User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
Like Tree2Likes
  • 2 Post By Cuordy

Discussione: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

  1. #1
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,165
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    È stato il primo autore al mondo a descrivere l’orgasmo femminile, il primo a disegnare la figura dell’uomo con le braccia aperte, come misura del cosmo, ripresa nel celebre disegno di Leonardo Da Vinci. È stata una scrittrice polemica capace di bastonare i potenti dell’epoca; ma anche una visionaria, anzi una mistica. E l’inventrice di una lingua ignota. Ancora, una musicista, precisamente un’autrice di canti religiosi, e una guaritrice.



    Domenica 7 ottobre, apertura dell’Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, papa Benedetto XVI proclama dottore
    della Chiesa universale, insieme a san Giovanni d’Avila, santa Ildegarda di Bingen, scrittrice, musicista, astrologa, drammaturga, filosofa, che si aggiunge a Caterina da Siena, Teresa d’Avila e Teresa di Lisieux, già proclamate da Paolo VI e Giovanni Paolo II. Alla conoscenza mistica unisce la conoscenza razionale e scientifica; inoltre Ildegarda di Bingen aveva svolto cicli di predicazione nelle chiese della valle del Reno, sia in latino per il clero che in volgare per il popolo, per scongiurare il dilagare dell’eresia catara. Ma guariva anche i malati utilizzando principi e cure ancora oggi validi: “Ogni qualvolta il corpo dell’uomo mangia e beve senza discrezione o fa qualcos'altro di questo genere, le forze dell'anima ne sono ferite. L'anima ama in tutte le cose la moderazione”.
    E nel libro sulla medicina scriveva che alcuni cibi sono fonte non soltanto di salute ma anche di gioia: “Certe piante crescono grazie all’aria e sono per l’uomo leggere da digerire e di natura gioiosa, al punto che rendono felice chi ne mangia… L’avena è calda ed è un cibo gioioso e sano per gli uomini sani: conferisce loro un’anima gioiosa, un’intelligenza pura e chiara, un bel colorito e una carne piena di salute… La spelta fornisce a chi ne mangia buona carne e buon sangue, rende lieta la mente e mette allegria nello spirito dell’uomo. In qualunque modo la si mangi, nel pane o in altri cibi, è buona e gradevole… La noce moscata, buona già di per sé, valorizza le sue proprietà se usata in combinazione con altri ingredienti. In sé ha un gran calore e un felice equilibrio nelle sue forze. L’uomo che mangia della noce moscata apre il proprio cuore, purifica i propri sensi e ne trae delle buone disposizioni”. Ed infine una ricetta per fortificare il nostro corpo e la nostra mente: “Prendi una noce moscata, della cannella (il medesimo peso rispetto alla noce moscata), un po’ di chiodi di garofano e riduci in polvere il tutto. Poi, con quella polvere, della farina di semola e un po’ d’acqua, prepara delle gallette e mangiane spesso: ciò placa l’amarezza del corpo e della mente, apre il cuore e i sensi, rende lieta la mente, fa diminuire gli umori cattivi, apporta del buon succo al tuo sangue e ti fortifica”.
    Per questa poliedricità cattolica lo stesso Papa nel Regina Coeli del 27 maggio scorso aveva annunciato: “Lo Spirito, che ‘ha parlato per mezzo dei profeti’, con i doni della sapienza e della scienza continua ad ispirare donne e uomini che si impegnano nella ricerca della verità, proponendo vie originali di conoscenza e di approfondimento del mistero di Dio, dell’uomo e del mondo. In questo contesto, sono lieto di annunciare che il prossimo 7 ottobre, all’inizio dell’Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, proclamerò san Giovanni d’Avila e santa Ildegarda di Bingen Dottori della Chiesa universale. Questi due grandi testimoni della fede vissero in periodi storici e ambienti culturali assai diversi. Ildegarda fu monaca benedettina nel cuore del Medioevo tedesco, autentica maestra di teologia e profonda studiosa delle scienze naturali e della musica… Ma la santità della vita e la profondità della dottrina li rendono perennemente attuali: la grazia dello Spirito Santo, infatti, li proiettò in quell’esperienza di penetrante comprensione della rivelazione divina e di intelligente dialogo con il mondo che costituiscono l’orizzonte permanente della vita e dell’azione della Chiesa”.
