User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
Like Tree1Likes

Discussione: Cliton in missione da Renzi

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    29,628
    Mentioned
    271 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Cliton in missione da Renzi

    Clinton vola a Firenze e incontra Renzi - Corriere Fiorentino

    Altra canna fumante.
    Il cerchio si chiude sul puttino.
    Scoperto che fu un prodiano( basta e avanza per eliminarlo), ora riceve l'investitura dell'ambasciatore di bilderberg nientepopodimeno.
    Povero Bersani...prepari il suo buen ritiro in quel di Bettola
    Possiamo concludere che tutto il peggio che succede in Italia e' dovuto alle elites PD ed al vaticano?
    Stupri, attentati, invasione, fallimenti, disoccupazione, emergenza sociale, denatalita',violenza verbale , suicidi, omicidi....

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 Jul 2012
    Messaggi
    1,197
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da animal Visualizza Messaggio
    Clinton vola a Firenze e incontra Renzi - Corriere Fiorentino

    Altra canna fumante.
    Il cerchio si chiude sul puttino.
    Scoperto che fu un prodiano( basta e avanza per eliminarlo), ora riceve l'investitura dell'ambasciatore di bilderberg nientepopodimeno.
    Povero Bersani...prepari il suo buen ritiro in quel di Bettola
    Beh dopo Berlusconi ci voleva Clinton,poi Sarkozy ed infine Rocco Siffredi...Renzi è un uomo di sani principi,soprattutto sotto l'aspetto del rispetto delle mogli.

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,032
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    L'ho scritto: è un progetto costruito.
    Il personaggio di per sè è cacca.

    Ma discutiamo ancora di politica itagliana a dittatura in corso?
    Solo come passatempo ridicolo, voglio sperare.
    Come il Monteprezzemolo che scende ma non si espone personalmente.
    O Casini e Fini alla ricerca dei mille: qualcuno spieghi loro che è già stato fatto da qualcun altro, sono in ritardo.
    O Maroni per il Nord con tutto il peggio dell'itaglia.
    O Michael Jackson Berlusca che spara ancora alla culona inchiavabile, lui chè è diventato inguardabile.
    O Bunny Alfano che è preso in mezzo e non sa più che cacchio fare.
    O Vendola che butta i soldi dalla finestra prima che glieli trovino.
    O Di Pietro alla continua questua con i servizi stranieri perchè gli prestino un alleato per non sparire.
    E il tutto mentre la dittatura fa il suo corso.
    Non abbiamo bisogno di aiuti, almeno per ora?
    Occorre proprio scrivere quando sarà l'ora?
    Ovvio, dopo le elezioni, eterno termine temporale che costringe a rinviare le più brutte porcate, come gli USA con la Sira.
    Ad elezioni avvenute il buco INPS apparirà ingestibile, le pensioni impagabili (cioè NON pagabili) nonostante a 70 anni noon ci arrivi più nessuno o quasi, lo spread balzerà verso quota 600, gli aiuti, con Satana, saranno inevitabili.
    E con essi la catastrofe finale da lui voluta.
    Ma tanto è inutile: far ragionare gli itagliani è impresa impossibile.
    A metà di loro non interessa un cacchio di ciò che accade, non pagano tasse, vanno al mare e vivono sereni comunque.
    L'altra metà è imbecille, ormai è più che assodato, per esperienza so che se cerchi di spiegare loro qualcosa del baratro sul quale poggiano pericolosamente, se proponi loro una soluzione che non rientra nel politicamente corretto, inculcato nelle loro menti dalla maledetta scatola nera, sei visto come il peggior nemico o, se va bene, come un pazzo.
    Infatti i sondaggi parlano pro-Satana nonostante tutti i danni che ci fa e che continua a proporre e a fare.
    Portogallo, Spagna, Grecia, Irlanda, Islanda ed ora Francia hanno le piazze piene di gente che protesta contro i tagli e le tasse richiesti per pagare solo GLI INTERESSI DEGLI AIUTI e noi qui stiamo a discutere di un Renzi.
    Ma vi rendete conto dell'assurdità si o no?
    verdi likes this.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    Bravo!
    te lo meriti :gluglu:

