User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
Like Tree2Likes

Discussione: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Signor sindaco, come noto davanti al cancello di Villa Belmonte, in Giulino di Mezzegra, tempo addietro, venne apposta una lapide commemorativa della morte di Benito Mussolini e di Clara Petacci. In tale località inoltre era invalso l’uso di praticare Tour turistici a rivisitazione e commemorazione dei posti che interessarono le ultime vicende umane e storiche di Mussolini.
    Leggiamo adesso che anche l’Anpi ha inteso apporre una sua lapide a ricordo di quell’evento storico. Il tutto consentito dalla locale amministrazione di Mezzegra di cui Lei è sindaco.
    Con questa lettera aperta, divulgata anche a mezzo stampa, non si vuole assolutamente entrare in polemiche tra “nostalgici” di opposti schieramenti, ma criticare unicamente, da un punto di vista della verità storica, la deposizione di croci e lapidi che, di fatto, avallano un falso storico. Un alterazione della storia questa che non può essere consentita, nè per soddisfare esigenze di fazioni politiche, nè per eventuali interessi di natura turistica.
    E’ oramai storicamente acquisito, infatti, che davanti a quel cancello non ci fu alcuna fucilazione di Mussolini e la Petacci o meglio ci fu solo una messa in scena di una fucilazione di due cadaveri quelli di Benito Mussolini e Clara Petacci uccisi al mattino.
    Questa mia decisa asserzione, che non ci fu alcuna fucilazione a Villa Belmonte, non nasce dalle sia pur tante ed evidenti contraddizioni che la “versione” o meglio le “versioni”, definite dallo storico Renzo De Felice una “vulgata”, incongruenti e contraddittorie emesse negli anni dai presunti autori di quell’impresa e neppure da una raccolta di testimonianze, per loro natura non decisive per attestare, in un senso o nell’altro, un quadro esatto degli avvenimenti effettivamente accaduti in quel 28 aprile 1945 tra Bonzanigo e Giulino di Mezzegra, ma si evince da riscontri precisi, prove oggettive di natura scientifica che non consentono alcun appello.
    Non è un caso infatti che, oramai, storici di varie tendenze non credono più alla “vulgata”, che prestigiose riviste storiche, non di parte, la smentiscono decisamente e che la stessa Rai nel corso di un ampio servizio, curato da Enzo A. Cicchino: La Grande Storia, del 6 luglio scorso, ha decisamente definito come falsa la “vulgata”.
    Per sua informazione le riporto queste prove oggettive alle quali si può aggiungere un altra prova, sia pure di valore “indiziario”, ma concreta e inequivocabile. Vediamo:
    1. Prima prova oggettiva: Il giaccone indosso al cadavere di Mussolini.
    Nel 2006 studi peritali, eseguiti da una equipe del Prof. Giovanni Pierucci presso il celebre Istituto di Medicina Legale di Pavia, facendo uso di strumenti e tecniche computerizzate, hanno confermato precedenti osservazioni “ad occhio” che indicavano il giaccone con maniche raglan, visibile in foto e filmati di Piazzale Loreto e indosso al cadavere di Mussolini allacciato fin quasi al collo, privo di fori o strappi quali esiti di una fucilazione. Recentemente anche altre analoghe analisi hanno confermato i risultati della perizia di Pavia.
    Il giaccone risulta intatto e i colpi da armi da fuoco si trovano solo sulla maglietta bianca di salute. Altri particolari, inoltre, evidenziati dalle tecniche digitali, indicano che alcuni colpi furono sparati da distanza molto ravvicinata.
    Quindi Mussolini, attinto in vita da ben nove colpi di arma da fuoco, non fu fucilato con quel giaccone indosso.
    Molti di questi colpi, infatti, avrebbero dovuto produrre bruciature, fori o strappi su quel giaccone. Invece non risulta niente di tutto questo e la ipotetica possibilità che quel giaccone sia stato cambiato da indosso al cadavere dopo che la sera, fu buttato sul camion con gli altri cadaveri dei fucilati, ovvero durante il viaggio di ritorno a Milano è una vera amenità secondo la quale, dovremmo supporre che nel mucchio dei cadaveri insanguinati che giacevano su quel camion, qualcuno decise che alla salma del Duce, forse poco elegante, sarebbe stato meglio sostituirgli il cappotto, cosa oltretutto non di certo agevole visto il rigor mortis del cadavere. Al di là del ridicolo di una ipotesi del genere, resta il fatto che non esistono eventuali ricordi di un cambio di giaccone al cadavere durante il viaggio di ritorno verso Piazzale Loreto, confidenze che avrebbero dovuto pervenire da Waler Audisio, Aldo Lampredi, Alfredo Mordini, Orfeo Landini e Mario Ferro, oltre agli uomini del plotone dell’Oltrepò pavese (circa 12), cioè tutti coloro che riportarono a Milano i 18 fucilati ammucchiati sul quel camion. Ma oltretutto, e questo è decisivo, la perizia di Pavia ha evidenziato, su la maglietta bianca di salute, aloni di polvere incombusta e di microparticelle che ogni colpo d’arma da fuoco deposita sul corpo colpito se lo sparo vi arriva direttamente da una distanza non superiore ai 50 cm.!
    Di fronte a questa prova, a dir poco schiacciante, non c’è nulla da obiettare: Mussolini venne buttato in terra al cancello di Villa Belmonte già morto e precedentemente rivestito con quel giaccone, cosicché saltano definitivamente tutti i riferimenti di luogo e di tempo forniti dalla “vulgata”.

