User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Vicenza, mozione del consiglio provinciale: i posti siano riservati ai veneti
    Documento bipartisan Pd-Pdl: "Le regioni meridionali hanno fatto troppi idonei"
    Vicenza: "No a presidi del Sud

    nelle scuole della nostra provincia"
    dii SALVO INTRAVAIA

    Vicenza: "No a presidi del Sud nelle scuole della nostra provincia"
    ROMA - No a dirigenti scolastici del Sud in provincia di Vicenza. La mozione votata martedì dal consiglio provinciale della città veneta farà discutere. Anche perché approvata da maggioranza e opposizione: 26 consiglieri su 27. A proporla l'assessore alla Scuola, Morena Martini del Pdl. Razzismo? "Macché. Non si vuole puntare il dito contro le professionalità provenienti da altre regioni - dichiara - ma ripristinare una situazione di diritto che alcune regioni, diciamo non virtuose, hanno disatteso".

    Per comprendere la questione occorre fare un passo indietro. Nel 2004, dopo quasi un decennio, venne bandito il concorso per dirigente scolastico, gestito a livello locale. Il bando assegnava ad ogni regione un certo numero di posti disponibili e alla fine della complessa procedura gli idonei potevano superare il numero dei posti messi a concorso al massimo del 10 per cento. Ma in alcune regioni le cose andarono diversamente. "In Campania, per esempio, gli idonei furono parecchi di più di quello che prevedeva il bando", continua la Martini. Stesso discorso in Sicilia e in altre regioni meridionali, dove si scatenò una guerra di carte bollate. E quando il governo Prodi consentì agli idonei la cosiddetta mobilità interregionale, in 6 regioni settentrionali (Lombardia, Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna) su 118 poltrone disponibili vennero nominati ben 108 neodirigenti provenienti dal Sud.

    Rischiano ora di andare ad altrettanti presidi meridionali anche i 647 posti autorizzati qualche giorno fa dal ministero dell'Economia per il 2009/2010. Perché le uniche regioni italiane in cui sono ancora presenti idonei nelle graduatorie dei concorsi per dirigente scolastico - per un totale di circa 660 candidati - sono Lazio, Marche, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna. Nelle restanti regioni le liste sono esaurite da tempo. E a settembre quasi tutti i posti lasciati liberi da coloro che sono andati in pensione andranno a dirigenti scolastici del Sud. Negli ultimi anni, coloro che dal profondo Sud hanno fatto le valigie e oggi insegnano al Nord sono tantissimi. In Veneto 17 insegnanti su 100 provengono dalle regioni meridionali, in Lombardia si tocca quota 31 per cento.

    "Nel Veneto - spiega l'assessore Martini - ci sono circa 70 posti liberi da coprire, ma nessuna graduatoria regionale da cui attingere. Ci sono invece tanti dirigenti in lista di altre regioni d'Italia, non perché altrove siano più disponibili e bravi che da noi, ma perché noi siamo stati ligi alla normativa mentre altri - continua - hanno creato liste di disponibilità pari, talvolta, anche al doppio dei posti da occupare". E la probabilità che le 70 poltrone libere del Veneto vengano occupate da meridionali è altissima. Eventualità che non va proprio giù ai vicentini. "Il Consiglio provinciale ha voluto denunciare il mancato rispetto della norma da parte di alcune regioni ed evidenziare la conseguente situazione di svantaggio in cui si trova la regione Veneto rispetto ad altre realtà nazionali. Tanti insegnanti in servizio nel Veneto aspirano da anni a diventare dirigenti attraverso un concorso".
    (23 luglio 2009)
    Vicenza: "No a presidi del Sud nelle scuole della nostra provincia" - Scuola&Giovani - Repubblica.it