    Bello carico...ne`?!?!
    Ultima modifica di verdi; 01-10-12 alle 15:54

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da Abruzzen Visualizza Messaggio
    Renzi è un uomo di sani principi,soprattutto sotto l'aspetto del rispetto delle mogli.
    credi ancora alle favole?
    Stai per caso nella sua camera da letto

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,032
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da verdi Visualizza Messaggio
    Bravo!
    te lo meriti :gluglu:

    Bello carico...ne`?!?!
    In mancanza del pc, mi è toccata la tv.
    Altro che carico, esplosivo, direi!
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,032
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    II Pd litiga sui soldi e tira in ballo pure gli ebrei

    II Pd litiga sui soldi e tira in ballo pure gli ebrei
    Libero 10 ottobre 2012

    Per il Partito democratico Matteo Renzi sta rapidamente assommando tutte le caratteristiche di quello che Giovannino Guareschi chiamava ironicamente il Fodria: Fronte Oscuro della Reazione In Agguato. Era, quell’acronimo, la summa degli avversari perniciosi del partitone rosso: nemici ingigantiti, potentissimi, sempre all’ombra di potenze misteriose e malvagie.

    Ecco, dunque, comparire le «voci» sui «soldi da Usa e Israele» che sarebbero destinati a finanziare ii camper e la campagna elettorale del sindaco di Firenze. Questo almeno secondo ii gossip di cui dava conto ii Corriere della Sera, riportando le affermazioni di Ugo Sposetti, storico tesoriere dei Ds che insinuava forti sospetti sui 60 mila euro raccolti cosi, con piccole generosità private tra cui Lorenzo Bini Smaghi, per fare benzina ai camper di Renzi.

    È un peccato buttarla in vacca col complotto pluto-giudaico-massonico, perché cosi si perdono nel grottesco domande che meriterebbero risposte convincenti. La prima e sulla quantità:

    Sposetti dice «con 60 mila euro ci si prendono le merendine» e non ha torto. Lo staff di Renzi ha gioco facile a smentire e a rispondere che i finanziamenti sono «tutti sui sito». Ma a spendere i soldi per teatri, merchandising, catering eccetera sono i comitati di Renzi, quelli locali, i cui finanziamenti non vengono rendicontati. Per cui se a quei comitati affluissero milioni di dollari di «Romney e Netanyahu» (sempre dal Corriere) potrebbero in teoria passare quasi inosservati.

    La seconda domanda interessante e legata all’America, e ai rapporti che ii sindaco ha saputo nel tempo costruire: una rete trasversale, di cui Libero ha dato conto qualche settimana fa. Una trama trasversale, che per un soffio (e forse un intervento diretto da Oltreoceano) non si e concretizzata nella clamorosa visita di Bili Clinton, ma che e nata negli anni da presidente della Provincia di Firenze. Gli stessi nei quali ha messo ii naso la Corte dei Conti, notando una serie di spese effettuate proprio in uno dei viaggi in America.

    È nello stesso periodo (2007 e mesi precedenti) che Renzi intrattiene una serie di rapporti destinati a maturare nel tempo. «State magazine» (la rivista del Dipartimento di Stato Usa) dell’ottobre 2007 racconta con toni enfatici del ruolo di Renzi in «Genio Fiorentino», un’iniziativa di scambio culturale tra ii capoluogo toscano e l’America. Pochi mesi prima, lo stesso Renzi aveva partecipato a un noto programma di visite Oltreoceano: l’International Visitor Leadership Program. Un programma al quale si può accedere su cooptazione del Dipartimento, oppure pagando.

    L’allora presidente ha scelto la seconda ipotesi, che consente di selezionare chi si ha interesse a incontrare: politici, uomini chiave dell’amministrazione, eccetera.

