User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 46
Like Tree8Likes

Discussione: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Feb 2008
    Messaggi
    20,158
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Matteo Renzi spaventa i politici perché incarna una rottura: sia rispetto al passato remoto della sinistra italiana, sia rispetto al passato prossimo di un ventennio bloccato tra berlusconismo e antiberlusconismo. Ma Renzi è solo fumo o c’è anche dell’arrosto?

    La domanda non è irrilevante e la risposta non è scontata. L’anno scorso, il sindaco di Firenze aveva presentato alla Leopolda un “wiki programma” che, da tanti punti di vista, appariva interessante e condivisibile. Oggi la questione del programma appare fondamentale (il che è curioso in un paese dove sono perlopiù ignote le posizioni dei principali leader politici su pressoché qualunque tema di una certa importanza).

    Antonio Polito ha posto a Renzi domande precise, a cui il “rottamatore” ha replicato in modo non evasivo ma neanche esaustivo. Contemporaneamente, Franco Debenedetti ha sottolineato come a Renzi si chieda una chiarezza programmatica che da nessun altro viene pretesa, e lo stesso Luca Ricolfi, nell’esprimere un endorsement per il candidato del cambiamento, si sofferma più sulla forma del messaggio renziano, che sul messaggio stesso.

    Eppure, Renzi un programma l’ha pubblicato. Vediamo cosa dice – con la consapevolezza che tale documento non è finalizzato (solo) a esprimere il profilo del Renzi-premier ma (soprattutto) a vincere le primarie del centrosinistra. Come con la Leopolda, mi soffermerò sulle proposte economiche. Intendiamoci: il programma di Renzi non contiene analisi profonde né soluzioni precise. E’ però indicativo dell’approccio culturale che il sindaco sembra voler adottare. In questo senso ha ragione Ricolfi: più ancora delle tecnicalità, contano il modo in cui egli affronta i problemi e il linguaggio che utilizza per farlo. Sicché, il programma di Renzi è un “prodotto” distante anni luce sia dagli slogan del Pdl, sia dalle mitiche 282 pagine di Romano Prodi (sui siti dei partiti non trovo né l’uno né l’altro, ma sicuramente è colpa di Google, non del fatto che se ne vergognano e li hanno sepolti e/o rimossi). Renzi non parla né la lingua del populismo né quella dell’equilibrismo: si esprime in una lingua pragmatica che, se contiene tracce sia di populismo sia di politichese, le unisce a una chiarezza di significato comunque lodevole. Una chiarezza – pur all’interno di contorni spesso labili delle sue proposte – che rende il programma di Renzi concretamente valutabile. Per chi abbia un minimo di consuetudine con le nostre prassi politiche, non è poco.

    Il documento di Renzi si divide in dodici parti.

    La prima “voce” s’intitola “ritrovare la democrazia” e riguarda temi di architettura istituzionale che, a me, paiono affrontati in modo razionale. Due suggerimenti, in particolare, sembrano interessanti: 1) “Il finanziamento pubblico va abolito o drasticamente ridotto” e va incanalato secondo sentieri diversi dagli attuali, cioè “favorire il finanziamento privato sia con il 5 per mille, sia attraverso donazioni private effettuate in maniera trasparente, tracciabile e pubblica” (idea che ricorda molto da vicino quella presentata da Nicola Rossi); 2) per quel che riguarda il rapporto tra i corpi della Repubblica, seppure in modo un po’ generico Renzi sembra puntare a una più efficace attuazione del federalismo, con una linearizzazione dei processi (la quale presuppone l’eliminazione degli enti “inutili”) e una migliore attribuzione di autonomia e responsabilità ai singoli soggetti istituzionali. Qui sarebbe davvero necessaria maggiore chiarezza: in principio ci siamo, ma poiché all’ombra del federalismo negli ultimi 20 anni si sono fatte le più immone porcherie (spesso con autentico spirito centralista o con l’effetto, se non l’obiettivo, di moltiplicare centri decisionali e costi in modo caotico) sarebbe davvero importante definire, con precisione, “chi fa cosa” (e soprattuto chi spende cosa e chi tassa chi).

