User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    18 Jul 2010
    Messaggi
    350
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito DIVIDE ET IMPERA 2.0. MONTI BIS E BALCANIZZAZIONE POLITICA



    Qualche giorno fa ci siamo occupati di quella che secondo noi è la “mendace strategia” sociologica che i governanti tecnici stanno perseguendo in modo da applicare alla Comunità Nazionale il famoso motto “Divide et Impera”. Purtroppo questa è soltanto la prima faccia della medaglia. Adesso è bene analizzare l’applicazione della medesima strategia su scala politica: la situazione appare sempre più chiara. I mass media sono occupati in maniera vorticosa a disegnare gli scenari futuri e futuribili della politica italiana. Ore e ore di talk show ripetono in maniera pedante le lodi al tecnodittatore Mario Monti e si divertono a pronosticare (anche con un certo cattivo gusto) le ipotesi più disparate sulla spartizione della politica dei burattini di Montecitorio. Tutto questo mentre gli operai dell’Alcoa vanno in maniera meritoria ad “esigere spiegazioni” a quegli stessi governanti che non stanno muovendo un dito per salvare il loro posto di lavoro. E come se non bastasse è lo stesso Monti insieme all’Istat a certificare il crollo dell’Azienda Italia, crollo che farà sentire i suoi effetti devastanti nel 2013. Come andiamo a ripetere da tempo, in un sistema-lavoro completamente basato sul consumismo, dove il lavoro “da infrastrutture” è in parabola discendente e dove i “comparti industriali” si stanno azzerando, non esiste altro destino che quello di Disoccupazione che genera Disoccupazione. Ma torniamo allo squallido e tristo teatrino italiano. Da giorni i segnali che compaiono sulle cronache mediatico-politiche sono questi:

    - Aumenta il gradimento verso Monti del mellifluo PDL. Di fatto, il programma che sta portando avanti l’ex advisor della Goldman Sachs non può essere sgradito alla parte liberale del polo Berlusconiano. Sarà curioso vedere come si comporteranno i residuati reazionari delle Destre Nazionali (che di Nazionale non hanno nemmeno le unghie…)

    - Inasprimento della lotta interna al Partito Democratico fra Nomenklatura e Rottamatori (Bersani contro Renzi): lo scontro è aspro, asprissimo, e non dispiace certamente al PDL che vede in Renzi sicuramente un interlocutore per il futuro, visto che il Grande Rottamatore della tradizione progressista della sinistra ex comunista non pare avere NULLA.

    - Chiarimento della posizione dell’UDC ormai schierato apertamente a favore del MONTI BIS (da interpretare la posizione di Italia Futura): è curioso notare nonostante che questo partito abbia l’evidente appoggio della Chiesa non riesca a superare percentuali modeste, segnale evidente che la strategia politica di Casini (oltre ad aver imbarcato i perdenti Fini e Rutelli) non porta i risultati sperati.

    - Dopo il terremoto della prima metà del 2012, la situazione della Lega Nord appare stabilizzata verso una ritrovata solidità dovuta alla forte base militante che quindi garantirà al Carroccio la sopravvivenza politica.

    - Compaiono le prime crepe sulla fragilissima struttura partita del Movimento 5 Stelle, che da partito virtuale, da partito di marketing di massa (Casaleggio Docet) ha serie difficoltà nella dialettica esterna ed interna. E’ assai probabile che il sistema sia pronto a “lenirlo” visto che i Grillini stanno avendo nei sondaggi percentuali che vanno ben oltre quello che era lo scopo primario del sistema ossia: circoscrivere un 8-10% di elettorato “prerivoluzionario” ed anestetizzarlo all’interno del recinto di Grillo.

    - Comparsa sullo scenario politico di ulteriori attori di prestigio ma con percentuali minoritarie: Luca Cordero di Montezemolo, Oscar Giannino, Giulio Tremonti…

    - Pronti a divorare i resti della Disfida delle primarie del Partito Democratico sono Vendola e Di Pietro che, sarà bene ricordarlo, hanno percentuali potenzialmente superiori perfino all’UDC di Casini.

    Target strategico: LA BALCANIZZAZIONE DELLO SCENARIO POLITICO

    E’ facile prevedere che dalle urne possa uscire un risultato da Prima Repubblica con un paio di partiti sopra il 20% insieme ad una pletora di partiti fra il 12 e il 5-6%.

