User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    2,333
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito LA FAMIGLIA CALO' MINACCIATA A PADOVA PERCHE' NUMEROSA

    Minacciati di morte perché hanno 13 figli




    Scritte intimidatorie sotto casa, sabotaggi all’auto, un proiettile spedito. E il Comune fa finta di nulla




    Minacciati di morte perché hanno 13 figli - IlGiornale.it




    Che storce il naso sui matrimoni gay. Bene. Siamo di più del Paese della famiglia: siamo in realtà il Paese della mamma. A noi italiani, quanto ci piace la mamma! Ma se una mamma partorisce e alleva tredici figli, come Alessandra Calò di Padova, con prole dai tre a ventun anni, e ha il marito Ferruccio che fa lavori saltuari, che facciamo? La lasciamo sola. Non solo. Imbrattiamo il muro di casa con un proclama vigliacco: «A morte le famiglie numerose», tagliamo le gomme della loro unica macchina per due volte in un anno, e se il cospicuo nucleo chiede aiuto a un Comune che si prodiga in politiche di solidarietà agli extracomunitari, dal Comune arriva una raccomandata di rifiuto.Che succede? «Sono senza parole - dichiara Alessandra Calò -. Per me l'auto è fondamentale, quando la mettono fuori uso è un dramma. Una scritta così atroce è un proiettile per i miei bambini che mi chiedono: «Stanotte verranno ad ucciderci?». Per non infastidire i vicini, porto i piccoli a giocare al parco. Non so quale problema possa costituire essere una famiglia di tredici figli». Di fronte alla minaccia apparsa in vernice rossa sul muro della casa patavina in zona Montà, soltanto Massimiliano Barison, sindaco della limitrofa Albignasego, spedisce una lettera di solidarietà.«Nemmeno una riga invece da parte del nostro primo cittadino, Flavio Zanonato, e la cosa mi ha amareggiata. Credo che se questa scritta fosse apparsa contro una famiglia extracomunitaria, ci sarebbe subito stata una dichiarazione politica di sdegno verso tanta inciviltà». I Calò sono stati per anni la famiglia più prolifica d'Italia. Ora il record è detenuto dagli Scalco, che poco tempo fa anno avuto Angelica, quindicesimo fiocco. Nei giorni passati molti messaggi di congratulazioni sono giunti ai Calò da parte di persone che li confonde con gli Scalco. Quando si tratta di applaudire ai record della cicogna, la gente è sempre pronta, ma quando si deve salvaguardare il decoro di bimbi che devono diventare adulti la società si defila.«Ci sarà pur da qualche parte un lavoro per mio marito o per i miei figli più adulti?» si chiede Alessandra. Osservando il più adulto dei Calò, che fa da padre ai fratelli con un senso di responsabilità ignoto a molti altri giovani della sua età sballanti in movida, la risposta potrebbe essere positiva. E' pronta anche a cambiare città la tribù padovana. Intanto Alessandra ha sporto denuncia in Questura contro ignoti per quella frase. «A morte le famiglie numerose». E se aggiungessimo: soprattutto se sono italiane, sarebbe troppo provocatorio? Recentemente degli amici hanno donato un panda di peluche alla supermamma per i suoi quarant'anni compiuti il primo luglio. Alessandra Calò non esclude, vista l'età, di chiamare ancora la cicogna. E come si chiamerà il peluche? Abbiamo chiesto a uno dei piccoli Calò: «Confù Panda», hanno gridato con gioia. Bella risposta. In Italia anche la cicogna deve imparare l'arte del confù. Per difendersi da coloro che amano la famiglia, ma lasciano una mamma da primato in mezzo a un nido di dignitosa povertà e di minacce.




    MAH... UNA STORIA A MIO avviso che puzza di bruciato e di poca chiarezza.

    Vediamo una grande famigghia numerosa con un cognome terrone CALO' che denuncia soprusi e minacce, chi potrebbe avere intenzione ad avercela contro questa famigghia.

    Gli immigrati sono prolifici anche loro e questa volta non ne vedo il motivo. Forse qualche padano razzista avverso ai figghi del sole? O forse dietro tutta questa faccenda, come forse è la più probabile si nasconde una storiaccia fatta delle solite ripicche tra gente della stessa origine di sangue che nasconde il tutto dando la colpa al solito intollerante nord.

    Ne hanno parlato anche su tg 5. Certamente se si fosse trattato di famiglie di colorati la condanna era immediata e scattava all'istante.

