User Tag List

Pagina 1 di 14 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 139
Like Tree46Likes

Discussione: Rivalutiamo il latino

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Sep 2011
    Messaggi
    1,176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rivalutiamo il latino

    Parlare, oggi, del Latino, sembra un po' fuori tempo.
    Noi, immersi in una società imbevuta di tecnologia e informatica, come possiamo dar valore a qualcosa che è appartenuto al passato e che può apparire ormai obsoleto ed inutile?

    La cultura, così svilita, mortificata e accantonata dalle nuove priorità, legate quasi esclusivamente al mondo dell'economia, dei grandi numeri, del consumismo e del benessere che ci ingoia, non lascia spazio alla conoscenza di una lingua che, apparentemente, non apporta nessun vantaggio.
    Eppure, quel latino, spesso contestato, è ancora e lo rimarrà sempre, la base di tutta la nostra storia e tradizione e, che lo si voglia o no, è la struttura su cui posa la nostra lingua, insieme a molte altre, come francese, spagnolo, portoghese, rumeno, e altri idiomi minori, comprese alcune influenze lessicali che si trovano anche nelle lingue di origine diversa.

    Per secoli, il latino ha rappresentato la lingua dei dotti, degli eruditi, ricoprendo di prestigio chi ne aveva la padronanza e dando loro la possibilità di accedere ai testi dei grandi classici del passato, i cui pensieri sono tuttora argomento di studio.
    Ancora oggi, chi vuole intraprendere la carriera di avvocato, magistrato, medico, archeologo, o chi si vuole dedicare allo studio delle scienze naturali, della filosofia, dell'arte e quant'altro, si dovrà imbattere con una svariata terminologia latina, o con assiomi sui quali si basa ancora il pensiero moderno.

    Ma al di là dell'importanza storica, di cui si ricopre il latino, lo studio di questa lingua, inteso dal punto di vista strutturale e quindi grammaticale, sintattico ed etimologico, abitua lo studente ad un'operazione mentale che stimola ragionamento e logica.
    I ragazzi di oggi, abituati al "tutto pronto", facile e subito, hanno perso molta di quella elasticità mentale che favorisce appunto il ragionamento e le capacità logico-deduttive, che, anche in un mondo tecnologico come il nostro, restano comunque alla base di una corretta formazione critica, che dà all'individuo la capacità di saper dedurre "logicamente" gli effetti di una causa, sia che si tratti di un postulato scientifico, sia che riguardi semplicemente un fatto socio-culturale.

    Del resto, l'istruzione non dovrebbe avere come obiettivo primario proprio quello di sviluppare le potenzialità intellettive di ciascuno?

    Stranamente, al contrario di quanto avviene in Italia, all'estero e soprattutto negli U.S.A., gli studiosi hanno capito l'importanza di questa formazione e negli ultimi anni sono aumentate le richieste dello studio del latino e le scuole in cui questo insegnamento viene impartito.
    Edmond Dantés likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,425
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    No grazie, è molto più importante la teoria assiomatica degli insiemi di Zermelo-Fraenkel.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Sep 2011
    Messaggi
    1,176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Citazione Originariamente Scritto da Feliks Visualizza Messaggio
    No grazie, è molto più importante la teoria assiomatica degli insiemi di Zermelo-Fraenkel.
    Al di là delle inclinazioni personali, lo studio dell'uno non esclude lo studio dell'altra.

    E' dimostrato, tra l'altro, che sia la matematica che il latino contribuiscono, a "pari merito", allo sviluppo del pensiero razionale.
    acquazzurra likes this.

  4. #4
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,425
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Citazione Originariamente Scritto da Heidi Visualizza Messaggio
    Al di là delle inclinazioni personali, lo studio dell'uno non esclude lo studio dell'altra.

    E' dimostrato, tra l'altro, che sia la matematica che il latino contribuiscono, a "pari merito", allo sviluppo del pensiero razionale.
    Da chi? cosa vuol dire "a pari merito"? Sei sicura che "lo studio dell'uno non esclude lo studio dell'altra"?

