User Tag List

Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 94
Like Tree11Likes

Discussione: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA
    di Filippo Giannini

    Questo articolo è dedicato a tutti quei lavoratori (operai, tecnici o impiegati) che hanno perso il lavoro o che sono in pericolo di perderlo, come i minatori in Sardegna, gli operai a Taranto, e attingendo al pensiero di Alessandro Mezzano, posiamo scrivere: <Se in Italia ci fosse ancora la Socializzazione delle aziende, il caso FIAT non esisterebbe) ecc.
    Come primo incitamento: non permettete di far chiudere le fabbriche o qualsiasi posto di lavoro. Pretendete di socializzare le aziende dove prestate la vostra opera. Lo stesso proprietario può entrare nel contesto dell’azienda socializzata, così come è stato fatto in Germania con la Mitbestimmung, che per ironia della storia l’idea della partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa, aspramente avversata dagli alti esponenti tedeschi, attecchì in Italia, purtroppo quando la guerra era ormai alla fine e i liberatori ci imposero il miraggio della privatizzazione, il mito dell’economia di mercato, strumenti per riaffermare l’egemonia capitalistica sull’economia e sulla politica. Anche l’Argentina che agli inizi del 2000 andò in default per 112 miliardi di dollari, che causò, similmente come sta accadendo in Italia, il licenziamento di migliaia di lavoratori. Fortuna volle che Qualcuno adottasse le idee mussoliniane e mettesse in atto, nelle aziende in crisi, la SOCIALIZZAZIONE, e la ripresa è stata tanto rapida che oggi, addirittura la Presidente della Repubblica Argentina Cristina Kirckner può lanciare questo messaggio: <Chi vuole operare, imprendere, creare lavoro e ricchezza, è benvenuto in Argentina (…)>. L’esempio dell’Argentina, con grande scorno degli Usa, è seguita dal Venezuela che ha iniziato a socializzare le imprese del legno. L’esempio dell’Argentina e del Venezuela è ripreso da altri Paesi dell’America meridionale.
    Ed ora facciamo un po’ di Storia.
    Lo scorso anno preparai un articolo dal titolo: “Ancora, ancora, e ancora griderò: LAVORATORE, SEI STATO FREGATO!”; ed ecco perché: la socializzazione, prevista nei 18 punti del Manifesto di Verona, nella Rsi, fu un’altra pietra miliare della politica sociale del Fascismo. Pietra miliare derisa, disconosciuta e condannata dai politicastri di oggi, e tu lavoratore non devi continuare a farti fregare. La tua salvezza è ancora e solo nel pensiero mussoliniano, checché vogliano sostenere gli incapaci, i ladroni, i furfanti di questa repubblica, impostaci dai liberatori. Il punto 9 del Manifesto affermava: <Base della Repubblica Sociale e suo oggetto primario è il lavoro manuale, tecnico, intellettuale in ogni sua manifestazione>. Forse, nel caos di oggi, l’articolo più necessario è il 12, che recita: <In ogni azienda industriale, agricola, privata, parastatale, statale le rappresentanze dei tecnici e degli operai coopereranno – attraverso una conoscenza diretta della gestione – all’equa fissazione dei salari, nonché all’equa ripartizione degli utili, fra il fondo di riserva, il frutto del capitale azionario e la partecipazione agli utili stessi da parte dei lavoratori. In alcune imprese ciò potrà avvenire con una estensione delle prerogative delle attuali commissioni di fabbrica; in altre sostituendo i Consigli di amministrazione con Consigli di gestione composti da tecnici e da operai con un rappresentante dello Stato, in altre in forma di cooperative parasindacali>. Quindi, tu lavoratore che stai per perdere il lavoro, con la politica sociale mussoliniana, saresti diventato partecipe anche alle decisioni aziendali, cioè saresti stato tu a decidere se l’azienda doveva essere chiusa oppure no.
