User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    18,945
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Gli sconfitti della storia: Giuliano l'Apostata

    Centro studi Giuseppe Federici - Per una nuova insorgenza Comunicato n. 87/12 del 19 ottobre 2012, San Pietro d’Alcantara

    Gli sconfitti della storia: Giuliano l’Apostata

    https://www.facebook.com/notes/giuse...92042567571385

    Ieri come oggi, ai rabbini piacciono gli imperatori anticristiani  | Federici Blog

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    18,945
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Gli sconfitti della storia: Giuliano l'Apostata

    Centro studi Giuseppe Federici - Per una nuova insorgenza

    Comunicato n. 87/12 del 19 ottobre 2012, San Pietro d’Alcantara



    Gli sconfitti della storia: Giuliano l’Apostata



    Abbiamo già parlato di Giuliano l’Apostata nel maggio scorso. Il rabbino Riccardo Di Segni ha criticando le cerimonie commemorative per il 1700° anniversario della vittoria di Costantino nella battaglia di Ponte Milvio e, in contrapposizione all’opera costantiniana, ha elogiato la figura di Giuliano l’Apostata.

    Avvicinandosi l’anniversario costantiniano del 2013, ritorniamo sulla figura di Giuliano l’Apostata con la voce tratta dall’Enciclopedia Cattolica.



    Giuliano l’Apostata

    (…) La preoccupazione più grande e quasi lo scopo unico del suo governo fu quello di arrestare la marcia del cristianesimo e restaurare l’ellenismo come religione pubblica e come politica; e le sue attività e benemerenze politiche sociali furono fatte, si può dire, in vista ed in funzione di questo scopo. Intraprese a tal fine una lotta senza derogare in apparenza ai principi di tolleranza religiosa, ma in realtà con passione ed asprezza, irritandosi se incontrava delle difficoltà, usando meschini dispetti, talvolta anche crudeli, facendo contro i cristiani una guerra sorda nella quale più di una volta compromise la sua dignità.

    Durante i primi mesi di governo si mostrò ragionevole e tollerante, sperando che tutto sarebbe riuscito facilmente secondi i suoi piani. Al suo avvento al governo, il paganesimo era ufficialmente in decadenza: le leggi di Costanzo ne avevano accelerato la dissoluzione. Sulla fine del 361 Giuliano emise i primi editti di restaurazione facendo riaprire i templi, ricostruire quelli che erano caduti o erano stati abbattuti; ordinò il pristino dei pubblici sacrifici e concesse ampi privilegi a tutti coloro che si adoperavano per il risveglio del culto degli dei.

    Concesse, è vero, nel febbraio 362, l’amnistia a tutti i vescovi esiliati da Costanzo, ma più che spinto da un sentimento di giustizia, lo fede per reazione alla politica del predecessore e, principalmente, perché pensava e sperava che il provvedimento sarebbe riuscito una causa di lotta interna tra cattolici ed ariani e quindi avrebbe accelerato la disgregazione del cristianesimo. Più tardi infatti non esitò a perseguitare e ricacciare in esilio alcuni vescovi, tra cui anche s. Atanasio, i quali, anziché attuare anche inconsciamente le mire di Giuliano, erano riusciti piuttosto a stroncare di più il paganesimo risorgente.

    Ma il favore da lui apertamente a questo accordato, fu la causa di feroci rappresaglie da parte del popolaccio, sicuro della protezione imperiale. In parecchie città furono saccheggiate chiese, uccisi sacerdoti, violate vergini sacre; tumulti avvennero in più luoghi come a Bosra e ad Alessandria, dive lo stesso vecchio amico di Giuliano, Giorgio, vescovo ariano della città, fu massacrato, senza che l’imperatore punisse i colpevoli, contentandosi solo di una recriminazione epistolare. I cristiani naturalmente, non potendo sperare giustizia da parte delle autorità, reagirono ritorcendo le ingiurie; da qui repressioni individuali e collettive come a mero in Frigia, ad Antiochia, Gaza, Eliopoli, Aretusa, Edessa, Cesarea, ecc.

    Le resistenze che Giuliano incontrava nell’attuazione dei suoi disegni lo irritavano maggiormente e a poco a poco divenne settariamente autocrate. Nella primavera del 362 fece venire a corte i suoi vecchi maestri teosofi Massimo e Prisco, e con il loro consiglio iniziò la lotta più aperta. Il 27 giugno promulgò la legge sull’insegnamento, giudicata iniqua dallo stesso Ammiano Marcellino, secondo la quale la previa approvazione dei consigli municipali, doveva essere ratificata dallo stesso Imperatore. Più che dalla loro competenza si trattava di giudicare dalle loro idee religiose, poiché non si poteva tollerare che i dispregiati “galilei” insegnassero o studiassero le lettere classiche permeate di mitologia e di paganesimo, se non credevano a queste cose. Gli insegnanti furono perciò costretti a scegliere tra la fede e al scuola: molti lasciarono le cattedre, altri cercarono di sostituire ai classici grechi e latini composizioni cristiane, come fecero i due Apollinari, padre e figlio, versificando la Bibbia, scrivendo tragedie, commedie, dialoghi, liriche di argomento cristiano.

    Contro il clero, poi, emise una serie di decreti con i quali lo privava degli antichi privilegi, sottoponendo agli obblighi militari; costrinse i militari a venerare gli dei dipinti sulle insegne dalle quali aveva fatto togliere la Croce; a tutti vietò gli uffici delle magistrature e delle amministrazioni, né permise che fossero insigniti di onori o dignità.

    Per combattere i cristiani non si peritò di sollecitare l’adesione degli Ebrei per i quali tentò anche di restaurare il tempio di Gerusalemme con la perfida segreta malizia di smentire la profezia di Gesù (Mt. 24, 2, Lc 21, 5 sg); ma le tremende scosse di terremoto e le fiamme che si levarono dalle rovine, lo costrinsero a desistere dall’impresa. (…)

    (Tratto da: Enciclopedia Cattolica, Ente per l’Enciclopedia Cattolica e per il Libro Cattolico - Città del Vaticano, Casa Editrice G. C. Sansoni, Firenze1951, voce Giuliano l’Apostata, a cura di Agostino Amore, Vol. VI, Col. 742-743)
    _____________________________________

    :: Centro Studi Giuseppe Federici - Per una nuova Insorgenza ::

 

 

Discussioni Simili

  1. Morto Giuliano Procacci, autore di "Storia degli italiani"
    Di Rikycccp nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-10-08, 13:22
  2. gli sconfitti della crisi: comunisti e rnp
    Di trilex nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 24-02-07, 21:54
  3. La RSI ultimo rifugio di ideali politici e nazionali sconfitti dalla Storia
    Di krentak the Arising! nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29-11-03, 14:52
  4. Giuliano Ferrara al soldo della Cia
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-05-03, 15:10
  5. Giuliano Ferrara al soldo della Cia
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-05-03, 15:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225