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Sep 2011
    Messaggi
    1,176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Citazione Originariamente Scritto da Feliks Visualizza Messaggio
    Da chi? cosa vuol dire "a pari merito"? Sei sicura che "lo studio dell'uno non esclude lo studio dell'altra"?
    Sia la matematica che il latino posano su basi teoriche (formule, teorie, regole grammaticali e sintattiche, ecc.) che vengono successivamente applicate nello sviluppare entrambe le discipline, per il cui completamento è necessario un lavoro di analisi, deduzione e anche intuizione, che allena la mente ad un lavoro di riflessione, logica e ragionamento, capace di creare una "forma mentis" che altre discipline non stimolano in egual misura.

    Dico a "pari merito", perchè pare che sia l'una che l'altra abbiano lo stesso potenziale valore formativo.

    http://www.fisicamente.net/SCUOLA/matematica_latino.pdf

    Lo studio dell'uno non escude lo studio dell'altra, tanto è vero che spesso gli studenti che hanno frequentato il liceo classico ed approdano ad una facoltà universitaria di natura non umanistica, ma piuttosto scientifico-matematica, hanno comunque una spiccata facilità a muoversi tra i vari concetti logico-matematici rispetto ad altri studenti che provengono dallo scientifico, nonostante le diverse conoscenze di base in materia.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Sep 2011
    Messaggi
    1,176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Negli Stati Uniti la riscoperta dell'importanza del latino è già avvenuta.


    Il latino è di moda nelle scuole americane

    di Lilia Lodolini



    ROMA, giovedì, 18 febbraio 2010 (ZENIT.org).- Il latino è di moda nelle scuole americane. Batterà il tedesco come terza lingua d’insegnamento: lo prevede Anthony Stromoski, professore di latino al Liceo “Latin School” di Brooklyn, a New York.

    Nelle scuole americane le tre lingue straniere più gettonate sono lo spagnolo, poi il francese, e poi, a molta distanza, il tedesco. La richiesta di latino (considerato lingua straniera) negli ultimi decenni ha subito un crollo ma ora è risalita in quarta posizione.

    Quindi, secondo il Prof. Stromoski (che non ha niente contro i Tedeschi), anche se lo definiscono “lingua morta”, il latino lingua morta non è, e anzi, si profila il sorpasso dei Teutoni da parte degli Antichi Romani. Il professore è giovane ed entusiasta, e forse parla per deformazione professionale, ma l’avanzata del latino nelle scuole degli Stati Uniti è un dato di fatto.

    Vi hanno contribuito i metodi didattici più snelli di appassionati giovani insegnanti come Stromoski e i suoi colleghi, e anche i film su Roma antica e perfino Harry Potter, che formula i propri incantesimi in latino. E’ un fenomeno che noi, eredi dei Romani, faremmo bene a studiare. Beninteso si tratta di una mini-avanzata: più che altro, di un indicatore di tendenza.

    Il liceo di Brooklyn, ne è, comunque, la prova. Brooklyn è il famoso “Broccolino”, meta dei nostri emigranti. E’ un quartiere della città di New York, ma l’ambiente è distante anni luce dal fulgore del più famoso quartiere della stessa città: Manhattan. Gli Italiani non ci sono più, sostituiti da gente di tutte le razze. Qui c’è la “PS 147”, che vuol dire “Scuola Pubblica 147”. A New York le scuole pubbliche sono contraddistinte da un numero. Questa è una scuola elementare.

    “Si quid est non iustum, noli agere. Si quid est non verum noli dicere”: al quarto piano -- niente ascensore- il comandamento di Marco Aurelio ci dice che siamo saliti su una più alta sfera, come il cartello “Magistri” che vuol dire “bagni riservati agli insegnanti”. I primi tre piani della “PS 147”ospitano la scuola elementare. Il quarto piano, la “Latin School” il liceo- scuola pubblica - del latino.

