User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Senza commenti

  1. #1
    Noi siamo il vento
    Data Registrazione
    15 Sep 2002
    Località
    Roma Capitale
    Messaggi
    77,899
    Mentioned
    1522 Post(s)
    Tagged
    65 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Senza commenti

    Inter e dossier illegali: la vera cronistoria del processo Telecom
    di Marco Iaria

    Nei giorni scorsi tifosi e opinionisti hanno denunciato il presunto silenzio dei media sulla presunta notizia “Luciano Moggi spiato dall’Inter”. E’ uno di quegli strani cortocircuiti che produce la disinformazione. Sì, disinformazione, perché quella che alcuni hanno spacciato per notizia di questi giorni è in realtà vecchia di tre mesi.
    Chi scrive ha seguito in presa diretta le ultime battute del processo sui dossier illegali Telecom. E sulla Gazzetta ha riportato senza infingimenti tutti gli sviluppi. Ecco, dunque, una breve cronistoria per sgombrare il campo da equivoci.
    A giugno la vecchia storia di spionaggio relativa all’Inter torna alla ribalta con la deposizione di Giuliano Tavaroli, ex capo della sicurezza di Telecom e Pirelli che ha già patteggiato una condanna a 4 anni, davanti alla Corte d’assise di Milano, nell’ambito del processo sui dossier Telecom. Sono le domande dei legali dell’ex arbitro Massimo De Santis, parte civile nel procedimento, a riaccendere i riflettori sugli intrecci tra spionaggio e Inter, già noti dal 2006 e non sanzionati dalla giustizia sportiva.

    Il 7 giugno, il giorno dopo la prima parte della deposizione di Tavaroli, la Gazzetta titola in prima pagina “Tavaroli: «Spiavo De Santis per conto di Moratti»”



