User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Non cambia nulla sotto il Vesuvio.....

    La Campania assume l’esercito dei «comandati» - Corriere della Sera

    Al consiglio regionale posti ad hoc per gli amici dei politici

    La Campania assume l’esercito dei «comandati»

    La denuncia del vicepresidente Ronghi: «infornata» di distaccati da società a partecipazione pubblica


    ROMA — Parolina magica: comanda*to. Per un dipendente pubblico essere co*mandato significa il trasferimento dal*l’amministrazione che lo ha assunto a un altro ufficio. Più comodo, più prestigioso, soprattutto meglio retribuito. Insomma, un destino super ambito. Anche perché dovrebbe essere riservato a pochi fortuna*ti destinatari di incarichi che non si po*trebbero ricoprire in altro modo. Tranne che al Consiglio regionale della Campania, dove i comandati da altre am*ministrazioni sono la bellezza di 223: per un costo di almeno una dozzina di milioni l’anno.

    Sono arrivati da tutte le parti. Dalle Asl. Dall’Inps. Dai mini*steri dell’Istruzione, delle Infrastrutture, dell’Economia, dei Beni Culturali, della Di*fesa, della Giustizia. Dai Comuni: perfino da quello di Siena. Dalle Province. Dalle Università. Ma c’è chi è stato comandato al Consiglio regionale della Campania an*che dalle Poste e dall’Atm: proprio così, anche l’azienda di trasporti controllata dal Comune di Milano. Siccome i distaccati dalle altre ammini*strazioni pubbliche non bastavano, allora con una leggina regionale del 2002 si è estesa la possibilità di far distaccare nel brutto palazzone del centro direzionale di Napoli dove ha sede il Consiglio, pure i di*pendenti delle imprese pubbliche. Ma nemmeno controllate completamente dal*lo Stato o dagli enti locali, visto che per farsi recapitare nel dorato mondo della politica campana era sufficiente risultare dipendente di una società nella quale la partecipazione pubblica non fosse «infe*riore al 49 per cento».

    Il giochino era sem*plice: bastava far assumere una persona da una società del Comune o della Regio*ne, dove si può entrare per chiamata diret*ta, e farla poi distaccare presso la segrete*ria di un politico. Dove, guarda caso, si trova la maggior parte dei comandati. Scorrendo il loro elenco si scopre che i di*pendenti di società, amministrazioni ed enti pubblici distaccati presso strutture politiche, come i gruppi dei partiti, sono circa 150. Alla segreteria di Alessandrina Lonar*do, presidente del Consiglio regionale nonché consorte dell’ex ministro della Giustizia Clemente Mastella, ci sono 14 comandati. Quelli del gruppo Pd sono 22: fra loro, secondo la lista, ci sarebbe anche una persona proveniente da Enel distribuzione spa, società che fa parte di un gruppo nel quale la partecipazione pubblica è ben inferiore al 49% previsto dalla legge regionale. Ben otto sono nel gruppo del Nuovo Psi. Una dozzina in quello di Forza Italia. E ben sei sono alle dipendenze del questore al personale Ful*vio Martusciello. Nel tentativo di mettere un freno a que*sto meccanismo infernale, qualche anno fa si decise di bloccare il flusso dei coman*dati dalle aziende pubbliche. Inutile dire che il promotore di questa iniziativa, il vi*cepresidente del consiglio regionale Salva*tore Ronghi, ora esponente del Movimen*to per le autonomie, non si fece molti ami*ci. Ma non aveva previsto l’inevitabile col*po di coda. Un giorno di gennaio del 2008, mentre si votava la legge finanziaria locale, passò senza colpo ferire un emen*damento trasversale che prevede di fatto la stabilizzazione nei ruoli del consiglio re*gionale del personale in posizione di co*mando proveniente da altre amministra*zioni: compresi, ovviamente, i circa 80 di*pendenti delle imprese pubbliche e para*pubbliche. Erano le tre del mattino. La norma in questione è l’articolo 44 della legge regionale numero 1 del 2008 e stabi*lisce che i comandati possono venire col*locati in un’apposita graduatoria e accede*re a «corsi concorsi» a loro riservati per passare a tutti gli effetti alle dipendenze del Consiglio.