    108 su 118...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Nuova invasione di presidi meridios ben spiegata in questo thread:

    http://forum.politicainrete.net/pada...-meridios.html

    Questi numeri sono peggio di quelli di una colonia ai tempi del colonialismo.
    Siamo trattati come tale e nonostante questo la gggente si crede "libera".
    Si riuscisse, dopo decenni di terronizzazione (a cui ha fatto seguito la sudamericanizzazione-africanizzazione), a invertire la rotta sarebbe comunque un passo. Seppur piccolo.
    Ma la vedo dura. L'assuefazione ha preso il posto della rabbia. Speriamo nel Veneto.
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    Nuova invasione di presidi meridios ben spiegata in questo thread:

    http://forum.politicainrete.net/pada...-meridios.html

    Questi numeri sono peggio di quelli di una colonia ai tempi del colonialismo.
    Siamo trattati come tale e nonostante questo la gggente si crede "libera".
    Si riuscisse, dopo decenni di terronizzazione (a cui ha fatto seguito la sudamericanizzazione-africanizzazione), a invertire la rotta sarebbe comunque un passo. Seppur piccolo.
    Ma la vedo dura. L'assuefazione ha preso il posto della rabbia. Speriamo nel Veneto.
    INVASION DE PRESIDI ITALIANI, e dòpo i rasisti semo naltri | Gaxeta Veneta

    Ancora na olta la Venetia xe tera de concuista e colonixasion par i taliani e i Veneti subise na ulterior discriminasion etnica.

    Co le lexi e co l’ingano i taliani i aprofita de l’onesta e de la coretesa dei Veneti par robarghe i posti de laoro pì inportanti e dopo, co li xe a comandar a caxa nostra, noi fa gninte, i frena tuto, i gestise le robe in modo clientelare, i tira rento i so conteranei a no far gninte ma pagai coi schei nostri.

    Sta volta i nostri informadori se ga acorto che xe drio rivar na ulterior invaxion de presidi foresti: de 700 posti de preside ca ghe xe in veneto inte i prosimi tri ani se libara 300 posti che i vegnarà ocupà tuti da gente ca vien da Canpania, Sicilia, Calabria, Pulia, Lazio ecc., le solite rejon italiotea “lazzarone”, indove le lexi italiane no le vien mai aplicà.

    Come al solito le lexi italiane in Veneto le vien fate aplicar a la lettera, invese inte le rejon taliane lazzarone (Lazio, Canpania, Sicilia, Calabria, Pulia ecc.) se cata senpre el modo par scasnsarle.

    Inte sto caxo parlemo de concorsi par presidi de le scole che vien fati in media ogni do ani. El ministero ordena a le comision rejonai de far pasar on numero de candidati pari ai posti che xe libari pì on 10% par i posti ca se libara in futuro*. Come al solito in Veneto xe sta aplicà la regola a la letara. Invese inte le rejon lazarone i profesori ga fato ricorso ai TAR rejonai e coesti ghe ga da rexon cusì le comision xe sta costrete a promovar e far deventar abili a presidi anca el dopio rispeto ai posti disponibili.

    Sto xugheto va vanti da ani siché inte i ani a ogni concorso ghe xe senpre pi profesori abili a far i presidi inte le rejon lazarone. A xe rivà a aver 862 profesori abilità a fare i presidi sensa ca ghe sia scole indove poder nar a comandar.

    Adeso in Veneto ghe xe xa 80 posti de preside libari e la graduatoria rejonal la xe exauria siché i presidi abilità del sud i xe drio far presion sol ministero par poder ocupar i posti libari in veneto.

    E sta richiesta xe drio sostegnerla tuti: sindacati e partiti.

    E inte i prosimi tri ani se stima ca se libararà ca. 300 posti de preside in Veneto. Tuti posti che vegnarà ocupà da foresti ca no conose la nostra tera, vanti coi ani e sensa amore ne intaresi par la nostra tera. Solo fame de schei e voja de tornar caxa sua.

    Coesta xe la tabela elaborà da la CGIL che dimostra coanti profesori ga la abilitasion a deventar preside e xe sensa posto.





