User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Liberale Cattivo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    32,112
    Mentioned
    207 Post(s)
    Tagged
    35 Thread(s)

    Predefinito Filosofia, scienza e terremoti

    Filosofia, scienza e terremoti – di Gianni Pardo



    La condanna dei geologi per il terremoto dell’Aquila nasce dalla confusione – che dunque può verificarsi ancora oggi – fra filosofia e scienza.

    La filosofia, sin dalla più remota antichità, ha cercato la verità. Non la verità di un singolo fatto – “Piove o non piove?” – ma la verità definitiva su interrogativi di immenso valore: esiste Dio? Conosciamo la realtà com’è? L’uomo è libero o determinato? E persino: esiste la materia? Cosa che hanno negato in parecchi. Per non parlare degli scettici, che hanno dichiarato la verità inconoscibile.

    Il metodo utilizzato in questa ricerca è stato caratteristicamente intellettuale. Per giungere alle sue teorie il filosofo non osserva la realtà, non fa esperimenti, non si abbassa neppure alle statistiche: arriva alle proprie conclusioni per via puramente logica. O, almeno, per una via che il pensatore stesso reputa logica e che pressoché inevitabilmente un suo collega contraddirà, con lo stesso metodo.

    Malgrado la debolezza di un simile modo di procedere (che infatti non ha mai condotto ad una affermazione che mettesse d’accordo tutti) il filosofo non giunge a verità probabilistiche o “falsificabili”, per usare un termine popperiano: le sue conclusioni sono innegabili, immodificabili ed eterne. Per Aristotele o per Tommaso d’Aquino l’esistenza di Dio non è una loro opinione, o qualcosa che ulteriori dati potrebbero smentire: è una certezza da sempre e per sempre. Chi la pensa diversamente semplicemente sbaglia. Atteggiamento che, in politica, ha fatto giudicare il comunismo una religione.

    Al contrario della filosofia, la scienza non parte dalla riflessione ma dall’osservazione. L’uomo primitivo, pur non sapendo niente di astronomia, era certo che il sole sarebbe sorto ogni mattina. Perché era sempre sorto, secondo quanto dicevano i suoi genitori e i suoi nonni. Va certo notato che la costante ripetizione del fenomeno – secondo il filosofo David Hume – non autorizza a dedurne la sua necessità: ma se questo è il punto di vista astratto e dopo tutto ineccepibile (infatti Hume è un filosofo) per la scienza un fenomeno che si ripete costantemente è “scientifico”. E sarà “scientifico” affermare che si ripeterà anche in futuro. E qui si vede che “scientifico” non significa “filosoficamente certo”, ma “certo fino a prova del contrario”. E nel campo della medicina di “prove del contrario” se ne sono avute a decine.

    Una verità scientifica non è un dogma di origine divina: è semplicemente un’affermazione “fino a questo momento non smentita dai fatti”. Per giunta, contrariamente a quanto avviene nelle dottrine religiose o filosofiche, nella scienza le affermazioni non si distinguono soltanto in “vere” o “false”, ma anche in “statisticamente vere” e “statisticamente false”. È statisticamente falso che si guarisca da certi tumori particolarmente maligni, ma nulla esclude che in qualche caso si possa avere una guarigione. L’oncologo dirà: “Non si è ancora registrato un caso di guarigione”, ma non dirà mai: “Escludo che un simile tumore possa guarire da solo o che in futuro si trovi un rimedio”.

    Ciò posto, riguardo al terremoto dell’Aquila, i geologi hanno a suo tempo risposto secondo le teorie da loro accettate e secondo le osservazioni fatte sino a quel momento. Per gli sciami sismici avranno detto che di solito questo indica che il fenomeno è in esaurimento. Se poi invece si verifica una scossa assassina proprio nel corso dello sciame sismico, l’unica conseguenza scientifica sarà che si correggerà la teoria come segue: “lo sciame sismico va a decrescere d’intensità, anche se si è registrato un caso in cui…” Nulla di più.

    Condannando quei signori ad anni di carcere – ma confidiamo nel giudizio d’appello, anche per non renderci ridicoli agli occhi del mondo – il giudice ha forse confuso la filosofia con la scienza. I geologi camminano sulla superficie della terra, non sono a chilometri di profondità, dove è l’ipogeo del terremoto. Vanno avanti con le osservazioni del passato, col quod plerumque accidit. Chiedere loro una certezza andrebbe contro il dogma numero uno della sismologia: allo stato attuale della conoscenza i terremoti sono imprevedibili. Il massimo che si può fare è costruire con criteri antisismici. Principio che è difficile applicare alle chiese medievali.

    Qualche corollario. Se i sismologi, richiesti di un parere, si rifiutassero di darlo per timore dei magistrati dell’Aquila, potrebbero incorrere nel reato di inosservanza dell’ordine dell’autorità (art.650 C.p.). Se, per non correre rischi, dicessero che bisogna evacuare tutte le case della zona per almeno un anno, commetterebbero il reato di procurato allarme. Se infine dicessero che il pericolo è probabilmente passato, e invece ci fosse una scossa assassina, si vedrebbero condannare a sei anni di carcere. Meglio iscriversi alla facoltà di giurisprudenza. Forse lì si impara a prevedere meglio i terremoti.

    Gianni Pardo, pardonuovo.myblog.it
    "I socialisti sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. Tutto questo con i soldi degli altri."

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 May 2009
    Messaggi
    2,542
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Filosofia, scienza e terremoti

    Questa vicenda mi ha subito affascinato, perché mi ha portato indietro al 17 febbraio del 1600, a Campo de' Fiori.
    Per comprovare la mia ammirazione per Giordano Bruno mi sono tatuato una sua ruota di memoria. Quindi tutto mi avrebbe fatto propendere per dar contro la sentenza liberticida, inquisitoria ed oscurantista.