    Il secondo capitolo è dedicato all’Europa, ed è un po’ deludente. La frase “Per risolvere la crisi ci vuole più Europa non meno Europa”, oltre a essere vuota, è anche frusta (su Google trovo 222 risultati per la citazione letterale, 53 milioni per la ricerca libera). In concreto, Renzi sposa la tesi dell’integrazione bancaria europea, col conferimento alla Bce di maggiori poteri in tema di vigilanza, e una “maggiore integrazione” dei bilanci pubblici, in particolare attraverso l’emissione di titoli di debito comuni. Sul primo punto nulla da dire, ma quest’ultimo invece va guardato con grande sospetto: non solo la concorrenza fa bene anche al fisco, ma gli eurobond sono, puramente e semplicemente, la soluzione sbagliata (non ultimo in quanto sarebbero una macchina infernale per la produzione di moral hazard). L’altra grande voce di questo capitolo s’intitola “fare gli europei” e contiene proposte che tendenzialmente non mi piacciono, con l’eccezione della spinta all’internazionalizzazione delle università (Dio sa quanto ne avrebbe bisogno l’Italia). Infatti la logica di fondo è quella di spingere il Vecchio Continente verso una crescente integrazione politica, ignorando i costi e le difficoltà di un simile processo all’interno di una realtà così eterogenea, persino nella lingua, come è l’Europa. Può essere una questione di uovo e gallina, ma nutro grande diffidenza verso qualunque tentativo di costruzione statale in generale, e in particolare di edificazione di un welfare e di un fisco comune in presenza di un mercato del lavoro sostanzialmente privo di mobilità territoriale.

    Il terzo paragrafo, “Le premesse del rilancio”, è uno dei più densi, dal mio punto di vista. Al primo posto mette la riduzione del debito pubblico attraverso privatizzazioni, sia di beni mobili che immobili. Poi chiede di vincolare il gettito della lotta all’evasione alla riduzione delle imposte per i contribuenti onesti (in realtà questo è facile, perché, almeno in teoria, è già previsto dalla legge). Quindi suggerisce di “istituzionalizzare” la spending review trasformandola non solo in uno strumento di “efficientamento” della spesa pubblica, ma anche in un’occasione di suo ripensamento radicale, inclusi un taglio radicale dei sussidi alle imprese (essenzialmente quanto chiede il Piano Giavazzi) e “la riduzione dell’area del pubblico impiego” (ok, vengono esclusi esplicitamente i licenziamenti, ma almeno si fa un accenno all’esigenza di contenere il moloch). Matteo, I’m with you: questo programma è il mio programma.

    La quarta area d’intervento, “Investire sugli italiani”, esordisce con la promessa un po’ prima repubblica di garantire una massiccia espansione degli asili nido (ok, bene, ma qualifichiamo meglio…), ma per il resto è del tutto condivisibile, in quanto si basa sul presupposto che la performance degli educatori – nei rispettivi settori della scuola dell’obbligo, della formazione professionale e dell’università – vada valutata e che a tale valutazione debba essere collegato un meccanismo efficace di premi e sanzioni. Debolucce le proposte per favorire l’accesso al mercato del lavoro di giovani e anziani: bene l’intenzione, poco convincente lo svolgimento.

    Il quinto capitolo ha un titolo ambizioso a dire poco: “un nuovo paradigma per la crescita: partire dal basso, smantellando le rendite”. In realtà contiene proposte per lo più di buonsenso: un sostegno al reddito per le fasce sociali medio-basse (ok se alternativo al sostegno in natura che deriva dall’erogazione gratis o quasi di servizi pubblici), liberalizzazioni a gogo. Trovo molto meno condivisibile il punto sulla garanzia finanziaria parapubblica per le aziende, che è l’ennesimo modo di girare attorno al primo grande problema, cioè i ritardi nei pagamenti della Pubblica Amministrazione. Molto buona l’idea di assegnare priorità agli investimenti pubblici nella manutenzione di piccole opere, piuttosto che realizzazione di grandi opere. A proposito di quest’ultime Renzi ha un’intuizione ma finisce fuori strada: istituire una commissione di esperti per valutare quali infrastrutture “servono davvero”. In realtà basterebbe prosciugare i sussidi e lasciar scegliere al mercato. Infine, molto correttamente i renziani individuano l’inefficienza della PA come maggiore ostacolo all’attrazione di investimenti stranieri. Quindi, per rendere il paese più attrattivo, non servono soldi ma riforme.

    La sesta parte del programma è dedicata al welfare. L’approccio generale è assai sensato: il modo migliore per scongiurare forme di dipendenza cronica dallo Stato sociale e, contemporaneamente, garantire sufficiente flessibilità d’intervento, la sicurezza sociale deve trovare il suo alveo fondamentale al livello locale, e non deve avere dimensione puramente pubblicistica ma deve saper mobilitare associazioni, terzo settore, eccetera. Insomma: quella che, se la parola non fosse stata ampiamente sputtanata da chi ne ha fatto uso troppo disinvolto, si usava chiamare sussidiarietà. Per quel che riguarda la regolamentazione generale del mercato del lavoro, il modello è quello “alla Ichino” della flexsecurity. Sulla sanità, l’approccio è di una sostanziale razionalizzazione, legando il finanziamento del servizio alla definizione di “costi standard” e demandando la raccolta delle risorse necessarie principalmente alla fiscalità locale. Purtroppo non si parla – almeno non esplicitamente – di concorrenza tra strutture, anche se ciò non sembra essere in contraddizione con quanto viene esposto. Sulle pensioni, appoggio dichiarato e “non negoziabile” alla riforma Fornero.

