"Mercato ricco, ora bisogna vendere"

Il presidente bianconero Cobolli
Gigli: «Contento per gli acquisti,
adesso dobbiamo sfoltire la rosa»
MILANO
Indicata finora come regina del mercato, la Juventus si ferma e considera l’esigenza di "far cassa" prima di tentare ancora qualche colpo. Lo ha spiegato il presidente bianconero Giovanni Cobolli Gigli, arrivando in Lega per la consueta riunione delle società di Serie A. «Sono contento degli acquisti che Blanc e Secco hanno fatto finora, prendendo giocatori che rinforzano la Juventus».

E adesso cosa manca ancora? «Niente - ha risposto il massimo dirigente bianconero - manca la prova del campo, nel senso che le buone intenzioni le dobbiamo trasmettere sul campo e trasformarle in risultati». Sissoko e Diego si allenano a parte, ma Cobolli non si dice preoccupato: «I medici per Sissoko considerano necessaria una brevissima terapia, a parte con allenamenti diversificati rispetto al resto del gruppo, ma non siamo preoccupati. E anche per Diego c’è una preparazione riservata per equilibrare la muscolatura, ma credo che in Spagna lo vedremo di sicuro».

Chiellini ha fatto sapere che la partenza di Ibrahimovic avrebbe indebolito l’Inter, ma Cobolli non vuole esprimersi. «Io - dice - sono d’accordo con Blanc che la Juve si è rinforzata, il resto mi interessa poco». E anche per quanto riguarda la contestazione dei tifosi a Cannavaro per Cobolli prima o poi arrivera il sereno. «Cannavaro - dice il presidente bianconero - non ha bisogno di prove del campo: è un grande giocatore, farà buone cose e man mano i tifosi dimenticheranno i problemi del passato. E comunque quelli che contestano il giocatore sono una minoranza».

"Mercato ricco, ora bisogna vendere" - LASTAMPA.it