    Comunque la cosa è sospetta e a mio avviso c'è ben altro sotto che i calo' forse sanno bene.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,993
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: LA FAMIGLIA CALO' MINACCIATA A PADOVA PERCHE' NUMEROSA

    Citazione Originariamente Scritto da psico Visualizza Messaggio
    Minacciati di morte perché hanno 13 figli




    Scritte intimidatorie sotto casa, sabotaggi all’auto, un proiettile spedito. E il Comune fa finta di nulla




    Minacciati di morte perché hanno 13 figli - IlGiornale.it




    Che storce il naso sui matrimoni gay. Bene. Siamo di più del Paese della famiglia: siamo in realtà il Paese della mamma. A noi italiani, quanto ci piace la mamma! Ma se una mamma partorisce e alleva tredici figli, come Alessandra Calò di Padova, con prole dai tre a ventun anni, e ha il marito Ferruccio che fa lavori saltuari, che facciamo? La lasciamo sola. Non solo. Imbrattiamo il muro di casa con un proclama vigliacco: «A morte le famiglie numerose», tagliamo le gomme della loro unica macchina per due volte in un anno, e se il cospicuo nucleo chiede aiuto a un Comune che si prodiga in politiche di solidarietà agli extracomunitari, dal Comune arriva una raccomandata di rifiuto.Che succede? «Sono senza parole - dichiara Alessandra Calò -. Per me l'auto è fondamentale, quando la mettono fuori uso è un dramma. Una scritta così atroce è un proiettile per i miei bambini che mi chiedono: «Stanotte verranno ad ucciderci?». Per non infastidire i vicini, porto i piccoli a giocare al parco. Non so quale problema possa costituire essere una famiglia di tredici figli». Di fronte alla minaccia apparsa in vernice rossa sul muro della casa patavina in zona Montà, soltanto Massimiliano Barison, sindaco della limitrofa Albignasego, spedisce una lettera di solidarietà.«Nemmeno una riga invece da parte del nostro primo cittadino, Flavio Zanonato, e la cosa mi ha amareggiata. Credo che se questa scritta fosse apparsa contro una famiglia extracomunitaria, ci sarebbe subito stata una dichiarazione politica di sdegno verso tanta inciviltà». I Calò sono stati per anni la famiglia più prolifica d'Italia. Ora il record è detenuto dagli Scalco, che poco tempo fa anno avuto Angelica, quindicesimo fiocco. Nei giorni passati molti messaggi di congratulazioni sono giunti ai Calò da parte di persone che li confonde con gli Scalco. Quando si tratta di applaudire ai record della cicogna, la gente è sempre pronta, ma quando si deve salvaguardare il decoro di bimbi che devono diventare adulti la società si defila.«Ci sarà pur da qualche parte un lavoro per mio marito o per i miei figli più adulti?» si chiede Alessandra. Osservando il più adulto dei Calò, che fa da padre ai fratelli con un senso di responsabilità ignoto a molti altri giovani della sua età sballanti in movida, la risposta potrebbe essere positiva. E' pronta anche a cambiare città la tribù padovana. Intanto Alessandra ha sporto denuncia in Questura contro ignoti per quella frase. «A morte le famiglie numerose». E se aggiungessimo: soprattutto se sono italiane, sarebbe troppo provocatorio? Recentemente degli amici hanno donato un panda di peluche alla supermamma per i suoi quarant'anni compiuti il primo luglio. Alessandra Calò non esclude, vista l'età, di chiamare ancora la cicogna. E come si chiamerà il peluche? Abbiamo chiesto a uno dei piccoli Calò: «Confù Panda», hanno gridato con gioia. Bella risposta. In Italia anche la cicogna deve imparare l'arte del confù. Per difendersi da coloro che amano la famiglia, ma lasciano una mamma da primato in mezzo a un nido di dignitosa povertà e di minacce.




    MAH... UNA STORIA A MIO avviso che puzza di bruciato e di poca chiarezza.

    Vediamo una grande famigghia numerosa con un cognome terrone CALO' che denuncia soprusi e minacce, chi potrebbe avere intenzione ad avercela contro questa famigghia.

    Gli immigrati sono prolifici anche loro e questa volta non ne vedo il motivo. Forse qualche padano razzista avverso ai figghi del sole? O forse dietro tutta questa faccenda, come forse è la più probabile si nasconde una storiaccia fatta delle solite ripicche tra gente della stessa origine di sangue che nasconde il tutto dando la colpa al solito intollerante nord.

    Ne hanno parlato anche su tg 5. Certamente se si fosse trattato di famiglie di colorati la condanna era immediata e scattava all'istante.

    Comunque la cosa è sospetta e a mio avviso c'è ben altro sotto che i calo' forse sanno bene.

    Questa cosa non è chiara infatti .Può esserci il pazzo come qualcosa d'altro.Ma come al solito la colpa di tutto è la cattiveria del nord :sofico: , terra di mostri razzisti ed antifamiglia pure.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 17-08-12, 11:21
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-08-12, 17:21
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 10-03-07, 01:32
  4. Otto Marzo. Una donna con la sua famiglia numerosa..
    Di merello nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 08-03-07, 16:47
  5. Famiglia Vero Minacciata
    Di GEORGE (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-09-02, 22:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226