    Il settimo punto parla di tasse e l’esordio è una dichiarazione precisa: “La pressione fiscale ha raggiunto un livello insostenibile: uccide le imprese oneste e deprime i redditi dei lavoratori; soffoca l’economia e riduce la crescita. Al tempo stesso abbiamo un fisco che ‘fa la faccia feroce’ con gli onesti e con coloro che commettono uno sbaglio, sommerge gli italiani di norme complicate, ma ancora troppo spesso lascia i furbi indisturbati”. In che modo viene tradotta, in provvedimenti di policy, questa interpretazione (corretta)? La ricetta di Renzi inizia con la semplificazione sia per i singoli (“ciascun cittadino ha diritto di ricevere una dichiarazione dei redditi pre-compilata”) sia per le imprese, e prosegue ribadendo l’impegno di utilizzare i proventi della lotta all’evasione per l’abbattimento della pressione fiscale.

    La semplificazione è anche al centro dell’ottavo capitolo del programma, che impone la trasparenza di tutti gli atti pubblici (presumibilmente inclusi i bilanci di enti e società partecipate) e l’informatizzazione della PA sia al suo interno, sia nel rapporto coi cittadini. La semplificazione viene immaginata come una prassi più che come un intervento spot, e si applica a tutti i livelli: dall’attività di produzione di norme e regolamenti all’organizzazione della giustizia.

    La nona sezione è dedicata al “modello italiano: cultura, turismo, sostenibilità” e a mio avviso è la più debole. Sulla cultura la richiesta iniziale è “più risorse pubbliche”, anche se poi si riconosce l’importanza del ruolo dei privati (i cui investimenti si propone di defiscalizzare). Inoltre le varie proposte sulla promozione dell’Italia nel mondo attraverso un’agenzia unica per i musei mi sembrano naif a dire poco. Idem sul turismo: la risposta alla crisi del settore non può essere “una politica del turismo” (che vuol dire, poi?) ma affrontare i problemi che gli operatori turistici devono scontare, e che in buona parte sono coperti dagli otto punti precedenti. Anche sulla sostenibilità ambientale il programma è piuttosto generico e procede per slogan, quindi è difficile valutarlo.

    Il decimo punto riguarda la sicurezza. L’undicesimo i “diritti” e al primo posto viene messo quello alla cittadinanza: “Chi nasce e cresce in Italia è italiano” (sottoscrivo). Il dodicesimo e ultimo capitolo è un invito alla partecipazione nella redazione del programma (in qualche modo questo articolo vuole essere una risposta a quell’invito).

    Nel complesso, credo si possa ribadire quanto già avevo detto all’epoca della Leopolda: con tutte le sue contraddizioni, vaghezze e scelte retoriche, il programma di Renzi è, tra quelli dei candidati alle primarie del Pd e quelli degli altri partiti tradizionali, senza alcun dubbio quello più esaustivo. In questo senso è davvero bizzarro che il sindaco di Firenze venga continuamente tirato per la giacchetta per le sue reticenze programmatiche: piacciano oppure no, qui i contenuti ci sono. Possono piacere oppure no e meritano di essere valutati nel merito, non liquidati come se fossero assenti. Si poteva fare di più e meglio – che è sempre vero. Ma non v’è dubbio che, tra i papabili candidati dei partiti tradizionali, di destra e di sinistra, tutti gli altri abbiano fatto di meno e peggio.

    http://www.chicago-blog.it/2012/09/2...amma-di-renzi/
    Dannato Barone Rosso.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Italiani ! tiè !
    Data Registrazione
    22 Oct 2009
    Messaggi
    3,254
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da morfeo Visualizza Messaggio
    Matteo Renzi spaventa i politici perché incarna una rottura: sia rispetto al passato remoto della sinistra italiana, sia rispetto al passato prossimo di un ventennio bloccato tra berlusconismo e antiberlusconismo. Ma Renzi è solo fumo o c’è anche dell’arrosto?

    La domanda non è irrilevante e la risposta non è scontata. L’anno scorso, il sindaco di Firenze aveva presentato alla Leopolda un “wiki programma” che, da tanti punti di vista, appariva interessante e condivisibile. Oggi la questione del programma appare fondamentale (il che è curioso in un paese dove sono perlopiù ignote le posizioni dei principali leader politici su pressoché qualunque tema di una certa importanza).