    2. Seconda prova oggettiva: lo stivale destro
    Le immagini di Piazzale Loreto mostrano lo stivale destro di Mussolini aperto e rovesciato sul piede. Il testo d’epoca di Renato Salvadori: “Nemesi”, ci dice che quello stivale aperto venne già notato, la sera del 28 aprile, al caricamento dei cadaveri sul camion al bivio di Azzano.
    Il rilievo oggettivo di quello stivale, in quelle condizioni (saracinesca lampo di retro chiusura, saltata al tallone) ci dimostra che Mussolini non poteva deambulare normalmente per essere condotto alla macchina che lo aspettava in fondo alla piazzetta con il Lavatoio in Largo della Valle e comunque, se così fosse stato, quei pochi testimoni che hanno sbirciato quel “corteo” avrebbero sicuramente notato questo particolare, cosa che invece non è avvenuta.
    Se pertanto lo stivale dx al piede del cadavere del Duce presentava questa anomalia, è ovvio che la saracinesca di chiusura venne forzata e si ruppe tra il dopo l’uccisione di Mussolini al mattino e prima di scaricare il suo cadavere alle 16,10 davanti al cancello di Villa Belmonte per inscenare una finta fucilazione.
    Quindi questo stivale non solo smentisce la “vulgata”, ma dimostra anche la messa in scena che fu mostrata a qualche occasionale astante di quei posti che vide passare il corteo di un uomo e una donna, scortati da uomini armati, condotti alla macchina sulla piazzetta del Lavatoio.
    Quei pochi testimoni, infatti, che verso le 16 del 28 aprile 1945 sbirciarono il passaggio di un uomo, rimpannucciato in un pastrano con i baveri alzati e il cappello calato sugli occhi, ed una donna, entrambi con stivali da equitazione (sic!) come riferito da alcuni testi, non hanno però anche indicato che l’uomo si trascinava con uno stivale aperto. Ergo, quei due non potevano essere Mussolini e la Petacci!.
    Queste due prove oggettive che smentiscono una fucilazione al cancello di Villa Belmonte sono decisive, tanto che in un immaginario Tribunale non ci sarebbe bisogno di testimonianze o altro. Ma vediamo anche la prova indiziaria.
    - Prova indiziaria: La balistica della fucilazione smentisce la “storica versione”
    Per ricostruire la dinamica balistica di quella fucilazione, abbiamo purtroppo solo la descrizione diagnostica delle ferite fatta dal prof. Cattabeni in sede di necroscopia all’obitorio di via Ponzio a Milano, nonchè le foto delle ferite visibili sulle salme di Mussolini e la Petacci.
    Non abbiamo però elementi per stabilire il calibro delle pallottole, nè la descrizione dei tramiti interni che consentano di specificare metrica e inclinazioni di tiro e neppure abbiamo l’analisi del vestiario.
    Di fronte a queste carenze non si può indicare una dinamica balistica precisa, ma solo avanzare non meno di un paio di attendibili ricostruzioni valendosi del verbale di Cattabeni, delle fotografie e della comune esperienza nella balistica per le armi da fuoco.
    In ogni caso trattasi di ipotesi molto concrete espresse in tempi diversi, pur con alcuni distinguo e riserve, da esperti di medicina legale come il dott. Aldo Alessiani del tribunale di Roma (anni ’80 che addirittura ipotizzò una sequenza di spari, con pistola e mitra, durante una colluttazione tutta svoltasi in casa), il prof. Giovanni Pierucci a Pavia (consulenza del 1996 e perizia del 2006) e il prof. Pierluigi Baima Bollone a Torino (2005).
    Sappiamo che Audisio, nelle sue confuse e contraddittorie relazioni, alla fin fine, indicò di aver sparato un massimo di 10 colpi di cui uno di grazia. Noi comunque dobbiamo partire dal fatto che il cadavere di Mussolini presenta 9 ferite premortali, causate da 9 colpi tutti documentati dal referto autoptico del prof. Cattabeni..
    Di queste nove ferite, la più alta trovasi in zona sotto mentoniera, mentre la più bassa attinse il fianco destro fuoriuscendo dal gluteo; l’avambraccio dx presenta una ferita con foro di uscita. Alcune ferite fanno supporre una ravvicinatezza di spari e il loro insieme mostra una geografia distanziata con poli direzionalità di tiro. Inoltre la conformazione difforme delle ferite, come appare in foto lavorate con tecniche moderne, alcune più piccole e altre poco più ampie (quelle sull’emisoma destro), alcune rotonde e altre un poco ovali, lasciano intuire due calibri diversi, che è ragionevole indicare in un 7,65 e in un calibro 9 corto e alcuni spari con traiettoria un poco obliqua.
