User Tag List

Pagina 1 di 131 121151101 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 1307
Like Tree181Likes

Discussione: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

  1. #1
    Smoderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2009
    Località
    Giornalia
    Messaggi
    52,671
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    820 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)

    Smile C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Quando nel 1900 Francesco Saverio Nitti, politico e scrittore meridionale, pubblicò il libro “Nord e Sud”, ovviamente per difendere il “povero” Sud e vantarne gli inesistenti primati, Gaetano Salvemini, pugliese, dopo averlo letto, esclamò da par suo: ”Non mi meraviglierei se Nitti, da buon meridionale, avesse falsificato le cifre”. E’ una tentazione ricorrente nei paladini del Sud e specie nel redivivo movimento neoborbonico. I lettori dell’Indipendenza ne hanno avuto un recente saggio. E tuttavia benché al Sud sia tradizione abbandonarsi al piagnisteo e dare sempre la colpa agli altri, non sono mancati meridionalisti e storici di vaglia, come appunto Gaetano Salvemini, Giustino Fortunato, Rosario Romeo, Arturo Labriola e altri, che alla manipolazione delle cifre hanno sempre preferito la fredda e obiettiva rappresentazione dei fatti ed è a questi studiosi onesti che ho sempre fatto riferimento nei miei lavori, anche nel mio ultimo libro “Brandelli d’Italia”, edito da Rubbettino.
    Al momento dell’unità nel Mezzogiorno restavano le vestigia del feudalesimo. La società era immutabile. Giustino Fortunato dice che nessuno immaginava che mezza Italia, dal Lazio e dagli Abruzzi in giù, poco difforme dalla Turchia, ad essa così prossima, sarebbe stata come un vaso di coccio accanto a uno di ferro. Aggiunge, nel suo epistolario pubblicato da Laterza, che da un luogo all’altro si andava a dorso di mulo come nei secoli passati. Nel settentrione, le strutture sociali e l’atmosfera culturale dell’epoca comunale avevano sviluppato legami “orizzontali” e favorito la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e il senso civico diffuso. Nel meridione, invece la “frattura” tra governo e popolo, risalente alla monarchia feudale normanna, si era allargata durante tutta l’epoca moderna e i rapporti sociali si erano sviluppati sull’asse “verticale” dei privilegi, delle clientele, dei favori. Non governano i più capaci e meritevoli, ma quelli che danno maggiori garanzie di fedeltà al sovrano. Il senso civico latita, perché il risentimento meridionale si esercita nel danneggiare il bene pubblico che essendo pubblico non è di nessuno. Provate a visitare un giardino pubblico al Sud. Se trovate una panchina intatta, è un miracolo. Le città meridionali sono ancora oggi disordinate e sporche. E’ il paesaggio medesimo che testimonia della educazione civica di un popolo. Dal 1504 al 1860, l’Italia meridionale passò dal dominio spagnolo a quello dei Borboni i quali con un sistema d’arbitrio e di corruzione diffusero la convinzione che si potessero conseguire incarichi e onori solo con la furbizia, l’inganno, la piaggeria. Al Sud la mentalità non è cambiata.
    Quanto a un Sud industrializzato, basta lo studio accreditato dell storico Pasquale Villani a confutare il quadro d’ottimismo. Nel 1811 il 90% della popolazione del regno di Napoli era classificata “povera, indigente, ai livelli minimi di sussistenza”. Non c’era borghesia moderna, la società era divisa come nel Medio Evo in nobili, latifondisti e plebe analfabeta. L’agricoltura era primitiva. Non strade, non porti degni del nome, sui fiumi spesso in piena non vi erano ponti, non utilizzo delle poche acque del regno. Agli emissari del re sabaudo parve d’essere arrivati in un altro mondo. Si impose subito una scelta di vita. Fortunato dice che senza l’unità il Mezzogiorno sarebbe diventato un paese balcanico. C’è riuscito senza sforzo, nonostante la forza trainante del Nord. Al Sud, la grande industria manifatturiera non era quasi sorta. Ad eccezione di una piccola zona industriale intorno a Napoli (Poggioreale), degli stabilimenti della valle dell’Irno e del Liri, di piccole industrie alimentari (maccheroni) e tessili prevalentemente in Campania, delle ferriere in Calabria (alimentate a legna), non vi era traccia di opifici moderni, e ciò per difetto di capitali, mancanza di iniziativa individuale, scarsezza di strade rotabili e di ferrovie. In tutto il Sud, fino al 1860, c’erano solo 90 chilometri di ferrovie, contro i 1800 chilometri del Nord.
    Quando al Nord si venne a conoscenza di queste misere condizioni, i più espressero la convinzione che era meglio abbandonare il Mezzogiorno al suo destino. Il Nord pagava più tasse, il Sud consumava più di quanto producesse. Il divario pareva insormontabile. Il progresso economico e industriale del Nord poteva essere paragonabile a quello dell’Inghilterra, della Francia, della Germania; lo sviluppo delle regioni meridionali era paragonabile a quello dell’Algeria dell’epoca. Metà della ricchezza nazionale, calcolata in 65 miliardi di lire, era prodotta nel Nord-Ovest il quale deteneva l’85 per cento dell’intero prodotto nazionale nei settori dell’industria e dei servizi. Quando nel 1861 il Sud insorse con le armi contro lo stato italiano, in quella che è stata chiamata “guerra al brigantaggio”, Massimo D’Azeglio dichiarò: ”Se non ci vogliono, peggio per loro, vuol dire che non ci porteremo dietro questa grossa e sdrucita barca dell’Italia meridionale”. Anche Salvemini era convinto che convenisse a entrambi, “nordici e sudici”, andare ciascuno per la propria strada.