    Per i lavoratori che sono sul punto di essere sfrattati, ricordo l’articolo 15: <Quello della casa non è soltanto un diritto di proprietà, è un diritto alla proprietà (…)>. E Mussolini anche su questo punto non scherzava; ricordate la IACP (istituto Autonomo Case Popolari) che vide la luce nell’infausto Ventennio? Quanti appartamenti vennero costruiti e quanti ceduti alla classe proletaria? L’Italia proletaria e fascista non fu un’espressione demagogica, ma la sublimazione del pensiero e della vita che sollevò dalla palude una massa di uomini e li avviò verso la realizzazione sociale, morale, civile (da uno scritto di Gian Carlo De Martini).
    Pur essendo d’accordo con quanto scritto da Gaetano Rasi nel sostenere che l’economia corporativa, che aveva modernizzato l’Italia e aveva avviato, intorno al 1935, la seconda rivoluzione industriale italiana, che fu la base del cosiddetto miracolo economico del decennio che va dal 1953 al 1963, questo nuovo miracolo potrebbe avvenire anche oggi, a condizione che le fabbriche non chiudano, che il capitale rappresentato dall’esperienza e dalle capacità dei lavoratori non venga disperso.
    Con queste parole il professore di Scienze Politiche presso l’Università di Gerusalemme, col saggio “La Terza Via Fascista” (Mulino 1990), definisce lo Stato corporativo: <Il Fascismo fu una dottrina politica, un fenomeno globale, culturale, che riuscì a trovare soluzioni originali ad alcune grandi questioni, che dominarono i primi anni del secolo>. L’Autore continua a spiegare: <Le ragioni dell’attrazione esercitata dal Fascismo su eminenti uomini della cultura europea (e aggiungerei: non solo europea, nda), molti dei quali trovarono in esso la soluzione dei problemi relativi al destino della civiltà occidentale>. Sono proprio le soluzioni sociali ad attrarre maggiormente il giudizio del professore, ebreo, di Scienze Politiche: <Il corporativismo riuscì a dare la sensazione a larghi strati della popolazione che la vita fosse cambiata, che si fossero dischiuse delle possibilità completamente nuove di mobilità verso l’alto e di partecipazione>.
    Lo Stato Corporativo era la strada che portava alla Socializzazione. Da tutto cio’ si evince il motivo per il quale i governi che seguirono nel dopoguerra, sotto il controllo della grande finanza internazionale, per evitare un libero confronto, sono stati costretti a creare una cortina di menzogne e contestualmente varare leggi antidemocratiche e liberticide, quali la “Legge Scelba”, “La Legge Reale”, e la “Legge Mancino”>.
    Nell’ultima intervista rilasciata da Mussolini al giornalista Gian Giacomo Cabella il 22 aprile 1945 – quindi a poche ore dal suo assassinio – fra l’altro, alla domanda del perché della guerra, ebbe a dire che <le nostre idee hanno spaventato il mondo>, ovviamente spaventato il mondo dell’alta finanza; infatti la nascita dello Stato corporativo rappresentò il mezzo per superare i limiti del cosiddetto Stato liberale e l’incubo dello Stato sovietico.
    Il Diritto Corporativo tendeva a porre l’Uomo al centro della società, postulando principi dei quali citiamo alcuni dei più caratterizzanti:
    1)ridimensionamento dello strapotere dei padroni attraverso la partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa,
    2)partecipazione dei lavoratoti agli utili dell’impresa;
    3)partecipazione dei lavoratori alle scelte decisionali, ONDE EVITARE CHIUSURE DI AZIENDE E LICENZIAMENTI IMPROVVISI (quindi altro che art. 18! nda) SENZA CHE NE SIANO INFORMATI PER TEMPO I DIPENDENTI, i quali sono interessati a trovare altre soluzioni atte a non perdere il posto di lavoro;
    4)intervento dello Stato attraverso suoi funzionari, immessi nei Consigli di Amministrazione, allorquando le imprese assumono interesse nazionale, a maggiore difesa dei lavoratori,
    5)diritto alla proprietà in funzione sociale, cioè lotta alle concentrazioni immobiliari e diritto per ogni cittadino, in quanto lavoratore, alla proprietà della sua abitazione;
    6)diritto alla iniziativa privata in quanto molla di ogni progresso sociale contro l’appiattimento collettivista e le concentrazioni capitaliste;
