User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Feyerabend
  • 1 Post By Feyerabend

Discussione: Cristianesimo, non cattolicesimo, come comunismo primitivo

  1. #1
    288 amu
    Data Registrazione
    19 Sep 2009
    Località
    115
    Messaggi
    21,155
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cristianesimo, non cattolicesimo, come comunismo primitivo

    Nella sua lettera ai Galati, Paolo aveva ragione a prendersela con chi, per distinguersi, dava più peso alle formalità che non alla sostanza, però aveva torto nel ridurre la sostanza a una questione di comportamento etico-religioso.

    Quello che di lui non si può assolutamente accettare è l'idea di ridurre la "liberazione" (sociale, politica) a una libertà interiore, da viversi a livello di coscienza, salvo limitarsi, sul piano sociale a propagandare l'amore fraterno e l'assistenzialismo.

    Nel momento in cui è sorto, il cristianesimo è stato una religione idealistica, che già aveva tradito il messaggio originario del Cristo. La differenza tra cristianesimo e stoicismo stava unicamente nelle origini ebraiche del primo, le quali mostravano un certo interesse per le questioni sociali. Nel senso che mentre l'ebraismo ortodosso cercava di risolverle nei limiti appunto della propria etnicità, il cristianesimo invece ha preteso di risolverle al di fuori di questi limiti, dando ad esse però una connotazione più astratta.

    L'ebreo cercava l'eguaglianza a livello sociale per dimostrare che la propria nazione era migliore delle altre (quindi era un'uguaglianza tra ebrei, ivi inclusi quelli della diaspora); il cristiano invece cercava un'uguaglianza tra tutti i credenti, a prescindere dalla loro origine etnica o provenienza geografica: solo che, facendo questo, ha trasformato l'uguaglianza in qualcosa di astratto, di metafisico, che può realizzarsi compiutamente solo nell'aldilà e che sulla terra al massimo può esprimersi come assistenzialismo, senza mai mettere in discussione i rapporti di sfruttamento dominanti.

    Con questo naturalmente non si vuole affatto sostenere che al tempo di Gesù Cristo l'ebraismo d'Israele non conoscesse al proprio interno le differenze di classe e persino di casta; si vuol semplicemente dire che l'opposizione a queste differenze era molto forte e veniva ancora compiuta in nome di un'effettiva uguaglianza sociale (esseni, battisti, zeloti, nazareni e persino l'ala progressista dei farisei erano favorevoli a un ritorno al comunismo primitivo).

    Nel cristianesimo l'idea di "comunismo primitivo" è stata subito trasformata nell'idea mistica di "comunione eucaristica" o, al massimo, in quella di "agape fraterna", in cui si cercava di condividere non il momento produttivo ma solo quello distributivo dei beni e, di questi beni, solo quelli non essenziali alla propria sopravvivenza. Nei suoi duemila anni di storia il cristianesimo non ha mai superato l'idea di "assistenzialismo" con quella di "comunismo", se non in talune esperienze monastiche, molto particolari, poiché anche qui, se veniva praticato il comunismo tra monaci, spesso questi non lo praticavano coi contadini che lavorano le loro terre.

    Il cristianesimo ha tolto all'uguaglianza la carica politica che aveva sotto l'ebraismo, anche se quest'ultimo l'aveva circoscritta entro i limiti della propria nazione (gli ebrei davano per scontato di non poter essere "uguali" ai pagani, anzi, si vantavano di non esserlo). Da un lato quindi era aumentata, col paolinismo, la consapevolezza dell'universalità del valore umano (cosa che però si poteva rinvenire anche nella predicazione del Cristo); dall'altro era aumentata la praticabilità astratta di questo valore, conseguente al fatto che il cristianesimo era nato solo dopo il fallimento della rivoluzione politica del movimento nazareno.

    Il tradimento operato dal cristianesimo petro-paolino ha comportato non solo l'astrattezza dell'universalismo etico-religioso (soteriologico), ma anche, inevitabilmente, la sua incoerenza con la pratica reale. Infatti, se nel contesto locale non si è capaci di realizzare la vera uguaglianza sociale, tutte le affermazioni universalistiche sull'uguaglianza etico-religiosa risulteranno meramente propagandistiche.

    Non a caso il cattolicesimo-romano ha sempre considerato l'Europa occidentale il fulcro della civiltà post-pagana, assumendo atteggiamenti di superiorità ideologica nei confronti del mondo intero. E' dovuto subentrare il protestantesimo prima che un nuovo continente, quello nord-americano, pretendesse di definirsi come nuova culla della moderna e contemporanea civiltà democratica.

    Solo in apparenza quindi il tarsiota Paolo compì un'operazione passata alla storia come straordinaria e unica nel suo genere, trasformando il nazionalismo giudaico nell'universalismo cristiano. In realtà questa operazione era già presente, in nuce, nella predicazione laico-socialista o, se si preferisce, ateo-comunista del Cristo, contraria a qualunque affronto mistico ma anche meramente etnico della questione dell'uguaglianza. La frequentazione di Tiro e Sidone, della Decapoli e soprattutto il confronto coi samaritani, documentato nel IV vangelo, che parla anche di presenza di "alcuni greci" durante l'ultima pasqua (12,20ss.), costituiscono chiari esempi di universalizzazione del problema della libertà e degli altri valori umani.