    Ma credio ca sta gente ghe intaresa dal bon aministrar ben le scole venete?

    No! A coesti ghe intaresa sol che ciapar i schei del stipendio da preside (de pi de 3.000,00 euri al mexe) e laorar manco ca se pol (par evitar ris-ci e caxini). Ghe intaresa rivar a la pension sensa pensieri e faxendo manco fadiga posibile.

    Sta xente no ghe intaresa asolutamente far cresar i toxi veneti, ansi! Savendo el livelo pesimo de preparasion de le scole del sud-italia e l’invidia par coanto brai xe i toxi de le Venesie (tra i primi al mondo par bravura scolastega) no i farà gninte par stimolar e far devenetar pi bravi i toxi. Ansi!

    Sta gente de mexa età, tuti sora ai 50 ani, ga le raixe ben inpiantà al so paexe de orixene, i so intaresi, la so fameja e le so amicisie xe tute al paexe de origine. Coà i ghe vien de malavoja solo parché i ga la posibilità de ciapar on posto che garantise schei, poca (o gninte) responsabilità (tanto ghe xe le segretarie venete che para vanti le scole) e na pension decoroxa.

    Pena che i pol i farà el posibile par canbiar sede de laoro e ritornar a caxa sua col steso stipendio.

    E a ogni festa: Nadal, Pascoa, o de istà co i tornarà a caxa sua a la fine de la vacansa i ghe tacarà n’altro par de stimane de malatia firmà dal solito amigo dotor conpiacente (o coroto).

    Inoltre, co se libararà on posto da bidelo te poi star sicuro che i catarà el modo de tirar su anca parenti o amisi e garantirge on stipendio sicuro par on laoro sensa fadiga!

    Coesta xe la situasion: 300 novi presidi foresti inte i prosimi tri ani. E i nostri pori toxi a nar inte le scole goernà da sta gente ca no ga nesun intarese a svilupar le scole, che no narà in serca de colaborasion co le inprese, che no farà gninte par sercar contributi o partecipar a progeti par finansiar el svilupo de la scola, l’agiornamento dei laboratori ecc.

    Xe ora ca i politeghi veneti verxa i oci e i se ribela a sta colonixasion legalixà. A xe ora che i politeghi i denuncia la colonixasion e le ingiustisie e i se aplica a roma a blocar ste migrasion. Altrimenti ne vien da pensar che i sia sta coroti e i taxa aposta parché i ga buo in canbio calche premio personal par lori: omertà in canbio de favori personai?

    Max

    * = ben sapendo comunque che anche la provenienza degli assunti tramite concorso regionale in loco sono in maggioranza di altre latitudini, appena usciti dai loro diplomifici e laureifici mafiosi e corrotti e pronti a trasferirsi, armi e bagagli, a colonizzare le colonie padano-alpine
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  4. #4
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Comunque è positivo il fatto che si ritorni a parlare del vero grande e eterno scontro di sempre, quello tra Nord e Sud, tra libertà e parassitismo-statalismo-assistenzialismo, tra autodeterminazione e scuola-politica-ecc. coloniali. Si ritorna sempre lì, inevitabilmente, presto o tardi che sia. C'è una sola strada nel cuore, Indipendenza. Ma quanto ci vorrà a capirlo? Quanto altri eventi potranno accelerare il tutto? Sperèm.
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Quoto Berghem
    --------------------------------------------------------------------------------

    "Comunque è positivo il fatto che si ritorni a parlare del vero grande e eterno scontro di sempre, quello tra Nord e Sud, tra libertà e parassitismo-statalismo-assistenzialismo, tra autodeterminazione e scuola-politica-ecc. coloniali. Si ritorna sempre lì, inevitabilmente, presto o tardi che sia. C'è una sola strada nel cuore, Indipendenza. Ma quanto ci vorrà a capirlo? Quanto altri eventi potranno accelerare il tutto"
    Unquote