    Antonio Polito ha posto a Renzi domande precise, a cui il “rottamatore” ha replicato in modo non evasivo ma neanche esaustivo. Contemporaneamente, Franco Debenedetti ha sottolineato come a Renzi si chieda una chiarezza programmatica che da nessun altro viene pretesa, e lo stesso Luca Ricolfi, nell’esprimere un endorsement per il candidato del cambiamento, si sofferma più sulla forma del messaggio renziano, che sul messaggio stesso.

    Eppure, Renzi un programma l’ha pubblicato. Vediamo cosa dice – con la consapevolezza che tale documento non è finalizzato (solo) a esprimere il profilo del Renzi-premier ma (soprattutto) a vincere le primarie del centrosinistra. Come con la Leopolda, mi soffermerò sulle proposte economiche. Intendiamoci: il programma di Renzi non contiene analisi profonde né soluzioni precise. E’ però indicativo dell’approccio culturale che il sindaco sembra voler adottare. In questo senso ha ragione Ricolfi: più ancora delle tecnicalità, contano il modo in cui egli affronta i problemi e il linguaggio che utilizza per farlo. Sicché, il programma di Renzi è un “prodotto” distante anni luce sia dagli slogan del Pdl, sia dalle mitiche 282 pagine di Romano Prodi (sui siti dei partiti non trovo né l’uno né l’altro, ma sicuramente è colpa di Google, non del fatto che se ne vergognano e li hanno sepolti e/o rimossi). Renzi non parla né la lingua del populismo né quella dell’equilibrismo: si esprime in una lingua pragmatica che, se contiene tracce sia di populismo sia di politichese, le unisce a una chiarezza di significato comunque lodevole. Una chiarezza – pur all’interno di contorni spesso labili delle sue proposte – che rende il programma di Renzi concretamente valutabile. Per chi abbia un minimo di consuetudine con le nostre prassi politiche, non è poco.

    Il documento di Renzi si divide in dodici parti.

    La prima “voce” s’intitola “ritrovare la democrazia” e riguarda temi di architettura istituzionale che, a me, paiono affrontati in modo razionale. Due suggerimenti, in particolare, sembrano interessanti: 1) “Il finanziamento pubblico va abolito o drasticamente ridotto” e va incanalato secondo sentieri diversi dagli attuali, cioè “favorire il finanziamento privato sia con il 5 per mille, sia attraverso donazioni private effettuate in maniera trasparente, tracciabile e pubblica” (idea che ricorda molto da vicino quella presentata da Nicola Rossi); 2) per quel che riguarda il rapporto tra i corpi della Repubblica, seppure in modo un po’ generico Renzi sembra puntare a una più efficace attuazione del federalismo, con una linearizzazione dei processi (la quale presuppone l’eliminazione degli enti “inutili”) e una migliore attribuzione di autonomia e responsabilità ai singoli soggetti istituzionali. Qui sarebbe davvero necessaria maggiore chiarezza: in principio ci siamo, ma poiché all’ombra del federalismo negli ultimi 20 anni si sono fatte le più immone porcherie (spesso con autentico spirito centralista o con l’effetto, se non l’obiettivo, di moltiplicare centri decisionali e costi in modo caotico) sarebbe davvero importante definire, con precisione, “chi fa cosa” (e soprattuto chi spende cosa e chi tassa chi).

    Il secondo capitolo è dedicato all’Europa, ed è un po’ deludente. La frase “Per risolvere la crisi ci vuole più Europa non meno Europa”, oltre a essere vuota, è anche frusta (su Google trovo 222 risultati per la citazione letterale, 53 milioni per la ricerca libera). In concreto, Renzi sposa la tesi dell’integrazione bancaria europea, col conferimento alla Bce di maggiori poteri in tema di vigilanza, e una “maggiore integrazione” dei bilanci pubblici, in particolare attraverso l’emissione di titoli di debito comuni. Sul primo punto nulla da dire, ma quest’ultimo invece va guardato con grande sospetto: non solo la concorrenza fa bene anche al fisco, ma gli eurobond sono, puramente e semplicemente, la soluzione sbagliata (non ultimo in quanto sarebbero una macchina infernale per la produzione di moral hazard). L’altra grande voce di questo capitolo s’intitola “fare gli europei” e contiene proposte che tendenzialmente non mi piacciono, con l’eccezione della spinta all’internazionalizzazione delle università (Dio sa quanto ne avrebbe bisogno l’Italia). Infatti la logica di fondo è quella di spingere il Vecchio Continente verso una crescente integrazione politica, ignorando i costi e le difficoltà di un simile processo all’interno di una realtà così eterogenea, persino nella lingua, come è l’Europa. Può essere una questione di uovo e gallina, ma nutro grande diffidenza verso qualunque tentativo di costruzione statale in generale, e in particolare di edificazione di un welfare e di un fisco comune in presenza di un mercato del lavoro sostanzialmente privo di mobilità territoriale.

