User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    2,544
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    Roma - Metti piede in Parlamento anche solo per una legislatura e come per incanto non paghi un euro per i tuoi viaggi. Trasferta di lavoro o gitarella con famiglia poco importa. Il mezzo lo scegli tu: treno, traghetto, automobile, aereo. La casta tratta bene i suoi affiliati, siano essi in esercizio oppure no. Già, perché il senatore che abbia scaldato la poltrona vellutata di palazzo Madama nella V legislatura, anno 1968, governi Leone e Rumor, s’è pure guadagnato il diritto a spostarsi gratis. Tutto a spese dello Stato. È il caso di Emilio Bonatti, ex Pci, fuori dalle stanze del potere da 37 anni. Oppure un altro, preso a caso tra il battaglione dei 1.056 ex senatori: Gian Mario Albani, classe 1927, ex partigiano, anch’egli eletto nelle file del Pci nel ’68. Pure lui sono decenni che viaggia a sbafo. Tanto paga Pantalone. Il quale scuce all’anno, e solo per gli ex senatori, 1.736.000 euro. Mica vorremmo far metter mano al portafoglio a chi ci ha rappresentati nella fabbrica delle leggi, anche solo per pochi anni, quando arriva al casello di Melegnano sud. O prima di fare il check-in a Fiumicino o dopo la fila alla stazione di Bologna. Giammai.

    Il problema è che, in un periodo di vacche magre, l’attuale presidente del Senato Renato Schifani s’è messo in testa di rendere un po’ meno spassoso il Paese dei balocchi-Italia. Così, la primavera scorsa, ha preso in mano i bilanci di palazzo Madama e dato un preciso mandato al collegio dei senatori questori (coloro che sovrintendono alla buona amministrazione del Senato): tiriamo la cinghia. E nelle pieghe di Sprecopoli sono saltate fuori le delibere che concedono benefit e rimborsi ai viziati «ex».

    Romano Comincioli (Pdl), Paolo Franco (Lega) e Benedetto Adragna (Pd) si sono presi così la briga di limare un po’ le beneficenze di Stato, anche alla luce dei freddi dati loro in possesso. Gli ex colleghi bruciano ogni anno 775mila euro in voli; 551mila euro in viaggi in treno; 410mila euro in scampagnate con l’auto. Cosicché s’è arrivati a una proposta, riassunta in una delibera che ha letteralmente mandato in bestia l’Associazione degli ex parlamentari, sorta di sindacato delle vecchie (e onorevoli) glorie. L’ente presieduto da Franco Coccia, deputato dalla quarta legislatura (1963) alla settima (1976) ha persino scritto a Berlusconi e a Schifani per lamentare l’odioso colpo di scure. Lagnandosi col solito ritornello in salsa sindacale: nessuno ci ha consultati. Perdio, il senso della missiva ai senatori, un po’ di solidarietà a chi fu quello che siete voi oggi non guasterebbe. E dire che la stretta ai cordoni della borsa non sarebbe così traumatica. Il collegio dei senatori questori ha infatti buttato là la seguente proposta: a fine mandato i senatori si paghino da sé caselli autostradali e traghetti; per i viaggi in aereo e in treno si preveda un plafond annuale di rimborso che però comporti una spesa complessiva pari alla metà di quanto si spende oggi; la durata del beneficio, comunque, non potrà più essere vita natural durante ma proseguirà per non più di due legislature dopo la cessazione del mandato. Oddio, e se la legislatura dura poco come quella dell’ultimo governo Prodi (2006-2008). Inutile dire che qualcuno ha arricciato il naso e proposto un più sicuro limite temporale: e se facessimo dieci anni e non se ne parla più?

    Naturalmente c’è un altro elemento che rende più macchinosa la fine dello sperpero: il Senato dovrebbe procedere di pari passo con la Camera. L’obiettivo è quello di arrivare a un regolamento analogo tra i due rami del Parlamento e a fine luglio i senatori «tagliatori» dovranno riferire al presidente Schifani dei contatti presi con i «cugini» di Montecitorio. Poste le basi suddette per limitare i trasporti a costo zero, il numero dei privilegiati scenderebbe così dagli attuali 1.056 a «soli» 291. E gli altri 765, poverini? Tutti quelli, cioè, che a palazzo Madama hanno sudato sette camicie ma soltanto prima delle elezioni del 2001? Per loro arriverà presto l’onta di sentirsi come un comune mortale che scuce quello deve al casello, al check-in, in stazione.

