TEL AVIV-Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha accettato la produzione di uranio arricchito al 20 per da parte della Repubblica islamica dicendo però che l'arricchimento a livelli più elevati dovrebbe essere la "linea rossa" per il programma nucleare di Teheran.

In un incontro con il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle a, Netanyahu ha ribadito che la comunità internazionale deve imporre all’Iran che l’arricchimento dell'uranio oltre il 20 per sara' la "linea rossa" per il programma nucleare iraniano. Lo riferisce Press Tv. Il premier israeliano ha poi sottolineato che se l'Iran cominciasse a produrre l'uranio arricchito al di sopra del 20 per cento, questo indicherebbe che Teheran vuole produrre bomba atomica. Stando a quanto scrive il quotidiano israeliano Haaretz, Westerwelle si è dichiarato contrario a ogni possibile attacco unilaterale israeliano contro gli impianti nucleari iraniani. Gli Stati Uniti, Israele e alcuni dei loro alleati accusano Teheran di perseguire gli obiettivi militari nel suo programma nucleare. L'Iran respingendo le accuse per il suo programma nucleare sostiene che, in quanto firmatario del trattato di non proliferazione nucleare(NPT) e un membro attivo dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), ha tutto il diritto di sviluppare e acquisire la tecnologia nucleare per scopi pacifici. Funzionari iraniani hanno anche promesso una risposta schiacciante a qualsiasi attacco militare contro il paese.
IRIB - Redazione Italiana