    Il terzo paragrafo, “Le premesse del rilancio”, è uno dei più densi, dal mio punto di vista. Al primo posto mette la riduzione del debito pubblico attraverso privatizzazioni, sia di beni mobili che immobili. Poi chiede di vincolare il gettito della lotta all’evasione alla riduzione delle imposte per i contribuenti onesti (in realtà questo è facile, perché, almeno in teoria, è già previsto dalla legge). Quindi suggerisce di “istituzionalizzare” la spending review trasformandola non solo in uno strumento di “efficientamento” della spesa pubblica, ma anche in un’occasione di suo ripensamento radicale, inclusi un taglio radicale dei sussidi alle imprese (essenzialmente quanto chiede il Piano Giavazzi) e “la riduzione dell’area del pubblico impiego” (ok, vengono esclusi esplicitamente i licenziamenti, ma almeno si fa un accenno all’esigenza di contenere il moloch). Matteo, I’m with you: questo programma è il mio programma.

    La quarta area d’intervento, “Investire sugli italiani”, esordisce con la promessa un po’ prima repubblica di garantire una massiccia espansione degli asili nido (ok, bene, ma qualifichiamo meglio…), ma per il resto è del tutto condivisibile, in quanto si basa sul presupposto che la performance degli educatori – nei rispettivi settori della scuola dell’obbligo, della formazione professionale e dell’università – vada valutata e che a tale valutazione debba essere collegato un meccanismo efficace di premi e sanzioni. Debolucce le proposte per favorire l’accesso al mercato del lavoro di giovani e anziani: bene l’intenzione, poco convincente lo svolgimento.

    Il quinto capitolo ha un titolo ambizioso a dire poco: “un nuovo paradigma per la crescita: partire dal basso, smantellando le rendite”. In realtà contiene proposte per lo più di buonsenso: un sostegno al reddito per le fasce sociali medio-basse (ok se alternativo al sostegno in natura che deriva dall’erogazione gratis o quasi di servizi pubblici), liberalizzazioni a gogo. Trovo molto meno condivisibile il punto sulla garanzia finanziaria parapubblica per le aziende, che è l’ennesimo modo di girare attorno al primo grande problema, cioè i ritardi nei pagamenti della Pubblica Amministrazione. Molto buona l’idea di assegnare priorità agli investimenti pubblici nella manutenzione di piccole opere, piuttosto che realizzazione di grandi opere. A proposito di quest’ultime Renzi ha un’intuizione ma finisce fuori strada: istituire una commissione di esperti per valutare quali infrastrutture “servono davvero”. In realtà basterebbe prosciugare i sussidi e lasciar scegliere al mercato. Infine, molto correttamente i renziani individuano l’inefficienza della PA come maggiore ostacolo all’attrazione di investimenti stranieri. Quindi, per rendere il paese più attrattivo, non servono soldi ma riforme.

    La sesta parte del programma è dedicata al welfare. L’approccio generale è assai sensato: il modo migliore per scongiurare forme di dipendenza cronica dallo Stato sociale e, contemporaneamente, garantire sufficiente flessibilità d’intervento, la sicurezza sociale deve trovare il suo alveo fondamentale al livello locale, e non deve avere dimensione puramente pubblicistica ma deve saper mobilitare associazioni, terzo settore, eccetera. Insomma: quella che, se la parola non fosse stata ampiamente sputtanata da chi ne ha fatto uso troppo disinvolto, si usava chiamare sussidiarietà. Per quel che riguarda la regolamentazione generale del mercato del lavoro, il modello è quello “alla Ichino” della flexsecurity. Sulla sanità, l’approccio è di una sostanziale razionalizzazione, legando il finanziamento del servizio alla definizione di “costi standard” e demandando la raccolta delle risorse necessarie principalmente alla fiscalità locale. Purtroppo non si parla – almeno non esplicitamente – di concorrenza tra strutture, anche se ciò non sembra essere in contraddizione con quanto viene esposto. Sulle pensioni, appoggio dichiarato e “non negoziabile” alla riforma Fornero.

    Il settimo punto parla di tasse e l’esordio è una dichiarazione precisa: “La pressione fiscale ha raggiunto un livello insostenibile: uccide le imprese oneste e deprime i redditi dei lavoratori; soffoca l’economia e riduce la crescita. Al tempo stesso abbiamo un fisco che ‘fa la faccia feroce’ con gli onesti e con coloro che commettono uno sbaglio, sommerge gli italiani di norme complicate, ma ancora troppo spesso lascia i furbi indisturbati”. In che modo viene tradotta, in provvedimenti di policy, questa interpretazione (corretta)? La ricetta di Renzi inizia con la semplificazione sia per i singoli (“ciascun cittadino ha diritto di ricevere una dichiarazione dei redditi pre-compilata”) sia per le imprese, e prosegue ribadendo l’impegno di utilizzare i proventi della lotta all’evasione per l’abbattimento della pressione fiscale.