    Quindi, sì sperèmm, ma soprattutto dèmess de fà tucc...soprattutto parliamo "anche" le nostre lingue. se non le sappiamo (e non le sappiamo perchè siamo andati a scuola e ci hanno IMPOSTO l'itagliano studiamole. Negli uffici pubblici devono sventolare le nostre antichissime bandiere: per Milano el Bisson e la Coce Rossa in campo Bianco. Comunque ci vogliono i politici e i media che portino avanti le nostre identità.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    la solita storia .. in veneto sono " rigorosi&seri" ( cioe koglioni .. ) e " altrove" sono furbi ...

    la padania e' ORMAI E PER SEMPRE la " provincia babba" della terronia ..
    vulgus vult decipi

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Il presidente della Provincia, Attilio Schneck: "Mai più cornuti e bastonati"
    Il Governatore: "L'origine non può essere un criterio di selezione"
    Vicenza, il no ai presidi del Sud
    La Lega insiste, Galan all'attacco
    L'assessore all'Istruzione della Campania chiede l'intervento della Gelmini
    La soluzione della Cgil: bandire a settembre un nuovo concorso


    ROMA - Monta la polemica attorno alla mozione bipartisan approvata dal consiglio comunale di Vicenza: no a dirigenti scolastici del Sud nella città veneta. Tra accuse di razzismo e voglia di giustizia, l'unica soluzione sarebbe un nuovo concorso, come suggerisce il sindacato.

    Il Presidente della provincia: "basta con le furbizie". Attilio Schneck, presidente della provincia di Vicenza sottolinea: "Avanti tutta col ricorso, bisogna ripristinare lo stato di diritto. Siamo di fronte alle solite furbizie all'italiana, la Regione che rispetta la normativa e che si comporta in maniera virtuosa deve subire le conseguenze di una decisione statale che favorisce le Regioni che invece non si sono comportate correttamente. Ma che meccanismo perverso è? Pare la trama di una commedia all'italiana che ha come unico obiettivo di portare al Nord persone del Sud con forzature che non possiamo giustificare. Rischiamo davvero di essere cornuti e bastonati. E la cosa non ci sta bene. Non perché non vogliamo presidi del Sud, che anzi ne abbiamo già nei nostri istituti e alcuni sono davvero bravi. Ma non è sul merito o sulla bravura o sulla preparazione o la capacità che stiamo discutendo. E' una questione di rispetto della normativa. E se la normativa è uguale per tutta Italia, tutti la devono rispettare. Altrimenti ogni Regione decida per sè, e noi saremo ancora più contenti".

    Il Governatore. "Per fortuna non l'ho sentita". E' il commento di Giancarlo Galan, governatore del Veneto, alla notizia riguardante la proposta che chiede pari opportunità nell'accesso alle dirigenze scolastiche tra presidi del Nord e del Sud. "Posso rispondere con un esempio - ha aggiunto - noi abbiamo una dirigente scolastica il cui il nome tradisce nettamente le sue origini siciliane e di sicuro non è di Asiago, ed è bravissima. Ed io sono felice di averla qui con me. Io ho avuto nella mia carriera insegnanti settentrionali, meridionali, ecclesiastici persino, e come sempre ci sono quelli scadenti e quelli formidabili, indipendentemente dalla loro provenienza. L'origine non è un criterio. Io ho un'altra idea della civiltà".

    "Non siamo razzisti". La presa di posizione circa le dirigenze scolastiche e la proporzione tra Nord e Sud "non è razzismo": lo afferma l'assessore alle politiche dell' istruzione e della formazione della Regione Veneto Elena Donazzan. "E' invece intollerabile - ha detto - che qualche furbo dentro la pubblica amministrazione scolastica abbia reso idoneo un numero ben superiore a quello previsto di dirigenti e ora li spedisca per magari farli ritornare l'anno dopo altrove".