    E a Montecitorio? Rimborsi a valanga pure lì e non è che gli ex deputati non viaggino, anzi. L’esercito degli onorevoli cessati dal mandato è di 1.600. Tutti soldatini viaggianti che pesano sul bilancio della Camera per circa 2,5 milioni di euro. Soltanto dieci giorni fa, in aula, il questore deputato Antonio Mazzocchi ha assicurato i colleghi: anche noi faremo come a Palazzo Madama. «Per garantire una sostanziale uguaglianza di trattamento degli ex parlamentari tra Camera e Senato arriveremo a intese con l’altro ramo del Parlamento». Poi la conferma: «Il Senato ha già adottato alcune decisioni sul tema, che comunque entreranno in vigore a decorrere dal 1° gennaio 2010. E resta l’impegno di operare nel quadro di una complessiva riforma della condizione dei parlamentari in carica e dei cessati dal mandato, in chiave di risparmio».
    Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori - Interni - ilGiornale.it del 18-07-2009

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    2,544
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    Il contropiede di 307 ex parlamentari
    "Stop a tagli benefit, faremo i consulenti"

    ROMA - La carica dei 307 "ex" punta dritto su Palazzo Chigi. Arzilli parlamentari di un tempo, capelli bianchi, ma nessuna voglia di farsi da parte, si preparano a difendere con le unghie i benefit di cui hanno goduto per una vita (viaggi gratis, essenzialmente) e che ora Camera e Senato si accingono a falcidiare. E per dimostrare di essere ancora "una risorsa della Repubblica" scrivono al governo Berlusconi, si mettono a disposizione e ottengono dal sottosegretario Gianni Letta il via libera al "reclutamento". Molti diventeranno consulenti. A titolo gratuito, si precisa, salvo eventuali rimborsi, ovvio.

    Nella squadra c'è di tutto. Ex comunisti e forzisti della prima ora, giuristi illustri, socialisti irriducibili e una schiera di democristiani. Tra i tanti curricula con annessa "competenza per materia" che planano sulla Presidenza del Consiglio quello dell'ex pm Tiziana Parenti (giustizia) e del sindacalista Giorgio Benvenuto (sociale), dell'uomo-pesce Enzo Maiorca (ambiente) e dell'ex vice presidente del Csm Giovanni Galloni (politiche istituzionali), passando per il dc Mario D'Aquisto e "il ministro degli esteri del Pci" Antonio Rubbi.

    L'operazione è condotta da quella sorta di sindacato che è l'Associazione degli ex parlamentari, presieduta da Franco Coccia, Pci alla Camera dalla quarta alla settima legislatura (oggi siamo alla sedicesima). Rappresenta tutti i 1.550 che sono passati anche solo per pochi anni dal Parlamento e che percepiscono il vitalizio. La lettera al premier Berlusconi è datata marzo 2009, quando è iniziata a circolare soprattutto al Senato l'ipotesi dei tagli poi varati effettivamente da Palazzo Madama a partire dal gennaio 2010 sul milione 726 mila euro speso ogni anno per telepass, biglietti ferroviari e voli gratuiti degli ex.

    Loro non si perdono d'animo e scrivono a Palazzo Chigi: "Mettiamo a disposizione della Presidenza colleghe e colleghi che hanno maturato nelle vesti di parlamentari, ministri e sottosegretari esperienze e conoscenze. Un'offerta a costo zero - continua la lettera del presidente Coccia - avanzata anche per mettere in luce come il ruolo dell'ex parlamentare deve essere una risorsa per le istituzioni". Il 27 aprile e poi ancora il 18 maggio, il sottosegretario Gianni Letta risponde e accoglie a braccia aperte. Ringrazia per l'offerta di "consulenza gratuita" e chiede che vengano "indicate le singole professionalità ed esperienze maturate per indirizzarle nei settori di specifica competenza". E così, l'Associazione si mette in moto, avverte tutti i suoi iscritti, sollecita curricula e alla sede di Piazza di Campo Marzio a Roma ne arrivano 307. Adesso, racconta Coccia, saranno spediti al governo i nominativi con le relative "competenze": "Sarà il Dottor Letta a scegliere quanti e quali nomi, con piena discrezionalità".

