User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    P 6
    P 6 è offline
    X mod
    Data Registrazione
    05 Jul 2011
    Messaggi
    2,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Le "tradizioni maya": una menzogna del vescovo De Landa ?

    Quale terribile segreto potrebbe essere nascosto nei comportamenti e nelle incongruenze del vescovo Diego de Landa Calderòn ?

    Quale senso logico potrebbe avere la distruzione di tutti gli eventuali documenti maya ... per poi ricostruirli nel "Relación De Las Cosas de Yucatán" (di cui tra l'altro è andato perso l'originale) ?


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    P 6
    P 6 è offline
    X mod
    Data Registrazione
    05 Jul 2011
    Messaggi
    2,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Le "tradizioni maya": una menzogna del vescovo De Landa ?

    Un personaggio controverso:

    Diego de Landa - Wikipedia, the free encyclopedia
    (traduzione automatica )

    Diego de Landa, vescovo di Yucatán
    Diego de Landa Calderón (12 novembre 1524-1579) è stato un spagnola Vescovo della cattolica dell'arcidiocesi di Yucatán . Ha lasciato alle generazioni future un'eredità mista nei suoi scritti, che contengono molte informazioni preziose sulle precolombiana civiltà Maya , e le sue azioni che hanno distrutto gran parte della storia di quella civiltà, letteratura e tradizioni.

    Vita

    Nato a Cifuentes, Guadalajara, Spagna , divenne un monaco francescano nel 1541, ed è stato trasmesso come uno dei primi francescani al Yucatán, in arrivo nel 1549. Landa aveva il compito di portare la cattolica romana fede ai popoli Maya dopo la conquista spagnola dello Yucatán . Ha presieduto il monopolio spirituale concesso alla cattolica ordine dei francescani dalla corona spagnola, e ha lavorato diligentemente per rinforzare il potere dell'ordine durante la conversione del Maya indigena. La sua nomina iniziale era la missione di San Antonio a Izamal , che serviva anche come sua residenza principale, mentre in Yucatán. Nel 1562 ha diretto il famoso auto-da-fé di Mani, che ha attirato l'attenzione negativa da molte altre autorità, sia laici che ecclesiastici. Vescovo Toral ha visto questa azione come incidente sul l'autorità del Vescovo e in Landa dovette tornare in Spagna per difendersi dalle accuse di eccessiva violenza nella conversione dei Maya e di oltrepassare la sua autorità. Le sue azioni sono state fortemente condannato dinnanzi al Consiglio delle Indie. Ciò ha provocato un "comitato di medici" incaricato di investigare i crimini presunti Landa. Nel 1569 il comitato assolto Landa dei suoi crimini e quando il vescovo de Toral è morto nel 1571 Landa è stato nominato vescovo al suo posto e ha preso il posto nel 1573. Periodo Landa come Vescovo è stata caratterizzata da continue campagne di estirpazione di idolatria tra i Maya e ha continuato attirando l'opposizione delle autorità secolari che hanno trovato i suoi metodi eccessivo. Questo conflitto ha causato a lungo tra il sistema giudiziario ecclesiastico di de Landa e dai governatori delle Yucatán. Alla sua morte, gli successe come vescovo da Gregorio de Montalvo, che ha chiuso il monopolio francescano ordini per la catechizzazione dei Maya, che era stata sostenuta con tutto il cuore da De Landa, da rottamare portandole al clero secolare.

    Egli è l'autore del de las cosas de Relación Yucatán in cui egli cataloghi della religione Maya , Maya lingua , cultura e sistema di scrittura. Questo manoscritto è stato scritto intorno al 1566, al suo ritorno in Spagna, tuttavia, le copie originali sono da tempo perduta. Il conto ci è nota solo come un compendio, che a sua volta aveva subito diverse iterazioni da vari copisti. La versione esistente è stato realizzato intorno al 1660, ed è stato scoperto dal XIX secolo francese religioso Charles Etienne Brasseur nel 1862. Brasseur pubblicato il manoscritto due anni dopo in un bilingue francese-spagnolo edizione, dal titolo Relazione des choses de Yucatán de Diego de Landa.

    Inquisizione

    Soppressione dei Maya

    Diego de Landa la masterizzazione delle immagini di culto Maya e codici. Decorazione da Fernando Castro Pacheco
    Dopo aver sentito di Cattolica Romana Maya che hanno continuato a praticare il culto degli idoli , ordinò un Inquisizione in Mani termina con una cerimonia chiamata auto-da-fé . Durante la cerimonia il 12 luglio 1562, almeno quaranta Maya codici e circa 20.000 Maya immagini di culto sono stati bruciati. [1] Queste azioni Landa guadagnato un posto controverso nella storia della cristianizzazione delle Americhe.