    7)edificazione di una giustizia sociale che prelevi il di più del reddito ai ricchi e lo distribuisca fra le classi più povere attraverso la Previdenza Sociale, l’assistenza gratuita alla maternità e all’infanzia, le colonie marine e montane per bambini poveri, l’assistenza agli anziani, il dopolavoro per i lavoratori, i treni popolari, e via decendo;
    8)eliminazione dei conflitti sociali attraverso la creazione di un apposito Tribunale del Lavoro in base al principio che se un cittadino non può farsi giustizia da sé, altrettanto deve valere per i conflitti sociali; evitare scioperi e serrate che tanti danni provocano alle parti in causa ed alla collettività nazionale;
    9)abolizione dei sindacati di classe, ormai ridotti a cinghie di trasmissione dei partiti che li controllano, e creazione dei sindacati di categoria economica con conseguente modifica del Parlamento in una Assemblea composta da membri eletti attraverso le singole Confederazioni di categoria dei datori di lavoro e dei lavoratori;
    Questi enunciati (ma non solo questi) che spiegano chiaramente i danni che avrebbero creato alla grande finanza, risalgono ai primi degli anni ’30, non sono che il logico sviluppo di quelli formulati nel 1919 e che ritroveremo espressi, ancor più lapidariamente, nel “Manifesto di Verona”.
    L’11 marzo 1945, il fondatore del Partito Comunista d’Italia (P.C.d’I), Nicola Bombacci, parlando al Teatro Universale, di fronte alle Commissioni interne degli stabilimenti industriali, fra l’altro affermò: <Il socialismo non lo farà Stalin, ma lo farà Mussolini che è socialista>. E il 13 marzo successivo, parlando allo stabilimento industriale dell’Ansaldo, di fronte a più di mille operai disse: <Fratelli di fede e di lotta, guardiamoci in viso e parliamo pure liberamente: voi vi chiedete se io sia lo stesso agitatore socialista, comunista, amico di Lenin, di vent’anni fa? Sissignori, sono sempre lo stesso, perché io non ho rinnegato i miei ideali per i quali ho lottato e per i quali, se Dio mi concederà di vivere ancora, lotterò sempre. Ma se mi trovo nelle file di coloro che militano nella Repubblica Sociale Italiana, è perché ho veduto che questa volta si fa sul serio e che si è veramente decisi a rivendicare i diritti degli operai>.
    Quale era la strada intrapresa da Nicola Bombacci? Per giungere allo Stato Organico, alla Socializzazione dello Stato, il passaggio era (ed ancora oggi dovrebbe essere) lo Stato Corporativo.
    Michael Shanks, economista di vasta esperienza internazionale, già direttore della Commissione europea degli affari sociali e presidente del Consiglio nazionale dei consumi, nel suo libro What is wrong with the modern world? (Cosa c’è di sbagliato nel mondo moderno?) indica lo Stato Corporativo di Mussolini, di fronte alla persistente crisi del liberismo e del marxismo, come l’unico modello per uscire dalle contrapposizioni vigenti nella Democrazia Parlamentare. Non c’è alternativa, conclude l’economista inglese: o lo Stato Corporativo o lo sfascio dello Stato. Ed oggi siamo sfascio dello Stato!
    A te lavoratore, la strada fu già tracciata più di ottanta anni fa, poi subentrò l’oro, Qualcuno a questo contrappose il sangue. NON TI FAR FREGARE!
    Concludiamo con uno stralcio del discorso di Benito Mussolini tenuto a Milano il 6 ottobre 1934 (riportato nel volume all’inizio citato): <(…) ho detto che l’obiettivo del regime nel campo economico è la realizzazione di una più alta giustizia sociale per tutto il popolo italiano. Che cosa significa? Significa il lavoro garantito, il salario equo, la casa decorosa, significa la possibilità di evolversi e di migliorare incessantemente). E la Storia ha dimostrato che questo avvenne, ma nel tempo del “male assoluto”. “Male assoluto” fu certamente per il grande supercapitale e per gli attuali ladroni di regime!
    Kavalerists likes this.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA
    di Filippo Giannini