    La semplificazione è anche al centro dell’ottavo capitolo del programma, che impone la trasparenza di tutti gli atti pubblici (presumibilmente inclusi i bilanci di enti e società partecipate) e l’informatizzazione della PA sia al suo interno, sia nel rapporto coi cittadini. La semplificazione viene immaginata come una prassi più che come un intervento spot, e si applica a tutti i livelli: dall’attività di produzione di norme e regolamenti all’organizzazione della giustizia.

    La nona sezione è dedicata al “modello italiano: cultura, turismo, sostenibilità” e a mio avviso è la più debole. Sulla cultura la richiesta iniziale è “più risorse pubbliche”, anche se poi si riconosce l’importanza del ruolo dei privati (i cui investimenti si propone di defiscalizzare). Inoltre le varie proposte sulla promozione dell’Italia nel mondo attraverso un’agenzia unica per i musei mi sembrano naif a dire poco. Idem sul turismo: la risposta alla crisi del settore non può essere “una politica del turismo” (che vuol dire, poi?) ma affrontare i problemi che gli operatori turistici devono scontare, e che in buona parte sono coperti dagli otto punti precedenti. Anche sulla sostenibilità ambientale il programma è piuttosto generico e procede per slogan, quindi è difficile valutarlo.

    Il decimo punto riguarda la sicurezza. L’undicesimo i “diritti” e al primo posto viene messo quello alla cittadinanza: “Chi nasce e cresce in Italia è italiano” (sottoscrivo). Il dodicesimo e ultimo capitolo è un invito alla partecipazione nella redazione del programma (in qualche modo questo articolo vuole essere una risposta a quell’invito).

    Nel complesso, credo si possa ribadire quanto già avevo detto all’epoca della Leopolda: con tutte le sue contraddizioni, vaghezze e scelte retoriche, il programma di Renzi è, tra quelli dei candidati alle primarie del Pd e quelli degli altri partiti tradizionali, senza alcun dubbio quello più esaustivo. In questo senso è davvero bizzarro che il sindaco di Firenze venga continuamente tirato per la giacchetta per le sue reticenze programmatiche: piacciano oppure no, qui i contenuti ci sono. Possono piacere oppure no e meritano di essere valutati nel merito, non liquidati come se fossero assenti. Si poteva fare di più e meglio – che è sempre vero. Ma non v’è dubbio che, tra i papabili candidati dei partiti tradizionali, di destra e di sinistra, tutti gli altri abbiano fatto di meno e peggio.

    CHICAGO BLOG » Fumo e arrosto nel programma di Renzi
    la domanda è irrilevante, perdonami.
    non voglio essere qualunquista, ma supponiamo (ma non glielo permetteranno) che renzi vinca eventuali primarie e il pd vinca (probabile) le elezioni.
    abbiamo due situazioni:
    a) renzi è un politico valido
    b) renzi non è un politico valido, poco male, in 20 anni gli altri del pd hanno dimostrato di essere incapaci (non voglio pensar e peggio ), certo se non si cambia...
    Un fallimento è l'opportunità di ricominciare in modo più intelligente.
    Henry Ford.

  3. #3
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,907
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    In questo sono d'accordo con Guidastro , più che i programmi a me piace valutare i poltici sulal base di quello che hanno fatto e detto , qui sotto ho riassunto i tre episodi che mi ahnno convinto a non votare mai Renzi

    Marzo 2009 nel pieno delle polemiche sulla vicenda englareo ( il padre della sfortunata ragazza fu chiamato assassino anche in parlamento e addtato al pubblico dispresso in più di 40 siti, indagato per omicidio ( e ovviamente assolto) , nel centro sinistra fiorentino ci fu chi lo propose per la cittadinanza onoraria , ma Renzi si oppose in nome di una non ben definita par condicio con chi assisteva le persone care

    Sono contrario — dice Renzi — perché questa non è una proposta seria, ma soltanto una provocazione. Firenze ha sempre cercato un dialogo, e personaggi come La Pira lo testimoniano. Non mi piace la voglia di mettere la bandierina su una vicenda particolare come quella di Eluana per radicalizzare lo scontro. Se si concedesse la cittadinanza onoraria al signor Englaro, dovremmo conferirla anche a quelle 2.500 persone che stanno assistendo persone care nelle stesse condizioni di Eluana»

    «Englaro cittadino onorario» Firenze divisa, no di Renzi - Corriere della Sera



    Gennaio 2011 in pieno scontro fra una parte dei lavoratori e l' ad della FIAT Renzi non ha dubbi su dove schierarsi

    Firenze, 11 gen. (Adnkronos) - "Io sto dalla parte di Marchionne, dalla parte di chi sta investendo sul futuro delle aziende, quando tutte le aziende chiudono, e' un momento in cui bisogna cercare di tenere aperte le fabbriche". Lo ha detto il sindaco di Firenze, Matteo Renzi (Pd), intervistato al tg de La7.