    La “Latin School” di Brooklyn” s’è arrampicata quassù perchè è nuova, nuova: classe 2006. Il Sindaco di New York , Bloomberg s’era innamorato di un’istituzione famosa in tutti gli Stati Uniti: la “Latin School” di Boston, e disse: “Voglio una scuola così anche a New York”. Fondata nel 1635, la “Latin School” di Boston” è stata ed è la scuola delle classi dirigenti , da Benjamin Franklin ai Kennedy. Scuola pubblica, però. Il latino è da sempre il fulcro del curricolo, ma gli allievi vengono da anche dai ceti meno abbienti perchè l’ammissione è per merito.

    “La voglio così e non la voglio a Manhattan” fu la decisione del Sindaco. L’America è il Paese del privato e le scuole private sono molto più quotate di quelle pubbliche. Offrire un programa d’istruzione al livello di una scuola privata, inserito in una struttura pubblica: questo il progetto del Sindaco. Con l’appoggio della Fondazione “Replications” replicò la scuola di Boston, la scuola pubblica col latino, la lingua delle élites, a Brooklyn, in mezzo ai casermoni delle case popolari, dove abitano gli immigrati di fresco e gli operai dai colletti blu.

    Ma perchè il latino? Alla televisione ci propinano continuamente un messaggio pubblicitario: “Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica costituiscono le fondamenta di un’America più forte.” Ma allora a che serve il latino? “Il latino insegna a ragionare. Gli scienziati devono aver studiato il latino per prendere le decisoni giuste. Le materie umanistiche ci danno la prospettiva delle cose. Il latino è alla base del pensiero critico e insegnare a pensare criticamente è lo scopo della scuola”.

    Ci sembra di ascoltare i professori di una volta quando volevano farci accettare la tortura di “rosa, rosae”. Ma chi parla è il preside della “Latin School” di Brooklyn, il Professor Jason Griffiths, e ci sono altri presidi come Griffiths. Così, piano piano, il latino si diffonde. Ovvero ritorna.

    Certo siamo lontani dai tempi d’oro del latino quando era obbligatorio in tante scuole e soprattutto nelle scuole cattoliche. Un brutto colpo fu lo sputnick. I Russi, con lo sputnick, nel 1957, arrivarono primi nello spazio. L’America corse ai ripari col “National Defense Education Act” (Legge sull’ Istruzione e la Difesa Nazionale) che puntò su scienze e matematica. “E poi la rivoluzione culturale degli anni sessanta e settanta fece il resto”, osserva il preside. “E la Chiesa cattolica che ha abolito la Messa in latino non fu un altro brutto colpo?”. “Veramente, osserva il professor Griffiths, che ha studiato dai Gesuiti, sono contento di poter comprendere appieno il rito della Messa dato che è in inglese”. Il cattolico Griffiths sembra in controcorrente rispetto al preside Griffiths.

    Il latino oggi serve anche perchè fa fare bella figura negli innumerevoli test scolastici . I partecipanti al “National Latin Exam” (Esame Nazionale di Latino) sono saliti da 101.000 nel 1998 a 134.000 nel 2007. In dieci anni gli studenti che scelgono il latino come lingua per sostenere l’ “Advanced Placement Test” (Esame di Collocazione Avanzata”), nelle università, sono raddoppiati, arrivando a 8.654 nel 2007. I liceali, poi, sanno che il latino è la base che li aiuta a superare il SAT (“Scholastic Aptitude Test” – Esame di Idoneità Scolastica) per l’ammissione alle varie facoltà. .

    A New York una trentina di scuole offrono il latino. Sono le migliori perchè molte altre si perdono in una miriade di corsi di scarso contenuto. La migliori sono anche scuole famose per altre specialità: matematica, scienze, disegno, e cosi via. Ogni anno 25.000 concorrenti si presentano all’esame di ammissione a queste scuole di prestigio. I vincitori approdano anche alla “Latin School” di Brooklyn.