    Landa Inquisizione doccia un livello di violenza fisica sul Maya indigena che è stato considerato come eccessivo anche da parte di altri membri della chiesa, come il suo predecessore, come Vescovo, Francisco de Toral . [2] Decine di nobili Maya sono stati incarcerati interrogatori in corso, e un gran numero di nobili e popolani Maya sono stati sottoposti ad esame sotto forme crudeli ed eccessivo di tortura. [3] I metodi violenti di inquisizione Landa ha reso Maya molti fuggire nella foresta per evitare ulteriori abusi. [4]

    Alcuni osservatori contemporanei sono stati turbati da questo uso diffuso della tortura. Crown fiat aveva in precedenza esentati i popoli indigeni da parte dell'autorità dell'Inquisizione, sulla base del fatto che la loro comprensione del cristianesimo era "troppo infantile" [ citazione necessaria ], che si terrà colpevole di eresie. Inoltre, Landa a meno gran parte della procedura estesa formale e la documentazione fornita con la tortura spagnolo e interrogatori. Quando Landa ha ricevuto ordini diretti dal viceré con il Governatore dello Yucatán Francisco Velázquez de Gijón, replicò accusando il governatore di abusare degli indiani se stesso, di essere un uomo immorale e un cattivo cristiano e di aver avuto una relazione extraconiugale con la donna di un altro uomo. [ 5] Questo ha scatenato un conflitto tra le autorità ecclesiastiche e secolari dello Yucatán che ha portato il governatore di essere ex-comunica Landa, e di essere sostituito nel 1577. [6]

    Landa di giustificazioni

    Gli studiosi hanno sostenuto che la maggior parte dei casi dell 'inquisizione messicana ha mostrato scarso interesse per sradicare le persone magiche o detenuto per le credenze eterodosse, [7] e che la stregoneria è stato trattato più come un problema religioso in grado di essere risolto con la confessione e l'assoluzione. Diego de Landa, tuttavia era "monomaniacale nel suo fervore" [8] contro di essa. Landa creduto una vasta rete sotterranea di apostasie, [9] guidato da sfollati sacerdoti indigeni, erano gelosi del potere della Chiesa goduto e ha cercato di rivendicare per se stessi. Questi apostati, Landa ipotizzato, aveva lanciato una controffensiva contro la Chiesa e lui credeva che fosse suo dovere denunciare il male prima che potesse tornare la popolazione a loro modo pagani antichi.

    Landa sostiene di aver scoperto prove di sacrifici umani e di altre pratiche idolatriche, mentre sradicare l'idolatria nativo. Anche se una delle presunte vittime di detti sacrifici, Mani encomendero Dasbatés, successivamente è stato trovato per essere vivi e Landa i nemici contestato il suo diritto di esecuzione di inquisizione, [10] Landa ha insistito la Bolla Exponi nobis giustificato le sue azioni. [9]

    Lopez de Cogolludo, principale biografo francescano Landa, ha scritto delle esperienze Landa di prima mano con sacrifici umani. Quando Landa la prima volta a Yucatán, l'ha fatto la sua missione di camminare l'ampiezza della penisola e predicare nei villaggi più remoti. [11] Mentre passa attraverso cupole, si imbatté in un gruppo di numerazione 300, che era sul punto di sacrificare un giovane ragazzo. Infuriato, Landa hanno fatto irruzione tra la folla, liberato il ragazzo, distrutto gli idoli e si mise a predicare con tanto zelo e sincerità che lo pregavano di rimanere nella terra e insegnare loro di più.

    Landa è stato notevole in quanto egli era disposto ad andare dove nessun altro avrebbe fatto. Entrò terre da poco conquistate in cui il risentimento nativo di spagnoli era ancora molto intenso. Armato con niente, ma la convinzione di imparare tanto della cultura nativa che poteva, in modo che sarebbe stato più facile per lui a distruggere in futuro, [12] Landa formulato un contatto intimo con i nativi. Nativi lo pose in una posizione così stimato erano disposti a mostrargli alcuni dei loro scritti sacri che erano stati trascritti sui libri pelle di daino. [13] Per Landa e gli altri frati francescani, l'esistenza stessa di questi codici Maya era la prova di pratiche diaboliche . In riferimento a questi libri, Landa ha detto:


    Abbiamo trovato un gran numero di libri in questi personaggi e, in quanto non conteneva nulla in cui non dovevano essere visti come superstizione e menzogne ​​del diavolo, abbiamo bruciato tutti, che essi (i Maya) pentito a un livello incredibile, e che causato loro grande afflizione. [14]

    Landa stesso non è mai stato in dubbio la necessità della sua inquisizione. Se la magia e l'idolatria venivano praticate o no, non ci può essere dubbio Landa è stato "posseduto" da fantasie di potere demoniaco in una nuova terra. [15] Landa, come la maggior parte del tempo francescani, sottoscritto millenaria idee, [16] che ha richiesto la conversione di massa di quante più anime possibile prima della fine del secolo. Eliminare pratiche malvagie e pagana, Landa credeva, avrebbe inaugurare la seconda venuta di Cristo, che molto prima

    Legacy

    Una figura controversa nella storia della cristianizzazione del Centro America Diego de Landa è immediatamente insultato per la sua crudeltà e per la sua distruzione di preziosi materiali storici sulla cultura Maya e apprezzata per i suoi contributi personali allo studio dello stesso.

    Landa Relación De Las Cosas de Yucatán è su come completare un trattamento di religione maya come noi possono avere mai. [17] Mentre polemica circonda l'uso Landa della forza nel processo di conversione, pochi studiosi sarebbe discutere all'esattezza generale delle sue registrazioni. Allen Wells definisce il suo lavoro un "capolavoro etnografico", [18] mentre William J. Folan, Laraine A. Fletcher e Ellen R. Kintz hanno scritto che conto Landa di Maya organizzazione sociale e le città prima della conquista è un "gioiello. [19] "Landa Gli scritti sono la nostra principale fonte contemporanea per la storia Maya, [17] senza la quale la nostra conoscenza collettiva di etnologia Maya sarebbe devastante piccolo. [20] Anche se Landa sarebbe esagerato alcune affermazioni per giustificare le sue azioni ai suoi accusatori, il suo contatto intimo con nativi e tutto intorno la precisione in altri campi implica fortemente la sua versione dei fatti ha almeno una parte di verità in essa.

    Ironia della sorte, lo storico John F. Chuchiak IV ha suggerito che il risultato di fervore Landa di sterminare la religione tradizionale Maya, infatti, ha avuto l'effetto opposto, ed è in parte il motivo per cui la religione Maya è ancora vivo oggi in Yucatán. Egli sostiene che gli eccessi Landa indotto le autorità secolari per rimuovere 'diritto di adottare provvedimenti disciplinari nei confronti idolatri pur lasciando i Maya sotto la cura dei francescani' Francescani cathechization. Chuchiak suggerisce che la revoca dei francescani '"diritti" per amministrare punizioni di idolatri è stato un fattore importante per la sopravvivenza della religione Maya fino ad oggi. [21]

    eredità Lapidario

    Landa Relación de las cosas de Yucatán anche creato una preziosa testimonianza del Maya sistema di scrittura , che, nonostante le sue imprecisioni più tardi dimostrare fondamentale per la successiva decifrazione del sistema di scrittura. Landa ha chiesto ai suoi informatori (le sue fonti principali erano due individui Maya discendono da una dinastia regnante Maya, colte nello script) per scrivere le Glyphic simboli corrispondenti a ciascuna delle lettere del (spagnolo) alfabeto, nella convinzione che ci deve essere uno-a-uno corrispondenza tra di essi. I risultati sono stati fedelmente riprodotti da Landa nel suo conto in seguito, anche se ha riconosciuto che il set conteneva contraddizioni apparenti e duplicati, che egli era in grado di spiegare. Più tardi i ricercatori esaminano questo materiale anche ritenendo che il " de Landa alfabeto "risultino inesatte o di fantasia, e molti tentativi successivi di utilizzare questa trascrizione è rimasto poco convincente. Fu solo molto più tardi, verso la metà del XX secolo, quando è stato realizzato e poi confermato che non era una trascrizione di un alfabeto , come Landa e altri avevano inizialmente supposto, ma era piuttosto un sillabario . La conferma di questo è stato solo per essere stabilita dal lavoro di Russo linguista Yuri Knorozov nel 1950, e la generazione successiva di Mayanists .
    Note

