User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26
Like Tree2Likes

Discussione: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Presentazione ddl

  1. #1
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Presentazione ddl

    In qualità di Vice-Presidente del Senato, apro la fase di presentazione dei disegni di legge in merito al tema "diritti di cittadinanza e immigrazione"
    La seduta verrà chiusa tra 7 giorni, ovvero alle 18.21 di domenica 21 ottobre.


    F.to FalcoConservatore - Vicepresidente
    Per aspera ad astra

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,135
    Mentioned
    898 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Presentazione dd

    Legge Giò91 n.12 del Senato - Criteri di assegnazione della cittadinanza italiana




    Preambolo


    La cittadinanza italiana viene concessa agli stranieri residenti.
    Tale atto non si configura in alcun modo come un diritto automatico, ma come una concessione e non è determinata dalla valutazione dell’interesse dello straniero, bensì dalla valutazione dell’interesse dello Stato e della comunità nazionale ad accogliere come cittadino il richiedente.
    L’amministrazione, a tutti i livelli, ha potere discrezionale assoluto ed insindacabile nella concessione della cittadinanza.


    Proposta di Legge

    Articolo Primo
    Casi di acquisto della cittadinanza per naturalizzazione:
    Lo straniero può acquistare la cittadinanza italiana nei seguenti modi:

    I
    Per acquisto volontario.
    Se discendenti da cittadino italiano per nascita, fino al secondo grado, che abbia perso la cittadinanza, dopo aver soddisfatto determinati requisiti (svolgendo servizio militare nelle forze armate e dichiarando preventivamente di voler acquistare la cittadinanza italiana; oppure assumendo pubblico impiego alle dipendenze dello Stato, anche all’estero, e dichiarando di voler acquistare la cittadinanza italiana; oppure risiedendo legalmente in Italia due anni al raggiungimento della maggiore età e dichiarando, entro un anno dal raggiungimento della maggiore età, di voler acquistare la cittadinanza italiana)



    II
    Per matrimonio.
    Dopo cinque anni di convivenza e residenza legale in Italia successivi al matrimonio.

    III
    Per naturalizzazione (residenza).
    Se si risiede legalmente in Italia da 12 anni, consecutivamente.
    Se il richiedente proviene da un paese membro dell'Unione Europea, è possibile presentare la domanda dopo soli 6 anni di residenza continua in Italia, nel rispetto della legalità.

    Lo straniero dovrà presentare richiesta all’Ufficio Naturalizzazione nel luogo di residenza.
    L’autorizzazione all’inizio della procedura di naturalizzazione verrà avviato solo nel caso in cui lo straniero soddisfi i seguenti requisiti:
    1
    Residenza continuata come da articolo secondo comma III.
    2
    Certificato penale che attesti che non siano state commesse violazioni delle normative vigenti.
    3
    Nessun collegamento rilevato con associazioni o enti che minaccino o attentino alla sicurezza dello Stato Italiano.
    4
    Possesso di documentazione che attesti lo svolgimento di attività lavorativa o imprenditoriale sul territorio italiano che sia in regola con le normative sul lavoro e con gli obblighi contributivi e fiscali.
    5
    Aver superato l’Esame per la Cittadinanza, istituito allo scopo di valutare l’integrazione dello straniero nella comunità nazionale italiana.


    Articolo Terzo
    Norme sull’Esame per la Cittadinanza
    Tale esame consisterà in una serie di prove scritte ed orali tese ad accertare il livello di conoscenza della lingua, delle leggi e delle norme costituzionali italiane conseguito dal candidato.
    Il mancato superamento di tale esame costituirà elemento ostativo fondamentale per l’avvio della pratica di naturalizzazione.
    Lo straniero respinto potrà ritentare l’esame non prima di due anni dopo il primo tentativo.
    Il richiedente respinto proveniente da paesi facenti parte dell'Unione Europea potrà ritentare dopo un anno.




    Il Presidente promulga.
    Cabraizinho

    per quanto atttiene al tema della cittadinanza il PCF dichiara la sua intenzione di voler manetenere l'impianto della legge attualmente in vigore Giò91 n. 12 per cui al momento non presentiamo nessun DDL riservandoci di valutare le eventuali proposte di emendamenti di altri gruppi.
    Se però verranno presentate proposte di cancellazione della legge Giò91 n 12 ci opporremo contro tale eventuali proposte di abolizione
    Juv likes this.

  3. #3
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Presentazione dd

    Ripropongo il testo bocciato nella scorsa legislatura.