    La Lega: avanti così. "La decisione del Consiglio Provinciale di Vicenza sui presidi meridionali è sacrosanta e, oserei dire, persino doverosa": così l'europarlamentare leghista Mara Bizzotto interviene sulla vicenda dei presidi sollevata dal Consiglio provinciale. E' la battaglia della Lega Nord da molti anni: presidi, insegnanti e personale scolastico devono essere della stessa Regione nella quale sono nati e vivono. Approvazione incondizionata, quindi, quella espressa dai senatori della Lega Nord alla decisione del Consiglio provinciale di Vicenza.

    "Deriva democratica". "Attendiamo che il ministro Gelmini faccia cessare questa palese aggressione razzista a tutto il mondo della scuola. Nel caso contrario sarò il primo a chiedere che rassegni le dimissioni dall'incarico, poiché non rappresenta de facto le istanze e le esigenze di tutto il Paese": così l'assessore all'Istruzione della Campania, Corrado Gabriele, commenta la vicenda. "Siamo alla dichiarazione di secessione - afferma Corrado Gabriele - se addirittura organi di rappresentanza democratica come il consiglio provinciale di Vicenza votano unanimi di chiudere le porte in faccia ai presidi del Sud, incaricati ufficialmente di fare il proprio lavoro nelle scuole della provincia vicentina. Il Paese è davvero sull'orlo di una pericolosa deriva antidemocratica".

    La soluzione del sindacato. La soluzione per la Cgil c'è. "A tutto questo - spiega - vi è un pronto rimedio: bandire a settembre il nuovo concorso per dirigenti scolastici secondo le nuove procedure (previste dal Dpr 140/2008) approvate dallo stesso ministro Gelmini nella identica versione predisposta dal suo predecessore Fioroni. E poi bandire i successivi con regolarità senza far passare un decennio fra un concorso e l'altro".
    (23 luglio 2009)
    Vicenza, il no ai presidi del Sud La Lega insiste, Galan all'attacco - Scuola&Giovani - Repubblica.it

    E ti pareva se non arrivava l'accusa di razzismo???
    Galan si vergogni.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Vicenza. La Provincia dice no ai presidi
    del Sud: «I posti sono riservati ai veneti»

    Voto trasversale per la proposta dell'assessore Martini: troppi
    dirigenti dal meridione per le sanatorie. Esplode la polemica


    VICENZA (23 luglio) - È stato approvato con il voto trasversale di 26 consiglieri provinciali su 27 presenti l'ordine del giorno - proposto dall'assessore provinciale all'Istruzione di Vicenza, Morena Martini - relativo alla copertura dei posti disponibili di dirigente scolastico in provincia di Vicenza, odg secondo cui i posti devono essere riservati ai veneti.

    La mozione esprime la rabbia per l'eccedenza di idonei al ruolo di presidi, a causa delle sanatorie. «Mentre le regioni del Nord hanno rispettato il tetto massimo consentito dal ministero per il numero di idonei alle cariche di dirigente scolastico - afferma l'assessore Martini (Pdl), insegnante - altre, soprattutto al Sud, hanno un numero di abilitati maggiore rispetto al consentito e, avendo saturato le dirigenze nei loro territori, naturalmente verranno al Nord».

    «La nostra mozione non ha il dito puntato contro il Sud - prosegue - ma chiede al governo che nei prossimi concorsi ci sia un organo di vigilanza più attento: per il resto, attendiamo a braccia aperte i colleghi che hanno legittimamente partecipato al concorso».

    «È un atto di natura politica, una presa di posizione: non credo ci siano pretese di altro tipo»osì la direttrice generale dell'Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Carmela Palumbo definisce l'ordine del giorno. L'ultimo bando per dirigenti scolastici - riassume la direttrice - «prevedeva una prima prova che dava accesso a un corso di formazione cui dovevano essere ammessi un numero di candidati pari al numero di posti messi a concorso aumentato del 10%, e un'ulteriore prova dalla quale doveva risultare vincitore solo il numero di candidati pari al numero di posti decurtato del 10%».