    Giusto per scatenare il complottismo, a quei programmi hanno partecipato, in anni non sospetti, OscarLuigi Scalfaro (1960), Francesco Cossiga (1966), Giuseppe Saragat (1963),Romano Prodi (1979), Giovanni Goria (1981), Giovanni Spadolini (1952), Arnaldo Forlani (1960). Un discreto viatico.

    I legami Renzi-Usa, trasversali e radicati, sono però precedenti il 2007: il 18 maggio 2005 l’Unità descriveva il presidente della Provincia Matteo Renzi «in prima fila» ad assistere a un dibattito tra Micheal Ledeen (che col sindaco ha un ottimo rapporto da anni) e il predecessore di Renzi, Leonardo Domenici, su Machiavelli, pensatore di riferimento del politologo Usa. In particolare i rapporti Renzi-Ledeen hanno fatto imbestialire anche di recente Bobo Craxi. Niente di male, ovviamente: anzi, si ricade nel paradosso per cui a un aspirante leader viene rimproverata la capacità di muoversi nel campo «avverso». Soprattutto, l’accusa perde un po’ di forza quando a Renzi viene contestato anche di «copiare» i programmi del Pd, come e accaduto ieri per bocca di Stefano Fassina.

    Poi c’e un altro fronte della «reazione» renziana su cui punta il dito la sinistra: «l’Associazione dei comuni italiani raccoglie voti per Matteo Renzi», denunciava ieri Velina Rossa accusando Graziano Del Rio, presidente dell’Anci, di sdebitarsi con Renzi facendo campagna elettorale per lui malgrado ii suo ruolo istituzionale.

    E l’accusato? Mente: gode. Fa replicare ai suoi, va da Fazio, seduto sui burro, socchiude ai Monti bis, irride Scalfari, schiaffeggia D’Alema, provoca Bersani e Vendola e dice: «Facciano come me: se perdo do una mano a chi vince e prometto di non fare ne il ministro, ne il sottosegretario, ne parlamentare». Cosa quest’ultima che in effetti non può proprio fare: per legge i sindaci non sono candidabili in Parlamento se non si dimettono 180 giorni prima del voto. A meno che Napolitano non sciolga le Camere.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Apr 2012
    Località
    Helvetia felix
    Messaggi
    1,217
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    Che palle sto puttino fiorentino.

    Ho visto Firenze dopo tanto tempo. Sempre piu' sporca, inordata di teppistume vario....roba da girare con corpetto antiproiettile e magnum.
    Se questo vince preparatevi a scappare...e' il peggio del peggio. Solo Fini lo batte di una spanna.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,032
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    Citazione Originariamente Scritto da verdi Visualizza Messaggio
    Che palle sto puttino fiorentino.

    Ho visto Firenze dopo tanto tempo. Sempre piu' sporca, inordata di teppistume vario....roba da girare con corpetto antiproiettile e magnum.
    Se questo vince preparatevi a scappare...e' il peggio del peggio. Solo Fini lo batte di una spanna.
    Dobbiamo prepararci a scappare comunque.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    29,628
    Mentioned
    271 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Cliton in missione da Renzi

    Voce di Lucca - MATTEO RENZI Tra Big Bang e massoneria: ritratto di un berlusconiano doc

    MATTEO RENZI Tra Big Bang e massoneria: ritratto di un berlusconiano doc


    Lo scorso fine settimana la convention dei rottamatori sembra abbia dato il “la” ad un nuovo percorso politico all’interno del Pd. Alternativo, l’hanno definito alcuni. Perché Matteo Renzi sarebbe “il nuovo che avanza”. Ma, stando al suo passato, ai suoi legami e alla sua stessa visione della politica sembrerebbe davvero non ci sia nulla di nuovo: da Cl a Craxi, dalle sue idee su inceneritori e nucleare, fino alla cena ad Arcore. E quella condanna di cui nessuno parla …