    “Oggi, su un totale di 283 studenti , abbiamo 110 studenti in prima”, spiega il preside. In America il liceo dura quattro anni e non cinque come in Italia. Questi quattro anni si aggiungono agli otto anni delle elementari e medie. In tutto, gli allievi della “Latin School” vanno a scuola per 12 anni, (mentre in Italia il curricolo scolastico è di 13 anni: 8 + 5).

    Il latino comincia in prima liceo, e continua, insieme alle altre materie, per quattro anni. “Il criterio di ammissione alla nostra scuola è il merito – continua il preside - 30% dei nostri allievi sono di colore, 25% ispanici, 25% asiatici, il resto bianchi. Il 63% dei nostri ragazzi gode della mensa gratis o a prezzo ridotto. Provengono da tutte le classi sociali e non solo da Brooklyn, ma anche dagli altri quartieri di New York”.

    Siccome la scuola è di alto livello, chi completa i corsi della “Latin School” anche se ha seguito un curricolo abbreviato, consegue il Baccellierato Internazionale che consente l’ammissione alle Università all’estero, compresa l’Italia. Quest’anno la scuola licenzierà i primi baccellieri. Sono i primi perchè la scuola è nata quattro anni fa e il 2009-2010 è il primo quarto anno. “Sono fortunati perchè faremo un viaggio a Roma con 37 allievi dell’ultimo anno”, commenta il preside.

    “Ma come fate a far digerire 'rosa, rosae' a dei ragazzi negri di quattordici anni?”, è la mia domanda. “Puntiamo sull’orgoglio, sull’amor proprio. Sono qui perchè sono una élite, sono i migliori. Certo, ci vogliono magari tre ore per fare il compito di latino a casa, ma quando vengono la prima volta sono avvertiti della mole del lavoro che li attende e sono pure avvertiti, anche se non abbiamo uniformi, di venire a scuola vestiti decentemente”. Di nuovo, chi parla è il prof. Stromoski – ormai Anthony per me – nel corridoio.

    “Rosa, rosae non c’è più. Adesso nei primi due anni ci sono quiz, giochi, filmini, gare. Nel terzo e quarto anno Ovidio, Cicerone e la 'declamatio', Virgilio. Ma io non sto in cattedra. Mi siedo a tavolino con i ragazzi. Per esempio dico 'puella' e 'virum' e chiedo: quale sostantivo è al nominativo?”. Meno male che io, con “puella”, ho la risposta pronta. Ottimista, Anthony respinge l’opinione corrente che non ci siano insegnanti di latino e che quelli che ci sono siano tutti vecchi, perchè – dice - sono tanti i giovani aspiranti “magistri”.

    La musica classica sostituisce la campanella. La porta di una classe si apre. C’è anche una ragazza col velo islamico. “L’impero romano era multiculturale. I nostri studenti si riconoscono nell’impero romano”, osserva Anthony.

    “Sumus primi” è il motto della “Latin School” di Boston cui si ispira la “Latin School” di Brooklyn. Ma la Scuola di Brooklyn ha aggiunto un altro motto: “Da chi tanto ha ricevuto, tanto sarà richiesto”. Apertura verso il mondo, senso di responsabilità, spirito di servizio: così si coniuga il latino a Brooklyn.

    ZENIT - Il latino è di moda nelle scuole americane

  7. #7
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,425
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Citazione Originariamente Scritto da Heidi Visualizza Messaggio
    Sia la matematica che il latino posano su basi teoriche (formule, teorie, regole grammaticali e sintattiche, ecc.) che vengono successivamente applicate nello sviluppare entrambe le discipline, per il cui completamento è necessario un lavoro di analisi, deduzione e anche intuizione, che allena la mente ad un lavoro di riflessione, logica e ragionamento, capace di creare una "forma mentis" che altre discipline non stimolano in egual misura.