    I meridionali dicono che la rovina del Sud furono i Savoia. Davvero? Allora come si spiega che nel 1946, nel referendum repubblica-monarchia, i meridionali compatti, dal Roma in giù, votarono Stella e Corona? Se non c’era il Centro-Nord, dalla Toscana in su, avevamo ancora “lu re”.
    :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: ::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Sud/1: un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero | L'Indipendenza

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anti-taliban
    Data Registrazione
    13 Oct 2009
    Messaggi
    5,058
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Il sito è gia una cazzata, e l'articolo non riporta fonti per ciò che sostiene.
    Kroenen likes this.

  3. #3
    Better to reign in Hell
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Località
    Biella
    Messaggi
    10,710
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    NOOOOOOOOO ERROREEEEEEEEE hai aperto il vaso di pandora, moh arrivano a dirti che però c'erano le barche a motore
    SARAI PAGATO ANCHE SENZA DOVERE FINGERE DI CONTARE TOMBINI

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    13 Apr 2012
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    14,437
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Citazione Originariamente Scritto da Jared Visualizza Messaggio
    Il sito è gia una cazzata, e l'articolo non riporta fonti per ciò che sostiene.
    L'Indipendenza non è un granché, è vero. Ma sono i deliri neoborbonici a dover essere provati.
    Neoborbonici - Nonciclopedia

  5. #5
    Presidente uscente di POL
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Località
    Genova, Italy
    Messaggi
    28,679
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Citazione Originariamente Scritto da KLAD Visualizza Messaggio
    fammi indovinare: meridionale statale?
    Fammi indovinare....troll da forum?
    "La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile" (Corrado Alvaro)

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Contro le vostre sporche menzogne:

    don Peppe likes this.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  7. #7
    Anti-taliban
    Data Registrazione
    13 Oct 2009
    Messaggi
    5,058
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Citazione Originariamente Scritto da von Dekken Visualizza Messaggio
    L'Indipendenza non è un granché, è vero. Ma sono i deliri neoborbonici a dover essere provati.
    Neoborbonici - Nonciclopedia
    Per i militanti della patania è troppo dura accettare la realtà dei fatti.
    E di fatti ce ne sono quanti ne vuoi.
    Ultima modifica di Jared; 09-08-12 alle 14:25

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Non prevarrete!!!

    don Peppe likes this.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    13 Apr 2012
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    14,437
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Citazione Originariamente Scritto da Jared Visualizza Messaggio
    Per i militanti della patania è troppo dura accettare la realtà dei fatti.
    E di fatti ce ne sono quanti ne vuoi.
    Non lo so, io non sono tra quelli.
    Cmq cortesemente cita i fatti - documentati.

    Ah, naturalmente per quel che mi riguarda i neoborbonici possono credere a quello che gli pare, basta che ci credano a casa loro.

  10. #10
    paracadute zen
    Data Registrazione
    23 Feb 2011
    Messaggi
    10,543
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era un Meridione bello, ricco e progredito. Peccato non sia vero

    Citazione Originariamente Scritto da von Dekken Visualizza Messaggio
    L'Indipendenza non è un granché, è vero. Ma sono i deliri neoborbonici a dover essere provati.
    Neoborbonici - Nonciclopedia
    C'è su questo forum una sezione che dovrebbe essere letta un po' da certi celtici verdicornuti.
    Si chiama "Due Sicilie" ed è tenuto bene e da gente preparata: le trollate legaiole lasciano il tempo che trovano.
    Ma d'altronde comprendo che per molti sia più facile immergersi nella leghistica realtà composta da rutti padani e scuregge celtiche.
    Trollhunter delle 2 Sicilie.

 

 
Pagina 1 di 131 121151101 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 642
    Ultimo Messaggio: 05-01-08, 20:19
  2. Peccato Che Non Sia Vero
    Di benfy nel forum Americanismo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 08-11-07, 00:34
  3. Il bello diventa ricco.
    Di diGam nel forum Fondoscala
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 12-07-05, 17:28
  4. E' un vero peccato...
    Di Goyassel La Zucca nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-07-04, 21:25
  5. Bello l'utlimo numero di Panorama,peccato pero' che...
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-03-02, 19:40

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226