    Questo è l’articolo pubblicato il 7 giugno:
    «L’ operazione Ladroni mi fu commissionata da Massimo Moratti, poi io la gestii con Giacinto Facchetti». Nel bel mezzo di una deposizione-fiume al processo sui dossier illegali Telecom ai danni di politici, imprenditori, giornalisti, sono bastate queste parole di Giuliano Tavaroli a riaprire il pentolone delle polemiche su Calciopoli. Perché per la prima volta l’ ex capo della sicurezza di Telecom e Pirelli ha detto in un’ aula di tribunale, in qualità di testimone (dopo aver patteggiato 4 anni) e quindi sotto giuramento, ciò che aveva riferito ai pm di Milano nell’ autunno del 2006. A porgergli la domanda i legali dell’ ex arbitro Massimo De Santis, parte civile nel procedimento in Corte d’ assise, che nella causa per risarcimento danni rinviata ad ottobre chiederà all’ Inter 21 milioni di euro. De Santis è stato oggetto di investigazioni riservate tra il 2002 e il 2003, realizzate anche dall’ agenzia Polis d’ Istinto di Emanuele Cipriani, sulla cui scrivania fu trovato il dossier Ladroni: l’ input sarebbe partito dopo una denuncia dell’ ex arbitro Danilo Nucini all’ allora presidente nerazzurro Facchetti sull’ esistenza di una presunta combriccola romana. È stata una dipendente Telecom, Caterina Plateo, a raccontare agli inquirenti come funzionava il dossieraggio, producendo gli appunti manoscritti sui tabulati «spiati» (con orario, durata e destinatari delle telefonate), in particolare «gli sviluppi del traffico in entrata e in uscita su utenze telefoniche intestate a Figc, Ceniccola (ex guardalinee, ndr), Juventus e Gea World. Mi sono stati richiesti come al solito da Adamo Bove (allora dirigente Telecom, poi suicidatosi, ndr) in data 11-2-2003 e dopo la mia elaborazione sono stati consegnati allo stesso». Non intercettazioni, cioè ascolto delle conversazioni, ma dati sui traffici magari per scoprire connessioni tra vari soggetti, attraverso il cosiddetto sistema Radar, programma antifrode nelle intenzioni, rivelatosi strumento di controllo illecito in grado di non lasciar traccia in azienda. Tavaroli, in uno degli interrogatori, aggiunse che l’ attività sul calcio riguardava anche accertamenti bancari. L’ Inter ha sempre respinto qualsiasi addebito. Ascoltato il 3 ottobre 2006 dall’ allora capo dell’ ufficio indagini Figc Francesco Saverio Borrelli, Massimo Moratti dichiarò che sulla scia delle rivelazioni di Nucini a Facchetti «ritenni opportuno fare delle verifiche in merito e a tal fine mi rivolsi al Tavaroli, che conoscevo come persona capace che curava la sicurezza della Pirelli (…) Non ho mai dato alcun mandato al Tavaroli per redigere dossier sull’ arbitro De Santis né ho mai visto alcun documento in merito». Per l’ Inter nessun coinvolgimento in sede penale e un fascicolo aperto dai procuratori federali (relativo anche a presunti pedinamenti di Vieri, Mutu, Jugovic e Ronaldo) e archiviato il 22 giugno 2007, con un’ ulteriore coda senza esito dopo l’ esposto della Juventus sullo scudetto 2006 revocato ai bianconeri e assegnato all’ Inter a tavolino. È vero che la fattura da 50 mila euro per l’ operazione Ladroni venne pagata a Cipriani da Pirelli e non dall’ Inter, ma lo stesso investigatore privato ha fatto mettere a verbale: «Tavaroli spiegò che era opportuno che l’ investigazione non risultasse». A quei tempi, tra l’ altro, Pirelli era socia dell’ Inter col 19,5% delle azioni. Anche se ieri Tavaroli non ha fatto che confermare la deposizione resa ai magistrati, la portata delle sue dichiarazioni è evidente. Innanzitutto per il contesto (davanti ai giudici) ma anche e soprattutto per l’ eco sull’ opinione pubblica. Sullo sfondo dei tradizionali legami tra Inter e Pirelli-Telecom, dossieraggi illegali su una serie di soggetti (compreso Mariano Fabiani, ex d.s. di Messina e Genoa) vicini all’ ex direttore generale della Juve Luciano Moggi, avvenuti tra il 2002 e il 2003. Poi, nel 2004, l’ avvio delle indagini della Procura di Napoli che svelarono l’ esistenza di una cupola tale da condizionare arbitri e apparati delle istituzioni calcistiche e condussero nel 2006 alla retrocessione in B della Juventus e alla decapitazione dei suoi vertici dirigenziali. È una successione di fatti che, agli occhi del popolo bianconero, rimette in discussione perfino la genesi di Calciopoli. Quel che è certo è che si riapre l’ eterna questione etica sottesa a cavilli e formalismi. Per la giustizia sportiva i fatti riemersi ieri sono coperti da prescrizione. L’ Inter non rischia nulla. Moratti, semmai, deve preoccuparsi per la richiesta milionaria di risarcimento danni di De Santis (oltre a quella di Vieri). E per il dibattito che giocoforza si riaccende sull’ opportunità di aver assegnato il titolo 2006 all’ Inter.
    Il 14 giugno, il giorno dopo la seconda parte dell’interrogatorio a Tavaroli, nuovo richiamo in prima pagina della Gazzetta: “Tavaroli: «Spiavo anche Moggi»”