    Nein, come esclamò prontamente Eva Braun alla domanda "Signora, ma lei è ebrea?"

    Partiamo dai fatti:

    ed ora proviamo a ragionare su quanto è scritto.

    Cosa afferma la sentenza? Afferma che gli imputati NON sono colpevoli per NON aver previsto il terremoto. Quindi si scarta subito la tesi antiscientifica come supposto nell'articolo presentato dal buon Supermario.
    La sentenza afferma che gli imputati sono colpevoli perché hanno sottostimato il pericolo di un sisma ed il suo sciame, avendo in mano elementi sufficienti per metterli nel dubbio, proprio in base alle rispettive professionalità.

    Una simile situazione la si riscontrò anche dopo il devastante tsunami che impattò l'oceano indiano qualche anno fa. E la si è riscontrata anche dopo l'onda anomala su Fukushima.

    Cosa avrebbero dovuto dunque fare i geologi ed il gruppo di ricerca?

    Fornire scenari potenzialmente possibili alla protezione civile ed alle autorità, indicando per ogni scenario la probabilità di accadimento in base ai dati storici sinora raccolti. Pubblicando tutto alla luce del sole.
    Indicando inoltre, per le eventualità magari più improbabili, ma non a probabilità nulla, che sono sempre le più devastanti
    1) se agitare la popolazione col rischio di aver creato caos per nulla
    2) se propendere per la tranquillità della polis

    Generalmente si opta per 2) per il bene comune.

    La sentenza afferma che l'opzione 2) venne scelta non perché vi fosse una probabilità dello 0,000001%, ma per "monumentale negligenza", sottolineando il "fallimento della leadership" in un team che doveva avere l'autorevolezza di prendere una decisione. Ed ha scelto per il laisser faire, va tutto bene madama la marchesa.

    Ci siamo presi una sonora cantonata mediatica con questo processo.
    Abbiamo ritenuto i geologi dei nuovi Giordano Bruno.

    Nein, ripeté Eva Braun alla seconda domanda "Signora, ma lei è propria sicura di non essere ebrea?"

  3. #3
    Liberale Cattivo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    32,112
    Mentioned
    207 Post(s)
    Tagged
    35 Thread(s)

    Predefinito Re: Filosofia, scienza e terremoti

    Posso concordare che il tuo ottimo intervento, però voglio aggiungere che è anche vero che uno sciame non fa primavera.
    Gli sciami sismici sono eventi che si ripetono in continuazione nelle cosidette aree sismiche e statisticamente parlando sono pochissimi quelli che alla fine precedono una o più scosse catastrofiche.. che fare allora ?? Chiudere le scuole, ospedali ecc. ecc. ad oltranza nelle aree sismiche per settimane forse mesi ? Oppure punire con più decisione e vigore chi costruisce dove non dovrebbe farlo e con metodologie non conformi al rischio sismico presente ?
    "I socialisti sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. Tutto questo con i soldi degli altri."

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 May 2009
    Messaggi
    2,542
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Filosofia, scienza e terremoti

    Citazione Originariamente Scritto da Supermario Visualizza Messaggio
    Posso concordare che il tuo ottimo intervento, però voglio aggiungere che è anche vero che uno sciame non fa primavera.
    Gli sciami sismici sono eventi che si ripetono in continuazione nelle cosidette aree sismiche e statisticamente parlando sono pochissimi quelli che alla fine precedono una o più scosse catastrofiche.. che fare allora ?? Chiudere le scuole, ospedali ecc. ecc. ad oltranza nelle aree sismiche per settimane forse mesi ? Oppure punire con più decisione e vigore chi costruisce dove non dovrebbe farlo e con metodologie non conformi al rischio sismico presente ?
    Ti rispondo (ab)usando del consiglio che mi diede un insegnante di comunicazione d'azienda.
    Mi disse che la maggior parte, se non tutti i problemi all'interno di un insieme di persone nasce da un fattore banale, ma vitale: "una pessima comunicazione tra individui".

    La nostra società ha così tanto paura di Madre Natura che non è ancora in grado di ricevere un avvertimento sensato e ponderato di "fare attenzione e prepararsi ad evacuare". Partirebbe subito una scena di caos ed isteria.

    Ecco perché è fondamentale che i gruppi di ricerca come quello in questione abbiano una professionale preparazione nel comunicare ai cittadini ciò che emerge dalle loro ricerche.
    Ultima modifica di Cabala Candelaia Circea; 01-11-12 alle 00:32

  5. #5
    Liberale Cattivo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    32,112
    Mentioned
    207 Post(s)
    Tagged
    35 Thread(s)

    Predefinito Re: Filosofia, scienza e terremoti

    I gruppi di ricerca in questione potrebbero però anche rifiutare l' ingrato incarico.. visto che basterebbe prendere una volta un abbaglio, anche in buona fede.. per ritrovarsi condannati.
    "I socialisti sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. Tutto questo con i soldi degli altri."

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-02-15, 17:19
  2. Terremoti, ancora terremoti.
    Di ventunsettembre nel forum Padania!
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 23-07-13, 10:57
  3. Filosofia della scienza
    Di Alberich nel forum Hdemia
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 07-07-06, 09:13
  4. Scienza, Arte, Filosofia e Mistica nello Gnosticismo
    Di Ichthys nel forum La Filosofia e il Pensiero Occidentale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-06-05, 14:59
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-06-02, 10:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225