    Fiat: Renzi, sto dalla parte di Marchionne senza se e senza ma - Adnkronos Economia

    Ora il suo braccio destro Gori dice che è pentito

    Gori: io e Renzi stiamo con chi crea lavoro, ma delusi da Marchionne



    Aprile 2011

    Renzi dichiara l'apertura dei negozi il primo maggio , contraria la CGIL. E sostiene che lo fa per i turisti . In realtà il primo maggio cadeva di domenica , due settimane prima il 24 aprile era pasqua il giorno dopo festa due volte ( festa della liberazione e pasquetta) , .quindi week end lungo e negozi chiusi per 48 ore ma in occasione della festività religiosa ai turisti non pensò nessuno.

    Primo maggio, Renzi: “Io lavoro, negozi aperti non sono uno scandalo” | Blitz quotidiano

  4. #4
    Pallone gonfiato
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,495
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    18 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da lucrezio Visualizza Messaggio
    In questo sono d'accordo con Guidastro , più che i programmi a me piace valutare i poltici sulal base di quello che hanno fatto e detto , qui sotto ho riassunto i tre episodi che mi ahnno convinto a non votare mai Renzi
    Quindi allo stesso tempo escludi di poter votare Bersani visto e considerato che fa parte dell'entourage che per 20 anni ha sorvolato sulla legge del conflitto di interessi, etc. etc.

  5. #5
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    17,073
    Mentioned
    440 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Io giudico in base al progetto invece, e in Renzi vedo:

    - poca sensibilità alla questione dei lavori usuranti ( che stringi stringi va dritta dritta al cuore della Sinistra, ossia le condizioni di vita di chi lavora)

    - poca sensibilità alla questione del precariato giovanile e del futuro dei precari a cui si prospettano pensioni da fame visti i pochi contributi versati

    - poca sensibilità verso la "precarietà esistenziale" che si dovrebbe affrontare cambiando 10 volte lavoro nella vita, anche dopo i 30-40 anni e quindi con famiglie e bambini a carico ( con conseguente sconvolgimento dei tempi e ritmi di vita, nonchè con una vita costantemente all'inseguimento)

    - poca sensibilità verso una Programmazione Industriale innovativa

    - poca sensibilità al lavoro di squadra per favorire un decisionismo carismatico che mi ricorda un po' Craxi...


    uesti sono i punti deboli che vedo nel progetto di Renzi.
    lucrezio likes this.
    «Riformista è uno che sa che a sbattere la testa contro il muro si rompe la testa, non il muro! Riformista...è uno che vuole cambiare il mondo per mezzo del buonsenso, senza tagliare teste a nessuno» [Baaria]

  6. #6
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,907
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da Frankie D. Visualizza Messaggio
    Quindi allo stesso tempo escludi di poter votare Bersani visto e considerato che fa parte dell'entourage che per 20 anni ha sorvolato sulla legge del conflitto di interessi, etc. etc.
    Caro Frankie , ti sembra che ho scritto sulla base di quello che non ha fatto, ha tralasciato, sorvolato, omesso ... ? Quando mi baso su quello che non ha fatto ha tralasciato, sorvolato, omesso ... la classe dirigente di questo paese (non solo la classe politica) giungo alla conclusione di lasciare il Paese, cosa che non posso fare avendo famiglia , quindi ciò premesso e dovendo purtroppo scegliere all' interno di questa classe dirigente e nello specifico politica e sapendo che hanno tutti nell' armadio il non aver fatto, aver tralasciato, sorvolato, omesso ... per dare un giudizio personalizzato guardo ciò che hanno fatto . Obiezione respinta

  7. #7
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,907
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da Gdem88 Visualizza Messaggio
    Io giudico in base al progetto invece, e in Renzi vedo:

    - poca sensibilità alla questione dei lavori usuranti ( che stringi stringi va dritta dritta al cuore della Sinistra, ossia le condizioni di vita di chi lavora)

    - poca sensibilità alla questione del precariato giovanile e del futuro dei precari a cui si prospettano pensioni da fame visti i pochi contributi versati

    - poca sensibilità verso la "precarietà esistenziale" che si dovrebbe affrontare cambiando 10 volte lavoro nella vita, anche dopo i 30-40 anni e quindi con famiglie e bambini a carico ( con conseguente sconvolgimento dei tempi e ritmi di vita, nonchè con una vita costantemente all'inseguimento)

