User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di dibattito libero

    In qualità di vice-presidente apro il 3d per la fase di dibattito libero sul tema della Politiche Agricole.

    Daremo 72 ore, quindi il dibattito si concluderà alle 10.40 di Lunedi 24 Settembre-
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,134
    Mentioned
    897 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di dibattito libero

    Come dicemmo nel dibattito di giugno scorso che precedette la presentazione del DDL Haxel [email protected] gli aspetti della politica agricola su cui una seria norma sull'agricoltura dovrebbe puntare sono secondo diversi:

    BENI PUBBLICI
    L’obiettivo generale della Politica agricola deve essere il sostegno per la produzione di beni pubblici, ovvero di beni prodotti dall’agricoltura, che hanno valore per la collettività, ma che non sono remunerati adeguatamente sul mercato: paesaggio agrario, presidio territoriale, biodiversità, lotta al cambiamento climatico, conservazione dell’ambiente, sviluppo rurale, salubrità degli alimenti, benessere degli animali.

    PAGAMENTI DIRETTI

    I pagamenti diretti potrebbero essere rimodulati in più componenti:
    • una parte (ridotta rispetto ai livelli attuali, ad esempio 150-200 euro/ettaro) erogata a tutti gli agricoltori in misura analoga come “zoccolo duro” di sostegno fisso al reddito, in cambio della condizionalità obbligatoria;
    • una parte riservata alle zone con svantaggi naturali, ad esempio la montagna, per cui si rovescia la situazione esistente; infatti, gli attuali pagamenti diretti assegnano maggiori risorse alla pianura e alle zone ad agricoltura intensiva; in futuro potrebbe essere l’inverso, ovvero la montagna potrebbe beneficiare di pagamenti diretti più elevati rispetto alla pianura;
    • una parte, selettiva, data in cambio di specifici comportamenti orientati alla fornitura di beni pubblici ambientali.

    COMPETITIVITÀ E FILIERA
    Emerge una nuova richiesta: l’introduzione di un sostegno per gli agricoltori nella filiera agroalimentare.
    In altre parole, si tratta di premiare gli agricoltori che si organizzano per migliorare il funzionamento del mercato e la stabilizzazione dei prezzi agricoli. Un esempio di politica che va in tale direzione è quello del cofinanziamento dei Programmi Operativi delle Organizzazioni dei Produttori. Questo strumento, attualmente in vigore per il settore degli ortofrutticoli freschi, può essere esteso agli altri settori dell’agricoltura.

    Delineazione di alcuni punti fermi.

    La Pac deve conservare un ammontare adeguato di risorse, senza drastici tagli rispetto alla situazione attuale.

    Il cofinanziamento non deve essere visto come un pericolo, sia perché può recuperare gli inevitabili tagli del bilancio comunitario sia perché è giustificato dal carattere locale degli interventi (es. pagamenti selettivi per l’ambiente o per la filiera).
    Il cofinanziamento deve essere obbligatorio.

    È inevitabile (e anche giusto) che l’obiettivo generale della Pac sia il sostegno dei beni pubblici, ma va declinato in modo concreto e realistico rispetto a strumenti e beneficiari.

    Il vuoto lasciato dallo smantellamento dei vecchi interventi di mercato va colmato con nuovi strumenti: reti di sicurezza in caso di crisi grave dei mercati, strumenti di assicurazione del reddito, misure innovative rivolte a rafforzare il ruolo degli agricoltori lungo la filiera.

    Il Pagamento unico aziendale disaccoppiato (Pua) va mantenuto, ma profondamente riformato, con importi più bassi e omogenei a livello territoriale.

    Favorire la produzione locale. Promuovere e incentivare i prodotti Italiani, la Politica italiana deve impegnarsi per una modifica alle quote dei prodotti, che molto spesso ledono gli interessi economici degli agricoltori e anche dei pescatori e allevatori, e quindi dell'intera economia italiana. Promuovere la rete a chilometro zero, voluta dalla Coldiretti per favorire i prodotti Italiani, favorendo una campagna di sensibilizzazione a favore della qualità dei prodotti italiani. Ogni Regione e Comune ha diritto a organizzarsi per favorire la propria produzione locale
    Ultima modifica di [email protected]; 21-09-12 alle 11:36

  3. #3
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di dibattito libero

    A zappare!
    "Insomma se è in gamba, ti porta l'aereo così basso.. ehehehe...
    Lei dovrebbe vederlo, è uno spettacolo: un gigante come il B-52.... BHOOAAAMMM!!!!.. con i gas di scarico t'arrostisce le oche vive!!"

  4. #4
    Seguace di Eraclito
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    6,395
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Re: VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di dibattito libero

    Vorrei invitare i colleghi tutti - ed in particolari quelli di SU, RDS e ST - a supportare nuovamente il già approvato DdL olivo, per il quale verranno prontamente sanati i rilievi mossi dalla VicePresidenza.
    Ultima modifica di Cabraizinho; 21-09-12 alle 12:39
    "Ma questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti" (J.M. Keynes)
    "Qualcuno vivo che se lo prende nel culo però c'è sempre!" (Cabra)

  5. #5
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,134
    Mentioned
    897 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di dibattito libero

    C'è poi da fare un serio discorso sulla politica agricola europea (disegnata per favorire certi paesi del nord europa riservando un po di clientelismo deteriore con i fondi impiegati malissimo per il sud europa) e italiana (non c'è nessuna strategia per incentivare la coltivazione) . Cosi com'è ora assolutamente non va dopodiche sugli strumenti si puo' discutere.
    Grazie all'Unione europea abbiamo in Italia una politica che elargisce fondi pubblici ai coltivatori diretti che non coltivano il proprio campo (e tutto allo scopo stupido di mettere delle quote alla produzione agricole per non fare concorrenza ai paesi del nord europea) . Risultato? interi terreni volutamente non coltivati e generazioni di finti contadini che prendono i fondi dall'europa per lasciar andare in malora il proprio campo facendo finta di essere potenziali contadini.
    Ultima modifica di [email protected]; 21-09-12 alle 13:21