    Dopo numerosi ricorsi, una sanatoria ha invece ammesso al corso di formazione tutti gli idonei superando il tetto del 10%, un'ulteriore sanatoria ha eliminato l'esame finale. Per l'Ufficio Scolastico del Veneto, «i 69 posti vacanti di dirigente scolastico, su 725 istituzioni scolastiche della regione, saranno ricoperti dalle nomine in ruolo, per le quali stiamo aspettando il via ministeriale, e in alternativa da reggenze: chiederemo a presidi già di ruolo di assumere la reggenza anche di un'altra istituzione scolastica».

    Cgil: le cose non stanno così. La Flc Cgil nazionale e quella veneta intervengono, con una nota congiunta, sulla vicenda:«le cose non stanno esattamente così. In verità le leggi di sanatoria 296/2006 e 31/2008 hanno consentito agli idonei di tutte le regioni di poter accedere alla dirigenza scolastica: il numero degli idonei nelle regioni del Sud, maggiore che nel Nord, è dovuto al maggior numero di candidati che hanno partecipato al concorso grazie anche all'alto numero di ricorsi avverso le esclusioni accolte dalla magistratura per sospensiva. E non per una maggiore rigorosità della selezione. Vorremmo ricordare - sottolinea la Flc Cgil - che la scuola delle regioni come il Veneto o la Lombardia hanno ottenuto ottimi riconoscimenti nelle indagini internazionali e crediamo che un contributo a ciò sia stato dato anche da quell'alta percentuale di docenti e dirigenti meridionali che vi lavora».

    Sinistra e Libertà: una forma di razzismo. «Sinistra e libertà considera il veto di Vicenza ai presidi meridionali votato dal consiglio provinciale della città veneta, una forma grondante di razzismo». Lo afferma Claudio Fava. «Ci lascia imbarazzati il consenso del Partito democratico locale a questa scelta del Pdl. Invece di ragionare in astratto sulla chimica delle future alleanze, possono dirci i candidati a segretario di quel partito - Franceschini, Bersani e Marino - se condividono questa miope e grave scelta assunta dai loro rappresentanti locali?»

    L'assessore regionale Donazzan: macchè razzismo. La presa della Provincia di Vicenza sulle dirigenze scolastiche e la proporzione tra Nord e Sud «non è razzismo»: lo afferma l'assessore alle politiche dell'istruzione e della formazione della Regione Veneto Elena Donazzan. «È invece intollerabile - ha detto - che qualche furbo dentro la pubblica amministrazione scolastica abbia reso idoneo un numero ben superiore a quello previsto di dirigenti e ora li spedisca per magari farli ritornare l'anno dopo altrove». «Qui in Veneto ci sono ottimi docenti, anche di provenienza meridionale, che avrebbero meritato l'idoneità alla dirigenza - aggiunge Donazzan - però qui abbiamo rispettato in quel concorso il limite previsto, che era quello dei posti a disposizione: la rabbia è dettata dal fatto che non ci sono regole e valutazioni uguali per tutti».

    «Circa un mese fa circa - sottolinea l'assessore - ho chiesto al ministero di riformare bene anche la parte del reclutamento e dei concorsi e ho proposto una commissione nazionale che abbia regole e valutazioni uguali per tutti e concorsi regionali per evitare la soluzione "alla campana", che è "promuoviamo tutti, qualche posto ci sarà"». Per la Donazzan, «non si può gridare al solito veneto razzista, perché questa è la dimostrazione che questa scuola va riformata del tutto: non ho chiesto concorsi per miei corregionali, ma che chi vince il concorso qui in Veneto copra le dirigenze di qui».