    In effetti papa Benedetto XVI aveva dedicato ben due catechesi a settembre 2010 a santa Ildegarda: “Anche in quei secoli della storia che noi abitualmente chiamiamo Medioevo, diverse figure femminili spiccano per la santità della vita e la ricchezza dell’insegnamento. Oggi vorrei iniziare a presentarvi una di esse: santa Ildegarda di Bingen, vissuta in Germania nel XII secolo. Nacque nel 1098 in Renania, probabilmente a Bermersheim, nei pressi di Alzey, e morì nel 1179, all’età di 81 anni, nonostante la permanente fragilità della sua salute. Ildegarda apparteneva a una famiglia nobile e numerosa e, fin dalla nascita, venne votata dai suoi genitori al servizio di Dio. A otto anni, fu offerta per lo stato religioso (secondo la Regola di san Benedetto), e, per ricevere un’adeguata formazione umana e cristiana, fu affidata alle cure della vedova consacrata Uda di Göllheim e poi di Giuditta di Spanheim, che si era ritirata in clausura presso il monastero benedettino di san Disibodo. Si andò formando un piccolo monastero femminile di clausura, che seguiva la Regola di san Benedetto… Lo stile con cui esercitava il ministero dell’autorità è esemplare per ogni comunità religiosa: esso suscitava una santa emulazione nella pratica del bene, tanto che, come risulta da testimonianze del tempo, la madre e le figlie gareggiavano nello stimarsi e nel servirsi a vicenda…
    La popolarità di cui Ildegarda era circondata spingeva molte persone a interpellarla. Per questo motivo disponiamo di molte sue lettere. A lei si rivolgevano comunità monastiche maschili e femminili, vescovi e abati… E quando l’Imperatore Federico Barbarossa causò uno scisma ecclesiale opponendo ben tre antipapi al Papa legittimo Alessandro III, Ildegarda, ispirata dalle sue visioni, non esitò a ricordargli che anch’egli, l’imperatore, era soggetto al giudizio di Dio. Con l’audacia che caratterizza ogni profeta, ella scrisse all’Imperatore queste parole da parte di Dio: ‘Guai, guai a questa malvagia condotta degli empi che mi disprezzano! Presta ascolto, o re, se vuoi vivere! Altrimenti la mia spada ti trafiggerà!’. Con l’autorità spirituale di cui era dotata, negli ultimi anni della sua vita Ildegarda si mise in viaggio, nonostante l’età avanzata e le condizioni disagevoli degli spostamenti, per parlare di Dio alla gente. Tutti l’ascoltavano volentieri, anche quando adoperava un tono severo: la consideravano una messaggera mandata da Dio”.
    E su Ildegarda di Bingen la prof.ssa Lucia Tancredi ha scritto il libro ‘Ildegarda. La potenza e la grazia’, edito da Città Nuova, un romanzo biografico sulla vita della mistica tedesca: “Il suo è un destino ‘femminile’ segnato: è la decima figlia di una nobile famiglia, ha una salute fragile e viene oblata. Le sue visioni, fatte di luci e suoni, che l’accompagnano fin dalla tenera età, da lei vengono inizialmente combattute. Visioni coscienti e che lei stessa definiva ‘dell’anima’, differenti da quelle maschili in cui spesso si ha una mescolanza di teologia e filosofia, in modo del tutto metafisico… Dalle visioni capisce che deve fondare un monastero femminile a Rupertsberg, in una zona impervia della Renania. Opta per una serie di scelte anticonformiste per il tempo. Innanzitutto la nuova struttura si presenta come fondazione autonoma, un caso eccezionale per l’epoca. Inoltre, Ildegarda parte dall’idea che per poter arrivare a Dio occorrono due fattori: essere in salute e glorificare le bellezze del mondo. E’ per questo che decide di scegliere i colori del bianco e del verde per l’abito delle consorelle, rifiutando categoricamente il nero, che secondo lei annulla la corporeità. Sarà la prima donna a comporre un dramma musicato”.

    Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa
    Ultima modifica di Cuordy; 30-10-12 alle 00:12
    Haxel and RAYO like this.
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,165
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Re: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    Ildegarda di Bingen: dalla musica all'arte i mille volti della profetessa tedesca

    «Autentica maestra di teologia». Così Ildegarda di Bingen, monaca professa dell’Ordine di San Benedetto, è stata definita da Benedetto XVI, che domenica, nella Messa di apertura del Sinodo, sul sagrato della Basilica di San Pietro, è stata proclamata dottore della Chiesa. Una teologia, quella di Ildegarda, che è frutto di un’«esperienza di penetrante comprensione della rivelazione divina e di intelligente dialogo con il mondo». La religiosa tedesca è vissuta dal 1098 al 1179. Nacque, ultima di dieci fratelli, a Bermersheim vor der Höhe, vicino ad Alzey, nell’Assia-Renana.


    Nella sua vita fu, oltre che monaca, scrittrice, musicista, cosmologa, artista, drammaturga, guaritrice, linguista, naturalista, filosofa, poetessa, consigliera politica, profetessa e compositrice. In un recente convegno promosso a Vittorio Veneto dal «Centro Studi Claviere», in collaborazione con la diocesi, il Comune e la Provincia di Treviso e con la partecipazione di ben 170 studiosi da tutta Italia, è stata messa in rilievo l’attualità di Ildegarda sottolineando che «oggi l’esemplarità di Ildegarda, già coltivata nell’alveo delle discipline accademiche (teologia, filosofia, medicina), trova un riscontro ampliato in ambiti di pensiero di più recente configurazione o prassi: la musica medievale e lo studio dell’arte miniata, la fitoterapia e l’erboristeria, la concezione olistica della creatura umana in equilibrio armonico fra corpo, anima e psiche».


    «A ciò si aggiunga – sintetizza le conclusioni la professoressa Elena Modena, coordinatrice della "due giorni" di Vittorio Veneto insieme a Cristina Falsarella – l’autobiografico descriversi come una donna che si fa semplicemente tramite di un sapere rivelato, la cui preziosa complessità non può che richiamare a un cammino d’elevazione interiore, suggerito potenzialmente a ognuno». La santità di Ildegarda ne ha messo ancor più a fuoco l’umanità, «la cui forza – spiega ancora Modena – ha consentito una vita straordinariamente operosa; a sua volta la spiritualità della santa, coltivata fin dall’età bambina in ambito strettamente monacale, s’è tramutata nell’età avanzata in afflato volto anche al mondo, manifestato nel concreto della predicazione in spazi ecclesiali ben lontani dal suo convento». Ildegarda insegna ancor oggi che «la vita virtuosa – così la monaca benedettina Annamaria Valli al convegno – è esperienza dell’apertura di sensi incantati per le autentiche sorprese dell’irruzione di Dio, che trasmette a noi una generosa eccedenza di agape. Noi l’accogliamo se ne assaporiamo il prezzo: quella della nostra trasformazione, non volontaristica, ma spirituale».