  6. #6
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,134
    Mentioned
    897 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di dibattito libero

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    Come dicemmo nel dibattito di giugno scorso che precedette la presentazione del DDL Haxel [email protected] gli aspetti della politica agricola su cui una seria norma sull'agricoltura dovrebbe puntare sono secondo diversi:

    BENI PUBBLICI
    L’obiettivo generale della Politica agricola deve essere il sostegno per la produzione di beni pubblici, ovvero di beni prodotti dall’agricoltura, che hanno valore per la collettività, ma che non sono remunerati adeguatamente sul mercato: paesaggio agrario, presidio territoriale, biodiversità, lotta al cambiamento climatico, conservazione dell’ambiente, sviluppo rurale, salubrità degli alimenti, benessere degli animali.

    PAGAMENTI DIRETTI

    I pagamenti diretti potrebbero essere rimodulati in più componenti:
    • una parte (ridotta rispetto ai livelli attuali, ad esempio 150-200 euro/ettaro) erogata a tutti gli agricoltori in misura analoga come “zoccolo duro” di sostegno fisso al reddito, in cambio della condizionalità obbligatoria;
    • una parte riservata alle zone con svantaggi naturali, ad esempio la montagna, per cui si rovescia la situazione esistente; infatti, gli attuali pagamenti diretti assegnano maggiori risorse alla pianura e alle zone ad agricoltura intensiva; in futuro potrebbe essere l’inverso, ovvero la montagna potrebbe beneficiare di pagamenti diretti più elevati rispetto alla pianura;
    • una parte, selettiva, data in cambio di specifici comportamenti orientati alla fornitura di beni pubblici ambientali.

    COMPETITIVITÀ E FILIERA
    Emerge una nuova richiesta: l’introduzione di un sostegno per gli agricoltori nella filiera agroalimentare.
    In altre parole, si tratta di premiare gli agricoltori che si organizzano per migliorare il funzionamento del mercato e la stabilizzazione dei prezzi agricoli. Un esempio di politica che va in tale direzione è quello del cofinanziamento dei Programmi Operativi delle Organizzazioni dei Produttori. Questo strumento, attualmente in vigore per il settore degli ortofrutticoli freschi, può essere esteso agli altri settori dell’agricoltura.

    Delineazione di alcuni punti fermi.

    La Pac deve conservare un ammontare adeguato di risorse, senza drastici tagli rispetto alla situazione attuale.

    Il cofinanziamento non deve essere visto come un pericolo, sia perché può recuperare gli inevitabili tagli del bilancio comunitario sia perché è giustificato dal carattere locale degli interventi (es. pagamenti selettivi per l’ambiente o per la filiera).
    Il cofinanziamento deve essere obbligatorio.

    È inevitabile (e anche giusto) che l’obiettivo generale della Pac sia il sostegno dei beni pubblici, ma va declinato in modo concreto e realistico rispetto a strumenti e beneficiari.

    Il vuoto lasciato dallo smantellamento dei vecchi interventi di mercato va colmato con nuovi strumenti: reti di sicurezza in caso di crisi grave dei mercati, strumenti di assicurazione del reddito, misure innovative rivolte a rafforzare il ruolo degli agricoltori lungo la filiera.

    Il Pagamento unico aziendale disaccoppiato (Pua) va mantenuto, ma profondamente riformato, con importi più bassi e omogenei a livello territoriale.

    Favorire la produzione locale. Promuovere e incentivare i prodotti Italiani, la Politica italiana deve impegnarsi per una modifica alle quote dei prodotti, che molto spesso ledono gli interessi economici degli agricoltori e anche dei pescatori e allevatori, e quindi dell'intera economia italiana. Promuovere la rete a chilometro zero, voluta dalla Coldiretti per favorire i prodotti Italiani, favorendo una campagna di sensibilizzazione a favore della qualità dei prodotti italiani. Ogni Regione e Comune ha diritto a organizzarsi per favorire la propria produzione locale
    Aggiungo che nella fase di presentazione e discussione dei DDL ripetto al disegno di legge Haxel [email protected] che il PCF presentò a giugno scorso stavolta ci saranno diverse modifiche di sostanza per cui si tratterà a tutti gli effetti di una nuova e diversa proposta
    Ultima modifica di [email protected]; 24-09-12 alle 10:00

  7. #7
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,134
    Mentioned
    897 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di dibattito libero

    Citazione Originariamente Scritto da SteCompagno Visualizza Messaggio
    In qualità di vice-presidente apro il 3d per la fase di dibattito libero sul tema della Politiche Agricole.

    Daremo 72 ore, quindi il dibattito si concluderà alle 10.40 di Lunedi 24 Settembre-
    Stop:alle ore 10.40 di stamattina sono scadute le 72 ore di dibattito libero

 

 

Discussioni Simili

  1. II seduta del Senato - tema: università - fase di dibattito libero
    Di von Dekken nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-02-13, 10:53
  2. I seduta del Senato - tema: ludopatia - fase di dibattito libero
    Di von Dekken nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 20-01-13, 13:58
  3. I seduta del Senato - tema: femminicidio - fase di dibattito libero
    Di von Dekken nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 18-01-13, 21:22
  4. VI Seduta del Senato - Tema Politiche Agricole - fase di votazione
    Di SteCompagno nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 03-10-12, 18:17
  5. V Seduta del Senato - Tema Politiche Industriali - fase di dibattito
    Di SteCompagno nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 06-09-12, 13:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226