    Questo è l’articolo pubblicato il 14 giugno:
    Inter, Moggi, Dossier Ladroni, frodi sportive. Sta in questo intreccio di parole la nuvola nera che avvolge Calciopoli, e che ieri Giuliano Tavaroli ha contribuito a rendere ancor più densa. Nel corso della sua deposizione-bis al processo sullo spionaggio Telecom, nell’ aula bunker di San Vittore, l’ ex capo della sicurezza del gruppo (che ha patteggiato 4 anni di carcere) è tornato a parlare delle indagini illegali che, come lui stesso aveva rivelato una settimana fa, gli furono commissionate da Massimo Moratti per poi essere gestite con Giacinto Facchetti. Una conferma della versione che rese ai pm milanesi nel 2006, e contorni circostanziati. Incalzato dalle domande dell’ avvocato Paolo Gallinelli, legale dell’ ex arbitro Massimo De Santis, Tavaroli ha spiegato che tutto partì da «un incontro a tre con Moratti e Facchetti». Il motivo del Dossier Ladroni, confezionato tra il 2002 e il 2003? «Trovare conferma alle notizie su possibili frodi sportive che l’ Inter aveva ricevuto da un arbitro (Danilo Nucini, ndr)». Quindi la fase esecutiva: «Non svolsi le indagini io personalmente, ma fu il dottor Adamo Bove (ex dirigente della sicurezza Tim, morto suicida, ndr) a fare le analisi sui traffici telefonici, anche su quello di Luciano Moggi, oltre che di De Santis, non ricordo se pure su quello di Antonio Giraudo». Infine, «i report furono consegnati integralmente a Facchetti (allora vicepresidente dell’ Inter, ndr), non so se lo stesso riferì le risultanze a Moratti». Una parte dell’ attività spionistica venne delegata all’ agenzia Polis d’ Istinto dell’ investigatore privato Emanuele Cipriani, che si era già occupata di spiare alcuni giocatori nerazzurri come Vieri, Jugovic e Ronaldo. «Ma l’ operazione “Care” era completamente diversa, perché riguardava dipendenti dell’ Inter – la precisazione di Tavaroli -. Quella fu la prima volta in cui l’ Inter si rivolse a Tronchetti Provera e quindi a me per un supporto professionale. Pagò la società nerazzurra, mentre il Dossier Ladroni venne pagato da Pirelli per un errore amministrativo». Mentre nel procedimento sullo spionaggio Telecom – come riferito dal Corriere della Sera – sono state archiviate le posizioni dei manager Tronchetti e Buora, De Santis aspetta l’ udienza autunnale per la causa di risarcimento danni nei confronti dell’ Inter: la richiesta è di 21 milioni, sulla scia dell’ istanza di Vieri. Dal punto di vista sportivo, gli eventuali reati sono ormai prescritti. Il 3 ottobre 2006, ascoltato dal capo dell’ ufficio indagini Figc Francesco Saverio Borrelli, Moratti raccontò di essersi rivolto a Tavaroli ma di non avergli dato alcun mandato per redigere dossier su De Santis né di aver visto alcun documento in merito. Il 22 giugno 2007 la procura federale archiviò il caso. Le parole di Tavaroli riaccendono il dibattito e riportano alla ribalta la questione etica.

    Quindi è Tavaroli a rivelare in aula che nell’ambito dell’operazione Ladroni, realizzata tra il 2002 e il 2003 e commissionatagli dall’Inter, vennero effettuati controlli telefonici pure su Luciano Moggi. Con una precisazione, essenziale per la nostra cronistoria: quelle analisi sulle utenze furono compiute da Adamo Bove, ex dirigente della sicurezza Tim.
    Continuano le udienze e la Gazzetta, unica testata sportiva (e a volte unica in assoluto) presente al dibattimento, pubblica un altro articolo sul fatto che il dossier Ladroni potesse essere finito nel pc di Tavaroli poi ispezionato nel 2005, nell’ambito dell’inchiesta Telecom, dagli stessi carabinieri romani che si stavano occupando di Calciopoli.
    Arriviamo ai nostri giorni e al presunto silenzio dei media e, in particolare, della Gazzetta. Il 26 settembre c’è il controesame di Emanuele Cipriani, investigatore privato titolare della Polis d’Istinto. Cipriani, beninteso, curò solo una parte del dossier Ladroni. Come lui stesso ammette, non si occupò di controlli telefonici “perché il committente (che di telefonia qualcosa ne sa, ndr) non aveva bisogno di chiederli a me”. La sua attività era circoscritta sostanzialmente a pedinamenti e verifiche patrimoniali con intrusioni all’anagrafe tributaria. E’ per questo che il 26 settembre in aula – il sottoscritto era l’unico giornalista presente – Cipriani, interrogato dal legale di De Santis Paolo Gallinelli, a precisa domanda su altri possibili obiettivi delle sue investigazioni (il mandato principale riguarda appunto De Santis) risponde: “La Juventus no, la Gea sì”. La notizia, cioè l’elemento nuovo rispetto all’evoluzione processuale, è dunque questa: Cipriani ammette che fu spiata pure la Gea di Alessandro Moggi, in particolare attraverso “analisi sui bilanci e sul patrimonio”. Correttamente il giorno dopo la Gazzetta titola: “Cipriani e i dossier illegali: «Spiata pure la Gea»”. In aula Cipriani non fa mai riferimento a Luciano Moggi né ad altri ex dirigenti della Juventus. E un motivo c’è: i controlli sulle utenze telefoniche, secondo le risultanze del processo Telecom, furono svolti direttamente dal gruppo di telecomunicazioni. Rivelatrice, in tal senso, la testimonianza di Caterina Plateo, ex dipendente Telecom, incaricata da Bove di appuntare a mano le telefonate “in entrata e in uscita delle utenze intestate a Figc, Ceniccola, Juventus e Gea”.
    Perché la Gazzetta ha evitato di riportare la notizia che anche Luciano Moggi venne spiato dall’Inter, non riservando a essa un richiamo in prima pagina? Semplice: l’abbiamo già fatto a giugno, seguendo rigorosamente gli sviluppi del dibattimento.
    Ultima modifica di Dario; 03-10-12 alle 23:13
    Sui cadaveri dei leoni festeggiano le iene credendo di aver vinto,
    ma i leoni rimangono leoni e le iene rimangono iene.

