User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Controlli sui lavoratori: aziende sempre più invasive




    Nell’epoca della deregolamentazione del lavoro, dove la precarietà e la flessibilità più spinte la fanno da padrone, mettendo in secondo piano quelle che erano state le conquiste sociali del XX °secolo, ecco tecnologia e informatica mettere a disposizione del datore di lavoro nuovi strumenti coercitivi della libertà e dignità dei lavoratori. Oggi in quale studio, azienda, amministrazione pubblica si potrebbe fare a meno del computer, d’internet, della posta elettronica, del telefono, tanto per restare nel campo degli strumenti più in uso? In nessuno, pena l’esclusione dal mondo del lavoro, l’isolamento e l’inefficienza. Eppure questi strumenti che anche nella nostra vita quotidiana sono oramai parte integrante delle nostre giornate, nascondono delle insidie che possono mettere a repentaglio la nostra dignità, la nostra libertà, il nostro modo di lavorare e che necessitano della massima attenzione da parte di chi svolge attività sindacale, il perché lo vediamo di seguito.
    Partiamo dal pc, che all’interno delle sue memorie contiene tutte le informazioni necessarie a chi le vuole e sa leggere, sulla nostra attività giornaliera. Analizzando i dati rintracciabili nell’elaboratore del lavoratore , si può risalire a quello che si è stato fatto , al tempo impiegato, ai programmi utilizzati nell’arco dell’intera giornata lavorativa e oltre. Il controllo da parte del datore di lavoro è quindi molto invasivo e può avvalersi di tecniche sofisticate e pertanto all’insaputa del lavoratore.
    Altra falla la troviamo nella cosiddetta posta elettronica, chi oggi non la usa? Se a casa è diventato per molti uno strumento insostituibile, lo stesso dicasi nella nostra postazione di lavoro, dove riceviamo e inviamo spesso decine di messaggio ogni giorno. Ma la casella aziendale è facilmente penetrabile e chi ha accesso al server principale può leggere la nostra corrispondenza in tutta tranquillità( in molte aziende sia pur a fatica si sta estendendo l’uso della bacheca elettronica sindacale ed anche quest’ attività può essere monitorata a scopi non certo trasparenti) e conoscere i nostri contatti ,opinioni e notizie anche riservate della nostra vita privata.
    Internet, vera rivoluzione dell’informazione, dopo quella della scrittura, presenta gli stessi rischi della posta elettronica. Il datore di lavoro può conoscere i siti visitati,per quanto tempo ci siamo intrattenuti, e le pagine viste, nonché l’esatta cronologia della nostra navigazione.
    Il telefono è anch’esso una fonte di controllo, sia pur meno recente, ma che presenta anch’esso rischi notevoli d’intrusione nella sfera privata e non del lavoratore. Le moderne centraline digitali consentono di ricostruire il traffico telefonico di una giornata, così che il datore di lavoro può controllare volendolo sia l’attività lavorativa, sia anche le telefonate private per chi è abilitato a farle.
    Accanto a questi mezzi di comunicazione, troviamo le telecamere a circuito chiuso, installate per motivi di sicurezza e che possono facilmente consentire di vedere gli spostamenti delle persone all’interno delle aziende. I dati poi sono scaricati su dischi rigidi che consentono di immagazzinare molte ore di trasmissione,prima di essere cancellati e riscritti.
    Il vero “stato dell’arte” del controllo a distanza lo abbiamo però con i cosiddetti “ Chip Rfid”(1), che non sono altro che tracciatori di percorso, in altre parole l’azienda ha la possibilità mediante microchip inseriti nel tesserino di riconoscimento non più a banda magnetica, di seguire il percorso che il lavoratore fa, sapere il tempo trascorso alla macchina del caffè, presso altri reparti ecc. Dove invece i dipendenti devono portare una tuta da lavoro, questi chip possono essere inseriti alla loro insaputa nei bottoni o pieghe dell’indumento.
    Come possiamo facilmente intuire le forme di controllo si sono fatte sempre più sofisticate, almeno potenzialmente, ma non per questo sia i lavoratori che le organizzazioni sindacali debbono abbassare la guardia, anzi leggendo quanto prescrive l’Art.4 (2)della Legge 300/70, si evince che anche in presenza di misure atte alla sicurezza aziendale, l’eventuale possibilità che l’attività del lavoratore sia monitorata a distanza è perseguibile, quindi anche in presenza di buona fede da parte del datore di lavoro, ogni strumento che ha la capacità di inviare, registrare e immagazzinare dati sul dipendente, deve essere preventivamente controllato dalle organizzazioni sindacali ed eventualmente reso operativo solo dopo un accordo con esse e in mancanza dell’Ispettorato del Lavoro,pena l’illegalità di tali apparecchiature.
    Ora spetta al sindacato attivarsi su questo nuovo fronte, fino ad oggi terreno di conquista incontrollato da parte del padronato,con la speranza che la solita mentalità concertativa che ha fin qui caratterizzato molte sigle, lasci il posto a quella antagonista e di miglior tutela dei lavoratori .
    Federico Dal Cortivo
    1) RFID (acronimo di Radio Frequency IDentification o Identificazione a radio frequenza) è una tecnologia per la identificazione automatica di oggetti, animali o persone basata sulla capacità di memorizzare e accedere a dati usando etichiette RFID o transponders o tags.
    2) ART. 4. (IMPIANTI AUDIOVISIVI)Legge n.300/1970
    E' vietato l'uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori. Gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l'ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l'uso di tali impianti. Per gli impianti e le apparecchiature esistenti, che rispondano alle caratteristiche di cui al secondo comma del presente articolo, in mancanza di accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o con la commissione interna, l'ispettorato del lavoro provvede entro un anno dall'entrata in vigore della presente legge, dettando all'occorrenza le prescrizioni per l'adeguamento e le modalità di uso degli impianti suddetti.
    Contro i provvedimenti dell'ispettorato del lavoro, di cui ai precedenti secondo e terzo comma, il datore di lavoro, le rappresentanze sindacali aziendali o, in mancanza di queste, la commissione interna, oppure i sindacati dei lavoratori di cui al successivo art. 19 possono ricorrere, entro 30 giorni dalla comunicazione del provvedimento, al ministro per il lavoro e la previdenza sociale.



    Nella foto: Chip RFID
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Baby Pensionato
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    Purgatorio
    Messaggi
    42,406
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    86 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Controlli sui lavoratori: aziende sempre più invasive

    ma a cosa servono i controlli se i lavoratori ripresi dalle telecamere a rubare vengono sistematicamente riassunti sotto le pressioni del sindacato ?

    tanto vale eliminarli questi controlli, tanto non servono a nulla.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-09-12, 11:53
  2. Le tv di Silvio vi sembrano invasive?Eccone un altra!
    Di King Z. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 10-06-07, 00:16
  3. Le aziende americane sempre prime nel mondo
    Di nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 11-09-04, 08:57
  4. I sindacati SEMPRE dalla parte dei lavoratori
    Di audiofilofine nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-04-03, 23:15
  5. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 17-01-03, 07:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226