    Mentre, infatti, tutti i quotidiani (giustamente) davano peso alle dichiarazioni ora di Renzi, ora di Bersani, andando a classificare i pro rottamatori e gli anti, scervellandosi per capire quale possa essere il possibile ruolo politico del sindaco di Firenze in vista delle prossime primarie, nessuno si è posto domande preliminari (ma centrali) sulla questione. Cerchiamo di capirci: ognuno è libero di presentare la propria candidatura, di aprire un dibattito all’interno di un partito democratico. Ci mancherebbe. Ma il peso che stampa e politica hanno attribuito a Renzi sembrerebbe davvero eccessivo se prima non si cerca di rispondere ad alcune domande preliminari: chi è davvero Matteo Renzi? In che direzione è andato il suo operato a Firenze?
    Rispondere a tali interrogativi permetterebbe di capire molto di più della figura politica che, senza ombra di dubbio, oggi è al centro del dibattito politico del Pd, e non solo. Ci permetterebbe, soprattutto, di poter comprendere se e fino a che punto Renzi sia davvero “il nuovo che avanza”. E, ancora, da chi è appoggiato nella sua scalata al Pd.

    IL PASSATO DI RENZI
    Classe 1975, Matteo Renzi sin dall’età di diciannove anni si è dato alla politica. Nel ’96 è in prima fila nei Comitati Prodi, si iscrive al PPI, partito che rappresenta la naturale evoluzione della Democrazia Cristiana, e ne diventa segretario provinciale nel ‘99. A soli 24 anni. Dopo che il PPI confluisce nella Margherita, ne diventa coordinatore cittadino e poi, nel 2003, segretario provinciale. Insomma, nel fiorentino Renzi è oramai un punto di riferimento. Tant’è che l’anno dopo diventa, a soli 29 anni, Presidente di Provincia e, nel 2009, primo cittadino della città gigliata.
    Certamente, dunque, un curriculum invidiabile. Ma questa rapida carrellata non può essere compresa a dovere se non si fa riferimento anche agli interessi, al sottobosco politico e non a cui Renzi è legato a doppio filo. Anzi, letteralmente è figlio di tale sottobosco (da cui, per giunta, oggi dice di volersi liberare): suo padre, Tiziano, ha militato a lungo nella DC diventando anche consigliere comunale di Rignano sull’Arno dal 1984 al 1995. Ma, soprattutto, Tiziano Renzi è stato sempre attivo nell’imprenditoria regionale entrando in affari con l’impresa Baldassini-Tognozzi-Pontello (oggi rivelata da Impresa Spa) da sempre molto attiva nel fiorentino nell’edile e nella distribuzione pubblicitaria. E Matteo non si lascia scappare le amicizie strette da suo padre: ha fatto molto discutere, ad esempio, il fatto che è proprio la Baldassini-Tognozzi-Pontello a vincere la gara d’appalto per la tramvia 2 e 3 a Firenze. E non è finita qui. Renzi, in linea con gli insegnamenti paterni, intraprende sin da giovane non solo la strada politica, ma, in contemporanea, anche quella imprenditoriale. Ed eccolo allora nel ’94 (a soli diciannove anni) dirigente d’azienda con la Chil srl, società di marketing diretto, che lui stesso fonda (ora è dirigente in aspettativa) e che arriva a contare aziende sparse in tutt’Italia. Non solo Rignano sull’Arno, ma anche Genova, Bologna, Roma. Come abbia fatto a soli diciannove anni resta un mistero.
    Non solo: a Firenze sono tante le voci secondo le quali in epoca di forte ascesa massonica, papà Tiziano fosse uno dei più autorevoli uomini della loggia fiorentina. Il che non stupisce affatto dato che la Toscana è una delle regioni con la più alta percentuale di iscritti alla massoneria. Né stupirebbe se un giorno venissimo a sapere che anche Matteo abbia seguito la strada del padre: come dichiarato dallo stesso Maestro Venerabile del GOI Gustavo Raffi, nel Pd si contano circa 4000 tesserati “fratelli” massoni. Un numero decisamente alto se si considera che in tutto i tesserati del Partito Democratico arrivano a circa 21 mila. Ebbene, la maggior parte di questi 4 mila si concentrerebbero proprio in Toscana e, nella fattispecie, in città quali Livorno e Firenze. Se così fosse, non sarebbe un caso che il Gran Maestro del GOD (Grande Oriente d’Italia Democratico) Gioele Magaldi parla anche di lui nella lettera che inviò al “fratello Silvio”.