    Per gestire questa procedu*ra è stata nominata il 2 luglio scorso una commissione di nove (nove!) persone pre*sieduta da un dirigente dell’amministra*zione, Girolamo Sibilio, ma con forti vena*ture politiche. Ovviamente bipartisan. Per dirne una, ne fa parte anche Anna Fer*razzano, vice presidente della giunta pro*vinciale di Salerno, già commissario di Forza Italia nella città campana. Secondo Ronghi ce n’è abbastanza per far scoppiare uno scandalo, mettendo an*che in azione la magistratura: «E’ del tut*to illegale assumere in questo modo i co*mandati provenienti dalle aziende a parte*cipazione pubblica. La legge stabilisce che non si possa venire assunti in una pubbli*ca amministrazione se non tramite con*corso pubblico, e sottolineo pubblico. I corsi concorsi previsti dall’articolo 44 ser*vono soltanto per aggirarlo facendo di*ventare dipendenti del consiglio regiona*le gli amici dei politici assunti fittiziamen*te dalle società miste». Non sarà un caso che da quando è nata la Regione Campania, nel 1970, nel consi*glio regionale non è mai entrato un dipen*dente per concorso pubblico. Il primo con*corso (per 36 posti) è stato bandito nel 2005, ma non è stato ancora fatto. E la pro*spettiva della stabilizzazione di tutti i co*mandati non lascia molte speranze a chi punta su quello per avere un lavoro. An*che perché costoro sono circa metà di tut*ti i dipendenti del consiglio. Che grazie ai comandi e ai distacchi sono diventati ne*gli anni più numerosi di quelli di Buckin*gham Palace, e oltre il doppio, in propor*zione agli eletti, rispetto alla Camera. Per ognuno dei 60 consiglieri regionali cam*pani ci sono circa otto dipendenti, a fron*te dei tre per ogni deputato che si conta*no a Montecitorio.

    Sergio Rizzo
    20 luglio 2009
    LOMBARDIA LIBERA IN LIBERA EUROPA

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,699
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Non cambia nulla sotto il Vesuvio.....

    a certe latitudini non cambierà mai niente perchè la voglia di lavorare è poca, il senso civico è quasi inesistente e l'atteggiamento prevalente è quello di incxxxre soldi alle istituzioni pubbliche/private

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Non cambia nulla sotto il Vesuvio.....

    Di fronte all'infinito chiagnere e fottere di questi schifosi parassiti non ci restano più parole se non un solo augurio: forza Vesuvio!
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Non cambia nulla sotto il Vesuvio.....

    Lavora , lavora.

    Il Sud aspetta i soldi.

    E qui al Nord nessuno cerchi di fare il furbo a non pagare le tasse. I soldi devono essere mandati regolarmente.

    Se poi qualche sciagurato padano si lamenta che al Sud non pagano le tasse , bisogna che capisca che il Sud non dovendo mandare via i soldi delle proprie tasse ad altri, pertanto è assurdo che le paghi.

    Perché il Sud deve pagare come fa il Nord se tanto il gettito non è necessario che venga mandato ad altri????.

    Al Sud le tasse le pagano i dipendenti statali e parastatali perché tanto i contributi vengono pagati dallo stato che usa i Soldi del Nord.
    Grandezza della Padania che manda i soldi affinché il Sud non faccia brutta figura, un aiuto disinteressato nel pagare anche le tasse del Sud.

    Ossia le vere tasse pagate dal Sud sono formate dai soldi pagati dal Nord.

    Il pensiero economico latino-mediterraneo è una arte.

 

 

Discussioni Simili

  1. Nuovo Parlamento, non cambia nulla.......
    Di Lancelot nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-05-08, 18:04
  2. Elezioni Usa. Non cambia proprio nulla
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-11-06, 09:05
  3. abbiamo perso , nulla cambia cin cin
    Di serpilla.ro nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 17-01-06, 18:30
  4. elezioni : non cambia nulla...
    Di Diabolik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-05-02, 05:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226