    Dico a "pari merito", perchè pare che sia l'una che l'altra abbiano lo stesso potenziale valore formativo.

    http://www.fisicamente.net/SCUOLA/matematica_latino.pdf

    Lo studio dell'uno non escude lo studio dell'altra, tanto è vero che spesso gli studenti che hanno frequentato il liceo classico ed approdano ad una facoltà universitaria di natura non umanistica, ma piuttosto scientifico-matematica, hanno comunque una spiccata facilità a muoversi tra i vari concetti logico-matematici rispetto ad altri studenti che provengono dallo scientifico, nonostante le diverse conoscenze di base in materia.
    Fonte aneddotale immagino. Il figlio dell'amico di tua cugina che venendo dal classico ha tutti 30 a ingegneria.

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Sep 2011
    Messaggi
    1,176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Citazione Originariamente Scritto da Feliks Visualizza Messaggio
    Fonte aneddotale immagino. Il figlio dell'amico di tua cugina che venendo dal classico ha tutti 30 a ingegneria.
    Negare e contrastare "sic et simpliciter" non ti fa onore, tuttavia rispetto le tue opinioni, ma io ribadisco le mie, considerando che non sono chiacchiere "di piazza", ma rilevazioni fatte da studiosi del settore.

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    15,774
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Citazione Originariamente Scritto da Heidi Visualizza Messaggio
    Lo studio dell'uno non escude lo studio dell'altra, tanto è vero che spesso gli studenti che hanno frequentato il liceo classico ed approdano ad una facoltà universitaria di natura non umanistica, ma piuttosto scientifico-matematica, hanno comunque una spiccata facilità a muoversi tra i vari concetti logico-matematici rispetto ad altri studenti che provengono dallo scientifico, nonostante le diverse conoscenze di base in materia.
    Vero, per poi ripiegare su facoltà umanistiche dopo un anno perchè non hanno idea di come affrontare l'esame di analisi1.

    Ovviamente ci sono anche quelli che ce la fanno (il mio professore di fisica del liceo ad esempio aveva fatto il classico), ma poche eccezioni non provano che il classico aiuti in matematica, semmai è l'esatto contrario.

    Comunque non ho nulla contro il latino in sè.
    Io non mi sento italiano,
    ma per fortuna o purtroppo lo sono.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Sep 2011
    Messaggi
    1,176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rivalutiamo il latino

    Citazione Originariamente Scritto da Venom Visualizza Messaggio
    Vero, per poi ripiegare su facoltà umanistiche dopo un anno perchè non hanno idea di come affrontare l'esame di analisi1.

    Ovviamente ci sono anche quelli che ce la fanno (il mio professore di fisica del liceo ad esempio aveva fatto il classico), ma poche eccezioni non provano che il classico aiuti in matematica, semmai è l'esatto contrario.

    Comunque non ho nulla contro il latino in sè.
    Non posso darti torto.

    Sicuramente mi sono espressa male.

    Non intendevo dire che questa fosse la regola, lo so bene, volevo solo rafforzare il concetto che anche chi proviene dal classico, nonostante non abbia la preparazione dello scientifico in campo matematico, ha comunque buone possibilità di approccio alle facoltà non umanistiche, proprio grazie all'impostazione mentale che lo studio del latino ed anche il greco possono dare.

    Era soltanto un ulteriore punto a vantaggio dello studio di questa lingua.
    Del resto anche allo scientifico è previsto il latino (escluso qualche istituto sperimentale), nonostante non sia una materia matematico-scientifica.

 

 
Pagina 1 di 14 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Rivalutiamo il latino
    Di Heidi nel forum Hdemia
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 16-02-14, 17:39
  2. Latino nelle scuole, latino nella vita
    Di MaIn nel forum Tradizione Europea
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-01-14, 04:20
  3. Rivalutiamo Cartagine.
    Di amerigodumini nel forum Destra Radicale
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 22-11-12, 00:31
  4. Rivalutiamo Sciaboletta
    Di gspad nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 07-11-11, 14:17
  5. Rivalutiamo le nostre foto
    Di Nickel01 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 17-11-04, 10:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225