    Ma il sottobosco di Matteo Renzi può contare anche su forti legami con il mondo politico-imprenditoriale di natura democristiana. A cominciare, alla faccia del nuovo che avanza, da Comunione e Liberazione: insieme allo stesso Bersani e a Enrico Letta, infatti, Renzi è il politico di riferimento di Cl. Né Renzi ne fa mistero. In una passata intervista a L’Espresso, alla domanda di Denise Pardo, dichiarava: “Trovo stravagante l’atteggiamento della sinistra verso la Compagnia delle Opere. L’unico politico che ha chiuso il meeting di Rimini si chiama Pierluigi Bersani. Se Bersani può parlare con la Cdo, non vedo perché non ci possa parlare qualcun altro”. Peccato, però, che soprattutto in terra lombarda, la regione più produttiva del nostro Paese, le carte processuali raccontano una realtà tutt’altro che encomiabile.
    E ancora. Stando a quanto rivelato da Il Nuovo Corriere di Firenze, Matteo Renzi conta anche su stretti legami con la Fondazione Craxi (si legge sul sito: “La Fondazione […] ha come finalità principale la tutela della personalità, dell’immagine, nonché del patrimonio culturale e politico di Bettino Craxi”. Ed è tutto dire) che, addirittura, assicurerebbe in caso di corsa alle primarie voti a Genova, Milano e Torino (dove, del resto, Renzi conta anche sull’appoggio dell’ex sindaco Chiamparino, presente alla convention della Leopolda). E qui l’arcano: la fondazione Craxi è stata fondata ed è presieduta da Stefania Craxi, sottosegretario agli esteri dell’attuale governo. Qualcosa non torna o, a ben vedere, tutto potrebbe tornare. Che il Pdl appoggi, tacitamente, la corsa di Renzi alle primarie perché certamente un avversario (fo per dire) più congeniale?
    Insistenti voci confermerebbero quanto detto. Anche perché, non dimentichiamo, alcuni mesi fa il sindaco di Firenze si recò ad Arcore per una cena privata col Cavaliere: forti critiche dall’opposizione e dallo stesso Pd, ma Renzi non ha mai fatto vera chiarezza su quell’incontro. Altro punto di estrema vicinanza tra i due, Berlusconi e Renzi, è l’amicizia che entrambi nutrono con Lorenzo Bini Smaghi, oggi al centro di una forte polemica istituzionale con la Francia per le mancate dimissioni dalla BCE: essendo diventato Draghi presidente al posto di Trichet, Bini Smaghi dovrebbe dimettersi per cedere il posto ad un rappresentante francese che ad oggi manca. Ebbene, se da una parte l’economista fiorentino può contare sull’appoggio (tacito) di Berlusconi nel non abbandonare il suo posto all’Eurotorre, dall’altra non ha mai fatto mistero di apprezzare la politica del giovane democratico. Insomma, i legami ci sono e, come cominciano a dire in molti, B. sarebbe disposto anche a mandare qualcuno dei “suoi” a votare il rottamatore in caso di primarie.

    Carmine Gazzanni
    Possiamo concludere che tutto il peggio che succede in Italia e' dovuto alle elites PD ed al vaticano?
    Stupri, attentati, invasione, fallimenti, disoccupazione, emergenza sociale, denatalita',violenza verbale , suicidi, omicidi....

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Renzi o non Renzi il 61% degli italiani vuole il voto entro sei mesi
    Di adry571 nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 167
    Ultimo Messaggio: 19-02-14, 08:53
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-02-14, 13:37
  3. Risposte: 67
    Ultimo Messaggio: 11-04-13, 00:49
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02-02-05, 15:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226