    - poca sensibilità verso una Programmazione Industriale innovativa

    - poca sensibilità al lavoro di squadra per favorire un decisionismo carismatico che mi ricorda un po' Craxi...


    uesti sono i punti deboli che vedo nel progetto di Renzi.
    Condivido in pieno caro Gdem, mi sono permesso di citare questa tua breve , ma acuta analisi nel nostro sito, spero non ti dispiaccia

    L'alleanza di centro sinistra , il dibattito | novefebbraio.it

  8. #8
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    17,073
    Mentioned
    440 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da lucrezio Visualizza Messaggio
    Condivido in pieno caro Gdem, mi sono permesso di citare questa tua breve , ma acuta analisi nel nostro sito, spero non ti dispiaccia

    L'alleanza di centro sinistra , il dibattito | novefebbraio.it
    E' un piacere e un onore
    «Riformista è uno che sa che a sbattere la testa contro il muro si rompe la testa, non il muro! Riformista...è uno che vuole cambiare il mondo per mezzo del buonsenso, senza tagliare teste a nessuno» [Baaria]

  9. #9
    Pallone gonfiato
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,495
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    18 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da lucrezio Visualizza Messaggio
    Caro Frankie , ti sembra che ho scritto sulla base di quello che non ha fatto, ha tralasciato, sorvolato, omesso ... ? Quando mi baso su quello che non ha fatto ha tralasciato, sorvolato, omesso ... la classe dirigente di questo paese (non solo la classe politica) giungo alla conclusione di lasciare il Paese, cosa che non posso fare avendo famiglia , quindi ciò premesso e dovendo purtroppo scegliere all' interno di questa classe dirigente e nello specifico politica e sapendo che hanno tutti nell' armadio il non aver fatto, aver tralasciato, sorvolato, omesso ... per dare un giudizio personalizzato guardo ciò che hanno fatto . Obiezione respinta
    Quindi ti limiti a votare ciò che tu ritieni il meno peggio se ho ben capito.

  10. #10
    Simposiante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    5,286
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Fumo e arrosto nel programma di Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da Gdem88 Visualizza Messaggio
    - poca sensibilità alla questione del precariato giovanile e del futuro dei precari a cui si prospettano pensioni da fame visti i pochi contributi versati
    Ringrazia l'elevata tassazione sul lavoro che serve a finanziare potenziali elettori parcheggiati nella pubblica amministrazione.

    - poca sensibilità verso la "precarietà esistenziale" che si dovrebbe affrontare cambiando 10 volte lavoro nella vita, anche dopo i 30-40 anni e quindi con famiglie e bambini a carico ( con conseguente sconvolgimento dei tempi e ritmi di vita, nonchè con una vita costantemente all'inseguimento)
    L'importante è che non manchi l'offerta di lavoro: in tal caso che importa se vien meno UN rapporto di lavoro?

    - poca sensibilità verso una Programmazione Industriale innovativa

    Le politiche industriali devon farle le industrie, non la politica, come se questa dovesse rimediare a una originaria stupidità economica di chi intraprende (stupidità che è in larga parte prerogativa proprio della politica).

    - poca sensibilità al lavoro di squadra per favorire un decisionismo carismatico che mi ricorda un po' Craxi...
    Il punto è con chi si vuol fare squadra: con chi ha alle spalle D'Alema??


    questi sono i punti deboli che vedo nel progetto di Renzi.
    A me pare che un vero punto debole sia il mutismo sul federalismo. Ma dall'altra parte cosa abbiamo? Nei prossimi anni dovremo trovare 30-40 miliardi per il fiscal compact, come li trovi? con una patrimoniale e senza tagli radicali alla spesa pubblica come pensano Bersani e Vendola? La matematica ha le sue leggi. Se non altro Renzi propone dismissioni e di mettere sul mercato società pubbliche e municipali, ossia ha una strategia credibile per mantener i conti in ordine. Se anche vincesse Bersani la sua coalizione resterebbe schiacciata tra i diktat di Vendola e le pressioni di Bruxelles e nel giro di un anno o due ci sarebbero nuove elezioni. Il programma di Bersani, nella sua strategia generale, è insostenibile.
    Ultima modifica di Platone; 23-09-12 alle 15:32
    morfeo and Mitchell like this.
    Possiamo perdonare un bambino quando ha paura del buio. La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Bersani continua a vendere fumo... senza arrosto!
    Di TEBELARUS nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 10-05-11, 21:41
  2. pato: tutto fumo e niente arrosto...
    Di Toninuccio nel forum AC Milan
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 06-02-08, 15:45
  3. Fumo, indipendentisti e arrosto politico.
    Di Su Componidori nel forum Sardismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-07-06, 17:27
  4. Fumo o arrosto?
    Di El Milanes nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-07-06, 09:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226