    Questo articolo è dedicato a tutti quei lavoratori (operai, tecnici o impiegati) che hanno perso il lavoro o che sono in pericolo di perderlo, come i minatori in Sardegna, gli operai a Taranto, e attingendo al pensiero di Alessandro Mezzano, posiamo scrivere: <Se in Italia ci fosse ancora la Socializzazione delle aziende, il caso FIAT non esisterebbe) ecc.
    Come primo incitamento: non permettete di far chiudere le fabbriche o qualsiasi posto di lavoro. Pretendete di socializzare le aziende dove prestate la vostra opera. Lo stesso proprietario può entrare nel contesto dell’azienda socializzata, così come è stato fatto in Germania con la Mitbestimmung, che per ironia della storia l’idea della partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa, aspramente avversata dagli alti esponenti tedeschi, attecchì in Italia, purtroppo quando la guerra era ormai alla fine e i liberatori ci imposero il miraggio della privatizzazione, il mito dell’economia di mercato, strumenti per riaffermare l’egemonia capitalistica sull’economia e sulla politica. Anche l’Argentina che agli inizi del 2000 andò in default per 112 miliardi di dollari, che causò, similmente come sta accadendo in Italia, il licenziamento di migliaia di lavoratori. Fortuna volle che Qualcuno adottasse le idee mussoliniane e mettesse in atto, nelle aziende in crisi, la SOCIALIZZAZIONE, e la ripresa è stata tanto rapida che oggi, addirittura la Presidente della Repubblica Argentina Cristina Kirckner può lanciare questo messaggio: <Chi vuole operare, imprendere, creare lavoro e ricchezza, è benvenuto in Argentina (…)>. L’esempio dell’Argentina, con grande scorno degli Usa, è seguita dal Venezuela che ha iniziato a socializzare le imprese del legno. L’esempio dell’Argentina e del Venezuela è ripreso da altri Paesi dell’America meridionale.
    Ed ora facciamo un po’ di Storia.
    Lo scorso anno preparai un articolo dal titolo: “Ancora, ancora, e ancora griderò: LAVORATORE, SEI STATO FREGATO!”; ed ecco perché: la socializzazione, prevista nei 18 punti del Manifesto di Verona, nella Rsi, fu un’altra pietra miliare della politica sociale del Fascismo. Pietra miliare derisa, disconosciuta e condannata dai politicastri di oggi, e tu lavoratore non devi continuare a farti fregare. La tua salvezza è ancora e solo nel pensiero mussoliniano, checché vogliano sostenere gli incapaci, i ladroni, i furfanti di questa repubblica, impostaci dai liberatori. Il punto 9 del Manifesto affermava: <Base della Repubblica Sociale e suo oggetto primario è il lavoro manuale, tecnico, intellettuale in ogni sua manifestazione>. Forse, nel caos di oggi, l’articolo più necessario è il 12, che recita: <In ogni azienda industriale, agricola, privata, parastatale, statale le rappresentanze dei tecnici e degli operai coopereranno – attraverso una conoscenza diretta della gestione – all’equa fissazione dei salari, nonché all’equa ripartizione degli utili, fra il fondo di riserva, il frutto del capitale azionario e la partecipazione agli utili stessi da parte dei lavoratori. In alcune imprese ciò potrà avvenire con una estensione delle prerogative delle attuali commissioni di fabbrica; in altre sostituendo i Consigli di amministrazione con Consigli di gestione composti da tecnici e da operai con un rappresentante dello Stato, in altre in forma di cooperative parasindacali>. Quindi, tu lavoratore che stai per perdere il lavoro, con la politica sociale mussoliniana, saresti diventato partecipe anche alle decisioni aziendali, cioè saresti stato tu a decidere se l’azienda doveva essere chiusa oppure no.
    Per i lavoratori che sono sul punto di essere sfrattati, ricordo l’articolo 15: <Quello della casa non è soltanto un diritto di proprietà, è un diritto alla proprietà (…)>. E Mussolini anche su questo punto non scherzava; ricordate la IACP (istituto Autonomo Case Popolari) che vide la luce nell’infausto Ventennio? Quanti appartamenti vennero costruiti e quanti ceduti alla classe proletaria? L’Italia proletaria e fascista non fu un’espressione demagogica, ma la sublimazione del pensiero e della vita che sollevò dalla palude una massa di uomini e li avviò verso la realizzazione sociale, morale, civile (da uno scritto di Gian Carlo De Martini).