    Per Lucia Tancredi, autrice di «Ildegarda. La potenza e la grazia», dalla monaca teologa emerge «l’immane forza connaturata a una creatura dal corpo fragile e dalla salute cagionevole, la capacità profetica di una donna che in età matura assume il compito dello scrivere quanto era stata destinata a vedere, udire e percepire non in stato d’estasi o di frenesia, ma in condizioni di perfetta coscienza, sia pur con gli occhi dell’anima». E quanto al tema della salute e della cura nell’ottica ildegardiana, Francesca Serra e Sabrina Melino, due studiose, hanno sostenuto che le malattie dell’uomo nascono dagli abusi, dall’eccedenza, dalla mancanza di «discretio», dalla perdita del limite, dalle dipendenze, siano esse affettive o chimiche. Senza la ricerca di una sintesi interiore, senza il lavorio dell’«opus cordis», «siamo destinati a un sofferto bipolarismo».

    Ildegarda di Bingen: dalla musica all'arte i mille*volti della profetessa tedesca* | Chiesa | www.avvenire.it
    Ultima modifica di Cuordy; 30-10-12 alle 00:09
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

  3. #3
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,165
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Re: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

  4. #4
    A - democratia
    Data Registrazione
    13 Jan 2010
    Località
    ...and the sky was all violet...
    Messaggi
    6,388
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    Sto approfondendo un po' la Sua storia.

    Ti segnalo cuordy il link musicale che ho incluso in questo thread...trovo veramente suggestiva la recitazione (ad opera di una brava artista teatrale) in italiano e latino di alcuni passaggi della Sua opera : http://politicainrete.it/forum/relig...ildegarda.html
    Ultima modifica di RAYO; 30-10-12 alle 20:49
    Gioia e dolore hanno il confine incerto...

  5. #5
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,165
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Re: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    Ops, non avevo visto che era giá stata aperta un'altra discussione. Grazie per il consiglio. Con l'iPad peró credo ci siano dei problemi ad accedere ai contenuti multimediali presenti nella pagina che hai linkato, perché non vedo niente da ascoltare.

    Ieri ho acquistato su ITunes "Canticle of Ecstasy", eccezionale!
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

  6. #6
    A - democratia
    Data Registrazione
    13 Jan 2010
    Località
    ...and the sky was all violet...
    Messaggi
    6,388
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    E' vero con iPad non funge.

    Se vuoi puoi digitare "quilisma" dal podcast di iPad e scaricarti (gratis) la puntata su Ildegarda: te la consiglio.
    Gioia e dolore hanno il confine incerto...

  7. #7
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,165
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Re: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    Citazione Originariamente Scritto da RAYO Visualizza Messaggio
    E' vero con iPad non funge.
    ah ecco. Provvederó in n altro momento con il pc.

    Se vuoi puoi digitare "quilisma" dal podcast di iPad e scaricarti (gratis) la puntata su Ildegarda: te la consiglio.
    Fantastico! Lo faccio subito. Grazie.

    ...

    Consigli anche il programma in se e le varie puntate?
    Ultima modifica di Cuordy; 30-10-12 alle 21:41
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

  8. #8
    A - democratia
    Data Registrazione
    13 Jan 2010
    Località
    ...and the sky was all violet...
    Messaggi
    6,388
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: Ildegarda di Bingen nuovo dottore della Chiesa

    [QUOTE=Cuordy;358938

    ...

    Consigli anche il programma in se e le varie puntate?[/QUOTE]

    Se ti piace la musica antica (medioevale e tardo-medioevale) ti consiglio di scaricarti altre puntate.

    Ad esempio, "alla tomba di Pietro" e quella sulle laudi conventuali meritano.
    Ultima modifica di RAYO; 31-10-12 alle 09:06
    Gioia e dolore hanno il confine incerto...

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 25-11-18, 00:57
  2. Ildegarda di Bingen
    Di Silvia nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 03-10-17, 22:13
  3. 17 settembre - S. Ildegarda di Bingen, vergine
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 17-09-08, 15:34
  4. Ildegarda di Bingen
    Di Silvia nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 29-07-08, 14:30
  5. San Bernardo Dottore della Chiesa
    Di Affus nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-05-07, 18:01

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225