    Probabile scenario finale: NUOVO GOVERNO TECNICO DI COALIZIONE

    A questo punto è di vitale importanza capire se LA POLITICA RIALZERA’ LA TESTA o i burattini saranno totalmente asserviti al volere dei Tecnocrati. Appare chiaro che anche i “governanti” (e non intendiamo certo i Parlamentari), i “tecno-padroni” dovranno valutare e ponderare le loro mosse in base a due ipotesi possibili:

    - Balcanizzazione del parlamento e proseguimento forzato del governo tecnico (magari in seguito a forti disagi sociali che richiedano il proseguimento della LEGGE MARZIALE POLITICA)

    - Governo politico (anche di Gross Koalition) fedele al programma “indicato” da Monti e dagli Usurai di Strasburgo e di Washington.

    Non resta che osservare quali saranno gli sviluppi.

    Per noi Socialisti Nazionali la certezza è una sola: NO AL VOTO DELLE ELEZIONI POLITICHE.

    E su questo contiamo che la Comunità Nazionale ci dia ascolto come in occasione dei 4 Referendum su cui la nostra posizione è stata vittoriosa al 100%

    J.G.

    DIVIDE ET IMPERA 2.0. MONTI BIS E BALCANIZZAZIONE POLITICA | UNIONE PER IL SOCIALISMO NAZIONALE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: DIVIDE ET IMPERA 2.0. MONTI BIS E BALCANIZZAZIONE POLITICA

    I partiti si trovano spaesati perchè sanno di essere tutti perdenti. Se fosse per loro, Mario Monti diventerebbe il dittatore perpetuo dell' Italia.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,330
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: DIVIDE ET IMPERA 2.0. MONTI BIS E BALCANIZZAZIONE POLITICA

    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    I partiti si trovano spaesati perchè sanno di essere tutti perdenti. Se fosse per loro, Mario Monti diventerebbe il dittatore perpetuo dell' Italia.
    Mi sa che fino al 2018 non ce lo togliamo di mezzo, ma lo candideranno con molta cautela, prima fotteranno il cervello della gente con la propaganda , per renderlo l'unica candidatura possibile agli occhi dei beoti .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Jul 2009
    Località
    perugia
    Messaggi
    350
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: DIVIDE ET IMPERA 2.0. MONTI BIS E BALCANIZZAZIONE POLITICA

    Come analisi della politica italiana debbo dire che la ritengo molto vicina alla verità.
    A mo' di chiosa del bel citato articolo direi che: dalla federazione di sinistra (gendarmi del sistema da una parte) fino ad arrivare a La Destra e Casapound (gendarmi del sistema dell'altra parte), passando per PD,PDL, ecc. sono tutti prodotti dallo stesso sistema post 1945. Anche il cosidetto M5S oltre che essere fragile è un partito borghese.

    Viva il Socialismo Nazionale!



    Citazione Originariamente Scritto da Etrvsco Visualizza Messaggio


    Qualche giorno fa ci siamo occupati di quella che secondo noi è la “mendace strategia” sociologica che i governanti tecnici stanno perseguendo in modo da applicare alla Comunità Nazionale il famoso motto “Divide et Impera”. Purtroppo questa è soltanto la prima faccia della medaglia. Adesso è bene analizzare l’applicazione della medesima strategia su scala politica: la situazione appare sempre più chiara. I mass media sono occupati in maniera vorticosa a disegnare gli scenari futuri e futuribili della politica italiana. Ore e ore di talk show ripetono in maniera pedante le lodi al tecnodittatore Mario Monti e si divertono a pronosticare (anche con un certo cattivo gusto) le ipotesi più disparate sulla spartizione della politica dei burattini di Montecitorio. Tutto questo mentre gli operai dell’Alcoa vanno in maniera meritoria ad “esigere spiegazioni” a quegli stessi governanti che non stanno muovendo un dito per salvare il loro posto di lavoro. E come se non bastasse è lo stesso Monti insieme all’Istat a certificare il crollo dell’Azienda Italia, crollo che farà sentire i suoi effetti devastanti nel 2013. Come andiamo a ripetere da tempo, in un sistema-lavoro completamente basato sul consumismo, dove il lavoro “da infrastrutture” è in parabola discendente e dove i “comparti industriali” si stanno azzerando, non esiste altro destino che quello di Disoccupazione che genera Disoccupazione. Ma torniamo allo squallido e tristo teatrino italiano. Da giorni i segnali che compaiono sulle cronache mediatico-politiche sono questi:

    - Aumenta il gradimento verso Monti del mellifluo PDL. Di fatto, il programma che sta portando avanti l’ex advisor della Goldman Sachs non può essere sgradito alla parte liberale del polo Berlusconiano. Sarà curioso vedere come si comporteranno i residuati reazionari delle Destre Nazionali (che di Nazionale non hanno nemmeno le unghie…)

    - Inasprimento della lotta interna al Partito Democratico fra Nomenklatura e Rottamatori (Bersani contro Renzi): lo scontro è aspro, asprissimo, e non dispiace certamente al PDL che vede in Renzi sicuramente un interlocutore per il futuro, visto che il Grande Rottamatore della tradizione progressista della sinistra ex comunista non pare avere NULLA.

    - Chiarimento della posizione dell’UDC ormai schierato apertamente a favore del MONTI BIS (da interpretare la posizione di Italia Futura): è curioso notare nonostante che questo partito abbia l’evidente appoggio della Chiesa non riesca a superare percentuali modeste, segnale evidente che la strategia politica di Casini (oltre ad aver imbarcato i perdenti Fini e Rutelli) non porta i risultati sperati.

    - Dopo il terremoto della prima metà del 2012, la situazione della Lega Nord appare stabilizzata verso una ritrovata solidità dovuta alla forte base militante che quindi garantirà al Carroccio la sopravvivenza politica.

    - Compaiono le prime crepe sulla fragilissima struttura partita del Movimento 5 Stelle, che da partito virtuale, da partito di marketing di massa (Casaleggio Docet) ha serie difficoltà nella dialettica esterna ed interna. E’ assai probabile che il sistema sia pronto a “lenirlo” visto che i Grillini stanno avendo nei sondaggi percentuali che vanno ben oltre quello che era lo scopo primario del sistema ossia: circoscrivere un 8-10% di elettorato “prerivoluzionario” ed anestetizzarlo all’interno del recinto di Grillo.

    - Comparsa sullo scenario politico di ulteriori attori di prestigio ma con percentuali minoritarie: Luca Cordero di Montezemolo, Oscar Giannino, Giulio Tremonti…

    - Pronti a divorare i resti della Disfida delle primarie del Partito Democratico sono Vendola e Di Pietro che, sarà bene ricordarlo, hanno percentuali potenzialmente superiori perfino all’UDC di Casini.

    Target strategico: LA BALCANIZZAZIONE DELLO SCENARIO POLITICO

    E’ facile prevedere che dalle urne possa uscire un risultato da Prima Repubblica con un paio di partiti sopra il 20% insieme ad una pletora di partiti fra il 12 e il 5-6%.

    Probabile scenario finale: NUOVO GOVERNO TECNICO DI COALIZIONE

    A questo punto è di vitale importanza capire se LA POLITICA RIALZERA’ LA TESTA o i burattini saranno totalmente asserviti al volere dei Tecnocrati. Appare chiaro che anche i “governanti” (e non intendiamo certo i Parlamentari), i “tecno-padroni” dovranno valutare e ponderare le loro mosse in base a due ipotesi possibili:

    - Balcanizzazione del parlamento e proseguimento forzato del governo tecnico (magari in seguito a forti disagi sociali che richiedano il proseguimento della LEGGE MARZIALE POLITICA)

    - Governo politico (anche di Gross Koalition) fedele al programma “indicato” da Monti e dagli Usurai di Strasburgo e di Washington.

    Non resta che osservare quali saranno gli sviluppi.

    Per noi Socialisti Nazionali la certezza è una sola: NO AL VOTO DELLE ELEZIONI POLITICHE.

    E su questo contiamo che la Comunità Nazionale ci dia ascolto come in occasione dei 4 Referendum su cui la nostra posizione è stata vittoriosa al 100%

    J.G.

    DIVIDE ET IMPERA 2.0. MONTI BIS E BALCANIZZAZIONE POLITICA | UNIONE PER IL SOCIALISMO NAZIONALE

 

 

Discussioni Simili

  1. Divide et impera: le cosiddette liberalizzazioni
    Di Muntzer nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-01-12, 15:18
  2. Divide et impera: identità perdute
    Di Simone.org nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-09-09, 12:36
  3. Divide et impera
    Di -RauL- nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-09-08, 14:13
  4. Divide et impera...
    Di Kobra nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 03-07-07, 22:26
  5. Divide et impera. La politica americana in Europa!
    Di Attenzioneimbelli nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-08-03, 20:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226