    Pur essendo d’accordo con quanto scritto da Gaetano Rasi nel sostenere che l’economia corporativa, che aveva modernizzato l’Italia e aveva avviato, intorno al 1935, la seconda rivoluzione industriale italiana, che fu la base del cosiddetto miracolo economico del decennio che va dal 1953 al 1963, questo nuovo miracolo potrebbe avvenire anche oggi, a condizione che le fabbriche non chiudano, che il capitale rappresentato dall’esperienza e dalle capacità dei lavoratori non venga disperso.
    Con queste parole il professore di Scienze Politiche presso l’Università di Gerusalemme, col saggio “La Terza Via Fascista” (Mulino 1990), definisce lo Stato corporativo: <Il Fascismo fu una dottrina politica, un fenomeno globale, culturale, che riuscì a trovare soluzioni originali ad alcune grandi questioni, che dominarono i primi anni del secolo>. L’Autore continua a spiegare: <Le ragioni dell’attrazione esercitata dal Fascismo su eminenti uomini della cultura europea (e aggiungerei: non solo europea, nda), molti dei quali trovarono in esso la soluzione dei problemi relativi al destino della civiltà occidentale>. Sono proprio le soluzioni sociali ad attrarre maggiormente il giudizio del professore, ebreo, di Scienze Politiche: <Il corporativismo riuscì a dare la sensazione a larghi strati della popolazione che la vita fosse cambiata, che si fossero dischiuse delle possibilità completamente nuove di mobilità verso l’alto e di partecipazione>.
    Lo Stato Corporativo era la strada che portava alla Socializzazione. Da tutto cio’ si evince il motivo per il quale i governi che seguirono nel dopoguerra, sotto il controllo della grande finanza internazionale, per evitare un libero confronto, sono stati costretti a creare una cortina di menzogne e contestualmente varare leggi antidemocratiche e liberticide, quali la “Legge Scelba”, “La Legge Reale”, e la “Legge Mancino”>.
    Nell’ultima intervista rilasciata da Mussolini al giornalista Gian Giacomo Cabella il 22 aprile 1945 – quindi a poche ore dal suo assassinio – fra l’altro, alla domanda del perché della guerra, ebbe a dire che <le nostre idee hanno spaventato il mondo>, ovviamente spaventato il mondo dell’alta finanza; infatti la nascita dello Stato corporativo rappresentò il mezzo per superare i limiti del cosiddetto Stato liberale e l’incubo dello Stato sovietico.
    Il Diritto Corporativo tendeva a porre l’Uomo al centro della società, postulando principi dei quali citiamo alcuni dei più caratterizzanti:
    1)ridimensionamento dello strapotere dei padroni attraverso la partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa,
    2)partecipazione dei lavoratoti agli utili dell’impresa;
    3)partecipazione dei lavoratori alle scelte decisionali, ONDE EVITARE CHIUSURE DI AZIENDE E LICENZIAMENTI IMPROVVISI (quindi altro che art. 18! nda) SENZA CHE NE SIANO INFORMATI PER TEMPO I DIPENDENTI, i quali sono interessati a trovare altre soluzioni atte a non perdere il posto di lavoro;
    4)intervento dello Stato attraverso suoi funzionari, immessi nei Consigli di Amministrazione, allorquando le imprese assumono interesse nazionale, a maggiore difesa dei lavoratori,
    5)diritto alla proprietà in funzione sociale, cioè lotta alle concentrazioni immobiliari e diritto per ogni cittadino, in quanto lavoratore, alla proprietà della sua abitazione;
    6)diritto alla iniziativa privata in quanto molla di ogni progresso sociale contro l’appiattimento collettivista e le concentrazioni capitaliste;
    7)edificazione di una giustizia sociale che prelevi il di più del reddito ai ricchi e lo distribuisca fra le classi più povere attraverso la Previdenza Sociale, l’assistenza gratuita alla maternità e all’infanzia, le colonie marine e montane per bambini poveri, l’assistenza agli anziani, il dopolavoro per i lavoratori, i treni popolari, e via decendo;