    Ma gli ex non si sono fermati lì e sono passati al contrattacco. Hanno fatto leva sul disco verde incassato per inviare una lettera di fuoco alla presidenza del Senato, "rea" di aver infierito coi tagli che anche la Camera potrebbe far propri. Titolo: "Solidarietà, non discriminazione". Nella nuova missiva di poche settimane fa, esprimono "viva amarezza e delusione" per la scure che garantirebbe una "irrisoria economia" (1,7 milioni). Lamentano di non essere stati consultati e soprattutto l'"iniqua e punitiva discriminazione" subita: "La totale soppressione (dei viaggi gratuiti, ndr) ad eccezione dei senatori dell'ultima e penultima legislatura, è del tutto inaccettabile". Tanto più - è la stoccata finale - che "ha trovato accoglimento da parte del sottosegretario Letta la nostra disponibilità: siamo pronti a fare altrettanto con le presidenze delle Camere". E poi, concludono gli "ex", "ci rivolgiamo a voi senatori affinché sia mantenuto quel vincolo di solidarietà che ha sempre legato i colleghi di ieri e oggi". Chiaro il monito: ricordatevi, un giorno sarete quello che noi siamo.
    Il contropiede di 307 ex parlamentari "Stop a tagli benefit, faremo i consulenti" - Politica - Repubblica.it

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,310
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    tsunami tsunami dove sei...

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    10 Jul 2009
    Messaggi
    10,105
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    una goccia nel mare...ma almeno ste sanguisughe qlc pagheranno!!!!

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 May 2006
    Messaggi
    25,862
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    Pensate ai benefit di un ex presidente del consiglio o della camera o del senato...
    Fornero, t'ho vista piagne mentre m’ammazzavi, e me so' commosso... Vorei ricambia’ er favore. Mori, e vengo a piagne ar funerale tuo.

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    10 Jul 2009
    Messaggi
    10,105
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    ma infatti ripeto_una goccia nel mare del magna magna della classe politica

  7. #7
    Libertarian
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Località
    Non oltre il 30° N
    Messaggi
    28,443
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    Citazione Originariamente Scritto da dragone Visualizza Messaggio
    finchè il popolo bue protesta a bassa voce e continua ad aiutarli ad essere eletti,a riempire le piazze quando viene chiamato ecc ecc xk dovrebbero smettere di lucrare ai danni nostri?
    Quelli non smettono neanche dinnanzi a proteste a voce alte, smettono quando gli viene tolta la possibilità materiale con la violenza o meno di lucrare ai nostri danni.
    I vincenti hanno sempre una soluzione ad ogni problema, i no(n)euro hanno sempre una scusa.

  8. #8
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Contro la Casta: stop ai viaggi gratis per gli ex senatori

    Citazione Originariamente Scritto da Immanuel Visualizza Messaggio
    Quelli non smettono neanche dinnanzi a proteste a voce alte, smettono quando gli viene tolta la possibilità materiale con la violenza o meno di lucrare ai nostri danni.
    16.03.1993 Luca Leoni Orsenigo

    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 11-11-13, 12:34
  2. Ryanair: viaggi in piedi, voli gratis
    Di Venom nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-08-09, 11:39
  3. La casta andrà in ferie, gratis......
    Di Andrea12 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 28-07-08, 22:10
  4. Sei uno squatter? Viaggi gratis
    Di Armin nel forum Padania!
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 15-06-07, 00:15
  5. Viaggi gratis, portaborse e barbiere Ecco i 'privilegi' dei deputati
    Di sunrise (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-04-06, 10:59

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226