    Galan: l'origine non è un criterio. «Posso rispondere con un esempio - ha commentato il presidente della Regione Veneto Giancarlo Galan-: noi abbiamo una dirigente scolastica il cui il nome tradisce nettamente le sue origini siciliane e di sicuro non è di Asiago, ed è bravissima. Ed io sono felice di averla qui con me. Io ho avuto nella mia carriera insegnanti settentrionali, meridionali, ecclesiastici persino, e come sempre ci sono quelli scadenti e quelli formidabili, indipendentemente dalla loro provenienza. L'origine non è un criterio. Io ho un'altra idea della civiltà».
    Vicenza. La Provincia dice no ai presidi del Sud: «I posti sono riservati ai veneti»*-*Il Gazzettino


    Carmela Palumbo...
    Tipico nome e cognome veneto...

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Questo voto “”””bipartisan””” sui dirigenti scolastici in Veneto inizia a rivelare una situazione nuova del sistema politico nel Nord.

    Ormai le ideologie sono morte, i partiti che vivono ancora di alone ideologico si sfaldano e l'etnismo, ultimo mezzo aggregante rimasto, imperversa senza ostacoli.
    Chi parla ancora di religione, di difesa delle classi viene tranciato senza pietà.

    Si è assorbito il concetto “padroni a casa nostra”.
    Non vi è soluzione: i partiti devono sparire di fronte al messaggio etnico. .
    Questo problema è molto sentito a livello periferico.

    Attualmente non succede al Sud perché i partiti si sono uniformati nella difesa plateale del meridione.
    Pertanto il Sud si identifica con ragione nella partitocrazia.

    Ora i politici, che non sono sprovveduti altrimenti non sopravviverebbero nonostante i furti perpetrati, hanno capito la situazione drammatica della lega. .

    La lega predica ma, per l'operazione romana risalente ad oltre 25 anni or sono, non concretizza alcunché.
    Ora se i partiti si mettono a livello periferico a portare avanti le grida della lega, questa si trova spiazzata.
    Se la lega segue le proposte etniche dei partiti a livello periferico, reca danno alla centralità romana.
    Se invece la lega boccia le richieste etniche, come è stato fatto a roma per il riconoscimento della lingua piemontese, si infogna presso i propri elettori.

    Bisogna riconoscere che per la lega è una bella grana.
    Se i partiti si mettono a fare il leghista, la lega viene tagliata fuori. Perché la lega è l'unico partito che assolutamente non può fare gli interessi del Nord.

    I partiti a livello periferico hanno capito che per fermare la lega devono solamente far venire meno l'impegno sotterraneo di sudditanza tra roma e la lega.

    Pertanto al Nord consapevoli del trucco leghista, inizia questa operazione dei partiti che diventa ovviamente bipartisan.

    E' interessante osservare gli sviluppi.

  10. #10
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Vicenza,mozione bipartisan:"Stop ai troppi presidi meridionali"

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    E ti pareva se non arrivava l'accusa di razzismo???
    Galan si vergogni.
    Beh se non si definisce razzismo l'invio di 108 diriggggenti scolastici su 118 da alcune sole determinate reggggioni ad indirizzo di altre, come lo vogliamo chiamare? Razzismo coloniale, per essere precisi.
    Ah, ma lorsignori invece pensano sia razzismo il ribellarsi all'invio dei sottoposti del potere romano dal meridione alle regioni padano-alpine con occupazione di tutti i posti pubblici chiave? Che menti sopraffine...
    E poi ci chiediamo perchè siamo una colonia che Roma continua a mungere.
    Siamo al delirio dell'auto-razzismo.

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    Carmela Palumbo...
    Tipico nome e cognome veneto...
    Eh sì, dovrebbe essere di Pieve di Cadore o giù di lì...
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 24-07-09, 14:29
  2. Razzismo contro i prèsidi meridionali a Vicenza
    Di ugolupo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 126
    Ultimo Messaggio: 23-07-09, 19:34
  3. nel veneto ora anche la sinistra è contro i presidi meridionali
    Di uqbar nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-07-09, 15:12
  4. Politici "padani" candidati nelle "province meridionali"
    Di ves69 nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 05-04-08, 02:57
  5. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 12-04-05, 21:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226