    8)eliminazione dei conflitti sociali attraverso la creazione di un apposito Tribunale del Lavoro in base al principio che se un cittadino non può farsi giustizia da sé, altrettanto deve valere per i conflitti sociali; evitare scioperi e serrate che tanti danni provocano alle parti in causa ed alla collettività nazionale;
    9)abolizione dei sindacati di classe, ormai ridotti a cinghie di trasmissione dei partiti che li controllano, e creazione dei sindacati di categoria economica con conseguente modifica del Parlamento in una Assemblea composta da membri eletti attraverso le singole Confederazioni di categoria dei datori di lavoro e dei lavoratori;
    Questi enunciati (ma non solo questi) che spiegano chiaramente i danni che avrebbero creato alla grande finanza, risalgono ai primi degli anni ’30, non sono che il logico sviluppo di quelli formulati nel 1919 e che ritroveremo espressi, ancor più lapidariamente, nel “Manifesto di Verona”.
    L’11 marzo 1945, il fondatore del Partito Comunista d’Italia (P.C.d’I), Nicola Bombacci, parlando al Teatro Universale, di fronte alle Commissioni interne degli stabilimenti industriali, fra l’altro affermò: <Il socialismo non lo farà Stalin, ma lo farà Mussolini che è socialista>. E il 13 marzo successivo, parlando allo stabilimento industriale dell’Ansaldo, di fronte a più di mille operai disse: <Fratelli di fede e di lotta, guardiamoci in viso e parliamo pure liberamente: voi vi chiedete se io sia lo stesso agitatore socialista, comunista, amico di Lenin, di vent’anni fa? Sissignori, sono sempre lo stesso, perché io non ho rinnegato i miei ideali per i quali ho lottato e per i quali, se Dio mi concederà di vivere ancora, lotterò sempre. Ma se mi trovo nelle file di coloro che militano nella Repubblica Sociale Italiana, è perché ho veduto che questa volta si fa sul serio e che si è veramente decisi a rivendicare i diritti degli operai>.
    Quale era la strada intrapresa da Nicola Bombacci? Per giungere allo Stato Organico, alla Socializzazione dello Stato, il passaggio era (ed ancora oggi dovrebbe essere) lo Stato Corporativo.
    Michael Shanks, economista di vasta esperienza internazionale, già direttore della Commissione europea degli affari sociali e presidente del Consiglio nazionale dei consumi, nel suo libro What is wrong with the modern world? (Cosa c’è di sbagliato nel mondo moderno?) indica lo Stato Corporativo di Mussolini, di fronte alla persistente crisi del liberismo e del marxismo, come l’unico modello per uscire dalle contrapposizioni vigenti nella Democrazia Parlamentare. Non c’è alternativa, conclude l’economista inglese: o lo Stato Corporativo o lo sfascio dello Stato. Ed oggi siamo sfascio dello Stato!
    A te lavoratore, la strada fu già tracciata più di ottanta anni fa, poi subentrò l’oro, Qualcuno a questo contrappose il sangue. NON TI FAR FREGARE!
    Concludiamo con uno stralcio del discorso di Benito Mussolini tenuto a Milano il 6 ottobre 1934 (riportato nel volume all’inizio citato): <(…) ho detto che l’obiettivo del regime nel campo economico è la realizzazione di una più alta giustizia sociale per tutto il popolo italiano. Che cosa significa? Significa il lavoro garantito, il salario equo, la casa decorosa, significa la possibilità di evolversi e di migliorare incessantemente). E la Storia ha dimostrato che questo avvenne, ma nel tempo del “male assoluto”. “Male assoluto” fu certamente per il grande supercapitale e per gli attuali ladroni di regime!
    Raymondo dove stai?
    come mai hai fatto finta di non vedere questa discussione?
    Paura?
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  3. #3
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    60,923
    Mentioned
    1111 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Mi piacciono molto le idee corporative che ritengo la migliore soluzione socio economica ancora oggi per un paese, ma quando un partito ha saputo costruire tanto come indicato nell'articolo per poi cadere nel piu' becero razzismo e nel piu' fanatico richiamo alla guerra, tanto da soccombere sotto i colpi della sconfitta militare, c'è un grosso problema e non merita neppure il rimpianto, la dittatura di un uomo solo è un rischio enorme e un'aberrazione.

