esistenza di queste sfere di libertà è anche il criterio di demarcazione tra i concetti di ordine spontaneo e organizzazione. Nel primo l’agire di ogni individuo è determinato dalla propria volontà, nel secondo l’agire è vincolato dall’indirizzo posto da una volontà esterna.
    Su quali basi distinguiamo l’agire libero dall’agire vincolato ?
    Qual è il criterio preciso che ci permette di separare i due concetti ?
    Quando finisce il vincolo ed inizia la libertà ?
    RAYO likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    A - democratia
    Data Registrazione
    13 Jan 2010
    Località
    ...and the sky was all violet...
    Messaggi
    6,388
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Sul concetto di ordine spontaneo

    Su quali basi distinguiamo l’agire libero dall’agire vincolato ?
    Dall'assenza della legittimazione, in qualsivoglia fase (dall'ex ante all'ex post) del processo interattivo tra individui, da parte di organi (con qualsivoglia livello di autorità e/o coercizione) rappresentativi di una generalità.
    Questi ultimi, peraltro, sono perfettamente compatibili con l'agire libero dal momento in cui l'adesione e la relatività legittimazione non sono date, ma si sostanziano e concretizzano su base volontaristica.

    Qual è il criterio preciso che ci permette di separare i due concetti ?
    Il nostro.


    Quando finisce il vincolo ed inizia la libertà ?
    quando finisce il vincolo inizia la libertà.



    Cio' detto (e fianco della teorizzazione), io credo che un (minimo) trade-off tra i due "piani" vada assunto necessariamente.
    Ultima modifica di RAYO; 11-07-12 alle 14:47
    Rolandus likes this.
    Gioia e dolore hanno il confine incerto...

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Aug 2009
    Messaggi
    305
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sul concetto di ordine spontaneo

    Citazione Originariamente Scritto da El rayo Visualizza Messaggio
    Dall'assenza della legittimazione, in qualsivoglia fase (dall'ex ante all'ex post) del processo interattivo tra individui, da parte di organi (con qualsivoglia livello di autorità e/o coercizione) rappresentativi di una generalità.
    Questi ultimi, peraltro, sono perfettamente compatibili con l'agire libero dal momento in cui l'adesione e la relatività legittimazione non sono date, ma si sostanziano e concretizzano su base volontaristica.
    Quindi si potrebbe utilizzare la classica distinzione tra libertà negativa e libertà positiva, libertà di difendere la propria sfera individuale da una volontà esterna, libertà di indirizzare il proprio agire verso uno scopo determinato.
    Ma a queste due concezioni si potrebbe oppore una riflessione:

    Su quale base può costituirsi l'interazione tra diversi individui se non vi è nessun elemento terzo che regola l'incontro del loro agire ? Per esempio, il metro, è una unità di misura puramente arbitraria, ma noi abbiamo bisogno di tale punto di riferimento, non accettiamo tale unità di misura su base volontaristica, è un modello che ogni volta si ricrea dentro di noi in forza del processo di socializzazione. Noi non scegliamo il metro come unità di misura tramite la nostra volontà, così come non scegliamo la nostra lingua madre.

  4. #4
    Les damnés de la terre
    Data Registrazione
    30 Apr 2009
    Località
    nell'alcova
    Messaggi
    1,623
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sul concetto di ordine spontaneo

    Citazione Originariamente Scritto da Rolandus Visualizza Messaggio
    Quindi si potrebbe utilizzare la classica distinzione tra libertà negativa e libertà positiva, libertà di difendere la propria sfera individuale da una volontà esterna, libertà di indirizzare il proprio agire verso uno scopo determinato.
    Ma a queste due concezioni si potrebbe oppore una riflessione:

    Su quale base può costituirsi l'interazione tra diversi individui se non vi è nessun elemento terzo che regola l'incontro del loro agire ? Per esempio, il metro, è una unità di misura puramente arbitraria, ma noi abbiamo bisogno di tale punto di riferimento, non accettiamo tale unità di misura su base volontaristica, è un modello che ogni volta si ricrea dentro di noi in forza del processo di socializzazione. Noi non scegliamo il metro come unità di misura tramite la nostra volontà, così come non scegliamo la nostra lingua madre.
    La libertà può funzionare nel rispetto. L'interazione umana funziona meglio dove c'è questo elemento (che non vuol dire sottomissione, ma accettazione del confine tra il proprio spazio e quello altrui). Anche in una ipotetica visione egoista (quindi stirneriana) la libertà può funzionare nel rispetto. E il rispetto richiede l'accordo piuttosto che l'ordine. L'ordine diventa necessario quando manca il rispetto.
    Ultima modifica di Il Dandi; 11-07-12 alle 17:12

 

 

Discussioni Simili

  1. Sciopero spontaneo nelle aziende.
    Di Erenis nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 11-06-07, 17:10
  2. Comitato Spontaneo Titti Pinna
    Di Cioffi88 nel forum Sardismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-04-07, 23:59
  3. Comitato Spontaneo Titti Pinna
    Di Cioffi88 nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-04-07, 00:14
  4. vi viene spontaneo?
    Di Jaki nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 18-09-06, 15:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225