    Ed ancora, alcuni colpi paiono sparati con inclinazione dall’alto verso il basso, traiettorie che teoricamente, potrebbero anche essere ascritte a inclinazione della vittima in avanti al momento degli spari, ma considerando il piano stradale sul quale dicesi era posizionato Audisio, di circa 15 cm. più basso rispetto a quello del cancello di Villa Belmonte dove era posizionato Mussolini, la giustificazione si complica.
    Possiamo invece ragionevolmente ipotizzare, pur non potendo avere certezze assolute in merito, una esecuzione con almeno due sparatori: uno con mitra, leggermente defilato rispetto al bersaglio e l’altro con pistola posizionato frontalmente sulla destra di Mussolini.
    E’ anche possibile una sequenza in due tempi: prima un ferimento al fianco e forse al braccio durante una fase di colluttazione e poi i sette spari finali con il bersaglio in piedi. Teoricamente, i sette colpi tra spalla, collo e torace, potrebbero anche provenire da una sola arma.
    La Petacci, viceversa, venne attinta da una raffica di mitra alla schiena e forse, da uno o due colpi di pistola al petto (una o due pallottole calibro 9 corto furono recuperate nella salma durante la riesumazione del cadavere, ma non si ha certezza se vennero sparate in vita o post mortem). Le foto delle ferite “in uscita” sul petto e la sua pelliccia perforata nello schienale sono eloquenti. Una morte della donna questa che non può rapportarsi ai sia pur confusionari resoconti della “Vulgata” che la fece rientrare nella stessa fucilazione in cui fu ucciso il Duce.
    Una Petacci inoltre, il cui cadavere mostra evidenti ecchimosi sotto l’occhio dx ed una probabile frattura del naso, tutti colpi ricevuti in vita e che smentiscono la “vulgata” la quale recita invece che la Petacci sarebbe stata in casa De Maria, tranquilla fin verso le 16, ora in cui la preleverebbe Audisio per portarla a Villa Belmonte e fucilarla in quattro e quattr’otto.
    La versione quindi di Audisio, Lampredi e Moretti, ovvero dei tre presunti esecutori di Mussolini, attestante un solo tiratore che oltretutto farebbe fuoco da tre passi (oltre due metri) è la più improbabile ad essersi verificata, perché l’insieme delle circostanze e le modalità di esecuzione considerate, tendono ad escluderlo decisamente.
    . Signor Sindaco, le risparmio le tante osservazioni e deduzioni che smentiscono la “vulgata”, come anche la raccolta delle testimonianze di gente del posto, suoi concittadini, che poterono solo attestare di aver visto intorno alle 16 un breve corteo di un uomo e una donna scortati all’automobile che li attendeva in fondo alla piazzetta con il Lavatoio e successivamente di aver udito scariche di mitra e quindi visto due cadaveri ai piedi del cancello di Villa Belmonte. Ma la attenta osservazione di quelle testimonianze dimostra inequivocabilmente che fin dal mattino ci furono piccoli, ma numerosi blocchi stradali in tutto il circondario Bonzanigo, Azzano e Mezzegra, motivati dalla falsa ricerca di fascisti, spie o tedeschi fuggiaschi, e che intorno all’ora di pranzo venne sparsa la voce di un transito di Mussolini prigioniero nella sottostante statale. Tutti avvenimenti questi che dimostrano come Audisio & Co. non vennero improvvisi in paese verso le 16 e scelsero strada facendo il luogo dell’esecuzione, ma vi era una preordinata pianificazione di una messa in scena.
    Del resto in una intervista del 2008 al vice sindaco di Mezzegra, Vittorio Bianchi, intervistato dalla TV Espansione di Come, ebbe ad affermare quello che tutti hanno sempre saputo, ovvero che al tempo la gente di quei posti venne “zittita”.
    Non è tanto difficile capire che se ci fu bisogno di intimidire la gente, affinchè non parlasse, evidentemente la “vulgata” era falsa in tutto e pertutto.
    Io posso anche comprendere che ci siano esserci interessi storici, di prestigio e di natura turistica, perchè la sua amministrazione comunale acconsenti alla deposizione di queste lapidi, ma a parte il fatto che può sempre deporsi una duplice lapide in luogo generico del paese, indicante che il 28 aprile 1945 in quella località venne fucilato Mussolini, e quindi mantenere integri gli interessi turistici, non è possibile che venga stravolta la verità storica, anzi “fucilata” la storia, acconsentendo a deporre lapidi commemorative al cancello di Villa Belmonte, dove non ci fu alcuna fucilazione. Mi auguro che Ella vorrà provvedere in merito.