    Nel 1940 Mussolini, contro il volere di ogni logica trascino' un paese inerme e quasi disarmato in una guerra mondiale, portando il paese alla rovina e all'occupazione, a 70 anni di cattocomunismo, americanismo, perdita dei valori, edonismo, Dio denaro.

    Allora per arrivare a tutto cio' ne è valsa la pena?

    Speriamo che si arrivi a dissociare il corporativismo dal fascismo e a riproporre le sue idee veramente moderne e valide per un mondo moderno

    ma basta uomini della provvidenza, dittatori e missioni per portare civiltà a altri popoli con la guerra
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 27-09-12 alle 20:02

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Jul 2012
    Messaggi
    3,214
    Inserzioni Blog
    49
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio

    Nel 1940 Mussolini, contro il volere di ogni logica trascino' un paese inerme e quasi disarmato in una guerra mondiale, portando il paese alla rovina e all'occupazione, a 70 anni di cattocomunismo, americanismo, perdita dei valori, edonismo, Dio denaro.
    Pare che Mussolini aveva paura che la Germania invadesse l'Italia in caso di non-entrata in guerra.
    Tutti gli impiegati del mondo hanno immaginato queste cose e le hanno sconfessate e adesso sono gli impiegati.
    Pavese

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Tommaso Visualizza Messaggio
    Pare che Mussolini aveva paura che la Germania invadesse l'Italia in caso di non-entrata in guerra.
    Non pare è un certezza storica, ricerca in rete la CD "LINEA NON MI FIDO", vedrai che non avrai più dubbi.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Aug 2012
    Messaggi
    289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Non pare è un certezza storica, ricerca in rete la CD "LINEA NON MI FIDO", vedrai che non avrai più dubbi.
    La Spagna però ha mantenuto una linea di allineamento "distaccato" rispetto alla Germania e non è stata invasa. E non c'era un'alleanza militare.

  7. #7
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Raymondo dove stai?
    come mai hai fatto finta di non vedere questa discussione?
    Paura?
    Vedo vedo, sempre le solite cazzate. Il corporativismo pone sullo stesso piano padroni e salariati (teoricaamente ovviamente), mostrando quindi tutto il carattere reazionario e antiproletario, giacchè il proletariato deve porsi il fine di abolire la proprietà privata e le discriminazioni di qualsiasi genere.

    Il fascismo fu talmente proletario che il primo provvedimento che il governo Mussolini prese fu:

    Consiglio dei Ministri del 31 ottobre ’22: abolizione delle imposte sui sovraprofitti di guerra, abolizione della nominatività dei titoli azionari (leggi varate dal governo Giolitti del ’20 per colpire la speculazione finanziaria, molto contrastata da ambienti vicini alla Chiesa) e l’abolizione del monopolio statale delle assicurazioni sulla vita (votata anch’essa da Giolitti all’inizio degli anni ’10).
    Ultima modifica di Josef Scveik; 28-09-12 alle 13:05
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Henry Miller Visualizza Messaggio
    La Spagna però ha mantenuto una linea di allineamento "distaccato" rispetto alla Germania e non è stata invasa. E non c'era un'alleanza militare.
    La Spagna ha potuto mantenere la neutralità grazie alla sua posizione geografica del tutto irrilevante, non si trova nel mezzo del mediterraneo e nel mezzo dell'Europa continentale, adifferenza dell'Italia che è in mezzo al mediterraneo ed è parte integrante dell'europa continentale, oltre che cell'Europa peninsulare.
    Tradotto, all'Italia la neutralità, ammesso che il regime l'avesse voluta, non poteva essere concessa e comunque il fascismo non perseguiva la neutralità a tutti costi, al Fascismo sarebbe bastato che la Germania avesse mantenuto fede al Patto di Acciaio, o patto Ciano-Ribbentropp il quale prevedeva l'entrata in guerra dopo l'inizio del 1943.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  9. #9
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    La Spagna ha potuto mantenere la neutralità grazie alla sua posizione geografica del tutto irrilevante.
    Bè certo, affacciarsi sull'atlantico è del tutto irrilevante, per questo gli spagnoli non sono mai stati colonialisti.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Apr 2011
    Messaggi
    873
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FASCISMO, CONQUISTA PROLETARIA

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Non pare è un certezza storica, ricerca in rete la CD "LINEA NON MI FIDO", vedrai che non avrai più dubbi.
    Non esiste alcuna prova che Hitler avrebbe invaso l'Italia perché non l'avrebbe fatto.
    Non aveva senso, perché distogliere forze da altri teatri operativi? Perché incaponirsi in una guerra con un paese tanto vicino politicamente? Perché?
    FrancoAntonio likes this.
    Éljen Magyarország!Dicsőség a mártíroknak! Nem, nem, soha!

 

 
Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Democrazia proletaria?
    Di WillyI nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 12-07-08, 03:16
  2. Una radio proletaria
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-03-08, 10:44
  3. lotta proletaria
    Di Arancia Meccanica nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-12-05, 12:30
  4. Rapina proletaria
    Di pensiero nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-11-04, 06:49
  5. Giustizia Proletaria?
    Di Pieffebi nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 20-11-02, 03:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226