    1. ^ Chuchiak 2005:615
    2. ^ Chuchiak 2005:616
    3. ^ Chuchiak 2005:627
    4. ^ Chuchiak 2005:628
    5. ^ Chuchiak 2005:629
    6. ^ Chuchiak 2005:630-35
    7. ^ Behar, Ruth (1987), "Sesso e Sin, Stregoneria e il Diavolo in Late-Messico coloniale", etnologo americano 14: 34-54.
    8. ^ Schwaller, John Frederick (2005), "Introduzione: Francescani in Colonial America Latina", Americhe 61: 565-570.
    9. ^ a b Timmer, David E. (1997), "Providence e Perdition: Fray Diego de Landa giustifica la sua Inquisizione contro i Maya dello Yucatan", Storia della Chiesa: 477-483.
    10. ^ Tozzer, AM Recensione di Don Diego Quijada, Alcalde Mayor de Yucatan, 1551-1565. Documentos sacados de los Archivos de Espana, dalla Francia V. Scholes e Eleanor B. Adams L'ispanico American Historical Review (novembre 1939):. 520
    11. ^ Clendinnen, Inga (2003), Conquiste ambivalenti: Maya nello Yucatan e lo spagnolo, 1.517-1.570 (2a ed.), New York: Cambridge University Press, p. 67, ISBN 0-521-82031-6 .
    12. ^ Roys, Ralph L. Recensioni su Landa Relacion De Las Cosas de Yucatan: una traduzione di Alfred M. Tozzer, da Alred M. Tozzer L'American Historical Review (ottobre, 1943):. 133.
    13. ^ Clendinnen, 69-70
    14. ^ Clendinnen, 70
    15. ^ Tedlock, Dennis (1993), "La tortura negli archivi: Maya Incontra gli europei", antropologo americano 95 (1): 139-152 [p. 147], JSTOR 681183 .
    16. ^ Blom, Frans. La conquista dello Yucatan. Cambridge: The Riverside Press, 1936: 481
    17. ^ a b Roys, 133
    18. ^ Wells, Allen (1996), "I capitoli dimenticati di Yucatán passato: Nineteenth-Century politica in una prospettiva storiografica", Studi Messicani / Estudios Mexicanos 12 (2): 195-229 [p. 201], JSTOR 1051844 .
    19. ^ Folan, William J.; Fletcher, Laraine A. & Kintz, Ellen R. (1979), "Frutta, fibra, corteccia e resina: organizzazione sociale di un centro urbano Maya", Science 204 (4394): 697-701 , doi : 10.1126/science.204.4394.697
    20. ^ Thompson, Eric. Recensioni su Yucatan prima e dopo la conquista da frate Diego de Landa: con altri documenti connessi, mappe e illustrazioni di William Gates antropologo americano (aprile-giugno, 1938):. 309-310.
    21. ^ Chuchiak 2005:644-645

    [ modifica ] Riferimenti
    Clendinnen, Inga. Conquiste 2003. Ambivalenti: Maya e lo spagnolo in Yucatán, 1517-1570 (2a ed). Cambridge: Cambridge UP.
    Chuchiak, John F. 2005. In Servitio Dei: Fray Diego de Landa, l'Ordine francescano, e il ritorno del estirpazione dell'idolatria nella diocesi Calonial dello Yucatán, 1573-1579 . Continente americano 61 (4) :611-646.
    Durbin, Marshall E. 1969. "Una interpretazione di Alphabet Maya vescovo Diego De Landa." Studi filologici e Documentario 2/4.
    de Landa, Diego. ( William E. Gates , tr.) 1937. Yucatán Prima e dopo la conquista. (Traduzione inglese del Relación Landa.)
    -, 2002 Relacion de las cosas de Yucatán / Il rapporto tra le cose del Yucatán (in serie Cronicas De America).
    -, (Alfred M. tozze, tr.) 1941. "Relación de las cosas de Yucatán: Una traduzione". (Atti del Museo Peabody di Archeologia ed Etnologia americano, Harvard University 18).

  3. #3
    P 6
    P 6 è offline
    X mod
    Data Registrazione
    05 Jul 2011
    Messaggi
    2,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Le "tradizioni maya": una menzogna del vescovo De Landa ?

    Altro personaggio controverso Edward Herbert Thompson che sostiene di aver dragato il Cenote Sagrado nel periodo 1904-1910 il cosidetto cenote sacro di Chichen Itza.


    Anche di recente sono stati ritrovati dei resti umani, ma non nel fondo del cenote, bensì lateralmente, quindi non gettati come raccontava De Landa. Un laboratorio tedesco li sta esaminando, si tratta di resti di due bambini e di ragazzini di non più di 15 anni.
    Inoltre raggiungere il fondo di un cenote ancora oggi è un operazione molto complessa.