    San Paolo si è anzi servito della propria concezione astratta e idealistica dell'uguaglianza non solo per delegittimare il giudaismo ortodosso, che sicuramente in merito era più concreto, ma anche per avvalorare le arbitrarie tesi petrine relative alla "morte necessaria" e alla "resurrezione" del Cristo, con cui si ponevano le basi mistiche per trasformare le rivalità politiche tra galilei e giudei in un conflitto di tipo religioso. Un conflitto che troverà il suo punto più alto di compromesso nella figura del giudeo Giacomo, fratello di Gesù, il quale arrivò ad accettare le tesi petrine, salvaguardando però tutte le specificità dell'ebraismo classico (circoncisione, cibi impuri ecc.).

    Pietro infatti era anti-giudeo in quanto galileo e in quanto galileo concedeva spazi di manovra all'ellenismo pagano o almeno all'ebraismo ellenizzato. Ma proprio questa lettera attesta l'avvenuto superamento del petrinismo da parte del paolinismo. Per Paolo non era più questione di contrapporre galilei a giudei o di trovare un compromesso tra queste due etnie o tra ebraismo ed ellenismo nelle zone della diaspora ebraica. Per lui il vero problema era quello di superare, consapevolmente e definitivamente, sia l'ebraismo sia l'ellenismo, in direzione di un nuova religione, che dell'uno avrebbe preso la sensibilità per le questioni sociali e dell'altro l'astrattezza dell'universalismo etico-religioso (un'astrattezza che da filosofica sarebbe potuta diventare facilmente teologica, essendo già imbevuta ampiamente di metafisica).

    La vera culla del Cristianesimo è stata l'odierna Turchia, ove il confronto tra ebrei ed ellenisti era alla pari, ove gli ebrei-ellenisti potevano tranquillamente risiedere, senza rischiare d'essere espulsi dalle grandi città (come invece p.es. avveniva in Italia), e dove i pagani, vivendo nella periferia dell'impero romano, ne soffrivano maggiormente le contraddizioni sistemiche ed erano quindi più predisposti ad accettare nuove soluzioni di tipo religioso. Dall'incontro di queste due componenti si formerà appunto il cristianesimo.


    http://www.homolaicus.com/nt/vangeli/lettera_galati.htm
    Ultima modifica di mirkevicius; 22-10-12 alle 01:56

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Apr 2011
    Località
    Savona, Italy
    Messaggi
    1,572
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cristianesimo, non cattolicesimo, come comunismo primitivo

    Ma tutti coloro che credevano erano insieme e avevano ogni lor cosa in comune.Essi vendevano le loro proprietà e i loro beni, e ne distribuivano il ricavato fra tutti, secondo il bisogno di ciascuno.
    E tutti i giorni, di un sol volere, erano assidui al tempio; e nelle loro case spezzavano il pane, e facevano i loro pasti insieme con allegrezza e semplicità di cuore, lodando Iddio ed essendo ben visti da tutto il popolo. Il Signore poi, ogni giorno, aggiungeva al loro numero quelli ch'eran sulla via della salvazione.


    Questo passo degli Atti è l'ispirazione a tutta la mia azione "politica" e la forma compiuta della società che sogno.

  3. #3
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,952
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: Cristianesimo, non cattolicesimo, come comunismo primitivo

    ad ogni modo era un "comunismo" molto diverso da quello che possono avere in mente gli attuali comunisti

    era solo per necessità, e per creare appunto delle comunità meglio organizzate, visto che le prime, erano povere, e quindi diciamo, non ancora "interclassista"
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Apr 2011
    Località
    Savona, Italy
    Messaggi
    1,572
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cristianesimo, non cattolicesimo, come comunismo primitivo

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    ad ogni modo era un "comunismo" molto diverso da quello che possono avere in mente gli attuali comunisti

    era solo per necessità, e per creare appunto delle comunità meglio organizzate, visto che le prime, erano povere, e quindi diciamo, non ancora "interclassista"
    Io lo vedo più come diretta applicazione del Comandamento Nuovo. Se amo il mio prossimo, voglio che sia felice e condivido con lui quanto posso.

  5. #5
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,952
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: Cristianesimo, non cattolicesimo, come comunismo primitivo

    Citazione Originariamente Scritto da Feyerabend Visualizza Messaggio
    Io lo vedo più come diretta applicazione del Comandamento Nuovo. Se amo il mio prossimo, voglio che sia felice e condivido con lui quanto posso.
    si, ma è errato pensare a questo come comunismo
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Apr 2011
    Località
    Savona, Italy
    Messaggi
    1,572
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Cristianesimo, non cattolicesimo, come comunismo primitivo

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    si, ma è errato pensare a questo come comunismo

    Il significato delle parole è mutevole nel tempo.
    D'altronde a me dell'etichetta interessa poco: a me interessa appoggiare partiti/fazioni/movimenti che vadano in questa direzione di uguaglianza sostanziale.

 

 

Discussioni Simili

  1. Cattolicesimo e Cristianesimo
    Di Chr75 nel forum Cattolici
    Risposte: 105
    Ultimo Messaggio: 14-03-12, 18:53
  2. A quali condizioni è possibile un ritorno al comunismo primitivo?
    Di Comunardo nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 27-07-09, 11:12
  3. Cristianesimo E Cattolicesimo[1]
    Di millenomi nel forum La Filosofia e il Pensiero Occidentale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-02-07, 23:52
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-07-04, 01:44
  5. questo cattolicesimo cos'ha a che fare col cristianesimo?!
    Di cariddeo nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-06-04, 02:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226