    A Mezzegra hanno? fucilato la verità storica | Storia | Rinascita.eu - Quotidiano di Sinistra Nazionale
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Dove sia morto non importa, l'importante è che "sia stato morto"!!
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  3. #3
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    60,924
    Mentioned
    1111 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    dopo quasi 70 anni ancora non si riesce ad ammettere che le cose quel 28 aprile sono come lo ha raccontata la signora Dorina Mazzola e come le scritte Giorgio Pisano':

    Mussolini ha tentato di suicidarsi la mattina del 28 aprile nella casa De Lia in cui si trovava con Claretta col veleno di una capsula che aveva in un dente

    Claretta fu violentata ripetutamente e battuta

    Mussolini fu portato giu' nella porcilaia della casa semiincosciente, legato come una bestia alla stalla e finito dai colpi di agenti inglesi del controspionaggio con l'aiuto di qualche partigiano venuto con lui da Milano, verso le 10 del mattino

    Claretta fu uccisa con colpi sparatele alla schiena tra le 11 e le 12 perchè i partigiani non sapevano cosa fare di lei visto che continuava a urlare e disperarsi

    Verso le 12 e 30 i due cadaveri furono caricati su un furgone, il cadavere di Mussolini fu portato vicino a un canale e lavato dallo sterco di maiale e il furgone venne parcheggiato dentro il garage dell'albergo Milano, poco distante dalla riva del lago, fino all'arrivo del sedicente colonnello Valerio alle 16 che mise in piedi la tragica falsa fucilazione di Villa Belmonte

    I partigiani dopo tutta quella carneficina riuscirono a pranzare tranquillamente all'albergo Milano anche se, secondo le testimonianza della Mazzola, qualcuno piangeva
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 06-10-12 alle 10:41
    Ringhio likes this.