    Thompson invece sostiene di aver riportato dal fondo molti reperti

    (trad automatica)
    Sacred Cenote - Wikipedia, the free encyclopedia

    Sotto dragaggio Edward Herbert Thompson

    La maggior parte dei risultati principali del cenote sono stati effettuati sotto la supervisione di Edward Herbert Thompson, che ha iniziato il dragaggio nel 1904. Dragaggio è il processo mediante il quale si raccolse fango e acqua da organismi quali fiumi o cenotes utilizzando qualcosa di simile a un secchio. Molto di ciò che è noto circa il processo di dragaggio è derivato da appunti personali Thompson. Thompson ha ricevuto denaro da Stephen Salisbury per aiutarlo a comprare lo scavo Chichén Itzá sito ed esplorare il cenote. Molti dei risultati di Thompson e di ricerca si possono trovare al museo Peabody della Harvard University. [9]

    Una benna collegata ad un sistema di pulegge è stato utilizzato per dragare il cenote. Gran parte del lavoro consisteva di inizio compensazione detriti e alberi caduti sulla superficie dell'acqua. Leon Cole, un collega di Thompson, dopo aver registrato nel suo diario, "hanno fatto dieci cale al mattino e sei o otto nel pomeriggio." La gente dovrebbe cercare tra i secchi d'acqua alla ricerca di manufatti e categorizzazione di conseguenza. Purtroppo ci sono state diverse segnalazioni di manufatti rubati, che non avrebbe mai potuto trovare. [10]

    Thompson ha deciso di prendersi una pausa dal dragaggio dopo Salisbury è morto. Una serie di problemi tra cui la rivoluzione messicana e problemi finanziari ha cominciato ad ostacolare lo sforzo di lavoro e danneggiare il morale dei lavoratori. Casa di Thompson in Messico è stato anche bruciato, e una delle casse in cui teneva i suoi appunti e dati è stato inghiottito nel fuoco. Nel 1923, Thompson è stato ufficialmente finito di lavorare su il cenote. [11]

    Immersione nel cenote

    Nel 1909, Thompson ha deciso di immergersi nel cenote per esplorare i piani. Egli ha riferito visibilità limitata a causa dell'acqua torbida, e molte rocce e alberi mutevoli fatto la pericolosa immersione. Thompson trovato uno strato di circa 5 metri di spessore del pigmento blu, che si erano stabiliti sul terreno del cenote. Ha descritto come il fondo, "piena di lunghe fessure strette, irradia da centri come se il fondo di vetro di un piatto era stata spezzata da uno strumento appuntito. Abbiamo trovato giù nelle crepe e buchi di fango grigiastro in cui sono stati incastonato gli oggetti più pesanti d'oro, giade, e campane di rame in numero. "In seguito ha proclamato con orgoglio," ho finalmente personalmente calcato il fondo del Cenote ".

    Alcune possibili incongruenze sugli oggetti ritrovati da Thompson, le annoto in rosso:

    Gli oggetti presenti nel Cenote Sacro

    È interessante notare che molti oggetti deperibili sono stati conservati dal cenote. Oggetti in legno, per esempio, che normalmente sarebbe marcito, sono stati conservati in acqua. Una grande varietà di oggetti in legno sono stati trovati tra cui armi, scettri, idoli, strumenti e gioielli. Jade era la più grande categoria di oggetti trovati seguita dal tessile. La presenza di giada, oro e rame nel cenote offre la prova dell'importanza di Chichén Itzá come centro culturale della città. Nessuna di queste materie prime sono nativi dello Yucatán, così la gente viaggiato a Chichén Itzá da altri posti in America centrale, al fine di adorare gli dei. Ceramica, pietra, osso e conchiglie sono stati trovati anche nel cenote. Gli archeologi hanno scoperto che molti oggetti mostrano segni di essere intenzionalmente danneggiato prima di essere gettati nel cenote. Alcuni ipotizzano che questo danno intenzionale è destinata ad essere come "uccidere" gli oggetti come sacrificio agli dei. [7]

 

 

Discussioni Simili

  1. News sulla "Profezia dei Maya"
    Di Tomás de Torquemada nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-07-12, 22:10
  2. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 24-01-09, 17:22
  3. "E' un rito Maya per avere la casa"
    Di lorenzo V nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 22-11-06, 16:55
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-09-04, 17:30
  5. A Maya rispondo: se "DIO" esiste...
    Di marylory nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-03-04, 22:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226