    Disegno di Legge sulla Cittadinanza e sul Diritto di Voto - SteCompagno

    INTRODUZIONE

    L’Italia vive un grave vulnus di democrazia e di diritti, tra i tanti campi dove si verificano queste anomalie lontane dal concetto di società civile e democratica vi è quello della Cittadinanza : tantissimi bambini figli di migranti non hanno nazionalità, non sono né italiani né stranieri, sono privati di qualsiasi riconoscimento.
    Questo DDL vuole sanare questa ingiustizia.
    Il secondo obiettivo è quello di facilitare le procedure temporali per acquisire la cittadinanza italiana, procedure che oggi provocano più di un problema a livello sociale ed economico, è per questo che il DDL chiede l’abrogazione della vigente Legge Giò91 in tema di diritto di cittadinanza.
    Il terzo obiettivo riguarda il diritto di voto alle amministrative per gli stranieri lavoratori.

    ARTICOLI

    Art.1 La Legge Giò91 n.12 del Senato - Criteri di assegnazione della cittadinanza italiana è abrogata.

    Art. 2
    Chi è nato nel territorio della Repubblica Italiana da genitori stranieri di cui almeno uno sia legalmente soggiornante in Italia da almeno 5 anni gode della cittadinanza Italiana.

    Art. 3 Chi è nato nel territorio della Repubblica Italiana da genitori stranieri di cui almeno uno sia nato in Italia e vi abbia risieduto per almeno 5 anni , gode della cittadinanza italiana.

    Art. 4 Gli art. 2 e 3 si applicano in maniera retroattiva ai minori figli di stranieri già presenti sul territorio italiano.

    Art. 5 Ha diritto a richiedere la cittadinanza italiana lo straniero che risiede legalmente in Italia da almeno 5 anni e che dispone del reddito necessario pari a quello richiesto per il permesso di soggiorno.

    Art. 6 Gli anni di residenza minima dell’art.4 scendono a 3 per i cittadini di uno Stato dell’UE che intendono richiedere la cittadinanza italiana.

    Art. 7 Lo Stato e in particolare il Ministero dell’Istruzione si fa carico di istituire le forme più adatte per garantire corsi di formazione per la conoscenza della Lingua e dei valori della Costituzione Repubblicana ai cittadini richiedenti la cittadinanza.

    Art. 8 Ai Lavoratori stranieri risedenti in Italia regolarmente da almeno 5 anni è garantito il diritto di elettorato passivo ed attivo nelle elezioni amministrative (comuni, province, regioni).
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  4. #4
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Presentazione dd

    Citazione Originariamente Scritto da SteCompagno Visualizza Messaggio
    Ripropongo il testo bocciato nella scorsa legislatura.

    Disegno di Legge sulla Cittadinanza e sul Diritto di Voto - SteCompagno

    INTRODUZIONE

    L’Italia vive un grave vulnus di democrazia e di diritti, tra i tanti campi dove si verificano queste anomalie lontane dal concetto di società civile e democratica vi è quello della Cittadinanza : tantissimi bambini figli di migranti non hanno nazionalità, non sono né italiani né stranieri, sono privati di qualsiasi riconoscimento.
    Questo DDL vuole sanare questa ingiustizia.
    Il secondo obiettivo è quello di facilitare le procedure temporali per acquisire la cittadinanza italiana, procedure che oggi provocano più di un problema a livello sociale ed economico, è per questo che il DDL chiede l’abrogazione della vigente Legge Giò91 in tema di diritto di cittadinanza.
    Il terzo obiettivo riguarda il diritto di voto alle amministrative per gli stranieri lavoratori.

    ARTICOLI

    Art.1 La Legge Giò91 n.12 del Senato - Criteri di assegnazione della cittadinanza italiana è abrogata.

    Art. 2
    Chi è nato nel territorio della Repubblica Italiana da genitori stranieri di cui almeno uno sia legalmente soggiornante in Italia da almeno 5 anni gode della cittadinanza Italiana.

    Art. 3 Chi è nato nel territorio della Repubblica Italiana da genitori stranieri di cui almeno uno sia nato in Italia e vi abbia risieduto per almeno 5 anni , gode della cittadinanza italiana.

    Art. 4 Gli art. 2 e 3 si applicano in maniera retroattiva ai minori figli di stranieri già presenti sul territorio italiano.

    Art. 5 Ha diritto a richiedere la cittadinanza italiana lo straniero che risiede legalmente in Italia da almeno 5 anni e che dispone del reddito necessario pari a quello richiesto per il permesso di soggiorno.

    Art. 6 Gli anni di residenza minima dell’art.4 scendono a 3 per i cittadini di uno Stato dell’UE che intendono richiedere la cittadinanza italiana.

    Art. 7 Lo Stato e in particolare il Ministero dell’Istruzione si fa carico di istituire le forme più adatte per garantire corsi di formazione per la conoscenza della Lingua e dei valori della Costituzione Repubblicana ai cittadini richiedenti la cittadinanza.