  4. #4
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    60,924
    Mentioned
    1111 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Dove sia morto non importa, l'importante è che "sia stato morto"!!
    è sintomatico il fatto che ancora oggi gli ambienti partigiani e comunisti (per fortuna ormai sono rimasti pochi) non osino dire la verità dei fatti, perchè si è trattata di una pagina di macelleria messicana abbastanza vergognosa

  5. #5
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    è sintomatico il fatto che ancora oggi gli ambienti partigiani e comunisti (per fortuna ormai sono rimasti pochi) non osino dire la verità dei fatti, perchè si è trattata di una pagina di macelleria messicana abbastanza vergognosa
    C' stato un ventennio vergognoso, io mio preoccuperei di quello anzichè avanzare ipotesi a caso sulla morte di un tiranno...
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Dove sia morto non importa, l'importante è che "sia stato morto"!!
    Tieni ragione, altrimenti i fancazzisti come te sarebbero stati costretti a rispettare le regole e a lavorare per vivere.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    C' stato un ventennio vergognoso, io mio preoccuperei di quello anzichè avanzare ipotesi a caso sulla morte di un tiranno...
    Perchè ti preoccupi di qualcosa oltre delle stupidaggini storiche che continui a scrivere in quantità industriali?
    Il ventennio che definisci vergognoso ti permette (ancora per poco) di avere qualcosa in più delle stupide parole.
    Come tutti i periodi non fu perfetto, ma il bilancio, sotto moltissimi aspetti è certamente POSITIVO.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  8. #8
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    60,924
    Mentioned
    1111 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    C' stato un ventennio vergognoso, io mio preoccuperei di quello anzichè avanzare ipotesi a caso sulla morte di un tiranno...
    lasciamo perdere, il ventennio non è stato vergognoso, basta vedere le cento opere fatte, vergognosa è stata la guerra ma anche in quel caso non si giustificano i triangoli della morte e le uccisioni di persone inermi, molti funzionari di Mussolini uccisi a Dongo qualche ora dopo di lui erano persone che lavoravano e facevano il loro dovere

    Togliatti poi aveva bisogno di un milioncino di voti fascisti per far vincere la repubblica nel 1946 e inciucio' con loro promettendo in cambio l'amnistia, anche a chi si era macchiato le mani di sangue, gente che poi troveremo allegramente nel PCI

    Un processo a Mussolini sarebbe stato molto interessante, non credo che si sarebbe salvato dalla forca ma almeno oggi avremmo saputo le vere resposnabilità
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 06-10-12 alle 14:06

  9. #9
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,948
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    363 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    lasciamo perdere, il ventennio non è stato vergognoso, basta vedere le cento opere fatte, vergognosa è stata la guerra ma anche in quel caso non si giustificano i triangoli della morte e le uccisioni di persone inermi, molti funzionari di Mussolini uccisi a Dongo qualche ora dopo di lui erano persone che lavoravano e facevano il loro dovere

    Togliatti poi aveva bisogno di un milioncino di voti fascisti per far vincere la repubblica nel 1946 e inciucio' con loro promettendo in cambio l'amnistia, anche a chi si era macchiato le mani di sangue, gente che poi troveremo allegramente nel PCI

    Un processo a Mussolini sarebbe stato molto interessante, non credo che si sarebbe salvato dalla forca ma almeno oggi avremmo saputo le vere resposnabilità
    Appunto, lascia perdere le cazzate. Lascia perdere se non vuoi ridurti ad un ringhio qualsiasi...
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: A Mezzegra hanno… fucilato la verità storica

    Citazione Originariamente Scritto da Raymond la Science Visualizza Messaggio
    Appunto, lascia perdere le cazzate. Lascia perdere se non vuoi ridurti ad un ringhio qualsiasi...
    Strano, tutti quelli che ragionano alternaivo a te e a quelli come te scrivono cazzate!
    Non è che siete un tantinello discriminatori e razzisti, a già.... scordavo, hai già ammesso di esserlo.
    Comunque potevi rispondere con qualcosa di più di una battuta.
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Comitato per la Verità Storica
    Di Princ.Citeriore (POL) nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-03-07, 02:10
  2. 1806 per la verità storica !
    Di Princ.Citeriore (POL) nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-03-06, 11:23
  3. X la verità storica
    Di cràudiu nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-11-04, 23:59
  4. Per la verità storica
    Di nfcit nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-06-02, 20:48
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-03-02, 20:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226