    Non rispondo alle domande IDIOTE. #sapevatelo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Noi siamo il vento
    Data Registrazione
    15 Sep 2002
    Località
    Roma Capitale
    Messaggi
    77,899
    Mentioned
    1522 Post(s)
    Tagged
    65 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Senza commenti

    Inter Milan accused of 'spying' on ex-Juventus chief Moggi - ESPNFC

    Inter Milan accused of 'spying' on Moggi

    September 28, 2012

    By Adam Digby, Italy Correspondent

    Only weeks after Christian Vieri was awarded €1 million in damages because former club Inter Milan 'spied' on him, a private investigator has claimed the Nerazzurri also targeted the then Juventus managing director Luciano Moggi.

    Working in conjunction with Telecom Italia, Inter have been accused under oath by Emanuele Cipriani of ordering illegal wiretaps on the telephones of Moggi and fellow former Juve director Antonio Giraudo as well as former referee Massimo De Sanctis and the GEA World sports agency, controlled by Moggi's son Alessandro.
    The offences allegedly took place in 2002-03, although the statute of limitations on the Calciopoli case has expired, meaning Inter and their management will face no further punishment.
    However, Moggi - given a lifetime ban from the game for his role in Calciopoli - promised to follow Vieri's lead and sue the club.
    Speaking to Radio Kiss Kiss, he said: "Vieri was being spied on, but so was I, and when it comes to us, it'll be even worse. We have requested much more than €1 million in damages, but I can't remember the exact sum.
    "I am sure my ban from football will be resolved soon. Will I return to the role of director? At the moment I am enjoying myself doing the job of a journalist. Some say I still run Italian football. That's just an urban myth."


    A Juventus fans waves his 'I hate Inter' scarf during Luciano Moggi's trial in 2010
    Sui cadaveri dei leoni festeggiano le iene credendo di aver vinto,
    ma i leoni rimangono leoni e le iene rimangono iene.

    Non rispondo alle domande IDIOTE. #sapevatelo

 

 

Discussioni Simili

  1. Ricevo e pubblico (senza commenti)
    Di Legione nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-02-08, 00:27
  2. Fatti. Senza commenti.
    Di destracristiana nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 28-07-05, 23:21
  3. senza commenti
    Di iproscritti nel forum Destra Radicale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 10-03-05, 20:46
  4. Senza commenti....
    Di Dario nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 09-12-03, 15:52
  5. senza commenti
    Di Alberich nel forum Padania!
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 23-07-02, 13:14

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226