    Art. 8 Ai Lavoratori stranieri risedenti in Italia regolarmente da almeno 5 anni è garantito il diritto di elettorato passivo ed attivo nelle elezioni amministrative (comuni, province, regioni).
    Che vergogna, la crisi economica strangola lavoratori, operai, manovali, braccianti, salariati italiani, e tu vorresti incentivare flussi ingestibili di milioni di immigrati...
    Fortunatamente questo è solo un gioco, approviamola pure questa norma immonda, ma nella vita reale se mai venisse proposta una cosa del genere...potremmo pure dichiarare defunta la nostra povera patria. Sigh!
    Per aspera ad astra

  5. #5
    Seguace di Eraclito
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    6,395
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Rif: Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Presentazio

    Due annotazioni:

    Art. 7 Lo Stato e in particolare il Ministero dell’Istruzione si fa carico di istituire le forme più adatte per garantire corsi di formazione per la conoscenza della Lingua e dei valori della Costituzione Repubblicana ai cittadini richiedenti la cittadinanza.
    Questa parte non mi convince, non vorrei ci trovassimo di fronte ad un semplice indottrinamento statale. Nello specifico di che si tratta?

    Art. 8 Ai Lavoratori stranieri risedenti in Italia regolarmente da almeno 5 anni è garantito il diritto di elettorato passivo ed attivo nelle elezioni amministrative (comuni, province, regioni).
    Non capisco questo classificare il voto amministrativo come un voto "di Serie B", ma ancor di più: se dopo 5 anni uno straniero regolarmente residente può chiedere la cittadinanza, qual è il motivo per farlo votare anche se non ha preso quest'ultima?
    "Ma questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti" (J.M. Keynes)
    "Qualcuno vivo che se lo prende nel culo però c'è sempre!" (Cabra)

  6. #6
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,135
    Mentioned
    898 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Present

    Citazione Originariamente Scritto da Cabraizinho Visualizza Messaggio
    Due annotazioni:

    Questa parte non mi convince, non vorrei ci trovassimo di fronte ad un semplice indottrinamento statale. Nello specifico di che si tratta?

    Non capisco questo classificare il voto amministrativo come un voto "di Serie B", ma ancor di più: se dopo 5 anni uno straniero regolarmente residente può chiedere la cittadinanza, qual è il motivo per farlo votare anche se non ha preso quest'ultima?
    Il senatore Stecompagno che è l'autore di questa proposta non dovrebbe rispondere alle richieste e alle perplessità del Senatore Cabraizinho? Si è rimasti in paziente attesa di avere un chiarimento ma sono ormai passati ben tre giorni senza una risposta.
    Che razza di dibattito è questo?
    Ultima modifica di [email protected]; 17-10-12 alle 15:43

  7. #7
    Seguace di Eraclito
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    6,395
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Rif: Re: Rif: Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Pr

    Data la solerzia del Sen. [email protected], metto subito in chiaro che il testo lo voto ma valuterò se presentare emendamenti sui due punti in oggetto.
    Ultima modifica di Cabraizinho; 17-10-12 alle 15:41
    "Ma questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti" (J.M. Keynes)
    "Qualcuno vivo che se lo prende nel culo però c'è sempre!" (Cabra)

  8. #8
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Re: Rif: Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione

    Ovviamente voteremo contro la legge sulla cittadinanza più calabraghe d'Europa. E se pure dovesse essere approvata, sarà una delle prime cose che aboliremo se andremo al Governo.

    3 anni per diventare cittadini senza nemmeno un attestato di consocenza della lingua italiana.

    Follia pura atta a modificare la struttura del corpo elettorale e basta.
    "Insomma se è in gamba, ti porta l'aereo così basso.. ehehehe...
    Lei dovrebbe vederlo, è uno spettacolo: un gigante come il B-52.... BHOOAAAMMM!!!!.. con i gas di scarico t'arrostisce le oche vive!!"

  9. #9
    Seguace di Eraclito
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    6,395
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Rif: Re: Rif: Re: Rif: Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigraz

    Io infatti introdurrei per la concessione della cittadinanza la frequenza obbligatoria di un corso di lingua e cultura italiana :giagia:
    "Ma questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti" (J.M. Keynes)
    "Qualcuno vivo che se lo prende nel culo però c'è sempre!" (Cabra)

  10. #10
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Re: Rif: Re: Rif: Re: VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immi

    Ho alcuni problemi di connessione in questi giorni, sto letteralmente "rubando" una rete a nonsochi ora :hihi: ma ha un segnale debole. Appena ritorno a casa mia rispondo a Cabra.
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e immigrazione - Votazione
    Di FalcoConservatore nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 24-10-12, 21:31
  2. VII Seduta del Senato - Diritti di cittadinanza e Immigrazione - dibattito libero
    Di SteCompagno nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 14-10-12, 18:12
  3. III Seduta del Senato - III Legislatura - Diritti Civili - Presentazione DDL
    Di Manfr nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 29-05-12, 08:26
  4. I Seduta del Senato-III Legislatura -Tema dei Diritti Civili- presentazione DDL
    Di SteCompagno nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 117
    Ultimo Messaggio: 22-04-12, 22:46
  5. VII seduta del Senato, II legislatura, tema del Diritto di Cittadinanza dib lib
    Di Haxel nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 01-02-12, 16:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226